Via dei Fori Imperiali

Strada di Roma
Via dei Fori Imperiali
ViadeForiImperiali.jpg
Via dei Fori Imperiali in direzione del Colosseo
Nomi precedentivia dei Monti, poi Via dell'Impero
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàRoma
CircoscrizioneMunicipio Roma I
QuartiereR. I Monti,
R. X Campitelli
Codice postale00186
Informazioni generali
TipoStrada carrabile a traffico limitato
Lunghezza850 m
PavimentazioneSampietrino
IntitolazioneA rappresentanza dei fori adiacenti
ProgettistaBarnaba Gozzi,
Antonio Muñoz (arredi),
Raffaele De Vico (giardini),
Corrado Ricci (scavi archeologici)
Costruzione1924-1932
Collegamenti
InizioPiazza Venezia
FinePiazza del Colosseo
IntersezioniVia Alessandrina
Via Cavour
Luoghi d'interesseColosseo
Vittoriano
Fori Imperiali
Basilica dei Santi Cosma e Damiano
Chiesa di San Lorenzo in Miranda
Basilica di Massenzio
TrasportiColosseo
Mappa

Coordinate: 41°53′31.45″N 12°29′21.34″E / 41.89207°N 12.48926°E41.89207; 12.48926

Via dei Fori Imperiali è una delle più scenografiche strade di Roma[1]; aperta nel 1932 con il nome di via dell'Impero, prende il suo attuale nome dai resti monumentali del fori di Cesare, di Augusto, di Nerva, della Pace e di Traiano che si possono ammirare percorrendola. Collega piazza Venezia con il Colosseo, che ne costituisce il traguardo visivo. È alberata a pini domestici, i caratteristici "pini di Roma".

Oltre che sui Fori imperiali, la via si affaccia su altri celebri monumenti romani: sulla basilica di Massenzio, sul Foro romano, sui Mercati traianei, sulla torre delle Milizie, sulla Casa dei Cavalieri di Rodi e sul lato orientale del Vittoriano. Inoltre dalla via si accede alla basilica dei Santi Cosma e Damiano e alla chiesa di San Lorenzo in Miranda, che riutilizzano, rispettivamente, le strutture del tempio del Divo Romolo e del tempio di Antonino e Faustina. A metà circa della strada sorge la tor de' Conti.

A partire dal 1950, vi si svolge l'annuale parata del 2 giugno in occasione della festa della Repubblica Italiana.

Apertura della stradaModifica

 
Parata su via dei Fori Imperiali (allora "via dell'Impero") poco dopo la sua realizzazione

AntefattiModifica

L'area occupata dai fori imperiali di Cesare, Augusto, Nerva e Traiano fu interessata nel Medioevo dal sorgere di abitazioni, chiese e monasteri, mentre il Foro Romano era diventato uno spazio verde adibito a pascolo, con il nome di "Campo Vaccino". Una radicale trasformazione della zona fu voluta, alla fine del XVI secolo, dal cardinale Michele Bonelli che vi realizzò il quartiere denominato "Alessandrino".

Nei piani regolatori romani del 1873, 1883 e 1909, già si prevedeva di aprire una strada tra piazza Venezia e il Colosseo, quindi sul tracciato dell'attuale via dei Fori Imperiali[2]. Il progetto va inserito nell'urbanistica dell'epoca, che prevedeva l'apertura nei centri cittadini di ampie strade di collegamento realizzate tramite sventramenti del tessuto edilizio antico; come esempio classico si può fare riferimento alla trasformazione di Parigi sotto il Secondo Impero, ad opera di Napoleone III e del prefetto barone Haussmann, oppure agli analoghi interventi di Londra (1848-1865), Firenze (1859-1865), Vienna (1857) e Bruxelles (1867-1871). Dato che Roma divenne capitale d'Italia nel 1870, fu dopo tale data che si cominciarono ad aprire grandi strade di collegamento, come corso Vittorio e via Nazionale.

Il progettoModifica

L'idea di tracciare una strada tra piazza Venezia e il Colosseo venne ripresa durante il periodo fascista, nella variante al piano regolatore del 1925-26, per motivi di viabilità[3]: l'ampliamento edilizio della città verso sud aveva infatti posto il problema di un collegamento stradale più agevole tra i quartieri meridionali e il centro. La via sarebbe infatti servita per facilitare l'accesso al centro cittadino dai nuovi quartieri periferici sud-orientali, così come via del Teatro di Marcello avrebbe consentito un miglior collegamento tra centro e periferia sud-occidentale[2].

Data l'importanza che la romanità rivestiva nell'ideologia fascista, l'apertura della strada aveva anche l'intento di riportare alla luce i resti dei fori imperiali, secondo il progetto già ideato da Corrado Ricci nel 1911[4]. Lo stesso Benito Mussolini fu fautore dell'opera.

Il nome della strada, nella fase di progetto, era "via dei Monti" ed era parte di un più ampio tracciato, che si prevedeva di realizzare tra piazza Venezia, il Colosseo e il Laterano, per poi seguire l'Appia Nuova e dirigersi verso i Castelli romani e i Monti Albani, da cui il nome. Analogamente, l'attuale via del Teatro di Marcello, aperta negli stessi anni, era il primo tratto della "via del Mare", collegamento con l'espansione edilizia prevista verso il litorale romano; gli altri tratti di quest'arteria erano il lungotevere, via Marmorata, via Ostiense e l'autostrada Roma-Lido[3] (ora classificata come strada provinciale).

Il progetto generale si deve a Barnaba Gozzi[5] ed Antonio Muñoz[6], la sistemazione del verde a Raffaele De Vico[7], gli arredi ad Antonio Muñoz e lo scavo e la sistemazione delle aree archeologiche a Corrado Ricci[8].

DemolizioniModifica

Per realizzare l'arteria stradale e permettere di riportare alla luce i fori imperiali, fu abbattuto il quartiere Alessandrino, nonostante rivestisse un interesse storico; furono cancellati percorsi stradali, abbattuti edifici e interrate le loro fondazioni. Di alcune strade rimase il tracciato, ma affiancato da giardini o da scavi archeologici e non più da palazzi: via Alessandrina, via Bonella, via della Salara Vecchia.

Vennero demolite anche tre piccole chiese, all'epoca considerate opere prive di interesse artistico; due di esse erano state ricostruite nei secoli XVII e XVIII (Santa Maria in Macello Martyrum, e Sant'Urbano a Campo Carleo), la terza (San Lorenzolo ai Monti) risaliva invece al 1860. La demolizione di queste tre edifici fu ritenuta necessaria perché essi sorgevano sopra ai resti del Foro di Nerva e di quello di Traiano; le opere d'arte che contenevano, compresi gli affreschi, furono salvate asportandole[9]. Le chiese di San Lorenzo in Miranda, Santi Cosma e Damiano e dei Santi Luca e Martina, per il loro valore storico-artistico furono invece rispettate, pur se private del contesto urbanistico originario.

Il 22 febbraio del 1933, durante la demolizione di un caseggiato di via Alessandrina, un manovale stava demolendo un muro e dietro alla prima fila di mattoni trovò una lastra di ferro; rimuovendola, assistette allo spettacolo di una cascata di monete d'oro e di gioielli. Come si scoprì, si trattava del tesoro privato di un noto antiquario, Francesco Martinetti, che aveva vissuto in quell'appartamento. Il ritrovamento del tesoro fece scalpore e fu considerato un segno che avvalorava la bontà delle demolizioni in corso. Il tesoro dell'antiquario entrò a far parte delle collezioni dei Musei Capitolini[9].

Per l'apertura della strada, fu inoltre effettuato uno sbancamento della collina della Velia, pendice del colle Oppio, che fu poi sostenuta con un muraglione in mattoni. Nonostante oggi siano molti a pensare che il taglio della Velia fu effettuato per rendere la strada rettilinea e quindi adatta alle parate militari e alle celebrazioni del regime fascista[10], i documenti d'epoca smentiscono quest'idea. Il progetto originario, infatti, prevedeva un tracciato con una curva a gomito all'altezza della Basilica di Massenzio, per poi allontanarsi da essa e riconnettersi alla viabilità alla base del Colle Oppio; il taglio della Velia non sarebbe stato necessario o sarebbe stato alquanto ridotto. Fu il governatore di Roma Francesco Boncompagni Ludovisi a proporre di rettificare il tracciato, per risparmiare sugli espropri e soprattutto per rendere il Colosseo il traguardo visivo di tutta la strada, cosa che avrebbe accresciuto notevolmente la sua spettacolarità. Antonio Muňoz propose la cosa a Mussolini, che approvò, previe indagini archeologiche sulla Velia. Queste effettuate, e non rilevando problemi dovuti alla presenza di monumenti particolari, si procedette con l'attuazione della variante[11]. Il taglio della Velia comportò il sacrificio di gran parte del parco di palazzo Silvestri-Rivaldi, trovandosi esso lungo il percorso della via.

Nel 1927, Antonio Muñoz bandì un concorso per documentare gli aspetti delle zone che erano destinate ad essere demolite in quegli anni di intenso rinnovamento urbanistico della capitale; tra queste zone, naturalmente, c'era il quartiere Alessandrino. Egli voleva che rimanesse testimonianza non solo degli edifici, ma anche della vita quotidiana, attraverso acquarelli, oli, tempere, disegni, incisioni e fotografie. Le opere sono conservate al Museo di Roma a palazzo Braschi[12]

Su progetto dell'archeologo Corrado Ricci, i resti dei fori imperiali furono invece isolati e messi in luce, tranne quelli che si sarebbero trovati sotto alla prevista massicciata stradale. I lavori per l'apertura della strada, su progetto dall'ingegnere Barnaba Gozzi, iniziarono il 1924 e furono completati il 1932.

 
Trabeazione e capitelli del Tempio di Venere Genitrice, riportato in luce tra il 1924 e il 1932

Scavi archeologiciModifica

Il progetto di apertura della nuova strada aveva tra gli obiettivi principali quello di rimettere in luce i resti dei fori imperiali, che, dal Medioevo in poi, erano stati usati come cave di materiali edilizi e infine occultati dalle edificazioni. Il progetto fu curato dall'archeologo Corrado Ricci.

Solo la zona circostante la Colonna Traiana era già stata parzialmente scavata, ad opera di Carlo Fea, all'epoca dell'occupazione napoleonica; in quell'occasione tornarono alla luce i resti della basilica Ulpia. Inoltre, alcune parti del foro di Augusto, ossia metà di una delle absidi del recinto e alcune colonne del tempio di Marte Ultore, erano state nel 1888 liberate dagli edifici che le occultavano, ed erano visibili da via Bonella. Del Foro di Cesare era visibile solo un tratto della recinzione, all'interno di una cantina di un palazzo dei via delle Marmorelle, mentre del Foro di Nerva restavano due colonne della recinzione, dette popolarmente le "colonnacce", in via Madonna dei Monti[13].

Nel corso degli scavi archeologici furono portati in luce i resti monumentali del Foro di Cesare, con il Tempio di Venere Genitrice, e del Foro di Nerva; riemerse anche gran parte del Foro di Traiano e del Foro di Augusto, con il Tempio di Marte Ultore. Inoltre, la via permise di osservare i Mercati traianei da debita distanza, mentre precedentemente erano visibili entrando nel cortile di alcuni palazzi[14].

Gli scavi archeologici furono oggetto di una campagna di documentazione, commissionata dal Governatorato di Roma[15].

Monumenti visibili da via dei Fori Imperiali

Inaugurazione e arrediModifica

La strada fu inaugurata da Mussolini il 28 ottobre 1932, nell'ambito delle celebrazioni del decennale della marcia su Roma.

L'arteria prese il nome di "via dell'Impero", per ricordare l'Impero romano, al quale il Fascismo si ispirava nella simbologia e nell'ideologia, e al quale faceva costante riferimento nelle varie occasioni della vita pubblica. Il toponimo, negli anni successivi, venne esteso anche oltre il Colosseo, attribuendolo anche all'attuale via di San Gregorio.

In quegli anni vi furono collocati vari arredi, che vi si trovano tuttora. La nicchia centrale del muraglione nord, su suggerimento di Antonio Muñoz, fu decorata da una fontana composta da una vasca di travertino sormontata da un'antica tazza di granito grigio decorata da due mascheroni, al centro della quale si eleva lo zampillo. La tazza era stata trovata al porto di Ripa Grande durante i lavori di ampliamento, nel 1696. Papa Innocenzo XII la donò alla Curia Innocenziana, l'attuale palazzo Montecitorio, dove fu posta nella fontana del cortile. Durante i lavori di realizzazione della Camera dei Deputati, la tazza fu rimossa e successivamente trasferita nella posizione attuale[16].

Nel 1933[17], furono inaugurate le quattro statue in bronzo di Cesare, Augusto, Nerva e Traiano, ciascuna di fronte al foro corrispettivo. L'idea della collocazione delle statue, con intento sia decorativo, sia didattico, fu dell'architetto Armando Brasini[18]. Le statue sono riproduzioni di originali antichi marmorei[19]:

 
Le mappe dell'espansione dell'Impero Romano e particolare della Basilica di Massenzio

In occasione della celebrazione del natale di Roma (21 aprile) del 1934, furono inaugurate quattro mappe marmoree rappresentanti l'espansione del dominio romano, ideate sempre da Muñoz e affisse sul muro di contenimento alla base della basilica di Massenzio. La prima mappa raffigura Roma all'origine (VIII secolo a.C), la seconda dopo le Guerre puniche (146 a.C), la terza alla morte di Augusto (14 d.C) e l'ultima al tempo di Traiano (98-117 d.C); le mappe sono state restaurate e rimesse al loro posto nel 1997[20].

Nel 1936, successivamente alla conquista dell'Etiopia, fu realizzata e collocata una quinta tavola marmorea: essa raffigurava il territorio del Regno d'Italia dell'epoca, assieme alle proprie colonie, in un evidente accostamento ideologico tra l'antica civiltà romana e l'Impero italiano[21]. Dopo l'annessione dell'Albania, nel 1939, la mappa marmorea fu conseguentemente integrata. Nel novembre 1945 essa fu rimossa onde preservarla da atti vandalici (ignoti avevano tentato di scalpellare via il nome di Mussolini) e, dopo anni di conservazione in un deposito capitolino, dal 2009 è ora affissa in un cortile del Museo della civiltà romana all'EUR, in attesa di restauro e di collocazione idonea.

La strada nel 1945 assunse il nome attuale di via dei Fori Imperiali.

Storia contemporaneaModifica

 
La via in direzione del Colosseo. In primo piano il Foro di Cesare.
 
L'Altare della Patria visto dai Fori Imperiali

Proposte di demolizione della viaModifica

A partire dagli anni settanta si discusse dell'eventualità di eliminare la via, ipotesi sostenuta da Adriano La Regina e Leonardo Benevolo, subito raccolta dal sindaco dell'epoca, Giulio Carlo Argan, oltre che da Antonio Cederna e da Italo Insolera. Lo smantellamento della strada era motivato sia da considerazioni archeologiche, in quanto essa taglia trasversalmente l'area archeologica dei fori, sia perché all'epoca essa era ancora aperta al traffico automobilistico, il che alimentava preoccupazioni per la conservazione dei resti archeologici, soggetti a degrado derivante dai gas di scarico degli autoveicoli. Vi erano anche non secondarie motivazioni ideologiche, in quanto la strada ricordava l'ideologia fascista e le parate militari che vi si svolgevano nel ventennio[22].

La proposta di smantellamento della strada, per quanto sostenuta da diversi urbanisti ed archeologi, non ebbe seguito, perché il consenso su di essa non fu generale, anzi fu fattore di scontro: cominciava ad insinuarsi il sospetto che l'idea di smantellare via dei Fori Imperali nascondesse un accanimento nei confronti di quanto realizzato sotto il fascismo. Il quotidiano Il Tempo lanciò in proposito una campagna contraria al radicale intervento previsto[22]. Anche il compianto storico dell'arte Cesare Brandi si oppose all'eliminazione della strada per considerazioni di ordine urbanistico e storico[23].

Il consenso invece era generale sulla necessità di limitare il traffico veicolare[22]. Il primo passo compiuto in questo senso fu la pedonalizzazione della via, attuata dapprima periodicamente su iniziativa del sindaco Luigi Petroselli e dell'archeologo Antonio Cederna dal gennaio 1981, quindi in maniera definitiva dal sindaco Ignazio Marino, che nell'agosto 2013 ne chiuse al traffico privato la metà compresa tra L.go C. Ricci e il Colosseo.

Nuovi scavi archeologici nelle aree verdiModifica

A partire dagli anni novanta, ad opera della Sovraintendenza Capitolina ai Beni Culturali[24] e della Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma[25], fu realizzato uno smantellamento parziale della via, lasciandone la carreggiata centrale e sacrificando i giardini ai suoi lati per consentire nuovi scavi archeologici, poi lasciati alla vista. Sono seguite alcune polemiche, a proposito della scelta di mantenere tutto ciò che durante gli scavi si è scoperto: non solo resti dell'epoca imperiale, ma anche le fondazioni e le cantine dei palazzi del quartiere Alessandrino, in quanto considerate anch'esse testimonianze storiche[26]. La decisione ha spesso impedito, nelle nuove aree archeologiche, di mettere in luce i resti dell'antica Roma, come la parte del Foro Traiano che era rimasta sotto ai giardini della via. Ciò ha attirato varie critiche, ed è stato attribuito ad una malintesa concezione storicistica che ha impedito di distinguere tra il momento conoscitivo dello scavo e la sua sistemazione per la fruizione pubblica[27], monumentalizzando modesti scantinati[28]. In un caso, però, l'eliminazione di una zona verde ha consentito di mettere in luce quanto resta di un monumento classico: si tratta del Tempio della Pace, oggetto dal 2015 di un intervento di anastilosi che ha permesso di rimettere in piedi alcune delle colonne del suo quadriportico[29].

Criticata è stata anche la scelta di abbattere numerosi grandi pini e lecci piantati nel 1932 e quella di non ripristinare, dopo gli scavi, le aree verdi volute ai lati della strada da Antonio Muñoz, progressivamente ridotte dagli scavi archeologici degli anni novanta[15][30]. Chi si lamenta per l'eliminazione dei giardini dei Fori collega questo intervento a quello che parimenti ha parzialmente cancellato la sistemazione a verde situata all'imbocco della via verso piazza Venezia, che era stata progettata da Raffaele De Vico. L'eliminazione dei giardini è avvenuta di pari passo con la cancellazione parziale dei tracciati superstiti di vecchie vie del quartiere alessandrino, ossia via Alessandrina e via Bonella, con il conseguente parziale isolamento dalla rete stradale della chiesa dei Santi Luca e Martina e di quelle dei Santi Cosma e Damiano e di San Lorenzo in Miranda; anche questo intervento è stato criticato, per il conseguente peggioramento della fruibilità dei monumenti e dell'aspetto dei luoghi[28].

In generale, i nuovi scavi nei giardini della via sono stati interpretati variamente: secondo alcuni essi sarebbero come un primo passo, non apertamente dichiarato, verso la demolizione della via dei Fori[30]; secondo altri, al contrario, gli scavi impedirebbero di smantellare la strada, in quanto effettuati proprio lungo il percorso che ne dovrebbe diventare l'alternativa per i mezzi di trasporto pubblici[31].

Nuovi scavi nelle aree archeologicheModifica

Tra gli anni novanta e gli anni duemila, anche le zone archeologiche già scavate negli anni trenta sono state oggetto di nuove indagini. Tra i risultati più significativi si ricorda la scoperta della reale collocazione della statua equestre di Traiano, che si immaginava fosse al centro del foro e che invece era posta venticinque metri verso sud, lungo l'asse centrale. Inoltre, si è appurato che il lato meridionale del foro di Traiano era costituito da un'architettura più elaborata di quanto sino ad allora creduto, con una vasta sala, che verso la piazza aveva una doppia serie di colonne, in parte aggettanti e in parte collegate all'edificio, caratterizzate da bicromia, essendo scolpite in marmo cipollino verde e in marmo giallo antico. Il tutto doveva servire ad incorniciare la statua equestre. Anche nel foro di Augusto si sono compite scoperte significative; ad esempio si è visto che il lato nord e quello sud avevano originariamente due absidi ciascuno, e non una soltanto come si era sempre creduto. Le due absidi sino ad ora ignorate erano state demolite nel corso della costruzione dei fori adiacenti di Nerva e di Traiano[32].

Il dibattito sul futuro della viaModifica

Il destino della strada continua a dividere gli addetti ai lavori[33]. Nel 2014 una commissione paritetica tra il Ministero per i beni culturali e Roma Capitale ha approvato la prospettiva di conservare e di pedonalizzare la via, riqualificandola attraverso il miglioramento delle connessioni tra il livello archeologico e quello stradale, ma il dibattito è tutt'altro che concluso[34]. Le ragioni delle due diverse visioni sul futuro della via possono essere riassunte da due protagonisti del dibattito. L'archeologo Adriano La Regina ha continuato a sostenere la necessità della demolizione, per creare un immenso parco archeologico senza il disturbo di una strada che lo attraversi, affermando che lo smantellamento dell'asse stradale È un'occasione di rinnovamento della città nel suo complesso. Non toccare via dei Fori imperiali significa invece lasciare le cose come stanno. È un atto conservatore. Eliminarla e riavviare una intensa campagna di scavo produce un nuovo paesaggio urbano. All'opposto, lo storico dell'architettura Cesare Brandi si è dichiarato contro lo smantellamento della strada perché riteneva che i fori imperiali si potessero ammirare meglio dall'alto, tra il verde dei pini e degli allori, e perché essa fa ormai parte integrante dell'urbanistica romana, riassumendo la sua posizione con la frase ...non si deve ferire la Roma viva per recuperare frammenti di quella morta, intendendo che l'area archeologica che sostituirebbe via dei Fori sarebbe un'interruzione del tessuto urbano e non potrebbe mai avere quella storicità viva che hanno le rovine davvero rivissute nei secoli, come avviene sempre a Roma[23].

Il 10 marzo 2016 è stato pubblicato un bando di concorso di idee sul tema della riqualificazione e risignificazione dell'asse urbano, e della comprensione e fruibilità del patrimonio architettonico e urbanistico della via. La consultazione, promossa dall'Accademia Adrianea di Architettura e Archeologia di Roma, costituisce il primo concorso bandito sull'area archeologica centrale di Roma, dopo quello per il Palazzo del Littorio del 1934, in cui confluì l'intera cultura architettonica italiana del tempo[35].

Diciannove facoltà di Architettura italiane e straniere, abbinate ad altrettanti studi di progettazione internazionali hanno partecipato al concorso. I due terzi dei progetti presentati mantengono integra Via dei Fori Imperiali, ridisegnandola o anche ripristinando spazi verdi recentemente aboliti, e considerandola una testimonianza della storia urbanistica di Roma. La possibilità di collegare le aree archeologiche situate ai due lati della strada, in alcuni progetti viene realizzata utilizzando i sottopassaggi esistenti o aprendone di nuovi, ristabilendo così l'auspicata "unità dei fori"[30].

Galleria d'immaginiModifica

TrasportiModifica

  È raggiungibile dalla stazione Colosseo.
  Sarà raggiungibile, al termine dei lavori, dalla stazione Fori Imperiali.

NoteModifica

  1. ^
    • Mauro Catteruccia, Roma dentro le mura, Utet editore, 2015, ISBN 9788851138066.;
    • Restauro, edizioni 50-52, ed. scientifiche italiane, 1980, p. 68.
  2. ^ a b Guida rossa del TCI, edizione 1999, Touring club editore, pag. 269.
  3. ^ a b Paolo Sidoni, A Piazza Venezia, in La Roma di Mussolini, Newton Compton Editori, 2019.
  4. ^ Enciclopedia Treccani, voce Corrado Ricci
  5. ^ [1]
  6. ^ Enciclopedia Treccani, voce Antonio Muñoz
  7. ^ Il messaggero, articolo La Roma di Raffaele De vico.
  8. ^ Dizionario Biografico Treccani, voce Corrado Ricci].
  9. ^ a b Demolizione e scavi: note sui Fori Imperiali, su nannimagazine.it.
  10. ^ Valga come esempio: Via dei Fori Imperiali prima di Mussolini
  11. ^ Paolo Sidoni, La Roma di Mussolini, Newton Compton Editori, 2019, p. questa pagina, ISBN 9788822739599.
  12. ^
  13. ^ Guida d'Italia, volume IV, 1925ª ed., Touring Club Italiano, p. 382.
  14. ^ Roma, Touring Club Italiano, 1999, pp. 274 - 275, ISBN 9788836513246.
  15. ^ a b Fabrizio Federici, Via dell'Impero. Nascita di una strada, su http://mostreemusei.sns.it/.
  16. ^ Via dei Fori Imperiali, su www.romasegreta.it.
  17. ^ Istituto Luce, Video dell'inaugurazione delle statue degli imperatori
  18. ^ Brasini suggerì l'idea a Mussolini con queste parole: ... Le statue dei maggiori imperatori romani, oltre a costituire un motivo altamente decorativo, ricorderebbero al popolo, che non sempre visita i musei, ... i nomi e le effigi dei creatori di quella potenza di Roma, che nei secoli continuerà nel mondo. Si veda: Paolo Sidoni, La Roma di Mussolini, Newton Compton Editori, 2019, p. questa pagina, ISBN 9788822739599.
  19. ^ Rione X - Campitelli, su romaspqr.it.
  20. ^ articolo del quotidiano La Repubblica del 29 marzo 1997, su ricerca.repubblica.it.
  21. ^ Cfr. H.H. Mynor, Mapping Mussolini: Ritual and Cartography in Public Art during the Second Roman Empire, in «Imago Mundi», vol. 51 (1999), pp. 147-162.
  22. ^ a b c Mauro Baioni, "Mussolini urbanista" e il pensiero di Cederna, su http://www.eddyburg.it/.
  23. ^ a b raccolta di articoli pro e contro lo smantellamento della via, su https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com. Cesare Brandi, Gli scavi sui Fori: non sono d'accordo (Corriere della Sera 18-3-1983) (PDF), su http://www.archiviocederna.it.
  24. ^ Dipendente dal comune di Roma
  25. ^ Dipendente dal MiBAC
  26. ^
  27. ^ Adriano La Regina, Il caso dei Fori Imperiali a Roma - Quale antico e per chi?, in Italia Nostra, 444/2009: Progettare la memoria, Gangemi Editore.p. 19
  28. ^ a b Concorso per via dei Fori Imperiali, su lnx.accademiaadrianea.net.
  29. ^ Pier Luigi Tucci, The Temple of Peace in Rome, Cambridge University Press, 2017, p. 44, ISBN 9781108548816.
  30. ^ a b c Pier Federico Caliari, Via Alessandrina, ultimo capitolo del progetto Fori, su caliari.academy.
  31. ^ Vezio De Lucia, Via Alessandrina, morte annunciata del Progetto Fori (PDF), su caliari.academy.
  32. ^ p892-894, Roma, 2004ª ed., Touring Club Italiano.
  33. ^ Sito Patrimonio SOS, pagina Intervento di Giuliano Volpe sui Fori Imperiali
  34. ^ Irene Aterelli, L’applicazione dell’approccio olistico alla valutazione di impatto basata su indicatori: il caso dei Fori Imperiali a Roma (PDF), su https://webthesis.biblio.polito.it/, p. I.
  35. ^ Roma - progetti per i fori imperiali, in Ananke, n. 82, settembre 2017, pp. 20-37.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN238759810 · LCCN (ENsh86006181 · WorldCat Identities (ENviaf-238759810