Apri il menu principale
Viale della Libertà
Viale della libertà palermo.JPG
Viale della Libertà nel tratto a 3 corsie
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàPalermo
Codice postale90139, 90141, 90143
Informazioni generali
Tipostrada carrabile
Collegamenti
InizioVia Ruggero Settimo
Mappa

Coordinate: 38°08′03.53″N 13°20′57.92″E / 38.134315°N 13.349421°E38.134315; 13.349421

Viale della Libertà è uno dei principali assi viari di Palermo.

Indice

PosizioneModifica

La strada è una naturale prosecuzione della via Ruggero Settimo, che a sua volta è la prosecuzione della seicentesca via Maqueda. Si trova nella zona centro settentrionale della città.

StoriaModifica

Lo sviluppo del viale della Libertà inizia nel settecento, anche se in realtà da principio la nobiltà palermitana era molto restia ad allontanarsi dal centro intra moenia, la zona era considerata aperta campagna destinata ad agrumeto. La prima vera spinta verso Nord per lo sviluppo della strada avvenne alla fine dell'Ottocento grazie all'Esposizione Nazionale la cui sede provvisoria venne posta proprio all'inizio del viale. Al termine della mostra la struttura espositiva venne abbattuta e la zona iniziò ad essere lottizzata con villette realizzate dai migliori architetti dell'epoca. Tra queste le ville Genuardi, Raineri, Salandra e Scandurra di Giovan Battista e Francesco Paolo Palazzotto, e la villa Deliella di Ernesto Basile, tutte distrutte e, ancora esistenti, una palazzina abitata dai Florio, la palazzina Alliata Cardillo, la palazzina Fatta della Fratta, e altre. Attualmente è una delle vie cittadine più prestigiose. Sull'asse insiste la villa Zito, sede della pinacoteca della Fondazione Sicilia.

StrutturaModifica

Attualmente la strada è visivamente distinta in due tronconi, il primo, più antico è quello più vicino al centro storico, è caratterizzato da una tripla corsia, una centrale destinata al solo transito dei veicoli, e due laterali, più piccole, separate dalla corsia centrale da ampi marciapiedi, questa zona inizia dove termina la Via Ruggero Settimo e termina a Piazza Croci e venne definita da Richard Wagner gli Champs-Élysées di Sicilia. Il secondo troncone inizia all'altezza del Giardino Inglese, le carreggiate laterali vengono occupate dal giardino e successivamente dagli edifici. Questo è il tratto più moderno e molto più lungo rispetto al tratto iniziale.

BibliografiaModifica

  • Adriana Chirco e Mario Di Liberto, Via Libertà ieri e oggi, Dario Flaccovio Editore, 2011

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Palermo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Palermo