Vic Toweel

pugile sudafricano
Vic Toweel
Nazionalità bandiera Unione Sudafricana
Pugilato Boxing pictogram.svg
Categoria Pesi gallo, Pesi piuma e Pesi leggeri
Termine carriera 6 novembre 1954
Carriera
Incontri disputati
Totali 32
Vinti (KO) 28 (14)
Persi (KO) 3 (2)
Pareggiati 1
 

Vic Toweel (Benoni, 12 gennaio 1928Sydney, 15 agosto 2008) è stato un pugile sudafricano, campione del mondo dei pesi gallo (1950-1952).

BiografiaModifica

Gli inizi e le OlimpiadiModifica

Secondo di sei fratelli, nasce in Sudafrica da una famiglia di origine libanese. Inizia da giovane l'attività di scultore ma ha, come il resto della famiglia, una grande passione per la boxe. Apprende assieme ai fratelli i primi rudimenti del pugilato dal padre Mike e Vic, come Jimmy, Victor, Fraser, Willie e Allan Toweel iniziano così la carriera pugilistica. Da dilettante Toweel ha una carriera strepitosa, vincendo 188 incontri e riportando solo due sconfitte. Selezionato per la squadra olimpica di pugilato sudafricana viene però eliminato al primo turno dall'argentino Arnoldo Pares con una decisione controversa. Di non grande statura, combatte prevalentemente nei Pesi gallo, è tenace ed aggressivo, guadagnandosi tra gli svariati soprannomi quello di Henry Armstrong bianco in un Sudafrica ancora scosso dall'Apartheid e nel quale esistono titoli distinti per bianchi e neri.

ProfessionistaModifica

Al ritorno dalla olimpiadi Toweel diventa professionista, esordendo al Wembley Stadium di Johannesburg il 29 gennaio 1949 e vincendo per KO alla seconda ripresa contro il connazionale Johannes Landman. Da quel momento Toweel infila altri 12 successi consecutivi, vincendo la corona sudafricana dei galo e dei piuma e culminando la sua scalata con la conquista del titolo dell'Impero britannico dei piuma l'8 aprile 1950 sempre a Johannesburg contro il franco-canadese Fernando Gagnon.

Campione del mondoModifica

Toweel quindi non ha ancora combattuto fuori dal Sudafrica - lo farà solo 2 volte nella sua carriera - e sconta la fama di un pugile forte ma con uno scarso peso internazionale. Il 31 maggio 1950, il navigato Manuel Ortiz, campione del mondo dei Pesi gallo in carica, accetta la sfida del ventiduenne Toweel. Ancora a Johannesburg va in scena il match con tutti i pronostici a favore dello statunitense di origine messicana ma, di fronte a 20.000 spettatori, Toweel vince ai punti e questo incontro ottiene la menzione nei Ring Magazine upsets of the year per il verdetto più imprevisto del 1950.

Toweel continua a mietere successi, batte l'italiano Alvaro Nuvoloni, difende il titolo contro il britannico Danny O'Sullivan - che perde per KO alla decima ripresa dopo che per ben 14 volte era andato al tappeto - poi di nuovo contro il catalano campione d'Europa Luis Perez Romero e quindi contro lo scozzese e futuro campione d'Europa Peter Keenan.

Combatte per la prima volta, senza titolo in palio, fuori da Sudafrica, ad Harare nello Zimbabwe e ottiene un pareggio contro il franco-marocchino Georges Mousse che già aveva sconfitto e che tornerà successivamente a battere.

I problemi fisici e le sconfitteModifica

Il 15 novembre 1952 al Rand Stadium di Johannesburg, Toweel affronta l'australiano Jimmy Carruthers davanti a 28.000 spettatori e perde per la prima volta nella sua carriera. La sconfitta è pesante perché avviene per KO alla prima ripresa e con questa se ne vanno sia il titolo mondiale che quello dell'Impero. La rivincita si tiene di nuovo nel medesimo luogo il 21 marzo 1953, stavolta davanti a 35.000 spettatori, ma è ancora l'australiano a prevalere, di nuovo per KO alla decima ripresa.

Dopo questo incontro il sudafricano subisce a Londra un delicato intervento agli occhi. Successivamente torna sul quadrato l'11 dicembre 1953 superando l'ex campione europeo dei piuma Ronnie Clayton ma viene sconfitto dall'italoamericano Carmelo Costa a Brooklyn nel secondo ed ultimo incontro della sua carriera sostenuto fuori dal Sudafrica. Chiude con la boxe a 26 anni vincendo, il 6 novembre 1954, a Johannesburg contro il peso leggero Harry Walker, che già aveva combattuto contro il fratello di Vic, Jimmy Toweel, ex campione sudafricano dei leggeri.

Il ritiro di Vic avviene qualche mese dopo l'esordio tra i professionisti di suo fratello più giovane, Willie Toweel, già medaglia di bronzo nel 1952 a Helsinki e che successivamente sarà campione sudafricano e dell'Impero nonché sfidante del titolo mondiale dei pesi gallo.

Dopo il ritiro, Toweel va a vivere in Australia dove viene a mancare all'età di 80 anni.[1]

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica