Apri il menu principale

BiografiaModifica

Studiò da modella con June Dally-Watkins[1] prima di esordire come partner di Chips Rafferty in The Phantom Stockman (1953), diretto dal regista australiano Lee Robinson. Bob Hope la notò durante una tournée in Australia e la convinse a tentar la fortuna a Hollywood, ove nel 1955 firmò un contratto con la Columbia Pictures.

Recitò al fianco di Tyrone Power in Incantesimo (1956), biografia del pianista e direttore d'orchestra Eddie Duchin, e apparve in altri celebri film come il poliziesco Il kimono scarlatto (1959), di Samuel Fuller, Alla conquista dell'infinito (1960), biografia di Wernher von Braun (interpretato da Curd Jürgens), e in Alvarez Kelly (1966), western con William Holden e Richard Widmark.

Fece anche numerose apparizioni in spettacoli televisivi per l'ABC, quali General Hospital e Charlie's Angels, e per la NBC, quali Ironside con Raymond Burr.

Vita privataModifica

Dal matrimonio con l'attore Roger Smith, che sposò nel 1956 e dal quale divorziò nel 1965, la Shaw ebbe tre figli, Tracey Leone (nato nel 1957); Jordan F. (nato nel 1958), e Dallas E. (nato nel 1961).

L'attrice morì nel 1988, all'età di 53 anni, per enfisema.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Doppiatrici italianeModifica

Fra le doppiatrici italiane di Victoria Shaw si segnalano:

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN48965736 · ISNI (EN0000 0000 5944 0175 · LCCN (ENno2005077364 · GND (DE1079295399 · WorldCat Identities (ENno2005-077364