Viktor Sarianidi

archeologo sovietico

Viktor Ivanovič Sarianidi (in russo: Ви́ктор Ива́нович Сариани́ди?; Tashkent, 23 settembre 1929Mosca, 22 dicembre 2013) è stato un archeologo sovietico. Nel 1976 ha scoperto i resti di una cultura dell'età del bronzo nel deserto del Karakum, nota come complesso archeologico bactriano-margiano.

BiografiaModifica

Viktor Sarianidi è nato il 23 settembre 1929 a Tashkent da una famiglia di origine pontica. I suoi genitori, Ioannis e Athena Sarianidi, erano emigrati da Jalta negli anni venti.[1]

Sarianidi si è laureato all'università statale dell'Asia Centrale nel 1952. Nel 1961 ha conseguito un master presso l'istituto di archeologia dell'accademia sovietica delle scienze a Mosca. La sua tesi di dottorato, intitolata Afghanistan nelle età del Bronzo e del Ferro, è stata pubblicata nel 1975. Si è poi unito allo staff dell'istituto, dove è rimasto nel corso della sua carriera.[2]

Nel 1996 si è trasferito in Grecia.

Sarianidi è morto nella notte del 22 dicembre 2013 a Mosca.[3]

CarrieraModifica

Mentre era ancora uno studente, nel 1949, Sarianidi ha cominciato a lavorare nei siti archeologici in Turkmenistan sotto la supervisione di Mikhail Masson. Dopo la laurea all'università statale dell'Asia Centrale nel 1952 è entrato nel museo di storia di Samarcanda, dove ha lavorato per due anni.[4]

Sarianidi ha partecipato agli scavi dei monumenti di Tahirbey, Yaz Depe (1955-1956) e Togolok (anni settanta). Dal 1974 ha supervisionato gli scavi che hanno portato alla scoperta della cultura della Margiana (o Margush) e al ritrovamento nel 1990 di oltre 200 insediamenti risalenti all'età del Bronzo e agli inizi dell'età del Ferro. Tra questi il principale era la capitale Gonur Tepe, fondata alla fine del terzo millennio a.C. ed esistita fino a circa il 1600 a.C.. La città aveva un palazzo centrale protetto da mura fortificate con torri rettangolari. Fuori da queste mura, sul lato orientale, è stato scoperto il più antico Tempio del Fuoco noto. Templi sacrificali erano stati costruiti lungo i lati meridionali e occidentali delle mura. Questi templi erano circondati da una seconda serie di mura monumentali rinforzate. A sud sono state ritrovate due piscine (una delle quali misura 100 metri per 60), in base alle quali si è ipotizzato che la popolazione di Gonur venerasse l'acqua.

Nel 1978 Sarianidi ha scoperto 6 tombe intatte a Tillya Tepe, risalenti al primo secolo a.C.. I defunti erano riccamente corredati d'oro, il cosiddetto oro battriano.

Nel 1996 è stata scoperta una grande necropoli 350 m a ovest di Gonur. Gli scavi sul posto sono continuati per i successivi 10 anni e hanno riportato alla luce quasi 3000 tombe.

Premi e riconoscimentiModifica

  Croce d'Oro dell'Ordine d'Onore (Grecia)
— [1]

NoteModifica

  1. ^ a b (RU) Nikos Sidoropoulos, Виктору Сарианиди – 80 лет!, su nvrskgreek.ru, Novorossisk Urban Greek Association, 23 settembre 2009. URL consultato il 12 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2014).
  2. ^ (EN) Viktor Sarianidi - obituary, in The Daily Telegraph, 10 gennaio 2014. URL consultato il 12 gennaio 2014.
  3. ^ (RU) Скончался российский археолог Сарианиди, нашедший золото Бактрии, su ria.ru, RIA Novosti, 23 dicembre 2013. URL consultato il 23 dicembre 2013.
  4. ^ (RU) Президент Туркменистана и члены Кабинета Министров выразили соболезнование по поводу кончины Виктора Сарианиди, Governo del Turkmenistan, 24 dicembre 2013.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN419286 · ISNI (EN0000 0001 1557 964X · LCCN (ENn84113901 · GND (DE10326986X · BNF (FRcb119861994 (data) · BNE (ESXX856937 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n84113901