Apri il menu principale

Villa da Porto (Sarego)

villa veneta a Sarego
(Reindirizzamento da Villa Da Porto (Sarego))
Villa da Porto "La Favorita"
Villa Da Porto La Favorita - Sarego - Marcok 8apr2017 - 7.jpg
Facciata
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto Veneto
LocalitàSarego
IndirizzoVia Favorita / Via Conti Da Porto
Coordinate45°25′54.39″N 11°23′45.05″E / 45.431776°N 11.395847°E45.431776; 11.395847Coordinate: 45°25′54.39″N 11°23′45.05″E / 45.431776°N 11.395847°E45.431776; 11.395847
Informazioni generali
Condizionibuono
Costruzione1714-1715
Stilepalladiano
Realizzazione
ArchitettoFrancesco Muttoni
CommittenteGiovanni Battista da Porto

Villa da Porto detta "la Favorita" è una villa veneta in stile palladiano fatta costruire da Giovanni Battista da Porto nel 1714-1715 e attribuita all'architetto Francesco Muttoni. Si erge sopra un elevato colle che domina l'intera pianura di Monticello di Fara, una frazione del comune di Sarego, in provincia di Vicenza.

StoriaModifica

La villa, commissionata dal nobile Giovanni Battista da Porto, venne realizzata in soli due anni, tra il 1714 e il 1715. Il complesso architettonico è da attribuirsi all'architetto Francesco Muttoni. L'appellativo "la Favorita" proviene da un antico toponimo riferito alla contrada di Monticello.

Della decorazione pittorica, da attribuirsi agli anni 1717-1718, risulta ignoto l'autore.

Agli inizi dell'Ottocento la villa passò di proprietà di alcune famiglie venete, tra cui Balbi, Ziggiotti, Manin, per tornare alla fine del secolo ai Da Porto. Nel 1947, dopo un periodo di degrado, la villa è stata acquistata dalla parrocchia di Monticello di Fara ed è stata adibita a chiesa. La villa è stata poi acquistata da privati che la rendono accessibile al pubblico in occasione di alcuni eventi. Dal 2012 la villa è stata sede del Parlamento della Padania della Lega Nord.

DescrizioneModifica

 
La scalinata di accesso

Si raggiunge il sito attraverso un lungo e scenografico viale alberato.

La casa dominicale è composta da tre piani fuori terra. La facciata principale, che si trova ad ovest, è formata da un'alta scalinata che porta al pronao in stile ionico che si conclude con un timpano triangolare sormontato dalle statue di Apollo, Minerva e Marte. La facciata orientale è composta nella parte principale da tre semplici aperture con mascheroni sulle chiavi di volta, chiuse da eleganti logge. Nella sommità si erge il frontone triangolare sormontato dalle statue di Mercurio, Ercole e Onfale.

La pianta della villa si articola attorno alla grande sala centrale a doppia altezza formando due ali di stanze minori. Distaccate dall'abitazione padronale si trovano due barchesse porticate, con al centro un'apertura serliana. All'esterno della cinta muraria della villa si trova la cappella del Carmine (1697).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica