Apri il menu principale
Villa Tanzi-Taverna
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLombardia
LocalitàTorno
Indirizzovia Roma 1
Coordinate45°51′04.97″N 9°06′40.14″E / 45.85138°N 9.11115°E45.85138; 9.11115Coordinate: 45°51′04.97″N 9°06′40.14″E / 45.85138°N 9.11115°E45.85138; 9.11115
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1787
Usocivile

Villa Tanzi Taverna è una delle più belle ed imponenti ville storiche del lago di Como. La villa, circondata da ampio parco, sorge in località Perlasca, nel comune di Torno, direttamente affacciata sul bacino lacustre.

La villa è nota anche con i nomi di villa Taverna Borromeo, villa Tanza, villa Perlasca, villa Tanzi[1].

StoriaModifica

Il complesso fu costruito per volere dei conti Tanzi, di Milano, nel 1787, ed ospitò il membro più illustre di questa famiglia, il conte Antonio Tanzi di Blevio, gentiluomo milanese che aveva fatto fortuna con la nascente industria serica. I Tanzi, premiati dall'Imperatore Giuseppe II con il titolo Edler von Tanzi, scelsero la scogliera Perlasca per la suggestiva posizione, rendendo la loro dimora una meta imprescindibile per il Grand Tour in territorio lariano.

Nel 1835, la dimora fu acquistata dal conte Gaetano Taverna, quindi al suo successore conte Lodovico Taverna, che le conferiscono l'aspetto attuale, per poi passare in eredità a varie famiglie aristocratiche del milanese, tra cui i principi Borromeo, i Poldi Pezzoli e i Trivulzio.

Nel 1941 fu acquistata dai conti Gerli, ed è attualmente adibita a residenza privata.

DescrizioneModifica

Villa Tanzi-Taverna è costituita da un blocco centrale, affiancato da due ali simmetriche, di più antica edificazione. Prestigioso il parco, realizzato da Giuseppe Balzaretto, la cui originaria estensione superava i quattro ettari, ricco di pregiate essenze arboree ed ispirato ai dettami del Romanticismo inglese ottocentesco. All'interno del parco è presente un mausoleo in stile neogotico destinato ad ospitare le spoglie di Giacomo Poldi Pezzoli, realizzato dall'architetto Carlo Maciachini.

NoteModifica