Villa d'Elboeuf

Villa d'Elboeuf
Villa d'Elboeuf 4.JPG
Facciata di Villa d'Elboeuf vista dal giardino (agosto 2011)
Ubicazione
StatoItalia Italia
RegioneCampania Campania
Coordinate40°48′39.6″N 14°20′05.93″E / 40.811°N 14.33498°E40.811; 14.33498Coordinate: 40°48′39.6″N 14°20′05.93″E / 40.811°N 14.33498°E40.811; 14.33498
Informazioni
Condizioniin pericolo, urgenza di recupero e restauro
Inaugurazione1711
StileBarocco
Piani3
Area calpestabile4000 metri quadri
Realizzazione
ArchitettoFerdinando Sanfelice
Proprietario storicoEmanuele Maurizio d'Elboeuf, Borbone di Napoli

« Vedea in questo luogo riunito come per incanto un mare tranquillissimo, un monte sorprendente, e poi bosco, giardini, quiete, aere purissimo e cielo d'Italia! Che potea desiderar di più?[1] »

La villa d'Elboeuf è un palazzo settecentesco di Portici, sita nelle immediate vicinanze del porto del Granatello. È la prima, in ordine cronologico, delle 122 ville vesuviane del Miglio d'oro.

Indice

StoriaModifica

 
Il molo del Granatello e la Villa d'Elboeuf (2011)

Fu fatta costruire nel 1711 dal duca d'Elboeuf, su disegno di Ferdinando Sanfelice. L'edificio, di pianta rettangolare, si sviluppava su due piani, con una loggetta dalla parte del Vesuvio e due terrazze sul mare, una verso Torre del Greco ed una verso Napoli. Sulla facciata principale, rivolta verso il mare, si aprivano due portali, a cui di accedeva da una doppia scala ellittica con balaustra in marmo e piperno. Il duca d'Elboeuf fece piantare numerose piante esotiche nel giardino della villa, e la abbellì con numerosi manufatti recuperati da quelli che sarebbero diventati di lì a poco gli scavi archeologici di Ercolano.

Pochi anni dopo la fine della costruzione, nel 1716, il palazzo fu ceduto a Giacinto Falletti, duca di Cannalonga; nel 1738 ospitò Carlo di Borbone, che si innamorò di quei luoghi e fece costruire nelle vicinanze la Reggia di Portici. Nel 1742 il re acquistò la villa dagli eredi del Falletti, trasformandola in dépendance della reggia, della quale costituiva anche l'approdo dal mare. Successivamente Ferdinando IV ampliò il complesso facendo costruire il bagno della regina, un emiciclo a due piani di gusto neoclassico affacciato sul mare.

 
Il molo del Granatello a Portici e la Villa d'Elboeuf (a sinistra) in un dipinto ottocentesco di Joseph Rebell

Il declino della villa cominciò nel 1839, quando la costruzione della prima linea ferroviaria italiana, la Napoli-Portici, tagliò la comunicazione tra il palazzo ed il parco retrostante, distruggendo l'unità architettonica e l'armonia del complesso. Negli ultimi anni l'edificio, proprietà di privati, seppure vincolato ai sensi della legge 1089/1939, ed inserito nell'elenco delle Ville vesuviane del Miglio d'oro, versa in uno stato di grave fatiscenza ed è al centro di accese polemiche, sospeso tra l'opportunità di una riqualificazione e la minaccia della speculazione edilizia.

Attualmente la villa versa in grave stato d'abbandono e decadenza. Le grandi scalinate d'accesso sono state depredate delle balaustre in marmo, e molti degli interni sono in rovina a causa di intemperie ed incendi. Il tetto, costruito con una struttura portante in legno, è crollato in diversi punti. Diverse pareti interne sono state abbattute e molti locali sventrati in seguito ad atti di sciacallaggio mirati a depredarne il rame dei cavi elettrici. La struttura è stata colpita da diversi incendi ed è a volte usata da senzatetto come rifugio.

Il 26 aprile 2013, la villa è stata venduta ad una cordata di imprenditori, che ne cureranno il restauro sotto la sorveglianza della Soprintendenza[2].

Il 5 febbraio 2014, un'ampia porzione del muro esterno della villa, che costeggia la linea ferroviaria, è crollata finendo sulle rotaie, interrompendo il traffico sulla tratta Napoli - Torre Annunziata[3]

Il 12 aprile 2015 dopo un anno di attesa i treni regionali sono tornati a percorrere la Ferrovia Napoli-Salerno grazie alla costruzione di una galleria artificiale, la rimozione dei ponteggi abusivi e la messa in sicurezza del palazzo settecentesco.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Galleria d'immaginiModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica