Villa di Villa (Cordignano)

frazione del comune italiano di Cordignano
Villa di Villa
frazione
Villa di Villa – Veduta
Veduta del centro con la chiesa
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Treviso-Stemma.png Treviso
ComuneCordignano-Stemma.png Cordignano
Territorio
Coordinate45°57′58.97″N 12°24′53.86″E / 45.96638°N 12.41496°E45.96638; 12.41496 (Villa di Villa)Coordinate: 45°57′58.97″N 12°24′53.86″E / 45.96638°N 12.41496°E45.96638; 12.41496 (Villa di Villa)
Altitudine79[1] m s.l.m.
Abitanti908[2]
Altre informazioni
Cod. postale31016
Prefisso0438
Fuso orarioUTC+1
Patronosanti Gottardo vescovo e Pancrazio martire
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Villa di Villa
Villa di Villa

Villa di Villa è una frazione di Cordignano, in provincia di Treviso, confinante con la provincia di Pordenone.

Geografia fisicaModifica

Villa di Villa è adagiata sulle colline a nord del capoluogo Cordignano, ai piedi delle prealpi, in un'area prevalentemente agricola e ricca di aree boschive ricche di varietà arboree, tra cui pini, faggi e abeti sui colli più alti, sopra i quali si estende la foresta del Cansiglio.

A nord è segnata dal Col Oliver, alto 1123 m s.l.m., e va scendendo verso gli altri rilievi fino al Col Castelir, a 359 m s.l.m., presso cui sopravvivono i resti del Castelat, antica fortificazione. Il centro si colloca più a sud, a 79 m s.l.m. di quota[3].

StoriaModifica

Villa di Villa fonda le sue origini tra I e II millennio a.C., in età paleoveneta, periodo a cui risalgono i primi insediamenti di cui si ha traccia. Sviluppatasi ulteriormente in epoca romana, specie per la sua posizione sulla strada che collega il Friuli a Serravalle, ebbe la sua fioritura sotto i longobardi.

Nel 1337, assieme all'attigua Cordignano divenne dominio veneziano, per poi passare ai nobili Rangoni di Modena, che lo dominarono tra XV e XVIII secolo.

Successivamente i Mocenigo subentrarono ai Rangoni, dando splendore a una preesistente residenza, oggi simbolo di Villa. Nel 1797 le truppe napoleoniche posero fine al dominio dei Mocenigo e fecero razzia di beni.
Dopo il congresso di Vienna (1815) Villa di Villa divenne parte del comune di Cordignano.

Durante l'età contemporanea vide le vicende della resistenza e i mali delle guerre, raggiungendo, assieme al capoluogo comunale e alle altre frazioni, una certa fioritura economica nel secondo Novecento[4].

Luoghi d'interesseModifica

 
Chiesetta della Madonna delle Grazie
 
Ruderi del Castelat
 
Villa Mocenigo, facciata posteriore

Architetture religioseModifica

Chiesa parrocchialeModifica

La chiesa parrocchiale è il cuore del centro abitato: consacrata il 3 dicembre 1942, essa esiste fin dal XVI secolo[5].

In posizione rialzata rispetto alla strada e raggiungibile attraverso una gradinata, la facciata a capanna dell'edificio è caratterizzata da un portale rettangolare, posto al centro di una tripartizione attuata per mezzo di quattro lesene di ordine ionico, alla quale corrispondono tre nicchie vuote; l'architrave è sovrastato da un frontone con inscritto un piccolo rosone.

Annessa al lato destro c'è una piccola torre campanaria, aperta da una monofora con balaustra per lato e coronata da merlatura.

Chiesa della Madonna delle GrazieModifica

A 160 metri di altitudine, su un'altura a nord est del centro, sorge una piccola chiesa dedicata alla Madonna delle Grazie e proprietà di una famiglia qui residente: il piccolo edificio sacro, di antica fondazione, fu ricostruito nel Novecento, a seguito di un terremoto.

Ha una facciata a capanna aperta dal portale e da una finestra a lunetta, sopra la quale una lapide recita Maria Mater Gratiarum ora pro nobis. Internamente la chiesa ha una navatella terminata dall'altare della Madonna a cui è consacrata. Incastonato sul lato destro, c'è un piccolo campanile.

Architetture civiliModifica

CastelatModifica

Il Castelat o castello di Cordignano è un'antica fortificazione posta sul Col Castelir e risalente all'XI secolo; nel Quattrocento, come dimostra un disegno del 1408 (Visualizzazione del disegno), il castello è ancora integro, ma, presumibilmente nel 1499, fu abbattuto per mano turca. Oggi ne restano soltanto i ruderi.

Villa MocenigoModifica

Palazzo appartenuto ad Antonio Altan nel Cinquecento, Villa Mocenigo detta "Belvedere"[6] si mostra oggi nelle sue linee seicentesche, frutto di un ampliamento voluto da Leonardo Mocenigo, allora vescovo di Ceneda. Il massimo splendore fu raggiunto nel secolo successivo, quando vi soggiornò il doge Alvise IV Mocenigo, con al suo seguito Carlo Goldoni, che operò nel teatro interno alla villa. Nell'Ottocento Villa Mocenigo è legata al nome della famiglia Francesconi e alle vicende della resistenza antiaustriaca.

NoteModifica

  1. ^ Fonte: ISTAT.
  2. ^ In assenza di dati ufficiali precisi, si è fatto riferimento alla popolazione della parrocchia locale, reperibile nel sito della CEI.
  3. ^ Fonte: sito dell'Associazione Pro Belvedere
  4. ^ Fonte: sito dell'Associazione Pro Belvedere
  5. ^ Fonte: sito diocesano
  6. ^ Scheda nel sito dell'Istituto Regionale Ville Venete[collegamento interrotto]

Altri progettiModifica

  Portale Veneto: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Veneto