Apri il menu principale

Villa romana di Minori

Villa romana di Minori
Giardino esterno della villa.JPG
Giardino esterno della villa.
CiviltàRomana
UtilizzoVilla romana
EpocaI secolo d.C.
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneMinori
Amministrazione
EnteSoprintendenza archeologica della Campania
VisitabileSi
Sito webwww.villaromanaminori.com
Mappa di localizzazione

Coordinate: 40°39′00.14″N 14°37′35.62″E / 40.65004°N 14.62656°E40.65004; 14.62656

Le terme della villa
Portici della villa
Rampa di scale all'interno della villa

La Villa Romana di Minori è il sito archeologico di una villa romana del I secolo d.c situata nel comune di Minori, in Campania. Nell'anno 2015 la villa e l'antiquarium sono stati visitati da 23.247 visitatori.[1]

Indice

StoriaModifica

La villa romana di Minori si trovava in una baia della Costiera Amalfitana, nel punto in cui il fiume, Regina Minor, sfocia nel mare. Questo tratto di costa, ricca di insenature e porti naturali, era un luogo amato e frequentato dall'aristocrazia romana imperiale che vi ha costruito le proprie residenze, come testimoniano i ritrovamenti di Vietri sul Mare, Amalfi, Positano, e Li Galli.

Le prime informazioni riguardo ad un edificio di epoca romana a Minori risalgono ai "Documenti e Atti della Commissione Archeologica della Provincia del Principato Citeriore" (1873-74), in cui L. Stabiano ha scritto sulla scoperta delle "terme romane".

Nel 1932 un crollo avvenuto durante la ristrutturazione di alcune case nell'area ha portato alla scoperta di una camera sotterranea, appartenente alla villa romana. Gli scavi iniziarono nel 1934, ma alcune zone sono venute alla luce solo nel 1950, in particolare dopo il 1954, quando una forte precipitazione colpì la Costiera Amalfitana.

Nel 1956, mentre era in corso un cantiere per la costruzione dell'Hotel Santa Lucia, sono state scoperte nuove aree della villa decorate da dipinti che si conservano nel museo collegato alla villa. La struttura residenziale è visibile solo sul lato più vicino al mare, poiché molte parti dell'edificio sono stati riutilizzate come cantine da nuovi lotti abitativi sorti sul sito della villa.

A metà degli anni 1990 è iniziato il restauro dei mosaici che ornavano il triclinio.

La villa fu costruita attorno ad un "viridarium", giardini romani con una piscina centrale, circondata da un gruppo di edifici e triportico divisi in due gruppi simmetrici da una grande sala centrale.

L'antiquariumModifica

Sulla terrazza, corrispondente al piano superiore, è l'annesso antiquarium che espone reperti di età romana provenienti da altre ville della zona, le quali attestano come Minori in epoca imperiale fosse una rinomata località di soggiorno.

NoteModifica

  1. ^ Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Visitatori e introiti dei musei

BibliografiaModifica

  • A. Schiavo, The Roman villa of Minori, in "Palladio", 1939.
  • A. Schiavo, The monuments of the Amalfi coast, Milan-Rome, 1941, pp. 175 ff.
  • P. Mingazzini-Pfister, Italiae Form. Surrentum, Rome, 1941, pp. 147–151.
  • A. Maiuri, The history of the ancient monuments of the Amalfi Coast and Sorrento in the light of the recent floods, in "Proceedings of the Academy of Archaeology, Literature and Fine Arts of Naples, XXIX, 8, 1954, pp. 87 ff.
  • M. Naples, Acts dell'IX Study Conference on Magna Grecia, Taranto, 1971 , Naples, 1972, pp. 391-393.
  • M. Naples, Minor , in Encyclopedia of Ancient Art , V, pp. 102-103.
  • C. Bencivenga, L. Ferguson, L. Melillo, Research on Roman villa in Minori , in "Annals of the Oriental Institute of Naples, Archaeology and Ancient History", 1, 1979, pp. 131 ff.
  • S. De Caro, A. Greek, Campania, Bari 1981, pp. 145–148.
  • M. Romito, materials Antiquarium of Minor (Part I), in "Apollo", VI, 1985–1988, pp. 119–164.
  • GL Mangieri, The Roman villa of Minori: the numismatic data, in "Apollo", VI, 1985–1988, pp. 165–194.
  • The Roman villas of the Imperial, 1986, pp. 78–87.
  • Villa Maritime Minor triclinium-nymph. The restoration of the mosaics, Naples-Salerno, 1999.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica