Apri il menu principale

Vincenzo De Luca (1948)

politico e insegnante italiano
Vincenzo De Luca

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XVI
Gruppo
parlamentare
PD
Circoscrizione Campania
Incarichi parlamentari
  • Segretario della 13ª Commissione permanente (Territorio, ambiente, beni ambientali)
  • Capogruppo del PD nella Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno degli infortuni sul lavoro, con particolare riguardo alle cosiddette "morti bianche"
  • Vice presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti e degli illeciti ad esso connesse
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Professione insegnante

Vincenzo De Luca (Forino, 18 agosto 1948) è un politico e insegnante italiano.

Nelle elezioni politiche del 2008 è stato eletto al Senato della Repubblica.

Ha vinto le elezioni primarie per le candidature al parlamento per le elezioni politiche 2013 nella provincia di Avellino ottenendo 5.042 voti[1].

Cenni biograficiModifica

Nato a Forino il 18 agosto 1948, è sposato e ha due figli.

Ha ricoperto dal 1987 al 1991 la carica di Presidente dell'USL Avellino 1 e dal 1997 al 2003 l'incarico di Presidente del Consorzio Idrico "Alto Calore".

Per Sellino editore ha pubblicato i volumi:

  • Partecipazione e cittadinanza. La rappresentanza negata, 2003;
  • La democrazia nella società del rischio. I cittadini per una politica civile, 2005;
  • Il cittadino istituzione, 2009.

Attività politicaModifica

Nel 1987 è segretario cittadino della Democrazia Cristiana di Avellino, carica che ricopre fino al 1992.

Successivamente, nel 1993, è segretario provinciale della DC e di seguito del Partito Popolare Italiano fino al 1997.

Alle elezioni regionali del 2000 in Campania si presenta nelle liste del PPI nella provincia di Avellino ottenendo 21.097 voti[2], risultando eletto in Consiglio Regionale dove ricoprirà la carica di Capogruppo del PPI prima e di Democrazia è Libertà - La Margherita dopo.

Rieletto alle regionali del 2005 con 24.813 voti[3], viene nominato Assessore ai Rapporti con il Consiglio Regionale, Lavori Pubblici, Opere pubbliche, Parcheggi, Sport, Ricerca e valorizzazione Cave e Torbiere, Acque Minerali, Termali, Miniere, Risorse geotermiche ed Idrocarburi alla Regione Campania. Nella qualità di assessore ha curato, in particolare, la legge strutturale sui lavori pubblici; la legge strutturale sulle cave e la legge strutturale riguardante la disciplina della ricerca ed utilizzazione delle acque minerali e termali, delle risorse geotermiche e delle acque di sorgente.

Nel 2008 lascia la carica di assessore in quanto eletto al Senato della Repubblica dove ha presentato, come senatore primo firmatario, i DDL:

  • legge quadro in materia di gestione integrata di rifiuti, incentivazione della raccolta differenziata e lotta allo smaltimento illegale[4];
  • misure per il superamento della gestione emergenziale e il funzionamento in regime ordinario del ciclo integrato dei rifiuti nella regione Campania[5];
  • norme per il superamento della gestione emergenziale e per il funzionamento ordinario del ciclo dei rifiuti, nonché interventi in materia ambientale nella regione Campania[6];
  • nuove norme per la limitazione del ricorso ai ribassi elevati nelle gare pubbliche, a tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori[7];
  • nuove norme a tutela dei soggetti affetti da celiachia[8];
  • nuova disciplina del servizio civile nazionale[9].

Alle elezioni del 2009 per il comune di Avellino è eletto consigliere.

Dal 2013 è componente della direzione nazionale del Partito Democratico.

Il 28 luglio 2016 è stato nominato Presidente dell'Osservatorio Regionale sulla Gestione dei Rifiuti in Campania[10].

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica