Apri il menu principale
Vincenzo Garioni
Vincenzo Garioni.jpg
Vincenzo Garioni

Governatore della Tripolitania
Durata mandato 2 giugno 1913 - 1914
5 agosto 1918 - 17 maggio 1919
Predecessore Ottavio Ragni
Successore Luigi Druetti

Governatore della Cirenaica
Durata mandato 5 agosto 1918 - 5 agosto 1919
Predecessore Giovanni Battista Ameglio
Successore Giacomo De Martino

Dati generali
Professione Militare

Vincenzo Garioni (Montebelluna, 19 novembre 1856Venezia, 24 aprile 1929) è stato un generale italiano.

CarrieraModifica

Garioni diventa sottotenente dei bersaglieri nel 1875 e, dopo aver frequentato la Scuola di Guerra, entra nello Stato maggiore.

Promosso colonnello, nel 1900 è al comando del Corpo di spedizione italiano in Cina inviato per domare la Rivolta dei Boxer. Dal luglio 1902 al giugno 1905 Garioni dirige l'Ufficio I. Successivamente, da maggior generale, comanda la brigata Casale, la Brigata Roma e la Scuola di applicazione di fanteria. Nel 1911 è promosso tenente generale e, dopo un breve comando della Divisione Padova, partecipa alla guerra italo-turca alla guida della 5a Divisione speciale.

Con i reparti a disposizione 11º Reggimento bersaglieri, 60º Reggimento fanteria, 1º Battaglione granatieri, 28º Battaglione bersaglieri, 6º e 7º Battaglione eritreo, tre batterie di artiglieria e una compagnia del genio, divisi in due colonne al comando rispettivamente del generale Clemente Lequio e del colonnello, poi generale, Alberto Cavaciocchi, Garioni conduce alla fine di giugno l'occupazione di Sidi-Said, presso il confine tunisino. Il 14 luglio è la volta dell'altura di Sidi-Alì, sei chilometri ad est di Sidi-Said. Il 15 agosto si sposta verso l'interno ed espugna Sidi Abd el-Samad, ad otto chilometri da Zuara. A coadiuvare le sue truppe giunge un'altra colonna guidata dal generale Tullio Tassoni.

Nel giugno 1913 è nominato Governatore della Tripolitania italiana, incarico che tiene sino alla fine del 1914, quando ottiene il comando del VII Corpo d'armata di Ancona. I suoi reparti sono impegnati nel gennaio 1915 a portare i soccorsi per il terremoto che ha duramente colpito Avezzano e il Fucino.

Allo scoppio della prima guerra mondiale è ancora comandante del VII Corpo d'armata ed interinalmente si trova a guidare per un breve periodo la 3a Armata del principe Emanuele Filiberto di Savoia-Aosta. Al suo comando nel VII, sono dislocate la 13a e 14a Divisione, ed il 2º Reggimento artiglieria. Successivamente comanderà anche il VI e II Corpo d'armata. Per il passaggio dell'Isonzo a Plava viene decorato di medaglia d'argento al valor militare.

Dal 5 agosto 1918 è nuovamente Governatore della Tripolitania e governatore reggente della Cirenaica. Giunge il l8 agosto a Tripoli con il compito di schiacciare la rivolta turco-araba. Le sorti della guerra mondiale intanto iniziano a volgere in favore delle forze dell'Intesa. In seguito al trionfo di Vittorio Veneto e alla sconfitta turco-tedesca di Megiddo (Palestina), le forze ribelli arabe, lacerate dalle lotte intestine ed abbandonate dai consiglieri militari ottomani e tedeschi, diradano gli attacchi contro i presidi italiani, consentendo a Garioni di riprendere con successo l'iniziativa. Il 17 maggio 1919 torna in Italia e viene congedato dal servizio attivo per poi morire dieci anni dopo, nel 1929.

OnorificenzeModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie