Apri il menu principale

Vincenzo Orlandini

arbitro di calcio italiano
Vincenzo Orlandini
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Federazione Italia Italia
Sezione Roma
Professione Assicuratore
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1940-1943
1943-1944
1946-1960
Serie C[1]
Torneo di guerra[2]
Serie A
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Attività internazionale
1954-1960 UEFA e FIFA Arbitro
Premi
Anno Premio
1951 Premio Giovanni Mauro

Vincenzo Orlandini (Roma, 30 agosto 1910Roma, 23 ottobre 1961) è stato un arbitro di calcio italiano.

BiografiaModifica

Superò il corso di abilitazione nel 1937[1] e debuttò in Serie A il 15 dicembre 1946, arbitrando l'incontro tra Venezia e Brescia (1-2).[3]

Arbitrò l'ultima partita in massima serie, tra Bologna e Padova (2-2), il 5 giugno 1960, a cinquant'anni.[4]

A livello nazionale, si colloca al quinto posto nella graduatoria degli arbitri italiani con più presenze in Serie A (216), subito dietro a Concetto Lo Bello, Cesare Jonni, Pierluigi Collina e Stefano Farina. Nel 1951 è stato insignito del Premio Giovanni Mauro.

Arbitrò in due edizioni delle Olimpiadi (primato italiano detenuto in coabitazione con Giovanni Mauro). Al torneo olimpico calcistico del 1952 (disputato a Helsinki) diresse, il 16 luglio, Lussemburgo-Gran Bretagna, il 23 luglio, Svezia-Austria e, il 1º agosto, fu l'arbitro della finale per il terzo posto, disputata tra Svezia e Germania.

Alle Olimpiadi del 1960 arbitrò Jugoslavia-Turchia, giocata al Comunale di Firenze, e Ungheria-Francia, giocata allo Stadio Flaminio.

Inoltre, è uno dei cinque direttori di gara italiani ad essere stato selezionato per due edizioni dei mondiali di calcio (assieme a Rinaldo Barlassina, Luigi Agnolin, Pierluigi Collina e Roberto Rosetti.

Ai mondiali di calcio in Svizzera del 1954 arbitrò Uruguay-Scozia e la semifinale Germania Ovest-Austria. Svolse le funzioni di guardalinee nella finalissima di Berna, arbitrata dall'inglese William Ling.

Orlandini venne designato anche per il mondiale di Svezia del 1958, dove arbitrò Paraguay-Scozia.

Diresse poi una gara del secondo turno della Coppa dei Campioni 1959-1960: il 4 novembre 1959, in Lussemburgo, arbitrò Real Madrid-Jeunesse d'Esch. Fece una presenza anche nella Coppa delle Fiere, nella gara London XI-Basilea XI.

Morì nel 1961 all'età di 51 anni, poco dopo aver concluso la carriera arbitrale[5].

NoteModifica

  1. ^ a b Barlassina.
  2. ^ Cacozza-Fontanelli.
  3. ^ Calcio-seriea.
  4. ^ Bologna-Padova diretta da Vincenzo Orlandini, su calcio-seriea.net. URL consultato il 26 agosto 2017.
  5. ^ È morto Orlandini Archiviolastampa.it.

BibliografiaModifica

  • Rinaldo Barlassina, Agendina del calcio 1940-1941, Milano - Via Galilei, La Gazzetta dello Sport, 1940, p. 141, dati anagrafici completi nel paragrafo "Serie A-B-C - Gli arbitri a disposizione del C.I.T.A. ", Conservato presso la Biblioteca Comunale "Sormani" e Biblioteca Nazionale Braidense, entrambe di Milano.
  • Carlo Fontanelli, Daniele Cacozza, Scudetto a Spezia - Partite e protagonisti del campionato di guerra 1943-44, Fornacette (PI), Mariposa Editrice S.r.l., gennaio 1998, p. da 105 a 110, ha diretto 7 partite del campionato romano di guerra.

Collegamenti esterniModifica