Viola (botanica)

genere di pianta della famiglia Violaceae

DescrizioneModifica

Comprende circa 400 specie erbacee annuali o perenni e anche suffruticose[1], alte da 10 a 20 cm, con fioriture primaverili, in svariati colori e corolle dalla forma caratteristica; generalmente con l'inizio della stagione calda le piante interrompono la fioritura, stimolando la produzione dei semi e concludendo il ciclo vegetativo.

RiproduzioneModifica

Le specie di Viola si riproducono sia sessualmente (con ricombinazione dei caratteri) che vegetativamente (senza ricombinazione). I fiori più grandi portati in alto vengono impollinati dagli insetti, mentre i fiori più piccoli, localizzati in basso, non si aprono mai (cleistogamia) e attuano l'autoimpollinazione. I semi, che in questo caso hanno corredo genetico simile a quello della pianta che li origina cadono e germinano vicino alla pianta madre. Inoltre possono essere presenti degli stoloni, modificazioni di fusti che attuano la moltiplicazione vegetativa e danno origine a nuove piante geneticamente identiche alla pianta madre.

TassonomiaModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Specie di Viola.
 
Viola del pensiero gialla, detta in Puglia "di san Giuseppe" per il colore simile al mantello del santo
 
Viola tricolor comunemente conosciuta come Viola del pensiero

Tra le numerose specie comprese nel genere Viola vi sono le seguenti:

Tra le specie più note, coltivate come annuali, la Viola tricolor, pianta spontanea in Europa, nota col nome comune di Viola del pensiero, da cui sono derivati molti ibridi e varietà come la Viola hortensis pianta molto rustica, con fiori, in alcune cultivar, molto grandi e di vari colori.

Tra le specie perenni coltivate come biennali la Viola cornuta dai fiori di color violaceo.

Tra le perenni la Viola odorata conosciuta col nome volgare di Viola mammola, con fiori molto profumati, di colore viola-intenso, con varietà a fiore grande. Infine, la Viola calcarata a fiori gialli o lillà.

ColtivazioneModifica

Gradiscono posizioni ombreggiate, terreno soffice, ricco, di medio impasto, fresco, adattandosi però a qualunque tipo di suolo, le specie perenni possono fiorire per tutto l'inverno nelle zone a clima mite mentre nei climi più gelidi vanno riparate sotto vetro. È considerata specie infestante nei prati erbosi[2].

Si moltiplicano con la semina a fine estate per avere la fioritura dalla fine dell'inverno successivo, o per divisione dei cespi alla fine della fioritura.

UsiModifica

Le viole vengono utilizzate:

  • come piante ornamentali nei giardini per aiuole, bordure, o per la coltura in vaso su terrazzi. Le specie con cultivar a fiore grande come la Viola cornuta vengono coltivate industrialmente per la produzione del fiore reciso.
  • nell'industria confettiera per produrre fiori freschi cristallizzati nello zucchero. I bonbons à la violette sono una specialità della città di Tolosa in Francia.
  • in profumeria per estrarne l'essenza.
  • per la produzione di pecorini dolci.[Cosa sarebbero?]

NoteModifica

  1. ^ Una pianta suffrutticosa è una piccola pianta legnosa con rami erbacei.
  2. ^ http://www.comune.bologna.it/media/files/infestanti.pdf

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica