Bormina

(Reindirizzamento da Viola Bormina)
Bormina
Val viola.JPG
StatoItalia Italia
RegioniLombardia Lombardia
Lunghezza22 km
Altitudine sorgente3 160 m s.l.m.
NascePizzo Val Nera
46°24′00.63″N 10°10′54.57″E / 46.400175°N 10.181826°E46.400175; 10.181826
SfociaAdda a Premadio
46°28′54.97″N 10°21′14.05″E / 46.481937°N 10.353903°E46.481937; 10.353903Coordinate: 46°28′54.97″N 10°21′14.05″E / 46.481937°N 10.353903°E46.481937; 10.353903

Il Bormina (o Viola Bormina) è un torrente della provincia di Sondrio.

IdrografiaModifica

I 2 rami sorgentizi (il Viola e la Bormina) nascono rispettvamente presso il Passo di Val Viola e la Cima Dügüral (entrambi vicino al confine con la Svizzera)[1], per incontrarsi alle pendici del Monte Dosdè. Percorre poi la Val Viola Bormina e confluisce da destra nell'Adda a Premadio, frazione di Valdidentro a poca distanza da Bormio, in Alta Valtellina. Il torrente è interamente compreso nel comune di Valdidentro ed è costeggiato, da Arnoga a Premadio, dalla Strada statale 301 del Foscagno che collega Bormio a Livigno.

Non ha affluenti di particolare importanza, limitandosi a raccogliere le acque dei numerosi ruscelli della valle. I più rilevanti (per portata) sono il Rio Verva, il Foscagno (in discesa dall'omonimo passo), il Rio Scianno (affluente di sinistra nel comune di Isolaccia dopo la scenografica cascata della "gola della strega") il Bucciana e il torrente Trés, immissario di destra nella frazione di Pradelle.

Il torrente ha, inoltre, raccolto le acque usate dalla Centrale idroelettrica di Rasin[2] che prelevava dal bacino del Cancano, posto circa 600 metri più a monte, con la quale era collegata da un sistema di condutture visibili tutt'oggi sul lato della montagna, appena fuori l'abitato di Isolaccia. La centrale, entrata in attività nel 1928, è stata dismessa definitivamente nel 2004.[3]

NoteModifica

  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia