Apri il menu principale
Vito Gnutti
Vito Gnutti.jpg

Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato
Durata mandato 10 maggio 1994 –
17 gennaio 1995
Presidente Silvio Berlusconi
Predecessore Paolo Savona
Successore Alberto Clò

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XIII
Gruppo
parlamentare
Lega Nord, Misto-Autonomisti per l'Europa, Democrazia Europea
Circoscrizione Lombardia
Collegio Albino, Clusone - Valli
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XI, XII
Gruppo
parlamentare
Lega Nord
Circoscrizione IV Lombardia 2
Collegio Brescia (XI) e Lumezzane (XII)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico LN
Titolo di studio Laurea in ingegneria
Professione imprenditore

Vito Gnutti (Lumezzane, 14 settembre 1939Brescia, 6 dicembre 2008) è stato un politico italiano.

BiografiaModifica

Membro della Giunta esecutiva di Confindustria nel 1990 si dichiara vicino alla Lega Lombarda e ne sostiene pubblicamente le ragioni. Contattato dall'allora segretario provinciale di Brescia della Lega Corrado Della Torre su mandato di Umberto Bossi, aderisce e si iscrive alla Lega Nord nel 1991. È stato deputato e Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato nel 1994 durante il primo Governo Berlusconi. Ha ricoperto la carica di capogruppo alla Camera nel 1995 e nel 1996.

Eletto al Senato nel 1996, successivamente ha aderito a Democrazia Europea di cui è stato presidente del relativo gruppo parlamentare. Succede a Giancarlo Pagliarini come nuovo "primo ministro della Padania". Dopo la rottura con i vertici della Lega Nord, avvenuta nel 1999, è stato esponente di un movimento locale denominato Autonomisti per l'Europa (APE). È stato inoltre consigliere comunale di Brescia.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica