Apri il menu principale

Vittorio Moroni

regista e sceneggiatore italiano

Vittorio Moroni (Sondrio, 1971) è un regista e sceneggiatore italiano.

Indice

CarrieraModifica

Come regista ha diretto quattro lungometraggi, Tu devi essere il lupo [1] per cui ha avuto la nomination al David di Donatello per il miglior regista esordiente e ai Nastri d'argento nel 2006, Le ferie di Licu [2], per cui ha avuto la nomination ai Nastri d'argento 2007 come miglior documentario, Eva e Adamo (2009) e Se chiudo gli occhi non sono più qui (2013).

Come sceneggiatore ha vinto per due volte il Premio Solinas, con "Il sentiero del gatto" (1998) e "Una rivoluzione" (2002); ha ricevuto nel 2009 la Borsa di studio per la storia "7 in condotta" da cui è stato tratto il film "Se chiudo gli occhi non sono più qui" ed è risultato due volte finalista con "L'intruso" (2002) e "Funambola" (Senza guardare giù) (2010). Nel 2010 ha scritto con Emanuele Crialese la sceneggiatura del film Terraferma di Emanuele Crialese [3] (film vincitore del Premio Speciale della giuria al Festival di Venezia 2011 e film italiano candidato agli Oscar 2012) e ha lavorato alla sceneggiatura del film d'esordio alla regia di Alessandro Gassmann “Razzabastarda”.

Come drammaturgo nel 2009 ha vinto il Premio di drammaturgia SIAE-AGIS-ETI con la piece teatrale "La terza vita", che ha debuttato al teatro Valle di Roma nel 2011 e nel 2011 la piéce "Il grande mago" è risultata finalista al Premio Riccione per la drammaturgia e ha debuttato nel 2012 al teatro dei Conciatori a Roma.

Tra i cortometraggi realizzati prima dell'esordio, Eccesso di zelo (1997) ha vinto premi presso numerosi festival tra cui il Sacher d'argento e il Premio Universal che ha consentito a Vittorio Moroni di effettuare un master presso gli studios della Universal Pictures a Hollywood.

FilmografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN283144782701405910026 · GND (DE1078719683