Vittoriosa

Vittoriosa
consiglio locale
Il-Birgu
Città Vittoriosa
Vittoriosa – Stemma Vittoriosa – Bandiera
Vittoriosa – Veduta
Forte di Sant'Angelo
Localizzazione
StatoMalta Malta
RegioneMalta Scirocco
Amministrazione
SindacoĠwann Boxall (MLP)
Territorio
Coordinate35°53′17″N 14°31′21″E / 35.888056°N 14.5225°E35.888056; 14.5225 (Vittoriosa)Coordinate: 35°53′17″N 14°31′21″E / 35.888056°N 14.5225°E35.888056; 14.5225 (Vittoriosa)
Altitudinem s.l.m.
Superficie0,5 km²
Abitanti2 489 (2019)
Densità4 978 ab./km²
Consigli locali confinantiCospicua, Calcara, Zabbaria
Altre informazioni
Cod. postaleBRG
Prefisso356
Fuso orarioUTC+1
ISO 3166-2MT-03
Nome abitantiĠirbi (m), Ġirbija (f), Ġirbin (pl); Vittoriosano (m), Vittoriosana (f), Vittoriosani (pl)
Patronosan Lorenzo, san Domenico
Giorno festivo10 agosto
Cartografia
Vittoriosa – Localizzazione
Sito istituzionale

Vittoriosa[1][2][3] (in maltese Il-Birgu) è una piccola città sull'isola di Malta e, insieme a Senglea e Cospicua, fa parte delle Tre Città.

StoriaModifica

La città venne fondata all'interno del Porto Grande intorno al Forte Sant'Angelo e servì Malta come porto principale. Nel 1530 con l'arrivo dei Cavalieri Ospitalieri divenne capitale dell'isola al posto di Medina, che era nell'entroterra e non soddisfaceva i loro requisiti.

Dopo il saccheggio di Malta nel 1565 molti aiuti arrivarono ai Cavalieri dal resto dell'Europa, permettendo così al Gran Maestro Jean de la Valette di costruire una nuova città fortificata sul Monte Sciberras[4], la penisola di fronte a Birgu da cui i Turchi avevano bombardato la città. La nuova capitale venne chiamata La Valletta dal nome del Gran Maestro, mentre Birgu ebbe il titolo di Città Vittoriosa.

Dopo la presa di Malta da parte di Napoleone Bonaparte nel 1798 e la sua successiva cacciata ad opera degli inglesi, la Royal Navy fece di Vittoriosa la sua base nel Mar Mediterraneo fino al 1979.

Gli abitanti sono definiti vittoriosani[5].

NoteModifica

  1. ^ Enrico Martino, Una città, anzi tre, in "Meridiani - Malta", anno XXI, n. 166, marzo 2008, pp. 70-81.
  2. ^ Cfr. "Vittoriosa" in Touring Club Italiano, Guida d'Europa e paesi del Mediterraneo. Turchia, Cipro, Malta, Touring editore, Milano, 2008, pp. 621-623.
  3. ^ Achille Ferris, Descrizione storica delle chiese di Malta e Gozo, 1866. URL consultato l'11 marzo 2017.
  4. ^ (FR) Jean Carpentier, François Lebrun e Bartolomé Bennassar, Histoire de la Méditerranée, Seuil, 1998, ISBN 978-2-02-030362-0. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  5. ^ Enrico Zammit, Una pagina di storia patria, ossia Il plebiscito del 4 giugno 1884, Tip. C. Busuttil, 1884. URL consultato il 29 dicembre 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN146739096 · LCCN (ENn95002624 · GND (DE4397942-7 · BNF (FRcb145314503 (data)
  Portale Malta: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Malta