Apri il menu principale

Vjačeslav Platonov

allenatore di pallavolo e pallavolista sovietico
Vjačeslav Platonov
Nazionalità URSS URSS
Russia Russia
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Ritirato 1971 (giocatore)
2005 (allenatore)
Carriera
Squadre di club
1954-1957non conosciuta SKIF Leningrado
1957-1965SKA Leningrado
1965-1970Spartak Leningrado
1970-1971Avtomobilist
Nazionale
Leningrado[1]
Carriera da allenatore
1967-1970 Spartak Leningrado
1970-1971 Avtomobilist
1971-1975 URSS URSS Juniores
1975-1977 Al-Qadisiya
1977-1985 URSS URSS
1977-1989 Avtomobilist
1989-1990 Raision Loimu
1990-1991 URSS URSS
1991-1992 Russia Russia
1992-1995 Raision Loimu
1992-1995 Finlandia Finlandia
1995-2005 Avtomobilist
1996-1997 Russia Russia
Palmarès
URSS URSS
Transparent.png Giochi Olimpici
Oro Mosca 1980
Transparent.png Campionato mondiale
Oro Italia 1978
Oro Argentina 1982
Bronzo Brasile 1990
Transparent.png Campionato europeo
Oro Finlandia 1977
Oro Francia 1979
Oro Bulgaria 1981
Oro Germania Est 1983
Oro Paesi Bassi 1985
Oro Germania 1991
Transparent.png Coppa del Mondo
Oro Giappone 1977
Oro Giappone 1981
Oro Giappone 1991
Russia Russia
Transparent.png World League
Bronzo Rotterdam 1996
Bronzo Mosca 1997
Statistiche aggiornate al 26 dicembre 2005

Vjačeslav Alekseevič Platonov (in russo: Вячеслав Алексеевич Платонов?; Puškin, 21 gennaio 1939San Pietroburgo, 26 dicembre 2005) è stato un allenatore di pallavolo e pallavolista sovietico, dal 1991 russo.

Indice

CarrieraModifica

La carriera da giocatore di Vjačeslav Platonov si svolge interamente a Leningrado, con un solo risultato di prestigio, ossia la vittoria dei giochi popolari del 1959 con una selezione cittadina. Nel campionato del 1965 viene tesserato al Volejbol'nyj klub Avtomobilist, club di cui diventa allenatore due anni dopo. Mantiene l'incarico fino al termine dell'annata 1971, quando viene incaricato dalla federazione sovietica di guidare la nazionale juniores: sotto la sua guida la squadra ottiene tre ori europei consecutivi dal 1971 al 1975. Terminata questa esperienza si trasferisce in Kuwait per due anni ingaggiato dall'Al-Qadisiya Sports Club, mentre nel 1977 torna in patria per guidare sia il Volejbol'nyj klub Avtomobilist che la nazionale maggiore sovietica[2].

Negli otto anni alla guida della rappresentativa del suo paese conquista l'oro ai Giochi olimpici di Mosca 1980, due mondiali consecutivi, in Italia nel 1978 e in Argentina nel 1982, oltre a cinque campionati europei e tre edizioni della Coppa del Mondo; a livello di club con il Volejbol'nyj klub Avtomobilist vince invece due coppe nazionali, due Coppe delle Coppe, all'epoca seconda competizione europea per importanza, oltre a due Coppe CEV, che prima della riorganizzazione dei tornei continentali per club rappresentava il terzo trofeo per importanza[2].

Alla fine di questo periodo di successi passa al Raision Loimu, club finlandese che conduce alla vittoria del campionato nella stagione 1989-90, prima di tornare alla guida della nazionale nel triennio che va dal 1990 al 1992, che segna anche il passaggio dall'Unione Sovietica alla Russia: in questo lasso di tempo aggiunge al suo palmarès il bronzo al campionato mondiale 1990, il titolo di campione d'Europa nel 1991 e una Coppa del Mondo[2].

Successivamente fa ritorno in Finlandia, dove torna ad allenare il Raision Loimu a partire dalla stagione 1992-93, e contemporaneamente assume l'incarico di commissario tecnico della nazionale; nell'annata 1995-96 torna al club dei suoi esordi come allenatore, il Volejbol'nyj klub Avtomobilist, che allenerà senza risultati degni di nota fino al 2005, anno della sua morte, mentre dal 1996 al 1997 guida ancora una volta la nazionale russa, vincendo due medaglie di bronzo in World League. Muore a San Pietroburgo dopo lunga malattia[2].

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

1959[3]

AllenatoreModifica

1989-90
1983, 1989
1981-82, 1982-83
1987-88, 1988-89

Nazionale (competizioni minori)Modifica

AllenatoreModifica

Premi individualiModifica

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Durante le Spartachiadi dei Popoli dell'Unione Sovietica, svolte al posto del campionato sovietico, la RSFS Russia era rappresentata da 3 squadre distinte.
  2. ^ a b c d (RU) Vjačeslav Alekseevič Platonov (1939-2005), su funeral-spb.narod.ru. URL consultato il 12 ottobre 2015.
  3. ^ Torneo avvenuto durante le Spartachiadi dei Popoli dell'Unione Sovietica, svolte con la valenza di un campionato sovietico.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN7312663 · LCCN (ENnr99032307