Vjačeslav Zajcev

pallavolista sovietico
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il cestista russo, vedi Vjačeslav Zajcev (cestista).
Vjačeslav Zajcev
Vyacheslav e Ivan Zaytsev - Ingram Città di Castello 1991-92.jpg
Vjačeslav Zajcev (a sinistra) in allenamento al Città di Castello nella stagione 1991-1992 con il figlio Ivan
Nazionalità Unione Sovietica Unione Sovietica
Russia Russia (dal 1991)
Altezza 191 cm
Peso 97 kg
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex palleggiatore)
Termine carriera 1993 - giocatore
Carriera
Squadre di club
1969-1987Avtomobilist
1987-1989Marconi
1989-1990Agrigento
1990-1992Città di Castello
1992-1993Lugano
Nazionale
1971-1988Unione Sovietica Unione Sovietica
19??non conosciuta Leningrado[1]
Carriera da allenatore
1992-1993Lugano
1994-1996Belogor'eAssistente
1996-1997Russia RussiaAssistente
1997Russia Russia
2005-2006Dinamo MoscaAssistente
2006-2007Russia Russia
2008Dinamo-Jantar
2009Metallonivest
2009Belogor'eAssistente
2011-2014Kristall Voronež
Palmarès
Transparent.png Giochi olimpici
Argento Montréal 1976
Oro Mosca 1980
Argento Seul 1988
Transparent.png Campionato mondiale
Argento Messico 1974
Oro Italia 1978
Oro Argentina 1982
Argento Francia 1986
Transparent.png Campionato europeo
Oro Italia 1971
Oro Jugoslavia 1975
Oro Finlandia 1977
Oro Francia 1979
Oro Bulgaria 1981
Oro Germania Est 1983
Oro Paesi Bassi 1985
Transparent.png Coppa del Mondo
Oro Giappone 1977
Oro Giappone 1981
Argento Giappone 1985
Statistiche aggiornate al 10 agosto 2017

Vjačeslav Alekseevič Zajcev (in russo: Вячеслав Алексеевич Зайцев?; Leningrado, 12 novembre 1952) è un allenatore di pallavolo ed ex pallavolista sovietico, dal 1991 russo, di ruolo palleggiatore.

Padre del pallavolista italiano Ivan, Vjačeslav è stato il primo giocatore sovietico a militare all'estero da professionista.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

 
Zajcev (a destra) in campo con i compagni di squadra della Marconi nella stagione 1988-1989

Nato a Leningrado, Zajcev ha giocato fino al 1987 nella squadra locale dell'Avtomobilist con cui ha vinto due Coppe delle Coppe consecutive tra il 1982 e il 1983.

Successivamente si è trasferito in Italia giocando nella Marconi di Spoleto, nell'Agrigento e nel Città di Castello,[2] per chiudere la carriera nel 1992-1993 in Svizzera, nel Lugano, con il doppio ruolo di giocatore-allenatore.

Con la nazionale sovietica ha vinto un oro e due argenti alle Olimpiadi, e inoltre due Campionati Mondiali, due Coppe del Mondo e sette Campionati Europei.

AllenatoreModifica

Iniziando nel 1992 nel Lugano, ritorna in Russia l'annata successiva per lavorare nello staff del Belogor'e, nel campionato russo, dove rimane per due stagioni, e successivamente entra nello staff della nazionale maschile russa; a causa di una malattia del capo allenatore, diventa temporaneamente allenatore alla World League 1997, conclusa al terzo posto.

Ritorna in Italia nel 1998, dove allena diverse squadre giovanili. Nel 2005 ritorna in Russia per lavorare nello staff della Dinamo Mosca. Successivamente allena per due anni la nazionale Under-20 russa con cui vince il campionato europeo di categoria nel 2006. Seguono brevi parentesi come capo allenatore nel Dinamo-Jantar, nel Metallonivest e nello staff del Belogor'e.

Dal 2011 al 2014 allena il Kristall Voronež.

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

1983
1981-1982, 1982-1983

NazionaleModifica

IndividualeModifica

AllenatoreModifica

NazionaleModifica

OnorificenzeModifica

  Ordine del Distintivo d'Onore
— 1980
  Ordine dell'Amicizia tra i Popoli
— 1985

NoteModifica

  1. ^ Durante le Spartachiadi dell'Unione Sovietica la RSFS Russia era rappresentata da 3 squadre distinte.
  2. ^ Valeria Benedetti, Baby Zaytsev, Roma non russa, in La Gazzetta dello Sport, 20 marzo 2007.

Collegamenti esterniModifica