Apri il menu principale

Vocale posteriore chiusa arrotondata

suono vocalico
Anteriori Quasi anteriori Centrali Quasi posteriori Posteriori
Chiuse
Blank vowel trapezoid.svg
i • y
ɨ • ʉ
ɯ • u
ɪ • ʏ
* • ʊ
e • ø
ɘ • ɵ
ɤ • o
ɛ • œ
ɜ • ɞ
ʌ • ɔ
a • ɶ
ɑ • ɒ
Quasi chiuse
Semichiuse
Medie
Semiaperte
Quasi aperte
Aperte
Quando due simboli appaiono in coppia, quello a sinistra rappresenta
una vocale non arrotondata, quello a destra una vocale arrotondata.
Per quelli situati al centro, la posizione delle labbra non è specificata.
Vedere anche: IPA, Consonanti
Vocale posteriore chiusa arrotondata
IPA - numero308
IPA - testou
IPA - immagine
Xsampa-u.png
UnicodeU+0075
Entityu
SAMPAu
X-SAMPAu
Kirshenbaumu
Ascolto

La vocale posteriore chiusa arrotondata è un suono vocalico presente in numerose lingue. Il suo simbolo nell'Alfabeto fonetico internazionale è [u], e l'equivalente simbolo X-SAMPA è u.

CaratteristicheModifica

  • La sua posizione è posteriore; la pronuncia avviene infatti con la lingua in posizione arretrata all'interno della cavità orale.
  • Il suo grado di apertura è chiuso; la pronuncia avviene infatti posizionando la lingua più vicina possibile al palato, senza però creare una costrizione eccessiva che implicherebbe l'emissione di una consonante.
  • È una vocale arrotondata o procheila: durante la pronuncia, infatti, le labbra vengono portate in avanti ("arrotondate").

OccorrenzeModifica

In italianoModifica

In italiano tale fono è reso con la grafia u ed è presente per esempio nella parola muro [ˈmuːro].

In franceseModifica

In francese tale fono è reso con la grafia ou ed è presente per esempio nella parola vous "voi, lei" [vu].

In grecoModifica

In greco tale fono è reso con la grafia ου ed è presente per esempio nella parola ουρανός "cielo" [urɐˈnɔs].

In ingleseModifica

In inglese tale fono è spesso reso con la grafia oo (che però può anche rappresentare la vocale quasi posteriore quasi chiusa arrotondata) ed è presente per esempio nella parola boot "stivale" [buːt].

In portogheseModifica

In portoghese tale fono è reso con la grafia u.

  • In portoghese lusitano tale fono è reso con le grafie u o o (quest'ultima se finale e atona) ed è presente per esempio nella parola urso "orso" [ˈuɾsu].
  • In portoghese brasiliano tale fono è reso con la grafia u ed è presente per esempio nella parola urso [ˈuɾsʊ].

In rumenoModifica

In rumeno tale fono è reso con la grafia u ed è presente per esempio nella parola unu "uno" [ˈunu].

In spagnoloModifica

In spagnolo tale fono è reso con la grafia u ed è presente per esempio nella parola curable "curabile" [kuˈɾaβle].

In tedescoModifica

In tedesco tale fono è reso con la grafia u ed è presente per esempio nella parola Fuß "piede" [fuːs].

Voci correlateModifica

  Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica