Apri il menu principale

Vocale quasi anteriore quasi chiusa non arrotondata

Anteriori Quasi anteriori Centrali Quasi posteriori Posteriori
Chiuse
Blank vowel trapezoid.svg
i • y
ɨ • ʉ
ɯ • u
ɪ • ʏ
* • ʊ
e • ø
ɘ • ɵ
ɤ • o
ɛ • œ
ɜ • ɞ
ʌ • ɔ
a • ɶ
ɑ • ɒ
Quasi chiuse
Semichiuse
Medie
Semiaperte
Quasi aperte
Aperte
Quando due simboli appaiono in coppia, quello a sinistra rappresenta
una vocale non arrotondata, quello a destra una vocale arrotondata.
Per quelli situati al centro, la posizione delle labbra non è specificata.
Vedere anche: IPA, Consonanti
Vocale quasi anteriore quasi chiusa non arrotondata
IPA - numero319
IPA - testoɪ
IPA - immagine
Xsampa-I2.png
UnicodeU+0065
Entityɪ
SAMPAI
X-SAMPAI
KirshenbaumI
Ascolto

La vocale quasi anteriore quasi chiusa non arrotondata è un suono vocalico presente in alcune lingue. Il suo simbolo nell'Alfabeto fonetico internazionale è [ɪ] (da non confondere con [i]), e l'equivalente simbolo X-SAMPA è I.

CaratteristicheModifica

  • La sua posizione è quasi anteriore; la pronuncia avviene infatti con la lingua in posizione simile a quella di una vocale anteriore, ma leggermente più arretrata nella bocca.
  • Il suo grado di apertura è quasi chiuso; la pronuncia avviene infatti con un'apertura ridotta, quasi quanto una vocale chiusa, ma con una costrizione leggermente minore. Le vocali quasi chiuse sono talvolta descritte come varianti rilassate (o non tese) delle vocali completamente chiuse (tese).
  • È una vocale non-arrotondata; durante la pronuncia, infatti, le labbra non vengono portate in avanti.

OccorrenzeModifica

In italianoModifica

In italiano standard tale fono non è presente. Ricorre tuttavia in alcuni dialetti della Puglia centrale: a Canosa (Bari), si ha un'opposizione di tensione tra vocali alte anteriori (palatali), analoga a quella che l'italiano standard presenta tra le vocali medie (/e/ ≠ /ɛ/, essendo /ɛ/ non tesa), tale che [vind] 'vènti' ≠ [vɪnd] 'vénti', [vist] 'vesti' ≠ [vɪst] 'visto'. [1]

In ingleseModifica

In inglese tale fono è la più comune realizzazione del fonema chiamato i breve (short i), ed è presente per esempio nella parola bit "poco" [bɪt] ascolta[?·info].

In svedeseModifica

In svedese tale fono è presente per esempio nella parola sill "aringa" [sɪlː] ascolta[?·info].

In tedescoModifica

In tedesco tale fono è presente per esempio nella parola bitte "prego" [ˈbɪtə].

NoteModifica

  1. ^ M. Loporcaro, Profilo linguistico dei dialetti italiani, Bari, Laterza, 2013, pp. 124-5.

Voci correlateModifica

  Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica