Apri il menu principale
Voglia di cantare
PaeseItalia
Anno1985
Formatominiserie TV
Generedrammatico
Puntate4
Lingua originaleItaliano
Crediti
RegiaVittorio Sindoni
SoggettoPiero Luna, Vittorio Sindoni
SceneggiaturaPiero Luna, Vittorio Sindoni
Interpreti e personaggi
FotografiaMarcello Gatti
MusicheLuis Bacalov
ScenografiaGiorgio Luppi
CostumiMarisa D'Andrea
Prima visione
Dall'8 dicembre 1985
Al29 dicembre 1985
Rete televisivaRai 1

«Se sei a terra, non strisciare mai. Se ti diranno: “Sei finito”, non ci credere...»

(dalla canzone del film TV, Uno su mille , interpretata da Gianni Morandi)

Voglia di cantare è una miniserie televisiva drammatica prodotta da Claudio Biondi [1]per la Tangram Film in Italia nel 1985, diretta da Vittorio Sindoni e con protagonista Gianni Morandi, andata in onda su Rai 1 per quattro domeniche in prima serata dall'8 al 29 dicembre 1985[2].

Tra gli altri interpreti[3] principali, Ana Obregón, Capucine e Marco Vivio, all'epoca ancora bambino e pressoché agli esordi.

La trama dello sceneggiato – che rappresenta il “seguito” ideale (ma non il sequel, in quanto la storia raccontata è un'altra) di Voglia di volare, trasmesso da Rai 1 l'anno precedente, e sempre con Morandi protagonista – presenta delle analogie con le vicende professionali di Morandi stesso. Significativo il fatto che nell'ultima puntata venga proposta la canzone Uno su mille, pubblicata da Morandi proprio quell'anno e dal testo quanto mai emblematico per la storia artistica del cantante, tornato allora in auge dopo un periodo quasi di oblio.

TramaModifica

Paolo Fontana (Gianni Morandi) è un cantante sul viale del tramonto, che stenta a rilanciarsi.
Anche la sua vita sentimentale è un completo caos: la moglie infatti lo ha lasciato, portando con sé il figlioletto Luca (Marco Vivio), e lui intraprende una nuova relazione – inizialmente solo per scopi pubblicitari[4] – con una certa María Carrera.

In seguito Luca si ammala, e Paolo e sua moglie si riavvicinano. Dopo la guarigione del bambino, Paolo si convince che il peggio è passato: spronato dalla famiglia, si sente pronto a tornare sulle scene.

Riesce così – pur con difficoltà e con l'aiuto della moglie – a convincere un discografico ad organizzargli un concerto, dove si presenterà interpretando subito una nuova canzone a sfondo autobiografico (appunto Uno su mille, nella storia composta dal fidanzato della sorella di Paolo). Il pubblico, lì per lì un po' diffidente, si scioglie alla fine in un lungo applauso.

NoteModifica

  1. ^ Claudio Biondi, su IMDb. URL consultato il 26 maggio 2017.
  2. ^ Fonte: Aldo Grasso – Massimo Scaglioni (a cura di), Le Garzantine: Enciclopedia della Televisione, Garzanti, Milano, 1996 – 2003, p. 829;
    https://www.imdb.com/title/tt0215448/
  3. ^ Aldo Grasso – Massimo Scaglioni (a cura di), op. cit.., p. 829
  4. ^ cfr: ib., p. 829

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione