Apri il menu principale

Volbeat (gruppo musicale)

gruppo metal danese
Volbeat
Volbeat 2013.jpg
I Volbeat dal vivo nel 2013
Paese d'origineDanimarca Danimarca
GenereHeavy metal
Hard rock
Rockabilly
Psychobilly
Groove metal
Periodo di attività musicale2001 – in attività
EtichettaMascot Records
Album pubblicati9
Studio6
Live3
Opere audiovisive3
Logo ufficiale
Sito ufficiale

I Volbeat sono una band danese che fonde sonorità tipicamente metal con uno stile di canto rockabilly. Nati nel 2001, hanno pubblicato il primo album, The Strength/The Sound/The Songs, nel 2005, e il secondo, Rock the Rebel/Metal the Devil che, nel marzo 2007, li ha portati ad essere la prima band metal a raggiungere la prima posizione nella classifica di vendite danese.

BiografiaModifica

La band è nata nel 2001 dopo lo scioglimento dei Dominus, la vecchia band del frontman Michael Poulsen. La loro musica può essere descritta come una fusione tra l'heavy metal e il rockabilly, infatti tra le loro maggiori ispirazioni figurano Elvis Presley e Johnny Cash. La loro carriera è decollata dopo l'esibizione all'edizione 2006 del Roskilde Festival, in seguito alla quale The Strength/The Sound/The Songs ha raggiunto la 18ª posizione della classifica di vendite danese, rientrato in classifica nel 2007 e vincitore di un disco d'oro nel 2008[1] grazie al successo del secondo album Rock the Rebel/Metal the Devil, capace di debuttare direttamente alla prima posizione. Recentemente l'album ha raggiunto anche il disco d'oro e il disco di platino in Danimarca.[2][3] Il 1 settembre 2008 è stato pubblicato il terzo album del gruppo intitolato Guitar Gangsters & Cadillac Blood. Il 10 settembre 2010 i Volbeat pubblicano il loro quarto album intitolato Beyond Hell/Above Heaven.

Nel 2013 si è aggiunto come chitarrista l'ex Anthrax Rob Caggiano, anche produttore del nuovo album Outlaw Gentlemen & Shady Ladies.[4]

Nel novembre 2015, il bassista Anders Kjølholm lascia il gruppo.[5]

L'8 aprile 2016 viene pubblicato l'audio del brano The Devil's Bleeding Crown, che anticipa l'album Seal the Deal & Let's Boogie, la cui pubblicazione è prevista per il 3 giugno con la Republic Records.[6] Il 14 maggio 2016 alla formazione si aggiunge ufficialmente Kaspar Boye Larsen.[7]

RiconoscimentiModifica

  • Premio come miglior band live votata dai fan e come miglior album di debutto ai Danish Metal Music Awards del 2006.
  • Premio "Steppeulven" come speranza del 2006.

FormazioneModifica

AttualeModifica

Ex componentiModifica

  • Teddy Vang – chitarra (2001-2002)
  • Franz Gottschalk – chitarra (2002-2006)
  • Thomas Bredahl – chitarra (2006-2011)
  • Anders Kjølholm – basso (2001-2015)

DiscografiaModifica

VideografiaModifica

VideoclipModifica

  • I Only Wanna Be with You
  • Pool of Booze
  • The Garden's Tale
  • Radio Girl
  • Sad Man's Tongue
  • Maybellene I Hofteholder
  • Mary Ann's Place
  • We
  • A Warriors Call
  • Fallen
  • 7 Shots/Rebel Angel
  • 16 Dollars
  • Cape of Our Hero
  • The Lonesome Rider
  • Black Rose
  • The Devil's Bleeding Crown
  • Follow The Bliss / For Evigt

NoteModifica

  1. ^ Blabbermouth.net,VOLBEAT's Debut Album Certified Gold In Denmark Archiviato il 17 aprile 2008 in Internet Archive. - Apr. 14, 2008
  2. ^ Blabbermouth.net,VOLBEAT: 'Rock the Rebel/Metal the Devil'Certified Gold In Denmark Archiviato il 30 settembre 2007 in Internet Archive. - June 14, 2007
  3. ^ Blabbermouth.net,VOLBEAT: 'Rock The Rebel/Metal The Devil'Certified Platinum In Denmark Archiviato il 19 gennaio 2008 in Internet Archive. - Nov. 8, 2007
  4. ^ VOLBEAT: l'ex ANTHRAX Rob Caggiano alla chitarra e copertina del nuovo album! | Metalitalia.com
  5. ^ (EN) VOLBEAT Parts Ways With Bassist ANDERS KJØLHOLM, su BLABBERMOUTH.NET, 13 novembre 2015. URL consultato il 13 novembre 2015.
  6. ^ (EN) Volbeat Premiere New Song, “The Devil’s Bleeding Crown”; Announce New Album Details, su revolvermag.com, 8 aprile 2016. URL consultato il 18 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2016).
  7. ^ (EN) VOLBEAT Officially Adds Bassist KASPAR BOYE LARSEN, su blabbermouth.net, 14 maggio 2016. URL consultato il 16 maggio 2016.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN123566505 · ISNI (EN0000 0001 0675 8056 · LCCN (ENno2009156610 · GND (DE16081038-3 · BNF (FRcb162396494 (data) · WorldCat Identities (ENno2009-156610
  Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal