Volo Lion Air 610

incidente aereo in Indonesia nel 2018
Volo Lion Air 610
Lion Air Boeing 737-MAX8; @CGK 2018 (31333957778).jpg
Il velivolo coinvolto nell'incidente, fotografato nel settembre 2018
Tipo di eventoIncidente
Data29 ottobre 2018
Ora6:32 UTC+6
TipoDifetto di progettazione del MCAS, errore del pilota, manutenzione inadeguata
LuogoMar di Giava, al largo di Giacarta
StatoIndonesia Indonesia
Coordinate5°46′15″S 107°07′16″E / 5.770833°S 107.121111°E-5.770833; 107.121111Coordinate: 5°46′15″S 107°07′16″E / 5.770833°S 107.121111°E-5.770833; 107.121111
Tipo di aeromobileBoeing 737 MAX 8
OperatoreLion Air
Numero di registrazionePK-LQP
PartenzaAeroporto Internazionale di Giacarta-Soekarno-Hatta, Giacarta, Indonesia
DestinazioneAeroporto Depati Amir, Pangkal Pinang, Indonesia
Occupanti189
Passeggeri181
Equipaggio8
Vittime189
Feriti0
Sopravvissuti0
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Indonesia
Volo Lion Air 610
Dati estratti da Aviation Safety Network[1]
voci di incidenti aerei presenti su Wikipedia

Il volo Lion Air 610 era un volo di linea passeggeri della compagnia aerea a basso costo indonesiana Lion Air che collegava l'aeroporto Internazionale di Giacarta-Soekarno-Hatta e l'aeroporto Depati Amir di Pangkal Pinang. Il 29 ottobre 2018, un Boeing 737 MAX 8 che percorreva tale tratta precipitò in mare poco dopo il decollo da Giacarta, causando la morte di tutte le 189 persone a bordo. Questo fu il primo incidente occorso a un Boeing 737 MAX e il più grave mai accaduto ad un qualsiasi modello di Boeing 737.[1][2] Il 10 marzo 2019, un altro Boeing 737 MAX, operante il volo Ethiopian Airlines 302, precipitò sei minuti dopo il decollo provocando la morte di tutte le 157 persone a bordo. Poiché gli incidenti furono molto simili, a partire dall'11 marzo 2019 tutti i paesi del mondo hanno chiuso lo spazio aereo ai Boeing 737 MAX.[3]

L'aereoModifica

L'aeromobile coinvolto era un Boeing 737 MAX 8, marche PK-LQP, numero di serie 43000, numero di linea 7058. Era alimentato da due motori turboventola CFM International LEAP.[4][5][6] Effettuò il suo primo volo il 30 luglio 2018 e venne consegnato a Lion Air il 13 agosto 2018.[7][8] Al momento dell'incidente, l'aereo aveva accumulato circa 800 ore di volo.[9] Questo fu il primo disastro coinvolgente un Boeing 737 MAX dall'entrata in servizio il 22 maggio 2017 e il peggiore coinvolgente un Boeing 737.[10][11]

Passeggeri ed equipaggioModifica

L'equipaggio era composto dal capitano Bhavye Suneja, un cittadino indiano di 31 anni che aveva volato con la compagnia aerea per più di sette anni e aveva accumulato circa 6 028 ore di volo, delle quali 5 176 sui Boeing 737, e dal 41enne copilota indonesiano Harvino, con 5 174 ore di volo, delle quali 4 286 sui Boeing 737.[12][13] I sei assistenti di volo erano tutti indonesiani.

Fra i 189 passeggeri vi era l'ex ciclista italiano Andrea Manfredi, che si trovava a Giacarta per lavoro dopo essere stato a Hong Kong.[14]

Tra le vittime vi erano 3 bambini, di cui 2 neonati, e 7 membri dell'equipaggio.[15][16]

A bordo vi erano inoltre: 20 impiegati del Ministero delle Finanze indonesiano, 10 dipendenti dell'Audit Board dell'Indonesia, 2 revisori dell'Agenzia di controllo finanziario e dello sviluppo indonesiano, 7 membri del Bangka Belitung Regional People's Representative Council, 3 avvocati pubblici, 3 giudici dell'Alta corte e del tribunale nazionale dell'Indonesia, 3 Impiegati del Ministero indonesiano dell'Energia e delle risorse minerarie, un dipendente della Perusahaan Listrik Negara con la sua famiglia (moglie e figlio minorenne), 52 tra funzionari ed ufficiali della polizia indonesiana. Oltre all'italiano Andrea Manfredi, vi era un secondo straniero: il pilota indiano Bhavye Suneja.[17]

L'incidenteModifica

L'aereo partì da Giacarta il 29 ottobre 2018 alle 06:20 ora locale (28 ottobre 2018, 23:20 UTC) diretto all'aeroporto Depati Amir di Pangkal Pinang.[18] Il decollo avvenne in direzione ovest, poi fu effettuata una virata verso nord-est, mantenuta fino allo schianto al largo Giacarta in un tratto di mare profondo circa 115 piedi (35 m).[19][20][21][22] L'equipaggio aveva richiesto l'autorizzazione per rientrare all'aeroporto della capitale Indonesiana dopo aver percorso 19 miglia nautiche (35 km).[23][24] Il luogo dell'incidente si trovava a 18 miglia nautiche (33 km) al largo della costa dell'isola di Giava.[25]

Le comunicazioni tra il controllore del traffico aereo (ATC) e il volo 610 si interruppero improvvisamente alle 06:33.[26] L'ATC informò immediatamente le autorità sul possibile incidente e la National Indonesian Search and Rescue Agency dispiegò tre navi e un elicottero nell'area.[27] Alle 07:30, un'ora circa dopo l'incidente, l'agenzia ricevette notizia che il volo 610 si era inabissato a pochi chilometri da una piattaforma petrolifera offshore.[28] Secondo quanto riferito, i lavoratori sulla piattaforma videro l'incidente dell'aereo, che impattò l'acqua inclinato verso il basso.[29] Le barche dalla piattaforma partirono immediatamente e trovarono detriti del Boeing precipitato.[30]

 
La rotta del Volo 610

Le ricerche e le operazioni di recuperoModifica

L'allerta venne data dopo poco l'ultimo contatto con l'aereo. I sommozzatori trovarono una chiazza di carburante e degli effetti personali dei passeggeri galleggianti.

Il 29 ottobre, le autorità affermarono che tutti a bordo erano da considerare presunte vittime e che i primi resti umani erano stati recuperati.[31][32] I subacquei individuarono frammenti della fusoliera dell'aeromobile e detriti assortiti, ma non i registratori di volo. Un ufficiale delle forze armate nazionali indonesiane riferì che la maggior parte delle vittime era ancora all'interno della fusoliera, poiché il personale di soccorso era riuscito a recuperare solo un piccolo numero di corpi.[33] I funzionari affermarono che una cattiva visibilità e una forte corrente marina stavano ostacolando gli sforzi di ricerca e salvataggio.[34][35]

Lo stesso giorno, la National Search and Rescue Agency indonesiana rese nota l'area delle operazioni di ricerca, divisa in due parti principali. La prima era un'area di "ricerca subacquea" di 62 miglia nautiche (115 km), mentre la seconda era un'area di "ricerca visiva", larga 124 miglia nautiche (230 km)[36].

Il 30 ottobre, l'area venne divisa in 13 settori e ampliata a 150 miglia nautiche (280 km)[37]. All'operazione parteciparono circa 850 membri del personale dell'agenzia di ricerca e salvataggio nazionale indonesiana, delle forze armate indonesiane e di volontari.[38] Almeno 13 corpi vennero recuperati dal luogo dell'incidente.[39] Funzionari indonesiani confermarono che erano stati ascoltati deboli segnali nell'area di ricerca, forse provenienti dalle scatole nere.[40][41]

Il 31 ottobre, venne riferita la rilevazione di "ping" acustici, a non più di 1,6 miglia nautiche (3,0 km) di distanza dagli otto punti di ricerca attuali, probabilmente provenienti da uno o da entrambi i beacon localator subacquei (ULB) collegati ai registratori di volo dell'aeromobile.[42]

Il 1 novembre, i ricercatori annunciarono di aver trovato il registratore dei dati di volo (FDR) del volo 610, a una profondità di 105 piedi (32 m).[43] Il registratore vocale della cabina di pilotaggio (CVR), tuttavia, era ancora disperso.[44] Secondo un funzionario per la sicurezza dei trasporti, citato dall'agenzia di stampa Reuters, le autorità non sapevano con certezza se l'unità di memoria sopravvissuta all'impatto fosse il registratore dei dati di volo o il registratore vocale della cabina di pilotaggio, poiché ne mancavano delle parti. Haryo Satmiko, vicecapo del Comitato nazionale per la sicurezza dei trasporti dell'Indonesia (NTSC) (indonesiano: Komite Nasional Keselamatan Transportasi), l'organismo che indagò sull'incidente, disse ai giornalisti che le cattive condizioni del dispositivo erano la prova dello "straordinario impatto" dell'aereo contro la superficie del mare, che separò l'unità di memoria dal suo alloggiamento.[45] Nonostante il danno, gli investigatori furono in grado di recuperare i dati dei 19 voli più recenti per 69 ore e programmarono di iniziare le analisi il 5 novembre.[46]

Il 2 novembre, venne confermata la morte di un subacqueo esperto del Diving Rescue Team (IDRT), squadra impegnata nelle ricerche delle vittime e del relitto. L'uomo scomparve durante le immersioni di ricerca. A lanciare l'allarme fu un suo compagno di ricerche. La vittima, Syahrul Anto, un 48enne, venne ritrovata in acqua senza vita ed i soccorsi furono vani.[47] Il sub aveva partecipato nel 2014 alle operazioni di ricerca del volo AirAsia 8501.[48]

Il 3 novembre, venne individuata la fusoliera principale sul fondale del Mar di Giava. Fu anche captato un segnale proveniente dalla seconda scatola nera contenente le registrazioni delle conversazioni avvenute nella cabina di pilotaggio.[49]

Il 4 novembre, quasi 1 400 persone, tra cui 175 sommozzatori, vennero inviate sul luogo dell'incidente, oltre a 69 navi, 5 elicotteri e 30 ambulanze.[50] Il capo dell'agenzia nazionale indonesiana di ricerca e salvataggio Muhammad Syaugi annunciò che l'operazione di ricerca e soccorso sarebbe stata prorogata di altri tre giorni.[51]

Al 7 novembre, erano stati recuperati 186 corpi, 44 dei quali identificati.[52]

Il 10 novembre, la NSRA concluse la ricerca delle vittime, continuando quella del CVR.[53]

Al 23 novembre, delle 189 persone a bordo, 125 (89 uomini e 36 donne) erano state identificate. Altri 64 corpi non erano ancora stati riconosciuti.[54]

Il 14 dicembre, venne riferito che Lion Air aveva pagato 2,8 milioni di USD per un secondo tentativo di ricerca del CVR, con una nave specializzata per assistere nella ricerca, che sarebbe dovuta durare 10 giorni.[55] Il tentativo iniziò il 20 dicembre 2018 e si concluse il 3 gennaio 2019 senza successo.[56]

Il 14 gennaio 2019, dopo oltre 2 mesi di ricerche, venne ritrovato il registratore vocale di cabina a 30 metri di profondità e 8 metri sotto la sabbia.[57]

Le indaginiModifica

L'assistenza internazionaleModifica

I registratori di volo del 737 MAX vennero recuperati con l'assistenza del Transport Safety Investigation Bureau (TSIB) di Singapore, che inviò il 29 ottobre 2018 tre specialisti e un rilevatore di segnali di localizzazione subacquea per aiutare a recuperare i dispositivi.[58] L'ufficio australiano per la sicurezza dei trasporti inviò due membri del proprio personale per assistere il comitato nazionale per la sicurezza dei trasporti indonesiano (NTSC) nel processo di download dei dati dalle scatole nere. Un team di ingegneri dell'NTSB e uno della Boeing arrivarono in Indonesia per assistere nelle indagini sull'incidente il 31 ottobre 2018, due giorni dopo il team di Singapore.[59]

Nell'agosto 2019 trapelò una prima bozza del rapporto dell'NTSC.[60] Questo indicava come il progetto e sviste nella sua supervisione giocarono un ruolo chiave nell'incidente del Lion Air 610, e identificava anche errori di pilotaggio e manutenzione inadeguata come fattori importanti.[60][61] Lion Air espresse obiezioni poiché il report dell'NTSC, secondo una fonte che richiese l'anonimato, attribuì 25 delle 41 mancanze o errori alla compagnia low-cost.[62] Vi furono anche dubbi sull'accettabilità di alcune fotografie utilizzate nell'inchiesta, in quanto potrebbero essere state scattate su altri Boeing 737 MAX. La compagnia si oppose alla sollevazione di un problema relativo alle fotografie nel rapporto finale dell'incidente.[63]

Un team di ingegneri della Boeing e un team del National Transportation Safety Board degli Stati Uniti arrivarono il 31 ottobre per aiutare le indagini condotte dall'NTSC. Anche il personale della Federal Aviation Administration (FAA) degli Stati Uniti e il produttore di motori General Electric (che non sono quelli installati sui 737 MAX[64]) furono inviati in Indonesia. Una squadra di Singapore, che era già arrivata nella notte del 29 ottobre, doveva fornire assistenza nel recupero dei registratori di volo dell'aeromobile. L'ufficio australiano per la sicurezza dei trasporti inviò due membri del proprio personale per assistere nel processo di download dei dati dalle scatole nere.[59]

Il volo precedenteModifica

L'aereo era stato utilizzato sulla tratta dall'aeroporto internazionale Ngurah Rai, Bali, all'aeroporto internazionale Soekarno-Hatta, Giacarta la notte prima dell'incidente. Rapporti dettagliati di quel volo rivelarono che l'aereo aveva subito un grave inconveniente. I passeggeri nella cabina hanno riferito di forti tremori e un odore di gomma bruciata all'interno della cabina. Ad un certo punto, il Boeing 737 MAX 8 effettuò una discesa di oltre 200 piedi (61 m) in pochi secondi.[65] Il simbolo delle cintura di sicurezza non fu mai spento dal decollo all'atterraggio. Una registrazione delle comunicazioni con il controllore del traffico aereo rivelò la dichiarazione di un "pan-pan" da parte del pilota.[66] In seguito, l'equipaggio decise di annullare tale comunicazione e proseguire verso Giacarta.

Il diario di manutenzione del velivolo rivelò che aveva subito un guasto non specificato nella parte di strumentazione del capitano, mentre il lato del primo ufficiale era in buone condizioni.[67]

I passeggeri raccontarono di un problema al motore e gli era stato detto di non imbarcarsi mentre gli ingegneri cercavano di risolverlo. Mentre l'aereo era in rotta verso Giacarta, aveva problemi a mantenere un'altitudine costante; i passeggeri affermarono che fu come "un giro sulle montagne russe".[68] L'amministratore delegato di Lion Air, Edward Sirait, disse che domenica sera l'aereo aveva avuto un "problema tecnico", ma che era stato risolto in conformità ai manuali di manutenzione emessi dal produttore. Gli ingegneri, la mattina dell'incidente, dichiararono che l'aereo era pronto per volare.[69][70] Un rapporto successivo affermò che un terzo pilota, in volo verso Giacarta, disse all'equipaggio di togliere la potenza ai motori automatici dello stabilizzatore del timone, e ciò permise di risolvere il problema. Questo metodo è una procedura standard nelle checklist del 737.[71] Successivamente, anche il National Transportation Safety Committee confermò la presenza nel cockpit di un pilota qualificato per i Boeing 737 MAX 8, che al momento era fuori servizio, ma non confermò il suo ruolo nel risolvere il problema.[72]

I primi sospettiModifica

L'esperto di aviazione Gerry Soejatman, un indonesiano, ipotizzò inizialmente che i tubi di Pitot, utilizzati nel sistema di indicazione della velocità, potessero aver avuto un ruolo chiave nell'accaduto.[59][60] Infatti, nel passato, problemi a quei tubi contribuirono a incidenti simili, come nel volo Air France 447 e nel volo Air Algérie 5017.[73][58]

L'agenzia indonesiana di meteorologia, climatologia e geofisica (BMKG) riferì che il cielo era limpido al momento dell'incidente, con venti a 5 nodi (9,3 km/h) da nord-ovest. La visibilità era buona e non erano presenti cumulonembi.[73] Il comandante dell'ospedale militare dove furono portati i corpi recuperati dal mare, Musyafak, affermò che il loro esame permise di escludere come causa dell'incidente un'esplosione o un incendio a bordo dell'aereo.

Anomalie di voloModifica

 
Velocità e altitudine del volo 610

Esperti di aviazione notarono che c'erano alcune anomalie in altitudine e velocità del volo 610. A soli tre minuti dopo il decollo, il capitano chiese al controllore di volo il permesso di rientrare all'aeroporto a causa di problemi di controllo.[74] Circa otto minuti dopo, i dati trasmessi automaticamente dall'aeromobile mostravano una discesa a circa 5 000 piedi (1 500 m), ma la sua altitudine continuava a fluttuare. Il valore medio dei dati relativi alla velocità trasmessa fu di circa 300 nodi (560 km/h), considerato dagli esperti insolito, poiché, in genere, gli aerei ad altitudini inferiori a 10 000 piedi (3 000 m) sono limitati a una velocità di 250 nodi (460 km/h). Dieci minuti dopo, i dati registrarono un'ulteriore discesa di oltre 3 000 piedi (910 m). L'ultima altitudine registrata dall'aeromobile fu di 2 500 piedi (760 m).[75][76]

Le scoperte di novembreModifica

Il 5 novembre, l'NTSC annunbciò che il Boeing 737 MAX era ancora intatto al momento dell'impatto con il mare ad alta velocità, citando la dimensione relativamente piccola dei detriti e la loro contenuta dispersione. Lo schianto fu così potente che la parte più rinforzata del velivolo fu completamente disintegrata.[77] L'NTSC affermò anche che i motori del volo 610 erano ancora in funzione quando si schiantò in mare.[78] Un ulteriore esame degli strumenti del velivolo rivelò che uno degli indicatori di velocità aveva funzionato male nei suoi ultimi quattro voli.[79]

Il 7 novembre, l'NTSC confermò l'esistenza di problemi ai sensori dell'angolo di attacco (AOA) del Boeing. Pensando che avrebbe risolto il problema, gli ingegneri di Bali avevano sostituito uno dei sensori, ma il problema era persistito sul penultimo volo, da Denpasar a Giacarta. Pochi minuti dopo il decollo, l'aereo aveva effettuato una brusca picchiata. L'equipaggio, tuttavia, era riuscito a mantenere il controllare l'aeromobile e aveva deciso di volare ad un'altitudine inferiore a quella utilizzata normalmente. Nei controlli dopo l'atterraggio a Giacarta, era stata registrata una differenza di venti gradi tra le letture del sensore AOA sinistro e destro.[80] Il capo dell'NTSC, Soerjanto Tjahjono, dichiarò alla stampa che le relazioni o le azioni future, attuate per prevenire problemi simili su altri velivoli, sarebbero state decise dalla Boeing e dalle autorità aeronautiche statunitensi.[81]

Il 28 novembre, gli investigatori indonesiani affermarono che il jet della Lion Air non era nelle condizioni di aeronavigabilità al momento dell'incidente. Diversi parenti delle vittime dello schianto itnentarono cause contro la Boeing.[82]

La relazione preliminareModifica

Il 28 novembre, il National Transportation Safety Committee (NTSC) pubblicò un preliminary report.[83] Dopo problemi a velocità e altitudine, un sensore dell'angolo di attacco era stato sostituito a Bali e testato due giorni prima dell'incidente.[84] Erronee indicazioni sulla velocità erano ancora presenti sul volo successivo del 28 ottobre, ed era apparso un assetto automatico dei trim verso il basso.[84] La checklist per problemi ai trim era stata eseguita, i motori dello stabilizzatore elettrico erano stati spenti e il volo aveva continuato con il dispositivo regolato manualmente; i problemi erano stati segnalati dopo l'atterraggio.[84] Poco dopo il decollo del 29 ottobre, i problemi relativi all'altitudine e alla velocità erano continuati a causa dei dati errati provenienti dal sensore dell'angolo di attacco, e il sistema di aumento delle caratteristiche di manovra (MCAS) aveva comandato un assetto dei trim verso il basso, portando l'aereo in picchiata.[84] L'equipaggio aveva ripetutamente cercato di sollevare l'aereo negli ultimi dieci minuti del volo.[84] Il rapporto preliminare non indica se fosse stata eseguita la procedura di runaway stabilizer ai trim o se gli interruttori dello stabilizzatore elettrico fossero stati premuti durante il volo dell'incidente.[84]

Leeham News, che tratta principalmente le problematiche di Airbus, Boeing, Bombardier ed Embraer, riferì che l'equipaggio non era a conoscenza del fatto che la checklist dello spegnimento del motore dei trim (procedura di "runaway stabilizer") disattivasse anche il MCAS.[85]

Boeing enfatizzò il successo della risoluzione dei problemi condotta il 28 ottobre, il giorno prima dell'incidente, come prova del fatto che il MCAS non aveva modificato le procedure di spegnimento del motore dei trim. Sottolineò anche l'esistenza di procedure per annullare le modifiche di assetto verso il basso comandate dal MCAS.[86][87]

Il registratore dei dati di voloModifica

Il 21 gennaio 2019, l'NTSC annunciò che non avrebbe rilasciato la trascrizione dal registratore vocale del cockpit (CVR) trovato una settimana prima, fino alla pubblicazione del rapporto finale.[88] A seguito dell'incidente del volo Ethiopian Airlines 302 del 10 marzo 2019 avvenuto in circostanze quasi identiche, i dati del CVR del Lion Air 610 vennero condivisi con gli altri investigatori.[89] I media, citando fonti anonime, riferirono che nelle registrazioni i piloti menzionavano diversi problemi, cercando di risalire e controllando il manuale di riferimento rapido per una soluzione[90]. L'NTSC negò queste affermazioni, ma dichiarò che i piloti iniziarono a farsi prendere dal panico alla fine del volo.[91]

Il final reportModifica

L'NTSC pubblicò il final report sull'incidente il 25 ottobre 2019. Tale rapporto elenca nove fattori contribuenti all'accaduto.[92] Essi sono definiti come azioni, omissioni, eventi, condizioni o una loro combinazione, che, se eliminati, evitati o assenti, avrebbero ridotto la probabilità dell'incidente o mitigato la gravità delle sue conseguenze.[93] La presentazione si basa sull'ordine cronologico e non per mostrare il grado di contributo.

  1. Durante la progettazione e la certificazione del Boeing 737-8 (MAX), sono state fatte ipotesi riguardo ad azioni dell'equipaggio in risposta a eventuali guasti che, sebbene coerenti con le attuali linee guida del settore, si sono rivelate errate.
  2. Sulla base delle ipotesi errate riguardo alle risposte dell'equipaggio e di una revisione incompleta degli effetti associati, l'affidamento del MCAS a un singolo sensore AOA è stato ritenuto appropriato e ha soddisfatto tutti i requisiti di certificazione
  3. Il MCAS è stato progettato per fare affidamento su un singolo sensore AOA, rendendolo vulnerabile a input errati da quel singolo dispositivo.
  4. L'assenza di linee guida sul MCAS e l'assenza di una spiegazione più dettagliata sull'uso del trim nei manuali di volo e nell'addestramento dell'equipaggio, ha reso più difficile una risposta adeguata dei piloti agli errori del MCAS.
  5. L'avviso AOA DISAGREE non è stato abilitato e progettato correttamente durante lo sviluppo del Boeing 737-8 (MAX). Di conseguenza, non è mai apparso durante i voli con il sensore mal calibrato, non è mai stato documentato dagli equipaggi e, a causa di questo, non è mai stato reso noto alla manutenzione per aiutarla a identificare la sua cattiva calibrazione.
  6. Il sensore AOA sostitutivo installato sull'aereo coinvolto nell'incidente era stato tarato male durante una precedente riparazione. L'errata calibrazione non è stata rilevata.
  7. L'inchiesta non è stata in grado di determinare se il test di installazione del sensore AOA è stato eseguito correttamente.
  8. La mancanza di documentazione nel registro di volo e in quello di manutenzione dell'aeromobile riguardo ai continui stick shaker[94] e alla procedura di disattivazione dei motori dei trim elettrici, significava che le informazioni non erano disponibili né per gli operai della manutenzione a Giacarta né per i piloti degli aerei, rendendo più difficile per ciascuno di loro intraprendere le azioni appropriate.
  9. I molteplici allarmi, le ripetute attivazioni del MCAS e le distrazioni relative a numerose comunicazioni con i controllori di volo non sono state gestite in modo efficace. Ciò è stato causato dalla difficoltà della situazione nella quale si trovavano e aggravato dalle prestazioni nella gestione manuale del volo, nell'esecuzione di NNC (Non-Normal checklists) e nelle comunicazioni tra l'equipaggio, portando a una gestione inefficace dell'elevato carico di lavoro. Queste prestazioni erano state precedentemente identificate durante l'addestramento e sono riapparse durante il volo dell'incidente.

ConseguenzeModifica

Le reazioniModifica

Potenziali causeModifica

I motori CFM International LEAP del 737 MAX hanno un rapporto di bypass più elevato e una struttura più grande rispetto ai motori dei precedenti modelli Boeing 737, quindi sono posizionati più in alto e più avanti sull'ala. Ciò destabilizza il beccheggio dell'aeromobile, portandolo ad angoli di attacco (AoA) più elevati a causa di una modifica dell'aerodinamica. Per far fronte a questo, Boeing ha progettato un sistema di aumento delle caratteristiche di manovra (MCAS) per la serie 737 MAX.[95] Alcuni ex ingegneri della Boeing hanno espresso l'opinione che i comandi di picchiata, se innescati dal singolo errore del sensore, siano da considerare un difetto di progettazione se l'equipaggio non è stato preparato a dovere; la FAA stava valutando una correzione al possibile difetto e stava indagando se l'addestramento di "conversione" dei piloti fosse adeguato.[96] Un malfunzionamento del sensore AOA potrebbe indurre erroneamente il sistema MCAS a ritenere che l'aereo stia stallando, causando l'abbassamento del muso del velivolo per riprendersi da uno stallo inesistente, anche se il 737 si trova in volo livellato.[97]

Gli avvertimenti della FAAModifica

Il 7 novembre, sulla base delle informazioni preliminari raccolte nelle indagini sull'incidente aereo di Lion Air, la Federal Aviation Administration (FAA) emise una direttiva di aeronavigabilità di emergenza (AD) che impose che le modifiche operative e le procedure relative alla ricezione di dati errati provenienti dal sensore AOA dovessero essere inserite nel manuale di volo di ciascun 737 MAX ed esortò tutte le compagnie aeree operanti con tale velivolo a prestare attenzione agli avvertimenti.[98][99][100]

Il 25 ottobre 2019, dopo il rilascio del final report da parte dell'NTSC, la FAA revocò la certificazione alla Xtra Aerospace LLC con sede in Florida, Stati Uniti, responsabile del montaggio del sensore dell'angolo di attacco sospettato di essere uno dei fattori causanti l'incidente.[101]

Le preoccupazioni dei pilotiModifica

Durante l'addestramento, i piloti di American Airlines e di Southwest Airlines, che si "convertivano" dai precedenti Boeing 737 Next Generation ai nuovi 737 MAX, non erano informati del MCAS.[102] Nel novembre 2018, la rivista Aviation Week visionò il manuale di un 737 MAX e scoprì che non menzionava in alcun modo il MCAS.[103] Anche l'Allied Pilots Association di American Airlines e l'associazione dei piloti della Southwest Airlines si dissero colte di sorpresa.[104] Il Wall Street Journal riferì che Boeing aveva deciso di non divulgare maggiori dettagli agli equipaggi a causa della preoccupazione di inondare i piloti con troppe informazioni.[105]

Il 15 novembre, la US Air Line Pilots Association (ALPA), il più grande sindacato di piloti, in rappresentanza di 61.000 di loro, sollecitò la FAA e l'NTSB a garantire che i piloti ricevessero tutte le informazioni che affrontavano una "potenziale, significativa carenza di sicurezza del sistema dell'aereo".[106] La filiale di United Airlines di ALPA non fu d'accordo, poiché il manuale dei 737 includeva una procedura standard per arrestare il comportamento anomalo durante il volo, e respinse le implicazioni del MCAS nell'incidente, indicandole come "speculazioni" basate sull'avvertimento di sicurezza di Boeing e la successiva direttiva di aeronavigabilità della FAA.[107]

La difesa di BoeingModifica

In un messaggio interno del 19 novembre 2018, il CEO di Boeing, Dennis Muilenburg, difese il manuale operativo per l'equipaggio, dicendo che veniva descritta la funzione del MCAS.[108] Il 20 novembre, Boeing avrebbe dovuto tenere una teleconferenza con gli operatori dei 737 MAX per spiegare il MCAS, non presente nei modelli Next Generation.[109] La teleconferenza fu annullata in seguito, per essere sostituita da una serie di chiamate regionali per consentire ulteriori domande.[110]

Il 25 ottobre 2019, dopo il rilascio del final report da parte dell'NTSC, il presidente e CEO di Boeing, Dennis Muilenburg, rispose:

«Stiamo affrontando le raccomandazioni di sicurezza del KNKT (NTSC) e stiamo prendendo provvedimenti per migliorare la sicurezza dei 737 MAX per evitare che le condizioni di volo anomale che si sono verificate in questo incidente non si ripetano mai più. La sicurezza è un valore duraturo per tutti in Boeing e la sicurezza del pubblico, dei nostri clienti e degli equipaggi a bordo dei nostri aerei è sempre la nostra massima priorità. Apprezziamo la nostra partnership di lunga data con Lion Air e non vediamo l'ora di continuare a lavorare insieme in futuro»

Nel gennaio 2020, alcuni messaggi interni tra i dipendenti della Boeing rivelarono di aver deriso Lion Air con volgarità, sminuendo la compagnia aerea per aver richiesto, nel 2017, una formazione aggiuntiva al simulatore per i loro piloti di Boeing 737 MAX, citando che la compagnia gemella di Lion, Malindo Air, stava già operando da tempo con tale tipo di velivolo.[111][112]

Le ripercussioniModifica

Secondo quanto riferito, il co-fondatore ed ex CEO di Lion Air, Rusdi Kirana, attualmente ambasciatore indonesiano in Malesia, prese in considerazione l'idea di annullare l'eccezionale ordine di 190 Boeing per Lion Air - del valore di circa 22 miliardi di dollari statunitensi a prezzi di listino - rispetto a quello che considerava un tentativo di Boeing di incolpare Lion Air per l'incidente.[87]

Il 31 dicembre, la famiglia del primo ufficiale intentò una causa contro Boeing, rivendicando negligenza da parte del costruttore dell'aereo. La vertenza affermava anche che i sensori del velivolo avevano fornito dati errati, causando un improprio coinvolgimento del sistema anti-stallo, e che Boeing non aveva fornito istruzioni adeguate ai piloti su come gestire la situazione

Nel marzo 2019, le famiglie delle vittime riferirono di alcune irregolarità, affermando che Lion Air le spinse a rinunciare ai loro diritti di chiedere un ricorso legale in cambio di un esiguo risarcimento.[113]

Un secondo incidenteModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Volo Ethiopian Airlines 302.

Il 10 marzo 2019, un altro Boeing 737 MAX 8 della Ethiopian Airlines (marche ET-AVJ[89]), precipitò poco dopo il decollo da Addis Abeba; tutte le 157 persone a bordo perirono nello schianto. L'accaduto sollevò ulteriori preoccupazioni circa la sicurezza dei 737 MAX e culminò con la messa a terra di tutti i Boeing 737 MAX per un periodo di tempo indefinito.[114][115][116][117]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 737 MAX 8 PK-LQP Tanjung Bungin, su aviation-safety.net. URL consultato il 7 giugno 2020.
  2. ^ Leonard Berberi, Indonesia, aereo caduto: il primo incidente del Boeing 737 Max, su corriere.it, 29 ottobre 2018. URL consultato il 2 novembre 2018.
  3. ^ Boeing 737 Max, Europa blocca i voli. Usa: «Non ci sono basi per stop aereo», su ilmessaggero.it, 12 marzo 2019. URL consultato il 2 novembre 2018.
  4. ^ (EN) PK-LQP | Boeing 737-8 MAX | 43000, su JetPhotos. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  5. ^ (EN) PK-LQP Lion Air Boeing 737 MAX 8, su www.planespotters.net. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  6. ^ Lion Airlines PK-LQP (Boeing 737 NG / Max - MSN 43000) | Airfleets aviation, su www.airfleets.net. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  7. ^ (ID) Lion Air Datangkan Pesawat Baru Boeing 737 MAX 8 ke-10, su Tribunnews.com. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  8. ^ (EN) Factbox: 'Black boxes' the focus of probe in Indonesia's Lion Air crash, in Reuters, 30 ottobre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  9. ^ Euan McKirdy, Devianti Faridz and Sheena McKenzie CNN, Officials fear all 189 people on plane that crashed in Indonesia were killed, su CNN. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  10. ^ Indonesia: 'No survivors' after Lion Air flight crashes into sea, su www.aljazeera.com. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  11. ^ Harro Ranter, Aviation Safety Network > ASN Aviation Safety Database > ASN Aviation Safety Database results, su aviation-safety.net. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  12. ^ (EN) Delhi captain among 189 dead in Lion Air plane crash was expected home for Diwali, su Hindustan Times, 29 ottobre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  13. ^ (EN) Family of Lion Air co-pilot sues Boeing in Chicago over fatal crash, in Reuters, 28 dicembre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  14. ^ Andrea Manfredi, morì nell'incidente aereo in Indonesia: la sua famiglia fa causa alla Boeing, su Il Fatto Quotidiano, 2 novembre 2019. URL consultato il 7 giugno 2020.
  15. ^ Cade un aereo in Indonesia, un giovane toscano fra i 189 morti. URL consultato il 5 novembre 2018.
  16. ^ Indonesia: cade un aereo con 189 persone, nessun superstite. A bordo anche un italiano - Asia, in ANSA.it, 29 ottobre 2018. URL consultato il 5 novembre 2018.
  17. ^ (EN) Social media identifies mystery crash couple, in BBC News, 30 ottobre 2018. URL consultato il 5 novembre 2018.
  18. ^ (EN) hermesauto, Lion Air crash: Search and rescue efforts under way for sunken plane with 189 people on board, su The Straits Times, 29 ottobre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  19. ^ Indonesia, aereo cade in mare dopo il decollo: 189 morti, c'è anche un italiano, su repubblica.it, 29 ottobre 2018. URL consultato il 2 novembre 2018.
  20. ^ (EN) James Massola, Karuni Rompies, Amilia Rosa & Jenny Noyes, 'All dead': Lion Air flight crashes in Indonesia, su The Canberra Times, 29 ottobre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  21. ^ (EN) Naaman Zhou, Michael Safi e Hannah Ellis-Petersen, Lion Air crash: officials say 189 onboard lost flight JT610 – as it happened, in The Guardian, 29 ottobre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  22. ^ (EN) Incidente Lion Air: proseguono le ricerche delle scatole nere dell'aereo, su avionews.com, 30 ottobre 2018. URL consultato il 2 novembre 2018.
  23. ^ (EN) Passenger plane crashes in sea off Jakarta, in BBC News, 29 ottobre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  24. ^ (EN) The Thaiger, The Nation, No plane, no flight data recorder - search & recovery continue off Jakarta, su The Thaiger, 31 ottobre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  25. ^ Aereo con 189 persone a bordo si schianta dopo il decollo, su iltempo.it, 29 ottobre 2018. URL consultato il 2 novembre 2018.
  26. ^ (ID) Danu Damarjati, Pesawat Lion Air Hilang Kontak Usai 13 Menit Terbang, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  27. ^ (ID) Danu Damarjati, Lacak Lion Air di Karawang, Basarnas Kirim 3 Kapal dan 1 Helikopter, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  28. ^ (ID) Pihak Pertamina Sebut Pesawat Lion Air JT610 Jatuh di Dekat Fasilitasnya, su Tribunnews.com. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  29. ^ (ID) Luthfiana Awaluddin, Petugas Pertamina Lepas Pantai di Karawang Kaget Lihat Lion Air Jatuh, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  30. ^ (ID) Nur Azizah Rizki, Puing Pesawat Lion Air Ditemukan di Perairan Karawang, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  31. ^ (EN) Indonesia divers steps up hunt for air crash victims and wreckage, su CNBC, 30 ottobre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  32. ^ (EN) Muktita Suhartono e Hannah Beech, Indonesia Plane Crash Adds to Country’s Troubling Safety Record, in The New York Times, 28 ottobre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  33. ^ (ID) Nur Azizah, Banyak Korban di Pesawat Lion Air, Basarnas Fokus di Penyelaman, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  34. ^ (ID) Nur Azizah, Evakuasi Lion Air JT 610 Terkendala Arus Deras dan Jarak Pandang, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  35. ^ (EN) Indonesian passenger plane crashes into the sea, su France 24, 29 ottobre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  36. ^ (ID) Nur Azizah Rizki Astuti, Ini Daftar dan Pembagian Tugas Kapal-Heli Pencari Lion Air JT 610, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  37. ^ (ID) Haris Fadhil, Ini Peta Lokasi Pencarian Pesawat Lion Air JT 610, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  38. ^ (ID) Luthfiana Awaluddin, Tim SAR Perluas Area Pencarian Korban Lion Air hingga Indramayu, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  39. ^ (ID) Arief Ikhsanudin, Total 33 Kantong Jenazah Korban Lion Air Dibawa ke RS Polri, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  40. ^ (ID) Matius Alfons, Pencarian Black Box Lion Air, Ping Locator Sempat Dapat Suara Samar, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  41. ^ (EN) Ben Otto and I. Made Sentana, Indonesia Hunts Seabed for Crashed Lion Air Jetliner, in Wall Street Journal, 30 ottobre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  42. ^ Euan McKirdy and Ivan Watson CNN, Lion Air crash: Investigators detect 'pings' which could lead to flight recorders, su CNN. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  43. ^ Euan McKirdy, Jo Shelley and Ivan Watson CNN, Lion Air plane's landing gear and part of aircraft body found, su CNN. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  44. ^ (ID) Matius Alfons, Bagian Black Box Lion Air PK-LQP yang Ditemukan Adalah FDR, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  45. ^ (EN) 'Black box' retrieved from Lion Air jet, in BBC News, 1º novembre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  46. ^ (EN) Ben Otto and Gaurav Raghuvanshi, Investigators Download 69 Hours of Data From Crashed Lion Air Jet, in Wall Street Journal, 4 novembre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  47. ^ Disastro aereo Lion Air: morto un sub durante le ricerche - Mayday24, in Mayday24, 4 novembre 2018. URL consultato il 4 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2018).
  48. ^ (EN) Ben Otto and Gaurav Raghuvanshi, Investigators Download 69 Hours of Data From Crashed Lion Air Jet, in WSJ. URL consultato il 5 novembre 2018.
  49. ^ Disastro aereo Lion Air: trovata fusoliera e captato il segnale della seconda scatola nera - Mayday24, in Mayday24, 4 novembre 2018. URL consultato il 4 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2018).
  50. ^ (ID) Audrey Santoso, Hari ke-7 Evakuasi Lion Air PK-LQP, 175 Penyelam Dikerahkan, in detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  51. ^ (ID) Audrey Santoso, Operasi SAR Lion Air Diperpanjang 3 Hari, Fokus Evakuasi dan CVR, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  52. ^ (EN) Indonesia further extends search for bodies from Lion Air crash, in Channel NewsAsia. URL consultato l'8 novembre 2018.
  53. ^ (EN) Lion Air Search: CVR No Longer Transmitting Signals, su Tempo, 1º gennaio 1970. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  54. ^ (EN) The Jakarta Post, Indonesia wraps up Lion Air crash victim identification, su The Jakarta Post. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  55. ^ (EN) Steve Creedy, Lion Air funds new search for cockpit voice recorder - Airline Ratings, in Airline Ratings, 14 dicembre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  56. ^ (EN) Search for cockpit voice recorder of crashed Lion Air resumes in Indonesia, su The Nation, 20 dicembre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  57. ^ (ID) Lisye Sri Rahayu, CVR Lion Air Diangkat dari Dasar Laut yang Tertutup Lumpur 8 Meter, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  58. ^ a b (EN) Lion Air crash: Singapore offers assistance to Indonesia; no reports of Singaporeans on board, su CNA. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  59. ^ a b c (EN) The Jakarta Post, Boeing, US govt teams on way to join Lion Air crash investigation, su The Jakarta Post. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  60. ^ a b c (EN) Andy Pasztor and Andrew Tangel, WSJ News Exclusive | Indonesia to Fault 737 MAX Design, U.S. Oversight in Lion Air Crash Report, in Wall Street Journal, 22 settembre 2019. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  61. ^ (EN) Indonesia finds design flaw, oversight lapses in 737 MAX crash: WSJ, in Reuters, 23 settembre 2019. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  62. ^ Bloomberg - Are you a robot?, su www.bloomberg.com. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  63. ^ Bloomberg - Are you a robot?, su www.bloomberg.com. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  64. ^ (EN) 737 MAX Archives, su CFM International. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  65. ^ Pengakuan Penumpang Lion Air PK-LQP Denpasar-Jakarta: Semua Teriak Allahuakbar, su www.msn.com. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  66. ^ (ID) Indah Mutiara Kami, Lion Air PK-LQP Lapor Sinyal Urgen Pan-pan di Malam Sebelum Jatuh, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  67. ^ (ID) Elvan Dany Sutrisno, Ini Dugaan Masalah Lion Air PK-LQP di Malam Sebelum Jatuh di Karawang, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  68. ^ (ID) Indah Mutiara Kami, Kesaksian Penumpang Soal Masalah di Lion Air Denpasar-Jakarta, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  69. ^ (EN) The Jakarta Post, Investigators must examine Lion Air's claim to have resolved technical problem: Expert, su The Jakarta Post. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  70. ^ (EN) Indonesia plane crash: Lion Air CEO Edward Sirait says aircraft had technical problem in previous flight, su The Financial Express, 29 ottobre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  71. ^ (EN) Pilot Who Hitched a Ride Saved Lion Air 737 Day Before Deadly Crash, su www.bloomberg.com. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  72. ^ (EN) The Jakarta Post, KNKT confirms presence of third pilot who saved earlier Lion Air flight, su The Jakarta Post. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  73. ^ a b (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Airbus A330-203 F-GZCP São Pedro and São Paulo Archipelago, su aviation-safety.net. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  74. ^ (EN) The crashed Lion Air black box has been recovered: reports, su NewsComAu, 31 ottobre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  75. ^ (ID) Sebelum Jatuh, Lion Air JT 610 Terbang dengan Speed 340, Pilot Senior: Itu Tak Masuk Akal, su Tribun Bali. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  76. ^ (ID) Fajar Pratama, Ketinggian Naik-Turun, Lion Air JT 610 Diduga Terbang Terlalu Cepat, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  77. ^ (ID) Analisa KNKT: Pesawat Lion Air PK-LQP Langsung Pecah dan Terbelah Saat Menghantam Air Laut, su Tribunnews.com. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  78. ^ (ID) Okezone, KNKT: Mesin Pesawat Lion Air Masih Hidup saat Menyentuh Air : Okezone Nasional, su https://nasional.okezone.com/, 5 novembre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  79. ^ (ID) Adhi Indra Prasetya, KNKT: Airspeed Indicator Lion Air PK-LQP Rusak di 4 Flight Terakhir, su detiknews. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  80. ^ (ID) KNKT Curigai Kerusakan AOA Penyebab Lion Air PK-LQP Jatuh, su nasional. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  81. ^ (EN) The Thaiger, Crashed Lion Air 737 had damaged air-speed indicators, su The Thaiger, 7 novembre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  82. ^ (EN) Agencies, Lion Air jet was not airworthy on flight before crash, Indonesia investigators say, in The Guardian, 28 novembre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  83. ^ (EN) NTSC, Lion Air 610 preliminary report (PDF), su knkt.dephub.go.id.
  84. ^ a b c d e f (EN) Boeing Statement on Lion Air Flight 610 Preliminary Report, su MediaRoom. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  85. ^ (EN) About 40% of MAX fleet now grounded-but not by FAA, su Leeham News and Analysis, 12 marzo 2019. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  86. ^ (EN) Lion Air Interim Report Highlights Confusion And Dysfunction | Aviation Week Network, su aviationweek.com. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  87. ^ a b (EN) Exclusive: Lion Air ponders cancelling Boeing jets in row over crash - sources, in Reuters, 4 dicembre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  88. ^ (EN) No public details on crashed Lion Air voice recorder until final report: Indonesian official, in Reuters, 22 gennaio 2019. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  89. ^ a b (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 737 MAX 8 ET-AVJ Addis Ababa-Bole Airport (ADD), su aviation-safety.net. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  90. ^ (EN) Cindy Silviana, Jamie Freed and Tim Hepher Reuters, Panic, surrender: Doomed Lion Air jet pilot's last words revealed in recovered recording, su ABS-CBN News. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  91. ^ (EN) Official: 3rd pilot helped on next-to-last Lion Air flight, su The Public's Radio, 21 marzo 2019. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  92. ^ (EN) Final report NTSC Lion Air 610 (PDF), su knkt.dephub.go.id.
  93. ^ (EN) Series of failures behind Boeing Lion Air crash, in BBC News, 25 ottobre 2019. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  94. ^ Lo stick shaker si attiva, nei modelli di aereo nei quali è installato, se viene rilevato uno stallo aerodinamico. Consiste nella continua vibrazione delle barre di comando di entrambi i piloti. Relativamente ai 737 MAX, questo avvertimento si attiva erroneamente a causa del guasto al sensore dell'angolo di attacco al quale il MCAS è collegato.
  95. ^ (EN) leehamcoeu, Boeing’s automatic trim for the 737 MAX was not disclosed to the Pilots, su Leeham News and Analysis, 14 novembre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  96. ^ (EN) FAA evaluates a potential design flaw on Boeing’s 737 MAX after Lion Air crash, su The Seattle Times, 14 novembre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  97. ^ (EN) Flawed analysis, failed oversight: How Boeing, FAA certified the suspect 737 MAX flight control system, su The Seattle Times, 17 marzo 2019. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  98. ^ (EN) FAA issues 737 MAX emergency AD, su Australian Aviation, 7 novembre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  99. ^ (EN) FAA, Emergency airworthiness directive by FAA (PDF), su flightradar24.com.
  100. ^ (EN) FAA Urges Airlines to Follow Boeing's Advice After 189 People Killed in 737 MAX Crash, su Time. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  101. ^ (EN) U.S. FAA revokes certification of Xtra Aerospace after Lion Air crash, in Reuters, 25 ottobre 2019. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  102. ^ (EN) U.S. pilots flying 737 MAX weren’t told about new automatic systems change linked to Lion Air crash, su The Seattle Times, 12 novembre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  103. ^ (EN) Pilots Unaware Of 737 Max’s Automatic Stall-Prevention System | Aviation Week Network, su aviationweek.com. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  104. ^ (EN) Jon Hemmerdinger, Airline industry rushes to understand nuances in 737 Max systems, su Flight Global. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  105. ^ (EN) What is the Boeing 737 Max Maneuvering Characteristics Augmentation System?, su The Air Current, 14 novembre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  106. ^ (EN) ALPA asks regulators to address 737 Max safety concerns, in Flight Global. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  107. ^ (EN) Dispute arises among U.S. pilots on Boeing 737 MAX system linked to Lion Air crash, su The Seattle Times, 16 novembre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  108. ^ (EN) Boeing CEO disputes MCAS details "intentionally withheld" from airlines - The Air Current, su theaircurrent.com. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  109. ^ Bloomberg - Are you a robot?, su www.bloomberg.com. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  110. ^ (EN) Boeing delays call to discuss issues with its newest plane, su AP NEWS, 21 novembre 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  111. ^ (EN) Sinéad Baker, A Boeing employee called Lion Air, the airline in the first 737 Max crash, 'idiots' for asking to have its pilots trained in flying the plane, Business Insider - Business Insider Singapore, su www.businessinsider.sg. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  112. ^ (EN) Boeing Mocked Lion Air Calls for More 737 Max Training Before Crash, su www.bloomberg.com. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  113. ^ (EN) Hannah Beech e Muktita Suhartono, Lion Air Crash Families Say They Were Pressured to Sign No-Suit Deal, in The New York Times, 21 marzo 2019. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  114. ^ (EN) Rob Picheta CNN, Ethiopian Airlines crash is second disaster involving Boeing 737 MAX 8 in months, su CNN. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  115. ^ (EN) Kent German, As new Boeing CEO takes over, it's unclear when the 737 Max will fly again, su CNET. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  116. ^ (EN) Thomas Kaplan, Ian Austen e Selam Gebrekidan, Boeing Planes Are Grounded in U.S. After Days of Pressure, in The New York Times, 13 marzo 2019. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  117. ^ (EN) Gregory Wallace and Rene Marsh CNN, Airlines expect 737 MAX grounding to last nearly a year, su CNN. URL consultato il 29 febbraio 2020.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica