Volo Ukraine International Airlines 752

abbattimento aereo in Ucraina nel 2020
Volo Ukraine International Airlines
Ukraine International Airlines Flight 752 (4).jpg
I resti del velivolo dopo l'incidente.
Tipo di eventoAbbattimento da parte di un sistema missilistico Tor lanciato dal corpo delle guardie della rivoluzione islamica (IRGC)
Data8 gennaio 2020
Ora06:18 UTC+3:30
LuogoVicino a Parand
StatoIran Iran
Coordinate35°29′06″N 50°57′06″E / 35.485°N 50.951667°E35.485; 50.951667
Numero di voloPS752
Tipo di aeromobileBoeing 737-8KV
OperatoreUkraine International Airlines
Numero di registrazioneUR-PSR
PartenzaAeroporto Internazionale di Teheran-Imam Khomeini, Teheran, Iran
DestinazioneAeroporto di Kiev-Boryspil', Kiev, Ucraina
Occupanti176
Passeggeri167
Equipaggio9
Vittime176
Feriti0
Sopravvissuti0
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Iran
Volo Ukraine International Airlines 752
Dati estratti da Aviation Safety Network[1]
voci di incidenti aerei presenti su Wikipedia

Il volo Ukraine International Airlines 752 è stato un collegamento aereo di linea tra Teheran (OIIE) in Iran e Kiev (UKBB) in Ucraina. L'8 gennaio 2020, il Boeing 737-800 con marche UR-PSR[1] che effettuava il servizio, veniva abbattuto pochi minuti dopo il suo decollo dall'aeroporto internazionale di Teheran-Imam Khomeini[2][3], uccidendo i 176 a bordo, fra cui 9 componenti l'equipaggio. Tale avvenimento lo pone tra i più gravi incidenti in territorio iraniano dopo quello del volo Iran Air 655 abbattuto dall'incrociatore statunitense USS Vincennes, il 3 luglio 1988, facendo 290 morti e del volo del guardie della rivoluzione islamica precipitato il 19 febbraio 2003 con 275 morti. È anche il primo incidente della compagnia Ukraine International Airlines.[4]

Il contestoModifica

L'incidente è avvenuto nel corso di una crisi diplomatica tra Iran e Stati Uniti d'America, culminata qualche giorno prima con l'uccisione a Baghdad del generale Qasem Soleimani da parte di un aeromobile a pilotaggio remoto statunitense. L'11 gennaio 2020, dapprima il presidente iraniano Hassan Rouhani con un laconico comunicato su Twitter[5], cui ha fatto seguito, con una conferenza stampa, il comandante generale della Forza aerospaziale del Corpo delle guardie della rivoluzione islamica, il generale di brigata Amir Ali Hajizadeh, hanno infine ammesso di aver abbattuto per errore il velivolo ucraino, scambiandolo per un mezzo militare ostile (missile da crociera) dopo giorni di tergiversazioni e a seguito di pressioni internazionali canadesi ed ucraine sulla vicenda.[6][7][8][9][10][11] La crisi diplomatica si è estesa alla Gran Bretagna poiché l'ambasciatore britannico a Teheran, Rob Macaire, è stato arrestato dalla polizia locale dopo aver partecipato ad una veglia di preghiera proprio per le vittime del volo UIA 752; l'ambasciatore ha riferito di essersi recato alla veglia per omaggiare le vittime tra le quali tre cittadini britannici, ma di essersi immediatamente allontanato quando sono iniziati canti di protesta, nondimeno è stato bloccato mentre era già diretto all'ambasciata e trattenuto per mezz'ora[12][13]. In seguito alle proteste oltre 30 dimostranti sono stati arrestati e si parla di uso di armi contro i dimostranti, nonostante le autorità parlino di "tolleranza verso dimostrazioni legali"[14]. La vicenda ha anche generato reazioni nel giornalismo iraniano; tre donne in diversi ruoli nella rete pubblica iraniana Irib e in altre testate hanno dato le dimissioni con frasi come "Scusatemi, ho mentito per 13 anni", ed agenzie danno come causa scatenante proprio la censura imposta ai media relativamente alla vicenda dell'abbattimento[15], e reazioni simili si sono manifestate in vari settori della società iraniana.

L'incidenteModifica

L'aereo partì alle 6:12:47 con un'ora di ritardo sull'orario previsto, nonostante il comandante della forza aeronautica delle Guardie rivoluzionarie Amir Ali Hayizadeh avesse chiesto la sospensione di tutti i voli in concomitanza con l'attacco missilistico alle basi USA in Iraq[16]; il pilota chiese alla torre dopo il decollo di variare la quota di volo a 2700 m; quello che a questo punto è acclarato come impatto con il missile avvenne alle 6:14:45[16]. Il contatto radar con l'aeromobile veniva perso a 7 925 piedi (2 415 m) di altezza; alle ore 6:28 l'aereo precipitava al suolo in un parco cittadino distruggendosi lungo una traiettoria che suggeriva che l'aereo stesse facendo rientro all'aeroporto; le due scatole nere venivano ritrovate leggermente danneggiate nell'involucro esterno.[1]

Le indaginiModifica

Le autorità iraniane alle quali l'ICAO assegna l'autorità a condurre le investigazioni[1] in un primo momento hanno annunciato che non consegneranno le scatole nere alle autorità statunitensi (NTSB - National Transportation Safety Board, che peraltro non essendo l'aereo registrato negli USA o atterrato o decollato dagli Stati Uniti non avrebbe comunque giurisdizione, ma potrebbe solo essere esplicitamente invitato) o alla Boeing, casa costruttrice del velivolo[17]. Le scatole nere sono state, secondo dichiarazioni di Ali Abedzadeh, direttore dell'Organizzazione dell'aviazione civile iraniana, danneggiate nell'urto; sempre secondo Abedzadeh l'aereo volava a quota 8000 piedi diretto a ovest, quando ha virato per rientrare all'aeroporto di partenza[17].

Nell'immediatezza e nei giorni successivi sono state formulate varie ipotesi sul probabile abbattimento del velivolo a causa di uno o più missili, vista la tempistica che si colloca poco dopo le 2:42 UTC, alcune ore dopo l'inizio dell'attacco missilistico iraniano a due basi statunitensi in Iraq[18][19]. Anche le autorità ucraine dopo una iniziale aderenza all'ipotesi di guasto ai motori, hanno cambiato l'atteggiamento ufficiale in una attesa delle risultanze dell'inchiesta che "non esclude missili e neanche terrorismo"[20]; l'inchiesta peraltro dovrebbe vedere tecnici ucraini "autorizzati a partecipare".

Dopo le iniziali varie voci sempre più insistenti e le successive affermazioni di fonti accreditate da parte USA, canadesi e britanniche sull'abbattimento dell'aereo con un missile da parte iraniana, probabilmente un SA-15 di fabbricazione russa, l'Ucraina ha chiesto di poter inviare dei suoi tecnici a cercare dei frammenti di missile tra i rottami, e l'Iran ha invitato la Boeing a partecipare alle indagini pur confermando decisamente di smentire le ipotesi di abbattimento[17].

L'11 gennaio le forze armate iraniane hanno rilasciato un comunicato in cui hanno ammesso l'errore umano dietro lo schianto del velivolo, colpito da un missile iraniano. Fonti iraniane hanno rivelato che è stata la guida suprema Ali Khamenei ad ordinare la divulgazione delle vere cause del disastro.[6][21] Il generale Amir Ali Hajizadeh si è preso la piena responsabilità dell'accaduto, mentre il ministro degli esteri Mohammad Javad Zarif ha accusato gli Stati Uniti d'America di essere la causa indiretta della tragedia, per il clima di tensione generatosi in seguito all'uccisione del generale Soleimani.[6][21] In ogni caso l'assunzione di responsabilità da parte iraniana, posteriore alla diffusione di concrete e pesanti prove da parte di varie fonti, ha innescato una serie di proteste di piazza da parte degli studenti al grido di "Abbasso i bugiardi" e "morte al dittatore", complice anche il fatto che molti degli iraniani e canadesi con doppio passaporto presenti sul volo abbattuto erano giovani emigrati dal paese[22][23].

In effetti già alcune analisi del 9 gennaio avevano evidenziato come la traiettoria dell'aereo lo avrebbe portato sopra una base di addestramento di un gruppo operazioni speciali dei Pasdaran a Shahrabad-e Ilat[24][25], e rilevato come tra questa e l'aeroporto Imam Khomeini da cui era partito il volo fosse dislocata una batteria di missili antiaerei Tor-1; foto con residui di testate di questo tipo di missile erano già state pubblicate il 12 gennaio 2020 ma in attesa di conferma sulla loro veridicità e geolocalizzazione[24]; le ammissioni iraniane in merito non specificano il tipo di missile; un nuovo video di una telecamera di sicurezza ha rivelato il lancio di due missili piuttosto che uno come valutato inizialmente mentre l'autore del video precedentemente diffuso tra i media è stato arrestato dalle Guardie Rivoluzionarie; secondo le fonti ufficiali i missili sarebbero stati lanciati perché l'aereo è stato scambiato per un missile da crociera[14][26].

Il 20 gennaio l'Iran ha ribadito ufficialmente l'intenzione di non consegnare le scatole nere in quanto intenzionato ad analizzarle presso proprie installazioni, e ha dichiarato che comunque, se venisse deciso di spedirle all'estero, la scelta ricadrebbe su Ucraina o Francia.[27]

Il 2 febbraio, un canale televisivo ucraino ha trasmesso una registrazione delle comunicazioni tra un pilota di un volo di Iran Aseman Airlines e un controllore del traffico aereo iraniano. Il pilota avrebbe riferito (in persiano) di aver visto un lampo simile all'esplosione di un missile in cielo. Dopo la fuga di notizie, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che le nuove prove dimostravano che l'Iran era ben consapevole fin dai primi momenti che l'aereo era stato abbattuto da un missile.[28] Per questo motivo, il giorno seguente, l'Iran ha interrotto la cooperazione con l'Ucraina nelle indagini sul disastro.[29]

Il 5 febbraio, il Canada ha esortato l'Iran a inviare il registratore di dati di volo e il registratore vocale di cabina in Francia.[30] L'Iran ha rifiutato.[31]

Il 15 febbraio, l'Iran ha ripreso a cooperare con l'Ucraina nelle indagini sul disastro, concordando dove sarebbero stati inviati i registratori di volo per l'analisi.[32]

Il 12 marzo, l'Iran ha accettato di consegnare le scatole nere all'Ucraina.[33] Tuttavia, la pandemia COVID-19 ha ritardato indefinitamente la consegna, che a maggio non è ancora avvenuta.[34]

Il 23 agosto 2020 il governo iraniano ammise, dopo la decriptazione dei dati contenuti nelle scatole nere, che l'aereo fu abbattuto da due missili Tor-1 a distanza di 25 secondi l'uno dall'altro; viene inoltre ammesso l'errore umano da parte della base militare iraniana che fece partire i due missili, affermando che pensavano si trattasse di un missile da crociera. I dati registrati delle scatole nere sono, alla fine, stati inviati a tutti i paesi di origine dei passeggeri deceduti durante il volo (personale compreso). I dati sono ora in mano a: Ucraina, Iran, Francia, Regno Unito e Canada.

ConseguenzeModifica

Il 17 gennaio, il governo canadese ha annunciato che avrebbe dato 25.000 dollari canadesi ai parenti di ciascuno dei 57 cittadini canadesi e residenti permanenti che sono stati uccisi nell'incidente, tra loro c'era lo scienziato canadese Forog Khadem, il dottore immunologia[35][36] I fondi servivano a coprire bisogni immediati, come funerali e spese di viaggio. Tuttavia, il primo ministro canadese Justin Trudeau ha anche dichiarato di ritenere l'Iran finanziariamente responsabile.

Il 19 gennaio, i corpi di 11 cittadini ucraini sono stati restituiti al paese di origine in una solenne cerimonia all'aeroporto internazionale di Boryspil. Le bare, ciascuna coperta da una bandiera ucraina, venivano trasportate una ad una da un Il-76 militare ucraino della 25ª brigata.

Alla commemorazione hanno partecipato il presidente Zelensky, il segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale ucraino Oleksiy Danilov, il primo ministro Oleksiy Honcharuk, il presidente della Verkhovna Rada Dmytro Razumkov e altri funzionari e militari.[37][38]

ReazioniModifica

Il traffico aereoModifica

 
Commemorazione delle vittime all'aeroporto di Kiev-Boryspil'.
 
Commemorazione delle vittime.

Il disastro si è verificato nel mezzo di una crisi politica nel Golfo Persico, ore dopo che l'esercito iraniano aveva lanciato 15 missili contro le basi aeree militari statunitensi in Iraq in risposta all'attacco aereo all'aeroporto internazionale di Baghdad che ha ucciso il generale iraniano Qasem Soleimani. In risposta, la Federal Aviation Administration (FAA) degli Stati Uniti, in un avviso ai piloti (NOTAM), ha vietato a tutti gli aerei civili americani di sorvolare l'Iran, l'Iraq, il Golfo di Oman e il Golfo Persico.[39][40] Sebbene il NOTAM della FAA non fosse vincolante per le non statunitensi, molte compagnie aeree lo hanno preso in considerazione nella decisioni riguardanti la sicurezza, in particolare dopo l'abbattimento del volo Malaysia Airlines 17 nel 2014.[41][42] Diverse compagnie aeree, tra cui Austrian Airlines[43], Singapore Airlines[44], KLM[45], Air France[46], Air India, SriLankan Airlines[47], Qantas e Vietnam Airlines[48] hanno iniziato a ripianificare le loro rotte. Altre compagnie aeree, come Lufthansa, Emirates, Flydubai e Turkish Airlines hanno cancellato alcuni voli per aeroporti in Iran e Iraq e avrebbero apportato ulteriori modifiche operative, se ritenuto necessario.[49][50]

Ukraine International Airlines (UIA) ha sospeso i voli per Teheran a tempo indeterminato poco dopo l'incidente, rendendo indisponibili già quelli del giorno successivo. La sospensione ha inoltre ottemperato a un divieto emesso dall'amministrazione aeronautica statale ucraina per i voli nello spazio aereo dell'Iran per tutti gli aeromobili con numero di registrazione ucraino.[51] Dopo lo schianto, anche altre compagnie aeree, Air Astana e SCAT Airlines hanno dirottato i voli che stavano attraversando l'Iran.[52][53] Ciò ha fatto seguito a una raccomandazione del Ministero dell'Industria e dello sviluppo delle infrastrutture del Kazakistan, rilasciata alle compagnie kazake dopo l'incidente, allo scopo evitare di sorvolare lo spazio aereo iraniano e di cancellare i voli verso l'Iran.[54] Air Canada ha dirottato il suo volo Toronto-Dubai per sorvolare l'Egitto e l'Arabia Saudita anziché l'Iraq.[55]

IranModifica

Il governo e le guardie della rivoluzione islamicaModifica

L'11 gennaio, il Corpo delle guardie della rivoluzione islamica iraniana ha dichiarato di aver abbattuto l'aereo dopo averlo erroneamente identificato come bersaglio ostile.[56] Il presidente Rouhani ha definito l'incidente un "errore imperdonabile".[57] Il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif si è scusato per il disastro e ha aggiunto che la conclusione preliminare dell'indagine interna delle forze armate è stata un "errore umano".[58]

Il 17 gennaio, il leader supremo iraniano Ali Khamenei, nel suo primo sermone di venerdì in otto anni, ha difeso l'uccisione accidentale dei passeggeri da parte delle Guardie rivoluzionarie[59] e ha elogiato l'operazione Martyr Soleimani per aver dato uno "schiaffo in faccia" agli Stati Uniti. Il suo sermone arrivò mentre la rabbia pubblica aumentava contro il governo per la loro gestione dell'incidente.[60]

Nell'aprile 2020, un parlamentare iraniano, il portavoce del comitato giudiziario del parlamento iraniano, ha dichiarato che l'esercito iraniano "ha svolto bene le sue funzioni", aggiungendo che "il movimento dell'aereo era molto sospetto" e che non erano stati fatti arresti in relazione all'incidente.[61][62]

Proteste anti governativeModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Proteste in Iran del 2019-2020.
 
Memoriale all'Università di Amirkabir. Sopra i fiori e le candele, si può leggere "qual è il costo delle bugie?".[63]

L'11 gennaio, in risposta all'ammissione del governo, migliaia di manifestanti si sono riversati nelle strade di Teheran e di altre città iraniane come Isfahan, Shiraz, Hamadan e Urmia.[64] I videoclip su Twitter mostrano i manifestanti a Teheran che cantano "Morte al dittatore", un riferimento al leader supremo Ali Khamenei.[65]

Più tardi lo stesso giorno, una grande folla di studenti si è radunata davanti alle università di Amirkabir e Sharif a Teheran, gridando slogan che condannavano l'inganno del governo riguardo all'incidente.[66][67] Gli iraniani in lutto hanno definito Qasem Soleimani un assassino e hanno strappato le sue foto, sconvolgendo l'apparenza della solidarietà nazionale che aveva seguito la sua morte.[68][69][70][71] La polizia antisommossa ha sparato gas lacrimogeni contro migliaia di manifestanti.[66] Questi hanno cantato che non avevano bisogno solo di dimissioni, ma anche di procedimenti giudiziari contro i responsabili.[72]

I residenti di Teheran hanno riferito a Reuters che la polizia era stata schierata nella capitale il 12 gennaio, con decine di manifestanti a Teheran che recitavano "Mentono che il nostro nemico è l'America, il nostro nemico è proprio qui", e decine di manifestanti si sono radunati anche in altre città.

Il principe ereditario iraniano Reza Pahlavi, in esilio, ha dichiarato che il leader supremo della Repubblica islamica Ali Khamenei è il responsabile dell'abbattimento.[73] Il quotidiano riformista iraniano Etemad ha pubblicato il titolo dello striscione "Scusarsi e dimettersi".

Amnesty International ha riferito il 15 gennaio che l'11 e il 12 gennaio le forze di sicurezza iraniane hanno usato gas lacrimogeni, pallini appuntiti e spray al peperoncino contro manifestanti che protestavano pacificamente contro il governo che mentiva sull'abbattimento dell'aereo passeggeri.[74]

Le famiglie delle vittimeModifica

Radio Farda ha riferito che, secondo un sito web persiano con sede a Zeytoun, gli agenti dell'intelligence iraniana hanno costretto le famiglie delle vittime a rilasciare interviste per la TV di stato, dichiarando il loro sostegno al governo iraniano, altrimenti non sarebbero stati consegnati i corpi delle vittime.[75]

A febbraio, a Toronto, una proposta di azione collettiva è stata presentata alla Corte superiore di giustizia dell'Ontario contro l'Iran, il leader supremo iraniano Ali Khamenei e vari rami dell'esercito iraniano, tra gli altri.[76][77] Gli avvocati delle famiglie delle vittime canadesi hanno chiesto un risarcimento di almeno 1,1 miliardi di USD.[78][79] Il 3 aprile 2020, le famiglie delle vittime hanno formato un'associazione a Toronto, nell'Ontario, in Canada, per seguire il caso in sede legale. Il portavoce dell'associazione, Hamid Esmaeilion, ha affermato che lo scopo dell'associazione è "portare alla giustizia gli autori del crimine, compresi quelli che lo hanno ordinato".[80]

I funeraliModifica

Le forze di sicurezza iraniane erano in allerta per non permettere alle persone di trasformare i funerali delle vittime di incidenti aerei in manifestazioni. Tuttavia, in alcune città iraniane come Esfahan e Sanandaj, i partecipanti hanno mostrato rabbia e hanno urlato slogan anti-governativi.[81] Il leader supremo Ali Khamenei ha elogiato le forze armate del paese e ha descritto i manifestanti "ingannati dai media stranieri".[82]

Gli arrestiModifica

Il 14 gennaio 2020, la magistratura iraniana ha annunciato che erano stati fatti diversi arresti per l'abbattimento accidentale dell'aereo. Il portavoce, Gholamhossein Esmaili, non ha nominato alcun sospetto né ha detto quanti sono stati detenuti.[83][84] In un discorso televisivo, il presidente Rouhani ha dichiarato che la magistratura riunirà un tribunale speciale con un giudice di alto rango e decine di esperti per supervisionare le indagini.[85]

Il 14 gennaio è stato annunciato che le autorità iraniane avevano arrestato la persona che aveva pubblicato un video dell'aereo abbattuto. Un giornalista iraniano di base a Londra che inizialmente ha pubblicato il filmato, ha insistito sul fatto che la sua fonte era al sicuro e che le autorità iraniane avevano arrestato la persona sbagliata.[86] Secondo la Tasnim News Agency e la semi-ufficiale Fars News Agency, le autorità iraniane stanno cercando la persona o le persone che hanno distribuito il video.[84]

UcrainaModifica

Il presidente Zelensky ha espresso le sue condoglianze ai parenti delle vittime[87] e ha interrotto la sua visita diplomatica in Oman. In seguito, ha aggiunto che diversi velivoli erano stati preparati a Kiev per recarsi a Teheran per trasportare le salme. Il 9 gennaio è stata istituita una giornata nazionale di lutto, con bandiere ucraine che a mezz'asta. Ha anche annunciato ispezioni non programmate su tutti gli aerei di linea nel paese e ha chiesto agli ucraini di astenersi dal visitare l'Iran e l'Iraq per il momento.[88] L'11 gennaio Zelensky ha dichiarato: "L'Ucraina insiste su una piena ammissione di colpa. Ci aspettiamo che l'Iran porti i responsabili alla giustizia, restituisca le salme delle vittime, paghi un risarcimento ed emetta scuse ufficiali. Le indagini devono essere complete, aperte e continuare senza ritardi o ostacoli".

Il 13 gennaio, il ministro degli Esteri ucraino, Vadym Prystaiko, ha affermato che cinque dei paesi che avevano cittadini a bordo dell'aereo di linea - Canada, Ucraina, Afghanistan, Svezia e un altro paese - si sarebbero incontrati a Londra il 16 gennaio per discutere di possibili azioni legali.[85]

CanadaModifica

Il ministro degli affari esteri canadese François-Philippe Champagne e il ministro dei trasporti Marc Garneau hanno entrambi espresso condoglianze alle famiglie delle vittime. Champagne ha annunciato di essere in contatto con il governo ucraino e Garneau che il Canada stava offrendo assistenza nelle indagini. Il primo ministro Justin Trudeau ha insistito sulla trasparenza e la giustizia per le famiglie delle vittime.[89] Il 14 gennaio, Trudeau ha dichiarato che le tensioni e l'escalation tra Iran e Stati Uniti sono state responsabili dell'accaduto.[90][91]

Il 31 marzo, il primo ministro Justin Trudeau ha annunciato la nomina di Ralph Goodale a consigliere speciale del governo canadese.[92] Goodale "esaminerà le informazioni apprese" dal volo 752, dal volo Ethiopian Airlines 302, dal volo Air India 182 e da altre catastrofi aeree e "svilupperà un quadro per guidare le risposte del Canada alle catastrofi aeree internazionali".[93]

Regno UnitoModifica

Il primo ministro Boris Johnson ha chiesto il rimpatrio dei corpi delle vittime e si è impegnato a lavorare con il Canada e l'Ucraina.[89]

L'ambasciatore del Regno Unito in Iran, Robert Macaire, era stato arrestato l'11 gennaio 2020 durante le proteste a Teheran con l'accusa di essersi unito alle manifestazioni contro il governo, ma è stato rilasciato poco dopo.[94][95] Ha negato questo e ha chiarito di aver partecipato a un evento pubblicizzato come una veglia per rendere omaggio alle vittime, e se n'era andato cinque minuti dopo che le persone avevano iniziato a cantare. Il governo britannico ha definito il suo arresto una "violazione del diritto internazionale". Macaire era stato arrestato 30 minuti dopo aver lasciato la veglia alla quale ha dichiarato di aver partecipato, secondo The Guardian.[96] Il giorno seguente, Macaire fu convocato al Ministero degli Affari Esteri, per spiegare la sua presenza durante la protesta.[97] Gli Stati Uniti hanno sollecitato il regime iraniano a presentare all'ambasciatore britannico delle scuse formali.[98]

NoteModifica

  1. ^ a b c d ASN Aircraft accident Boeing 737-8KV (WL) UR-PSR Sabashahr, su Aviation Safety Network, https://aviation-safety.net, 8 gennaio 2020.
  2. ^ Ukrainian airliner crashes near Tehran: Iranian media, su aljazeera.com. URL consultato l'8 gennaio 2020.
  3. ^ (EN) Ukrainian airliner crashes in Iran, killing all aboard, in Reuters, 8 gennaio 2020. URL consultato l'8 gennaio 2020.
  4. ^ (EN) Gareth Davies e Josh White, Iran plane crash: Ukraine refuses to rule out Boeing 737 was shot down by missile near Tehran killing 176, in The Telegraph, 8 gennaio 2020. URL consultato l'8 gennaio 2020.
  5. ^ (EN) Hassan Rouhani on Twitter: «Armed Forces’ internal investigation has concluded that regrettably missiles fired due to human error caused the horrific crash of the Ukrainian plane & death of 176 innocent people.
    Investigations continue to identify & prosecute this great tragedy & unforgivable mistake. #PS752
    »
    .
  6. ^ a b c Alberto Custodero, Iran, aereo abbattuto per "errore umano": è stato scambiato per un "velivolo ostile". Rohani: "Imperdonabile", in la Repubblica, 11 gennaio 2020.
  7. ^ (EN) Iran's Aerospace Force Commander Accepts Personal Responsibility For Downing Airliner, su Radio Farda dell’11 gennaio 2020.
  8. ^ (EN) Commander: Efforts to Precisely Probe into Ukrainian Plane Incident Reason for Delay in Releasing Information Archiviato il 12 gennaio 2020 in Internet Archive., su FARS News Agency dell’11 gennaio 2020.
  9. ^ (FA) فیلم کامل اظهارات سردار حاجی‌زاده درباره سقوط هواپیمای اوکراینی/ وقتی مطمئن شدم آرزوی مرگ کردم . Conferenza stampa integrale in persiano su FARS News Agency.
  10. ^ (EN) "I wished I could die": IRGC commander takes responsibility for Ukraine plane crash, conferenza stampa (con tagli) sottotitolato in inglese da GlobalNews
  11. ^ (EN) Iranian General Accepts "Full Responsibility" for Downing of Ukrainian Jetliner, conferenza stampa (con tagli) sottotitolato in inglese da QuickTake by Bloomberg.
  12. ^ https://www.msn.com/en-gb/news/world/british-ambassador-arrested-after-haircut-in-tehran-slams-iranian-authorities-for-his-illegal-detention/ar-BBYRJUq British ambassador arrested after haircut in Tehran slams Iranian authorities for his 'illegal' detention
  13. ^ https://www.ilmessaggero.it/mondo/iran_ambasciatore_gran_bretagna_arrestato_cosa_e_successo_ultimissime-4978409.html Iran, arrestato e rilasciato l’ambasciatore britannico Robert Macaire: accusato di «fomentare la protesta»
  14. ^ a b Iran makes arrests in plane shootdown, police crack down on protests, su reuters.com. URL consultato il 14 gennaio 2020.
  15. ^ 'Scusate ho mentito', lasciano tre giornaliste tv iraniane, su ansa.it. URL consultato il 15 gen 2020.
  16. ^ a b Aereo abbattuto in Iran, l'avviso "muto" e l'ordine mancato: ecco gli errori dietro il disastro, su ilmessaggero.it. URL consultato il accesso 12 gen 2020.
  17. ^ a b c https://www.agi.it/estero/aereo_ucraino_abbattuto_da_missili_iran-6857157/news/2020-01-09/
  18. ^ https://theaviationist.com/2020/01/08/ukrainian-737-crashes-shortly-after-take-off-from-tehran-unverified-video-of-burning-airliner-going-down-fuels-the-usual-speculations/
  19. ^ http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mediooriente/2020/01/09/aereo-ucraino-abbattuto-da-un-missile_7b668bce-0216-4fa2-8c52-c378385baafc.html
  20. ^ http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mediooriente/2020/01/09/aereo-caduto-kiev-non-esclude-missile_510e9f4b-b4ec-4bd0-a38b-dc07cc6f313f.html
  21. ^ a b (EN) Iran admits 'unintentionally' shooting down Ukrainian airliner, in The Guardian, 11 gennaio 2020.
  22. ^ Iranian Protests Reported After IRGC Admits Responsibility for Downed Plane, su voanews.com. URL consultato il 12 gennaio 2020.
  23. ^ https://torontosun.com/opinion/columnists/goldstein-iranians-now-furious-with-irans-government
  24. ^ a b Video Apparently Showing Flight PS752 Missile Strike Geolocated to Iranian Suburb, su bellingcat.com. URL consultato il 12 gennaio 2020.
  25. ^ https://www.google.com/maps/place/Shahrabad-e+Ilat,+Teheran,+Iran/@35.5448291,50.9799303,1443m/data=!3m1!1e3!4m5!3m4!1s0x3f8d8b1a3c0a4807:0x5d7e74b7c13fd472!8m2!3d35.5433499!4d50.98534
  26. ^ https://www.tellerreport.com/news/2020-01-15---media--iran-detained-the-author-of-the-video-with-a-blow-to-the-ukrainian-boeing-.HkIsWQ2g8.html Media: Iran detained the author of the video with a blow to the Ukrainian Boeing
  27. ^ Iran: le scatole nere rimangono da noi - "Non abbiamo in programma di spedirle ad altri Paesi", su avionews.it. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  28. ^ (EN) Leaked audio suggests Iran knew immediately when missile hit plane, su cbsnews.com. URL consultato il 1º giugno 2020.
  29. ^ (EN) Iran ends downed jet co-operation with Ukraine, in BBC News, 3 febbraio 2020. URL consultato il 1º giugno 2020.
  30. ^ (EN) Kayhan Life, Canada Urges Iran to Send Downed Plane's Black Boxes to France, su KAYHAN LIFE, 5 febbraio 2020. URL consultato il 1º giugno 2020.
  31. ^ (EN) Canada's Trudeau demands from Iran independent probe into downed airliner, in Reuters, 14 febbraio 2020. URL consultato il 1º giugno 2020.
  32. ^ (EN) Ukraine, Iran deciding where, when flight recorders to be decrypted | KyivPost - Ukraine's Global Voice, su KyivPost, 15 febbraio 2020. URL consultato il 1º giugno 2020.
  33. ^ (EN) Evidence From Downed Ukrainian Flight Poses More Puzzles About Crash, su RFE/RL. URL consultato il 1º giugno 2020.
  34. ^ (EN) Iran's COVID-19 crisis delaying planned transfer of Flight 752's black boxes to Europe, su cbc.ca.
  35. ^ FOROUGH KHADEM {PhD/16} 1981-2020, su give.umanitoba.ca.
  36. ^ Honouring alumna Dr. Forough Khadem, su news.umanitoba.ca.
  37. ^ (EN) Roman Tymotsko, Kyiv Boryspil International Airport unveils memorial to victims of PS752, su The Ukrainian Weekly. URL consultato il 7 maggio 2020.
  38. ^ (EN) Kyiv Airport Monument Unveiled In Memory Of Victims Of Iran Plane Shoot-Down, su RadioFreeEurope/RadioLiberty. URL consultato il 7 maggio 2020.
  39. ^ (EN) David Kaminski-Morrow, US bans Iranian and Iraqi overflights citing risk to aircraft, su Flight Global. URL consultato il 7 maggio 2020.
  40. ^ (EN) FAA bans US airlines flying over Iraq, Iran and Gulf after missile attacks, su South China Morning Post, 8 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  41. ^ (EN) Patrick Hatch, Qantas to divert some flights after Iran missile attack, su The Sydney Morning Herald, 8 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  42. ^ (EN) Airlines re-route flights away from Iraq, Iran airspace after missile attack on U.S. troops, su gulfnews.com. URL consultato il 7 maggio 2020.
  43. ^ (EN) Tara John, CNN, January 9 Iran plane crash news - CNN, in CNN, 9 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  44. ^ (EN) Singapore Airlines diverts all flights away from Iranian airspace after missile attack, su TODAYonline. URL consultato il 7 maggio 2020.
  45. ^ (EN) KLM stops flying over Iran and Iraq, su NL Times, 8 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  46. ^ (EN) Airlines avoiding flying through Iran and Iraq airspace, su France 24, 8 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  47. ^ (EN) SriLankan reroutes Colombo-London flights to avoid Iran, Iraq airspace, su adaderana.lk. URL consultato il 7 maggio 2020.
  48. ^ (EN) Vietnam Airlines Reroutes Flights Amid Middle East Unrest, su spirit.vietnamairlines.com. URL consultato il 7 maggio 2020.
  49. ^ (EN) Lufthansa cancels daily flight between Frankfurt and Tehran, in Reuters, 8 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  50. ^ (EN) Airlines re-route or cancel flights around Iraq, Iran after missile strike on U.S. troops, su NBC News. URL consultato il 7 maggio 2020.
  51. ^ (EN) Information for passengers of UIA suspended flights to/from Tehran – UIA (Ukraine), su FlyUIA. URL consultato il 7 maggio 2020.
  52. ^ (EN) Kazakhstan’s Air Astana suspends flights over Iraq, Iran, su Trend.Az, 8 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  53. ^ (EN) Kazakhstani air companies recommended to avoid flying over Iran, su akipress.com. URL consultato il 7 maggio 2020.
  54. ^ (EN) Kazakhstani air companies recommended to avoid flying over Iran, su m.akipress.com. URL consultato il 7 maggio 2020.
  55. ^ (EN) The Associated Press, Air Canada among carriers changing flight paths after Iran plane crash, su cbc.ca.
  56. ^ (EN) Under pressure, Iran admits it shot down jetliner by mistake, su AP NEWS, 11 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  57. ^ (EN) Iran admits 'unintentionally' shooting down plane, in BBC News, 11 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  58. ^ (EN) Plane Shot Down Because of Human Error, Iran Says, in The New York Times, 11 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  59. ^ (EN) Saeed Kamali Dehghan, Khamenei defends Iran's missile programme as UN concerns mount, in The Guardian, 30 marzo 2016. URL consultato il 7 maggio 2020.
  60. ^ (EN) Iran's Khamenei defends Revolutionary Guard in rare Friday sermon, su aljazeera.com. URL consultato il 7 maggio 2020.
  61. ^ (EN) Iranian MP: Iran military did well in downing Ukrainian plane, su Al Arabiya English, 6 aprile 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  62. ^ (EN) Iranian lawmaker praises downing of Ukrainian passenger plane | KyivPost - Ukraine's Global Voice, su KyivPost, 7 aprile 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  63. ^ Probabile citazione tratta dalla serie TV della HBO "Chernobyl".
  64. ^ (EN) Deutsche Welle (www.dw.com), Iran faces protests, international blowback after shooting down airliner | DW | 12.01.2020, su DW.COM. URL consultato il 7 maggio 2020.
  65. ^ (EN) Iran leaders face anger from protesters after Tehran admits missile error caused plane crash, su CNBC, 11 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  66. ^ a b (EN) 'Our enemy is here': Iran protesters demand that leaders quit after plane downed, in Reuters, 13 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  67. ^ (EN) Iran Protests & Demonstrations | Iran Protest News Today, su NCRI. URL consultato il 7 maggio 2020.
  68. ^ (EN) Iran's 'Unforgivable Mistake' Downing Jet Elicits Furor At Home And Abroad, su NPR.org. URL consultato il 7 maggio 2020.
  69. ^ (EN) Protesters in Iran condemn 'lies' on downed plane, in BBC News, 11 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  70. ^ (EN) Furious protesters call for Iran's Supreme Leader to step down in wake of downed Ukrainian plane, su France 24, 12 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  71. ^ (EN) Spencer Kimball, Trump tells Iranian protesters he stands with them and warns Tehran: 'The world is watching', su CNBC, 12 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  72. ^ (EN) Emma Graham-Harrison, ‘They killed our sons and daughters’: anger rises in Iran over Flight 752, in The Observer, 11 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  73. ^ (EN) Exiled Prince Says Khamenei Responsible For Downing Of Ukraine Airliner, su RFE/RL. URL consultato il 7 maggio 2020.
  74. ^ (EN) Iranian security forces crushed protests with brutal and unlawful force, su amnesty.org. URL consultato il 7 maggio 2020.
  75. ^ (EN) Plane Crash Victims' Families Complain Of Harassment By Iranian Officials, su RFE/RL. URL consultato il 7 maggio 2020.
  76. ^ (EN) ONTARIO SUPERIOR COURT OF JUSTICE, ONTARIO SUPERIOR COURT OF JUSTICE COMMERCIAL LIST PROCEEDING UNDER THE CLASS PROCEEDINGS ACT, 1992, su static1.squarespace.com.
  77. ^ (EN) Class Action - Ukraine International Airlines (UIA) Flight PS752, su Class Action - Ukraine International Airlines (UIA) Flight PS752. URL consultato il 7 maggio 2020.
  78. ^ (EN) Allison Martell (Reuters), Canadian lawyers file lawsuit against Iran over victims of downed Ukrainian plane, su reuters.com.
  79. ^ (EN) Canadian Lawyers File Lawsuit Against Iran Over Downing Ukrainian Plane, su Asharq AL-awsat. URL consultato il 7 maggio 2020.
  80. ^ (EN) Families of Victims Of Ukrainian Plane Shot Down By Iran Form Association, su RFE/RL. URL consultato il 7 maggio 2020.
  81. ^ (EN) Protesters Chant Anti-Regime Slogans At Funerals Of Iran Crash Victims, su RFE/RL. URL consultato il 7 maggio 2020.
  82. ^ (EN) Iran's Khamenei Defends Military Amid Anger Over Downed Plane, su RadioFreeEurope/RadioLiberty. URL consultato il 7 maggio 2020.
  83. ^ (EN) Michael Safi, Iran calls for UK ambassador to be expelled as arrests made over plane crash, in The Guardian, 14 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  84. ^ a b (EN) Ivana Kottasová, Chandler Thornton and Vasco Cotovio CNN, Iran makes arrests in connection to downing of Ukrainian jet, su CNN. URL consultato il 7 maggio 2020.
  85. ^ a b (EN) Iran detains suspects over Ukraine plane downing, in BBC News, 14 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  86. ^ (EN) Iran 'arrests person who filmed plane downing', in BBC News, 14 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  87. ^ (EN) We will not give to US crashed Ukrainian plane’s black boxes: Iran, su Arab News, 8 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  88. ^ (EN) UkrInform: Jan. 9 declared day of mourning in Ukraine | KyivPost - Ukraine's Global Voice, su KyivPost, 9 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  89. ^ a b (EN) Laura Kayali, Iran admits to shooting down Ukrainian plane in ‘error’, su POLITICO, 11 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  90. ^ (EN) Yaron Steinbuch, Canadian PM Justin Trudeau blames downing of Ukraine jet on US ‘escalation’, su New York Post, 14 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  91. ^ (EN) Agence France-Presse, Justin Trudeau: US escalation partly to blame for Iran plane deaths, in The Guardian, 14 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  92. ^ (EN) Ralph Goodale named special advisor to feds on Iran plane crash, su Global News. URL consultato il 7 maggio 2020.
  93. ^ (EN) The Prime Minister announces Special Advisor for Canada’s ongoing response to the Ukraine International Airlines tragedy, su pm.gc.ca.
  94. ^ (EN) Britain condemns Iran's arrest of UK ambassador, in BBC News, 12 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  95. ^ (EN) Iran briefly detains UK ambassador accused of taking part in 'illegal' rally, su France 24, 12 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  96. ^ (EN) Patrick Wintour Diplomatic editor, UK denounces Iran's arrest of ambassador amid protest row, in The Guardian, 12 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  97. ^ (EN) Iran summons British ambassador over 'inappropriate' behaviour after being detained, su The Independent, 12 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  98. ^ (EN) Iran arrests UK ambassador, US demands an apology, su gulfnews.com. URL consultato il 7 maggio 2020.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica