Apri il menu principale

Volo di Alessandro

tema iconografico allegorico dell'arte medievale, da un episodio del Romanzo di Alessandro dello Pseudo-Callistene
Alessandro si libra in volo, decorazione della torre del duomo di Fidenza
Il tema fantastico su un rilievo del portale della chiesa romanica di san Pietro e Paolo di Remagen

Il Volo di Alessandro è un episodio letterario fantastico della vita di Alessandro Magno, frutto di un'elaborazione avvenuta nell'ambito della tradizione letteraria del Romanzo di Alessandro dello Pseudo-Callistene. La popolarità dell'aneddoto letterario è strettamente legata alla fortuna medievale di quest'ultimo: l'evento, un viaggio immaginario, fu assorbito e trasceso quale tema iconografico allegorico nelle arti plastiche e figurative, alimentando un fenomeno di ricezione dell'antichità che rimanda soprattutto all'arte medievale dell'Occidente latino (con almeno 90 raffigurazioni[1]) e all'arte bizantina.

Dal punto di vista della genesi, l'episodio narrativo dell'ascesa al cielo di Alessandro Magno non appartiene, tuttavia, all'originale dell'opera, ma si rinviene in due versioni greche, conosciute attraverso due tardi testimoni manoscritti. Il racconto è tramandato in un solo ramo della tradizione testuale dello Pseudo-Callistene (la variante L della recensio β).

L'episodio non è menzionato nella versione latina fattane da Giulio Valerio (III o IV secolo[2]), mentre compare nella Historia de preliis Alexandri Magni, la versione latina medievale di Leone Arciprete di Napoli (X secolo) e in quelle da essa derivate. È con quest'ultima opera che del tema dell'ascensione al cielo si appropria la tradizione latina occidentale, artistica e letteraria[3].

Indice

Tema letterarioModifica

 
Il volo in una miniatura fiamminga dall'Histoire du bon roi Alexandre, XIII secolo (Kupferstichkabinett, Berlino)

Il tema iconografico si rifaceva a un episodio trionfale della vita del macedone, non appartenente alla tradizione della storiografia classica di Plutarco, Arriano e Curzio Rufo, ma elaborato dalla tradizione letteraria espressa dallo pseudo-Callistene, quello di un'ascensione in cielo compiuta da Alessandro Magno assiso su un velivolo: il congegno volante (ingenium), costituito da un trono (ma anche un cesto o paniere) nella tradizione occidentale e da un cocchio o una biga nella tradizione bizantina, viene trainato in cielo da due grifoni spinti a librarsi in volo con l'inganno, all'inseguimento di due esche di carne infilzate su due lance tese, da lui imbracciate con le braccia aperte[4].

La narrazione letteraria dell'ascensione in cielo di Alessandro Magno si rinviene in due sue tarde versioni greche in manoscritto: una è tramandata da un testimone del XV secolo conservato a Leida (Zacher L), l'altra da un manoscritto parigino (C, 1567). Nella tradizione occidentale, invece, il tema letterario è presente già nel X secolo, riportato nella Historia de preliis Alexandri Magni[5] di Leone di Napoli, diplomatico al servizio della corte di Giovanni III, Duca di Napoli e di suo figlio Marino II[6].

 
Il volo nel mosaico di Otranto.

Elaborazione iconograficaModifica

Le prime manifestazioni di questa iconografia risalgono al IX secolo, mentre la fortuna si prolungò per tutto il Medioevo, nell'Europa latina e nell'oriente bizantino, con numerose realizzazioni nella scultura, nella miniatura, nell'arazzeria, nelle arti suntuarie. Numerosi sono gli esempi in sculture e rilievi romanici, apposti sugli esterni delle chiese dell'epoca. La ricezione del tema nei manufatti scultorei si esaurì durante il XIII secolo, ma la sua persistenza continuò attraverso le miniature nei manoscritti medievali. In seguito, il tema fu ripreso perfino nell'arazzeria, come è il caso dei magnifici Arazzi di Alessandro Magno, di manifattura fiamminga della seconda metà del XV secolo, ora nella Villa del Principe a Genova[7]

La fortuna andò calando nel XVI secolo, quando un diffuso scetticismo mise in dubbio la storicità dei contenuti dell'opera letteraria sul condottiero macedone. Fu sotto l'Umanesimo che andò compiendosi la rimozione dell'episodio dalla tradizione letteraria, in uno dei tipici processi di "pulizia umanistica"[7] che tendevano a sfrondare la ricezione dell'antichità dagli elementi fantastici, leggendari, cavallereschi, che si ritenevano aggiunte posticce della tradizione medievale, rivolgendosi invece alle fonti antiche[7]. Nel caso del volo, l'operazione di "pulizia" e ritorno alle fonti antiche ha finito per compiere l'errore inconsapevole di escludere, dalla ricezione della letteratura greca su Alessandro, perché ritenuto apocrifo, un elemento che, seppur tramandato dalla tradizione medievale, si rifaceva, in realtà, a una genuina tradizione antica e perduta[7].

Diffusione e funzione allegorica nei diversi contestiModifica

La popolarità del tema lo portò a diffondersi in vari contesti geografici dell'Occidente latino, soprattutto Italia, Francia, e Germania.

Cristianità occidentaleModifica

 
Capitello della Cattedrale di Bitonto (fotografia di Paolo Monti, 1970)

Il tema fu riprodotto soprattutto in opere scultoree a rilievo che furono affisse sugli esterni delle chiese romaniche. Ne esistono anche rappresentazioni musive pavimentali, le cui espressioni sono tutte confinate in area pugliese (Taranto, Otranto, Trani)[8]. Tutte queste raffigurazioni sono interpretate dagli studiosi come delle allegorie anche se non l'interpretazione allegorica non è univoca: una corrente ritiene che l'episodio dell'ascensione profana in cielo si prestasse a valutazioni morali in chiave negativa (diverso, comunque, fu il trattamento che la Chiesa d'oriente riservò al volo del Kalòs basiléus; vedi infra). Secondo questa interpretazione, l'iconografia è da ritenere un'allegoria esemplare e ammonitoria della superbia[9] e della tracotanza (la hybris della tradizione classica[1]): il gesto temerario del macedone, additato come exemplum superbiae, veniva accostato alla stoltezza dei costruttori della Torre di Babele, al tragico volo di Simon Mago, al peccato originale di Adamo ed Eva[10], esempi di un ardire della conoscenza umana che si spinge fino a "travalicare i limiti delle possibilità umane"[11]. Questa negatività della figura del condottiero macedone si iscriveva nella lunga tradizione dei commentatori cristiani della Bibbia, che arrivarono perfino a prefigurare, in Alessandro Magno, un precursore dell'Anticristo e l'incarnazione di Satana[10].

 
Timpano della St Peter's Church, a Charney Bassett (Oxon)

Questa prospettiva negativa nell'interpretazione allegorica non è condivisa da tutti: è rigettata, ad esempio, da Victor Schmidt, secondo cui l'iconografia racchiuderebbe, invece, valori del tutto positivi, quale allegoria soteriologica della Salvezza dell'anima o dell'aspirazione dell'uomo al Paradiso[12]. In una prospettiva secolare, sempre secondo Schmidt, l'iconografia era considerata un'allegoria della forza[12].

Attestazioni iconografiche nell'Occidente latinoModifica
Italia
Esemplari orientali in Italia
 
Misericordia di uno scranno del coro nella Cattedrale di Chester
Francia
Area germanofona
Esemplari orientali in area germanica
Inghilterra
 
Rilievo al lapidario Museo nazionale di arte medievale di Korçë, in Albania
Albania
Spagna
Svizzera

Arte dell'oriente cristiano-ortodossoModifica

Significative sono le interpretazioni del tema espresse dalla sensibilità della cristianità orientale, in cui, a differenza che nell'occidente latino, all'ascensione di Alessandro veniva accordata una valenza positiva.

Il tema iconografico lo si ritrova, ad esempio, in un diadema d'arte bizantina dell'XI-XII secolo conservato al Museo di arte occidentale e orientale di Kiev, facente parte del nucleo originario della collezione Khanenko[30].

Il tema è riportato anche sul verso sigillo in piombo conservato al Museo dell'Hermitage di San Pietroburgo[31]. Da questa bulla plumbea può dedursi che il volo di Alessandro fosse presente anche su quelle medaglie dette costantinata[32], una sorta di amuleti o talismani profilattici con l'effigie di Costantino il Grande e Sant'Elena imperatrice a fianco della croce di Gesù[33].[31].

Sempre in funzione profilattica e apotropaica, lo stesso tema è presente su una panaghia (il medaglione portato al collo dai pope ortodossi) conservata al Monastero di Zaraj, in cui le due esche sono costituite da due piccoli quadrupedi[30].

Il volo di Alessandro è riprodotto poi in un rilievo, probabilmente del XII secolo, conservato in modo frammentario e collocato oggi nell'esonartece della Basilica di Santa Sofia di Istanbul[30].

Sempre a una provenienza orientale è da ricondurre il bassorilievo sul lato nord della Basilica di San Marco a Venezia, un manufatto importato da Costantinopoli e variamente datato tra il X e il XIII secolo[29].

L'immagine del volo è raffigurata in un rilievo nella chiesa ortodosso georgiana del Monastero di Khakhuli, nella regione storica del Tao, nella Georgia storica meridionale, ora in Turchia[34].

NoteModifica

  1. ^ a b c Eric M. Moormann e Wilfried Uitterhoeve, Miti e personaggi del mondo classico. Dizionario di storia, letteratura, arte, musica, 2004, p. 66.
  2. ^ L'opera di traduzione di Giulio Valerio (secondo alcuni collocabile alla fine del III secolo) è tradìta insieme all'Itinerarium Alexandri. Alcuni studiosi propendono per l'identificazione del traduttore col più tardo Giulio Valerio Polemio, del IV secolo, console romano nel 338, con Costanzo II)
  3. ^ Chiara Settis Frugoni, Historia Alexandri elevati per griphos ad aerem. (origine, iconografia e fortuna di un tema, Roma, 1973, pp. 5-11.
  4. ^ Chiara Frugoni, La fortuna di Alessandro nel Medioevo, 1995 (p. 168)
  5. ^ Questo è il titolo tradizionale, che risale a un incunabolo pubblicato a Strasburgo nel 1486. Il titolo originale, probabilmente, era Nativitas et victoria Alexandri Magni, come riportato nel testimone più antico, il codice Msc.Hist.3 della Biblioteca di Stato di Bamberga: si veda Paolo Chiesa, LEONE (Leone Arciprete), DBI - Volume 64 (2005)
  6. ^ Paolo Chiesa, LEONE (Leone Arciprete), Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 64 (2005), Istituto dell'Enciclopedia italiana Treccani.
  7. ^ a b c d e f Monica Centanni, Il lungo volo di Alessandro, in «engramma, la tradizione classica nella memoria occidentale», n. 113, gennaio-febbraio 2014
  8. ^ a b Luisa Derosa, Pavimenti musivi figurati di chiese romaniche pugliesi, Taranto: cattedrale, su Mondi medievali, 2004. URL consultato il 9 dicembre 2017.
  9. ^ Victor Michael Schmidt, A Legend and Its Image: The Aerial Flight of Alexander the Great in Medieval Art, 1995 p. 37
  10. ^ a b AA.VV., Alessandro Magno. Storia e mito (a cura di Antonino Di Vita e Carla Alfano), 1995, p. 320
  11. ^ a b Chiara Frugoni, L'età del comune - La cultura, i messaggi, la religione. Cap. V: Le espressioni d'arte. Le sculture, Storia di Venezia (1995),
  12. ^ a b Victor Michael Schmidt, A Legend and Its Image: The Aerial Flight of Alexander the Great in Medieval Art, 1995, pp. 65-69
  13. ^ Claudio Mutti, L'ascensione di Alessandro, in Carlo Saccone (a cura di), Alessandro/Dhû l-Qarnayn in viaggio tra i due mari, p. 132.
  14. ^ a b Émile Bertaux, Architecture apulienne au temps de Frédéric II, in Adriano Prandi (a cura di), L'art dans l'Italie méridionale. De la fin de L'Empire romain à la conquête de Charles d'Anjou, vol. 5, E. de Boccard, 1978, p. annotazione di aggiornamento a p. 676.
  15. ^ Chiara Settis Frugoni, La fortuna di Alessandro Magno dall'antichità al Medioevo, La Nuova Italia, 1978, p. 23.
  16. ^ a b c Giuseppe Magnini e Luigi Soldano, Un nuovo 'Volo di Alessandro' a Corato, in Puglia, in «engramma, la tradizione classica nella memoria occidentale», nº 124, febbraio 2015, ISBN 978-88-98260-69-0. URL consultato il 30 marzo 2016.
  17. ^ Rachele Carrino, Il mosaico pavimentale medioevale della cattedrale di Trani, in XLII Corso di Cultura sull'arte ravennate e bizantina. Ravenna: 1995 (CARB 42), Ravenna, 1996, pp. 175-214.
  18. ^ a b Chiara Frugoni, «Alessandro Magno», Enciclopedia dell'Arte Medievale (1991)
  19. ^ Francesco Gangemi, Su un antico portale umbro. I rilievi di Santa Maria Maggiore a Narni, in Enrica Neri Lusanna (a cura di), Umbria e Marche in età romanica. Atti del Convegno di Studi (Perugia, 13-14 giugno 2012), Todi, ediart, 2013. URL consultato il 29 marzo 2016.
  20. ^ a b La stella di Santa Apollonia e altre tracce di Alessandro il Grande a Venezia. 9.XII.2009 - Giornata di studi in Aula magna TolentiniIUAV, a cura di Maria Bergamo, Marco Paronuzzi, Giulio Testori, Laura Zanchetta, in «engramma, la tradizione classica nella memoria occidentale», n. 115, aprile 2014.
  21. ^ (EN) Roger Sherman Loomis, Alexander the Great's "Celestial Journey". Part. II (Conclusion). Western Examples, in The Burlington Magazine for Connoisseurs, XXXII, nº 182, maggio 1918, p. 177, JSTOR 860636.
  22. ^ (EN) Campbell Dodgson, Alexander's Journey to the Sky: A Woodcut by Schäufelein, in The Burlington Magazine for Connoisseurs, VI, nº 23, febbraio 1905, pp. 395-397+400-401, JSTOR 856195.
  23. ^ a b c d e (EN) Theo Jülich, Hubristic ascension, su Hessisches Landesmuseum Darmstadt, Darmstadt, 15 maggio 2014. URL consultato il 27 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 14 settembre 2016).
  24. ^ (DE) Sigrid Muller-Christensen, Sakrale Gewänder des Mittelalters, Munich, 1955, p. 14.
  25. ^ (EN) Nelson Dawson, Enamels, Londra, Methuen & Co. Ltd., 1912, p. 70, OCLC 697740625. URL consultato il 21 agosto 2016.
  26. ^ Anna Rosa Calderoni Masetti, Jannic Durand, Avinoam Shalem, Smalto, in Enciclopedia dell'arte medievale, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1999.
  27. ^ (EN) Roger Sherman Loomis, Alexander the Great's "Celestial Journey". Part. II (Conclusion). Western Examples, in The Burlington Magazine for Connoisseurs, XXXII, nº 182, maggio 1918.
  28. ^ (EN) G. Greenhill, Alexander the Great and His Celestial Journey, in Nature, nº 101, 13 giugno 1918), pp. 292-293, DOI:10.1038/101292b0.
  29. ^ a b XII-XIII secolo secondo Chiara Frugoni («Alessandro Magno», Enciclopedia dell' Arte Medievale, cit.); X-XI secolo, invece, secondo G. A. Mansuelli e C. Bertelli («ALESSANDRO III di Macedonia», Enciclopedia dell'Arte Antica, cit.)
  30. ^ a b c Chiara Frugoni, La fortuna di Alessandro nel Medioevo, 1995 (p. 162)
  31. ^ a b AA.VV., Alessandro Magno. Storia e mito (a cura di Antonino Di Vita e Carla Alfano), 1995, p. 324
  32. ^ AA.VV., Alessandro Magno. Storia e mito (a cura di Antonino Di Vita e Carla Alfano), 1995, p. 193
  33. ^ AA.VV., Alessandro Magno. Storia e mito (a cura di Antonino Di Vita e Carla Alfano), 1995, p. 328
  34. ^ Gianroberto Scarcia, Su un rilievo di Xaxuli con l'Ascensione di Alessandro e su qualche problema connesso, in Luigi Magarotto e Gianroberto Scarcia (a cura di), Georgica II. Materiali sulla Georgia Occidentale, Bologna, Il Cavaliere Azzurro, 1988, pp. 97-107.

BibliografiaModifica

Letteratura per ragazzi
  • Dario Fo, L'ascensione di Alessandro Magno portato in cielo da due grifoni, illustrazioni di Rachele Lo Piano, Sinnos, 2001, ISBN 9788886061544.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica