Volodymyr Zelens'kyj

politico, attore, sceneggiatore, regista, comico, 6º ed attuale presidente dell'Ucraina
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Zelenskyy" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Zelensky.
Volodymyr Zelens'kyj
Volodymyr Zelensky Official portrait.jpg
Ritratto ufficiale

Presidente dell'Ucraina
In carica
Inizio mandato 20 maggio 2019
Capo del governo Volodymyr Hrojsman
Oleksij Hončaruk
Denys Šmyhal'
Predecessore Petro Porošenko

Dati generali
Partito politico Servitore del Popolo
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università Economica Nazionale di Kiev
Firma Firma di Volodymyr Zelens'kyj

Volodymyr Oleksandrovyč Zelens'kyj[1] (in ucraino: Володимир Олександрович Зеленський?; IPA: [woloˈdɪmɪr olekˈsɑndrowɪdʒ zeˈlɛnʲsʲkɪj]; Kryvyj Rih, 25 gennaio 1978) è un politico, attore, regista, sceneggiatore e comico ucraino, dal 20 maggio 2019 presidente dell'Ucraina[2][3][4].

Nato e cresciuto a Kryvyj Rih in una famiglia di origine ebraica e di madrelingua russa,[5] Zelens'kyj si è laureato in giurisprudenza all'Università Economica Nazionale di Kiev, per poi cimentarsi nella carriera di attore. Ha fondato la casa di produzione Kvartal 95, che ha prodotto diversi film, cartoni animati e serie tv, tra cui Servitore del popolo, in cui lo stesso Zelens'kyj interpretava un professore del liceo inaspettatamente eletto presidente dell'Ucraina. Nel marzo 2018 alcuni dipendenti di Kvartal 95 hanno fondato un partito politico omonimo della serie, cavalcando la sua riscossa popolarità.

Il 31 dicembre 2018 Zelens'kyj ha annunciato la sua candidatura per le elezioni presidenziali del marzo successivo. Pur non avendo esperienza politica, la sua popolarità come comico e le sue posizioni anti-corruzione lo hanno posto fin da subito in testa nei sondaggi. Dopo essere risultato il candidato più votato al primo turno, il 21 aprile 2019 ha sconfitto al ballottaggio il presidente uscente Petro Porošenko con il 73% dei consensi. Identificatosi come populista, si è attestato su posizioni europeiste e anti-establishment.

Subito dopo l'elezione, come previsto dalla legge ucraina, ha sciolto il parlamento e indetto nuove elezioni per il luglio successivo, ampiamente vinte dal suo partito, che ha conquistato la maggioranza assoluta dei seggi. Da presidente, Zelens'kyj ha puntato sulla digitalizzazione dell'amministrazione e sulla conciliazione tra le aree russofone e quelle a maggioranza ucraina del Paese. La sua strategia comunicativa prevede un massiccio uso dei social network, in particolare Instagram. Durante la sua amministrazione ha affrontato la pandemia di COVID-19 e la conseguente crisi economica. Durante la fase iniziale del suo mandato, alcuni critici, seppur riconoscendogli progressi nella lotta alla corruzione, hanno espresso il timore che le sue riforme per ridurre l'influenza degli oligarchi sull'establishment politico potessero comportare una centralizzazione del potere nelle sue mani e crescenti pressioni sui partiti di opposizione, soprattutto quelli filo-russi.[6] Inoltre, durante il primo anno di mandato presidenziale di Zelens'kyj si sono raffreddati i rapporti con l'amministrazione Trump, investita dallo scandalo denominato Ucrainagate.

Durante la campagna elettorale presidenziale, Zelens'kyj aveva promesso che avrebbe trovato una soluzione alla crisi russo-ucraina, cominciata nel 2014 con l'annessione della Crimea alla Russia, non riconosciuta dalla comunità internazionale. Dopo l'elezione, ha inizialmente provato a stabilire relazioni diplomatiche con il presidente russo Vladimir Putin; tuttavia, le tensioni tra i due Paesi si sono acuite nel 2021, in seguito a numerose esercitazioni russe nelle vicinanze dei confini tra i due Paesi, e sono culminate dal febbraio 2022 con un'invasione su larga scala dell'esercito russo nel territorio ucraino. Durante il conflitto, Zelens'kyj ha guadagnato ampi consensi, sia in patria che all'estero, emergendo come figura simbolo della resistenza ucraina.[7][8]

BiografiaModifica

Famiglia e studiModifica

Zelens'kyj è nato il 25 gennaio 1978 a Kryvyi Rih, una città nella regione di Dnipropetrovs'k. I suoi genitori sono ebrei e tre suoi parenti furono vittime della Shoah, mentre suo nonno, durante la seconda guerra mondiale, combatté in una divisione di fanteria dell'Armata Rossa contro l'esercito tedesco.[9] Zelens'kyj ha rivelato che i suoi bisnonni erano stati uccisi dopo che le truppe tedesche avevano raso al suolo la loro casa.[10]

Entrambi i genitori hanno una formazione scientifica: il padre Oleksandr è un professore che dirige un dipartimento accademico di cibernetica e hardware informatico presso il Kryvyi Rih Institute of Economics; la madre, Rymma Zelens'ka, lavorava come ingegnere. La famiglia ha vissuto per quattro anni in Mongolia nella città di Erdenet, dove lavorava il padre. Volodymyr Zelens'kyj si è laureato nel 2000 in giurisprudenza presso il dipartimento della Università Economica Nazionale di Kiev, ma non ha mai esercitato la professione legale.

Carriera artisticaModifica

 
Spettacolo di Zelens'kyj (quarto da destra) con il gruppo comico Kvartal 95 nel 2018.

Fin dal 1997 lavora come attore e sceneggiatore nello studio cinematografico Kvartal 95 Club, diventandone poi nel 2003 direttore artistico. Nel 2011 è produttore generale del canale Inter TV, dal 2013 al 2019 è direttore artistico in Kvartal 95 Studio LLC.

Fondatore del centro giovanile League of Laughter della ONG, Zelens'kyj interpreta nel 2015 il ruolo di presidente ucraino nella serie televisiva Servitore del popolo (Sluha Narodu) in cui mette in scena un capo di Stato onesto, capace di superare in astuzia antagonisti e detrattori. La serie Tv vincerà il "WorldFest Remi Award" (USA, 2016), arriverà tra i primi quattro finalisti nella categoria dei film comici al "Seoul International Drama Awards" (Corea del Sud) e sarà insignita del premio "Intermedia Globe SILVER" nella categoria "Serie TV di intrattenimento" al "World Media Film Festival" di Amburgo.

Inizio della carriera politicaModifica

 
Zelens'kyj con il presidente uscente Poroshenko, suo sfidante alle elezioni presidenziali, durante un dibattito nel 2019.

Sulla scia del successo della serie televisiva, nel marzo 2018 nasce un partito politico omonimo creato dallo staff di Kvartal 95, produttrice della serie. A sei mesi dalle elezioni presidenziali del 2019 Zelens'kyj annuncia la sua candidatura per tale partito, ricevendo i favori del pubblico in base ai sondaggi di gradimento.[11][12]

In un'intervista del marzo 2019 con Der Spiegel, Zelens'kyj ha dichiarato di essere entrato in politica per ripristinare la fiducia nei politici e che voleva "portare al potere persone professionali e dignitose" e "vorrebbe davvero cambiare l'umore e il timbro dell'establishment politico, il più possibile".[13] La sua elezione è stata sostenuta dall'oligarca Ihor Kolomojs'kyj nonché ex governatore dell'oblast' di Dnipropetrovs'k.[14][15]

A partire dal 31 dicembre 2018, Zelens'kyj ha condotto una campagna presidenziale di successo,[16] quasi interamente virtuale per succedere al presidente in carica dell'Ucraina, Petro Porošenko, con meno di quattro mesi di tempo. Zelens'kyj ha vinto chiaramente sia il primo turno elettorale del 31 marzo[17] sia il ballottaggio del 21 aprile 2019.[18]

Zelens'kyj è stato eletto presidente dell'Ucraina il 21 aprile 2019, battendo Porošenko con il 73,22% dei voti contro il 25% del presidente in carica.[19] Il presidente polacco Andrzej Duda è stato uno dei primi leader europei a congratularsi con Zelens'kyj.[20] Il 22 aprile, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è congratulato al telefono con Zelens'kyj per la sua vittoria.[21] Anche il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker e il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk hanno emesso una lettera di congratulazioni congiunta, affermando che l'Unione europea lavorerà per accelerare l'attuazione del resto dell'accordo di associazione UE-Ucraina, compreso l'accordo di libero scambio globale e approfondito (DCFTA).[22]

Presidente dell'UcrainaModifica

 
Il discorso d'insediamento al Parlamento ucraino

Il 20 maggio 2019 presta giuramento come presidente dell'Ucraina. Filo-europeista, durante il suo messaggio di insediamento annuncia lo scioglimento anticipato della Verchovna Rada (Parlamento Ucraino),[23] motivandolo a causa della crisi politica creata all'interno della coalizione di forze politiche che appoggiava il governo di Volodymyr Hrojsman, sostenuto anche dall'ex presidente Petro Porošenko, maturata successivamente alle elezioni presidenziali.[24][25]

Poiché nell'ordinamento ucraino il Presidente non può promulgare leggi senza l'approvazione del Parlamento, e nel Parlamento insediato non v'era una maggioranza direttamente collegata al nuovo Presidente, Zelens'kyj decide di sciogliere il parlamento ed indire nuove elezioni. Il 20 giugno la Corte costituzionale dell'Ucraina ha proclamato legittimo lo scioglimento anticipato del Parlamento operato da Zelens'kyj il 20 maggio.[26]

Le elezioni anticipate (che non costituiscono in ogni caso una variazione temporale rispetto al normale rinnovo del Parlamento fissato nell'ottobre 2019)[27] si svolgono il 21 luglio 2019 con il partito di Zelens'kyj che ottiene il 44% dei voti, il più alto dal 1991, l'anno in cui l'Ucraina ha ottenuto l'indipendenza dall'Urss.[28] Il partito filo-russo di Viktor Medvedchouk, "Blocco di opposizione", si ferma all'11,5%, il partito "Solidarietà Europea" di Petro Poroshenko ha il 9%, il movimento politico dell'ex primo ministro Julija Tymošenko il 7%, il partito "Golos" (Voce), guidato dalla rockstar Svjatoslav Vakarčuk, il 6,3%.[28][29]

Il 29 agosto nomina ufficialmente alla carica di primo ministro Oleksij Hončaruk, che ottiene la fiducia dal parlamento. Hončaruk diviene il primo ministro più giovane della storia dell'Ucraina. Il Governo Hončaruk termina il 4 marzo 2020, a seguito delle dimissioni del capo del governo. Lo stesso giorno conferisce l'incarico di primo ministro a Denys Šmyhal', che ottiene la fiducia dalla Verchovna Rada.

L'abbattimento del Volo UIA 752Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Volo Ukraine International Airlines 752.

Il volo Ukraine International Airlines 752 è stato un collegamento aereo di linea tra Teheran (OIIE) in Iran e Kiev (UKBB) in Ucraina. L'8 gennaio 2020, il Boeing 737-800 con marche UR-PSR[30] che effettuava il servizio, veniva abbattuto pochi minuti dopo il suo decollo dall'aeroporto internazionale di Teheran-Imam Khomeini,[31][32] uccidendo i 176 passeggeri a bordo, fra cui 11 ucraini e 9 componenti l'equipaggio. È uno dei più gravi incidenti avvenuti in territorio iraniano dopo quello del volo Iran Air 655 del 3 luglio 1988, e del volo del guardie della rivoluzione islamica del 19 febbraio 2003.[33]

Il presidente ucraino Zelens'kyj si trovava nel vicino Oman per una visita ufficiale e a causa dell'incidente, l'8 gennaio 2020, l'ufficio presidenziale ha annunciato che avrebbe interrotto il suo viaggio.[34] Da subito il sito di notizie Internet Obozrevatel.com ha rilasciato informazioni che il 7 gennaio 2020, anche il politico ucraino di opposizione Viktor Medvedčuk è arrivato in Oman.[35]

Il 9 gennaio 2020, i giornalisti investigativi di Skhemy (Schemes: la corruzione nei dettagli) hanno riferito che l'arrivo del presidente è stato ritardato di quasi un giorno intero pubblicando le foto del suo arrivo.[36] Presto iniziarono a circolare voci secondo cui Zelens'kyj avrebbe dovuto avere altri incontri oltre a quelli ufficiali già in agenda,[37] ma il 14 gennaio 2020, Andriy Yermak ha respinto le voci come speculazioni e teorie del complotto infondate, mentre Medvedchuk ha affermato che l'aereo distrutto venne utilizzato dalla famiglia della figlia maggiore per volare dall'Oman a Mosca. Successivamente, Yermak ha contattato il quotidiano online Ukrainian Truth e ha fornito maggiori dettagli sulla visita in Oman del presidente e sull'incidente aereo in Iran.[38]

Zelens'kyj ha chiesto agli ucraini di astenersi dal visitare l'Iran e l'Iraq per il momento. L'11 gennaio il Corpo delle guardie della rivoluzione islamica iraniana ha dichiarato di aver abbattuto l'aereo dopo averlo erroneamente identificato come bersaglio ostile.[39]

Zelens'kyj quello stesso giorno ha dichiarato: "L'Ucraina insiste su una piena ammissione di colpa. Ci aspettiamo che l'Iran porti i responsabili alla giustizia, restituisca le salme delle vittime, paghi un risarcimento ed emetta scuse ufficiali. Le indagini devono essere complete, aperte e continuare senza ritardi o ostacoli".[40]

Crisi russo-ucraina del 2021-2022Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Crisi russo-ucraina.

Nell'aprile 2021, in seguito al trasferimento di numerose truppe russe ai confini con l'Ucraina, Zelens'kyj ha avuto dei colloqui telefonici con il presidente statunitense Joe Biden, spingendo per l'ingresso nella NATO del proprio Paese.[41]

 
Zelens'kyj nella regione di Donec'k nel giugno 2021

Il 26 novembre 2021, Zelens'kyj ha duramente attaccato Vladimir Putin e l'oligarca ucraino Rinat Achmetov, accusandoli di aver pianificato un colpo di stato ai suoi danni.[42] Sia il governo russo che il magnate hanno respinto le accuse.[43][44]

Nel gennaio 2022, dei rapporti dell'intelligence americana hanno evidenziato come fosse imminente un'invasione dell'Ucraina da parte della Russia. Nonostante l'ingente quantità di truppe russe ai confini, Zelens'kyj ha rassicurato la popolazione sull'improbabilità di un evento di tale portata, invitando i media a non ingigantire il rischio di un'invasione e a non provocare un'"isteria di massa".[45]

Il 21 febbraio, in un discorso alla nazione, Putin ha inaspettatamente riconosciuto l'indipendenza dei territori separatisti di Doneck e Lugansk, annunciando di aver autorizzato una missione di peacekeeping nei territori indipendentisti, ufficialmente per garantire la sicurezza delle popolazioni russofone.[46][47] Il giorno dopo, le truppe russe hanno occupato le regioni del Donbass controllate dai separatisti. Il 24 febbraio, Zelens'kyj ha tenuto in diretta tv un discorso, sia in ucraino che in russo, in cui ha invitato i cittadini russi ad esprimere dissenso contro la guerra nei confronti del loro governo. Nel discorso, ha fermamente respinto le accuse, mossegli dall'omologo russo Vladimir Putin, di legami con il neonazismo, evidenziando come egli sia di origine ebraica, e ha negato di aver pianificato di attaccare le regioni russofone del Donbass.

Il conflittoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Invasione russa dell'Ucraina del 2022.
 
Zelens'kyj durante un discorso alla nazione

Nonostante numerosi incontri e tentativi di negoziati tra esponenti del governo russo e i principali leader europei, il 24 febbraio l'esercito russo ha dato inizio all'invasione dell'Ucraina, preceduta da massicci bombardamenti sulle principali città. Zelens'kyj ha proclamato l'entrata in vigore della legge marziale e ha dato il via alla mobilitazione di massa, con l'arruolamento volontario nell'esercito dei cittadini maggiorenni in grado di combattere. Con numerosi messaggi pubblicati sui social, Zelens'kyj ha affermato di non volersi allontanare da Kiev, assediata dalle truppe russe, e di aver rifiutato un salvacondotto, messogli a disposizione dagli Stati Uniti, che gli avrebbe permesso di rifugiarsi a Leopoli.[48][49] Il 28 febbraio, a conflitto ancora in corso, ha firmato la richiesta di adesione dell'Ucraina all'Unione europea, inizialmente prevista per il 2024.[50]

Nelle prime fasi del conflitto, Zelens'kyj ha guadagnato ampi consensi, sia in patria che nei Paesi occidentali, per la sua leadership e per le sue strategie comunicative, in grado di compattare il fronte occidentale contro Russia e Bielorussia.[51][52][53][54][55][56][57] Diverse testate giornalistiche occidentali lo hanno definito "eroe nazionale" ed "eroe globale".[58][59][60][61] il Guardian e BBC News hanno evidenziato come, per la sua ferrea risposta all'invasione, anche i suoi oppositori politici gli abbiano rivolto elogi.[62][63] Ha inoltre riportato in auge il saluto Slava Ukraini! ("Gloria all'Ucraina!"), diffuso durante la guerra fredda tra gli oppositori del regime sovietico in Ucraina, come simbolo di resistenza e patriottismo.[64] Al febbraio 2022, secondo i sondaggi sociologici, l'indice di fiducia a Zelens'kyj nel suo Paese era al 93%, quando nei mesi immediatamente precedenti alla guerra oscillava tra il 30 e il 40%.[65] Numerosi Paesi europei (Repubblica Ceca, Slovacchia, Lettonia, Lituania e Polonia) e gli Stati Uniti d'America hanno conferito a Zelens'kyj le più alte onorificenze;[66][67][68][69][70] tra cui il Premio Ronald Reagan per la Libertà ed il Premio John F. Kennedy per il Coraggio.[71][72] Dall'altro canto, in Russia la sua immagine è stata ampiamente screditata: Vladimir Putin, in un discorso del 25 febbraio, ha definito il governo di Zelens'kyj come una "banda di nazisti e tossicodipendenti", accusandolo inoltre di essere una marionetta nelle mani dell'Occidente.[73]

Posizioni politicheModifica

Politica esteraModifica

Nell'ottobre 2020 ha parlato a sostegno dell'Azerbaigian per quanto riguarda la guerra del Nagorno-Karabakh tra l'Azerbaigian e gli azeri di etnia armena sulla regione contesa del Nagorno-Karabakh. Zelens'kyj ha affermato: "Sosteniamo l'integrità territoriale e la sovranità dell'Azerbaigian proprio come l'Azerbaigian sostiene sempre la nostra integrità e sovranità territoriale".[74]

Zelens'kyj ha cercato di posizionare l'Ucraina come uno Stato neutrale nelle tensioni politiche e commerciali tra Stati Uniti e Cina. Nel gennaio 2021, Zelens'kyj ha dichiarato in un'intervista ad Axios di non percepire la Cina come una minaccia geopolitica e di non condividere la tendenza negli Stati Uniti a considerarla quella principale.[75]

Sulla questione del Donbass, poiché considerava i leader separatisti della Repubblica Popolare di Doneck e della Repubblica Popolare di Lugansk (DPR e LPR) dei "burattini" della Russia, ha dichiarato che "non avrebbe senso parlare con loro" e puntava sul dialogo diretto con la Russia di Vladimir Putin.[76]

Ingresso nella NATO e nell'Unione EuropeaModifica

Nel 2013-14 Zelens'kyj si avvicinò al movimento filo-europeista Euromaidan. Durante la guerra del Donbass ha aiutato l'esercito ucraino contribuendo a fondare un battaglione di volontari combattenti.[77] In un'intervista del 2014 sulla Komsomolskaya Pravda ucraina, Zelens'kyj ha detto che gli sarebbe piaciuto fare una visita in Crimea, ma che lo eviterebbe perché "ci sono persone armate". Nell'agosto 2014, Zelens'kyj si è esibito per le truppe ucraine a Mariupol e in seguito il suo studio ha donato un'importante somma all'esercito ucraino.[78]

Durante la sua campagna presidenziale, Zelens'kyj ha affermato di sostenere l'adesione dell'Ucraina all'Unione europea e alla NATO, ma ha affermato che gli elettori ucraini dovrebbero decidere in merito all'adesione del paese a queste due organizzazioni nei referendum. Allo stesso tempo, credeva che il popolo ucraino avesse già scelto l'"eurointegrazione". Lo stretto consigliere di Zelens'kyj, Ivan Bakanov, ha anche affermato che la politica di Zelens'kyj è favorevole all'adesione sia all'UE che alla NATO e propone di tenere referendum sull'adesione.[79]

 
Zelens'kyj durante il vertice UE-Ucraina

Il programma elettorale di Zelens'kyj affermava che l'adesione dell'Ucraina alla NATO è "la scelta del Maidan e il corso sancito dalla Costituzione, inoltre, è uno strumento per rafforzare la nostra capacità di difesa".[80] Il programma afferma che l'Ucraina dovrebbe fissare l'obiettivo di presentare domanda per un piano d'azione per l'adesione alla NATO nel 2024. Il programma afferma inoltre che Zelens'kyj "farà di tutto per garantire" che l'Ucraina possa presentare domanda di adesione all'Unione europea nel 2024.[81]

Politica internaModifica

 
Zelens'kyj durante un discorso alla nazione

Due giorni prima del secondo turno, Zelens'kyj ha dichiarato di voler costruire "un'Ucraina forte, potente e libera, che non è la sorella minore della Russia, che non è un partner corrotto dell'Europa, ma la nostra Ucraina indipendente".

Zelens'kyj ha promesso che il suo primo disegno di legge, "On People's Power", fornirà un meccanismo per i referendum.[82]

Questa promessa non è stata mantenuta, poiché il suo primo disegno di legge presentato era una legge sugli appalti pubblici delle elezioni. Ha anche promesso progetti di legge per combattere la corruzione, inclusa la rimozione dell'immunità al presidente del paese, ai membri della Verkhovna Rada (il parlamento ucraino) e ai giudici, una legge sull'impeachment, la riforma delle leggi elettorali e un processo efficiente con giuria. Ha promesso di portare lo stipendio del personale militare "al livello degli standard Nato".[83]

Zelens'kyj ha dichiarato che come presidente avrebbe sviluppato l'economia e attratto investimenti in Ucraina attraverso "un riavvio del sistema giudiziario" e ripristinando la fiducia nello Stato. Propone inoltre un condono fiscale e una flat tax del 5 per cento per le grandi imprese che potrebbero essere aumentate «in dialogo con loro e se tutti sono d'accordo». Secondo Zelens'kyj, se le persone si accorgessero che il suo nuovo governo "funziona onestamente dal primo giorno", inizierebbero a pagare le tasse.[84]

Nel 2020, ha proposto l'ergastolo per corruzione.[85]

Riguardo all'annessione russa della Crimea nel 2014, Zelens'kyj ha affermato che, parlando realisticamente, sarebbe possibile riportare la Crimea sotto il controllo ucraino solo dopo un cambio di regime in Russia.[86]

Zelens'kyj sostiene la distribuzione gratuita di cannabis medica, l'aborto gratuito in Ucraina e la legalizzazione della prostituzione e del gioco d'azzardo. Si oppone alla legalizzazione delle armi.[87]

Zelens'kyj si è espresso contro il prendere di mira la lingua russa in Ucraina e il divieto di artisti per le loro opinioni politiche (come quelle considerate dal governo ucraino come anti-ucraine).[88] Nell'aprile 2019 ha dichiarato di non essere contrario a una quota di lingua ucraina (alla radio e alla TV) e che agli artisti russi "che si sono trasformati in politici (anti-ucraini)" ai quali dovrebbe essere vietato l'ingresso in Ucraina. Contemporaneamente ha lanciato lo slogan sulle quote in lingua ucraina: "puoi cambiarli un po'".[89]

In risposta a suggerimenti contrari, nell'aprile 2019 ha dichiarato di considerare il presidente russo Vladimir Putin "come un nemico". Il 2 maggio 2019 Zelens'kyj ha scritto su Facebook che "il confine è l'unica cosa che Russia e Ucraina hanno in comune".[90]

Lotta all'oligarchiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Crisi politica ucraina del 2020-2022.

Nel giugno 2021, Zelens'kyj ha presentato alla Verkhovna Rada un disegno di legge "Sulla prevenzione delle minacce alla sicurezza nazionale legate all'eccessiva influenza di persone di significativa importanza economica o politica nella vita pubblica (oligarchi)". Lo scopo della legge, secondo il presidente, è combattere contro le persone che hanno una ricchezza significativa e un'influenza significativa nella società e nella politica (gli oligarchi). Una persona è identificata come oligarca se soddisfa 3 dei 4 criteri, e quindi deve essere iscritta in un apposito registro.

Tale legge ha provocato una crisi politica in Ucraina, e l'accusa da fonti russe di colpo di Stato.[91] Nell'ottobre 2021, Dmytro Razumkov, a causa delle accuse mossegli da Zelens'kyj nella collaborazione con l'imprenditore, considerato oligarca, Rinat Achmetov, fu sfiduciato dalla Verkhovna Rada.[92][93] Il mese successivo, durante una conferenza stampa, Zelens'kyj ha annunciato che il Servizio di sicurezza dell'Ucraina ha svelato i piani per un possibile colpo di stato previsto per il 2 dicembre, pianificato in collaborazione con i servizi segreti russi e con il finanziamento di Rinat Achmetov.[94]

Vita privataModifica

 
Volodymyr Zelens'kyj e Olena Zelens'ka alle elezioni parlamentari del 2019

Nel settembre del 2003 si è sposato con Olena Kyjaško, architetta e autrice dei suoi sketch, che ha conosciuto al liceo[95][96] La coppia ha due figli: una femmina, Oleksandra (2004), e un maschio, Kyrylo (2013).[97]

La prima lingua di Zelens'kyj è il russo: egli parla correntemente anche l'ucraino e l'inglese.[98][99] I suoi beni valevano circa 37 milioni di grivne (circa $ 1,5 milioni di dollari) nel 2018.[100]

Culto della sua personalitàModifica

 
Zelens'kyj pronuncia un discorso in occasione dell’anniversario di Holodomor

Alcuni commentatori ritengono che in Ucraina attorno a Volodymyr Zelens'kyj si starebbe sviluppando un culto della personalità.[101][102] Nel 2021, in un'intervista, il leader di Servitore del Popolo Oleksandr Kornienko ha dichiarato che Zelens'kyj "per l'Ucraina non è solo un leader politico, ma anche un «leader spirituale»".[103] Il capo dell'Ufficio Presidenziale Andrij Ermak, rivolgendosi agli ucraini, ha dichiarato che Zelens'kyj è "uno dei migliori leader del mondo moderno".[101]

ControversieModifica

I "Pandora Papers" dell'ICIJ hanno rivelato che Zelens'kyj, Serhij Shefir e Ivan Bakanov (rispettivamente suo Capo di gabinetto e Direttore del Servizio di sicurezza dell'Ucraina) gestivano una rete di società offshore nelle Isole Vergini britanniche, a Cipro e in Belize.[104][105][106][107] L'inchiesta gli procura accuse di ipocrisia (che si sommano a quelle ricevute per aver proposto un condono fiscale e poi una flat tax del 5% per le grandi imprese nel paese) in relazione alle posizioni assunte in campagna elettorale contro avversari politici, dipinti come oligarchi, corrotti e "ricconi" che si servivano di società offshore.[107][108][109] Inizialmente cerca di smentire o di minimizzare (verrà controsmentito dall'OCCRP) e si rifiuta di rispondere ai giornalisti,[110] poi il suo staff ha risposto, dichiarando che "sotto Yanukovič si era costretti a ricorrere a società offshore per evitare influenze della politica" e che "lo facevano tutti". Quando è stata pubblicata la video-inchiesta di Slidstvo.info "Offshore 95", il suo staff ha commentato che si tratterebbe di una mossa dei filorussi per screditare il Presidente e ne viene ostacolata la diffusione.[111][112][113][114][115][116] Analogamente nel 2019, alla pubblicazione di un'inchiesta della trasmissione "Schemy: koruptsija v detaljach" sul trasferimento di Zelens'ky e della sua famiglia presso una dacia statale, ristrutturata da un ente pubblico ucraino per 200 000 , gli è rimproverato che, sulla possibilità dei politici di usufruire di questa tipologia di dacie, egli stesso criticava "l'esistenza di un tale privilegio per i potenti", dichiarando che non l'avrebbe mai sfruttato e che piuttosto avrebbe consigliato loro: "Lascia che alcuni bambini, alcune persone che ne hanno realmente bisogno vivano in queste residenze. In queste residenze non vedo proprio alcun senso".[117][118][119][120][121][122] Successivamente, altre critiche sono state poste sulla promessa fatta durante il suo tour elettorale circa la riduzione del costo del gas "del 20-30% o forse anche più", non presente nel programma ufficiale (e successivamente non applicata), il suo staff replica: "scherzava".[123][124][125]

In un'intervista a RBC Ucraina dell'aprile 2019, circa il fatto che una parte degli ucraini reputi Stepan Bandera un eroe, Zelens'kyj ha affermato che: "Ci sono eroi indiscussi. Stepan Bandera è un eroe per una parte degli ucraini, è normale, benissimo. È una di quelle persone che hanno difeso la libertà dell'Ucraina". Al contempo sostiene però che gli sono già intitolate abbastanza opere pubbliche a suo avviso e che preferirebbe commemorare anche eroi più vicini al nostro tempo ("eroi di oggi", "eroi che uniscono l'Ucraina oggi"). Questa posizione gli procura accuse di ambiguità al riguardo (di non voler rinunciare a una parte dell'elettorato), considerata la natura controversa della figura di Bandera (visto da alcuni come un patriota, da altri come un criminale di guerra, nazista, antisemita, antipolacco).[126][127][128][129][130][131]

Alcuni suoi paragoni tra la soluzione finale e l'invasione russa dell'Ucraina sono state aspramente criticate dai politici israeliani e reputate "oltraggiose" dal Ministro delle Comunicazioni israeliano Yoaz Hendel. L'ex ministro Yuval Steinitz le ha classificate come "al confine con il negazionismo dell'Olocausto".[132]

È spesso fortemente criticato anche l'appoggio di Zelens'kyj a formazioni di stampo (più o meno velatamente) nazionalista, come il Battaglione Azov.[133][134]

Gli sono stati talvolta contestati atteggiamenti poco democratici e trasparenti, in particolare per quanto attiene ai rapporti con oligarchi, media e opposizioni filo-russe.[135][136][137][138][139][140][141][142][143][144][145][146]

Alla sua discesa in politica è stato contestato dapprima di essere "filorusso",[135][147] successivamente di essere "antirusso".[148]

OnorificenzeModifica

Onorificenze ucraineModifica

In veste di Sua Eccellenza il Presidente dell'Ucraina è dal 20 maggio 2019:

  Gran Maestro dell'Eroe dell'Ucraina
— 20 maggio 2019
  Gran Maestro dell'Ordine della libertà
— 20 maggio 2019
  Gran Maestro dell'Ordine di Jaroslav il Saggio
— 20 maggio 2019
  Gran Maestro dell'Ordine al merito
— 20 maggio 2019
  Gran Maestro dell'Ordine di Bogdan Chmel'nyc'kyj
— 20 maggio 2019
  Gran Maestro dell'Ordine dei Cento Eroi Celesti
— 20 maggio 2019
  Gran Maestro dell'Ordine per il Coraggio
— 20 maggio 2019
  Gran Maestro dell'Ordine della Principessa Olga
— 20 maggio 2019
  Gran Maestro dell'Ordine di Danylo Halyc'kyj
— 20 maggio 2019
  Gran Maestro dell'Ordine per il Coraggio nel Lavoro Minerario
— 20 maggio 2019
  Gran Maestro (e fondatore) della Croce al Merito Militare
— 5 maggio 2022
  Diploma d'Onore del Gabinetto dei Ministri dell'Ucraina
«Per il suo lavoro come direttore artistico della squadra del club allegro e fantasioso "95th quarter", Kryvyj Rih, regione di Dnipropetrovs'k
— 23 giugno 2003[149]

Onorificenze straniereModifica

  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Viesturs (Lettonia)
«Per la difesa incrollabile del loro paese e della loro terra.»
— 1º marzo 2022[150]
  Gran Collare dell'Ordine di Vytautas il Grande (Lituania)
«Per i suoi meriti nel difendere, insieme al popolo ucraino, la libertà ei valori democratici in Europa e per il suo personale contributo allo sviluppo delle relazioni interstatali tra la Repubblica di Lituania e l'Ucraina.»
— 11 marzo 2022[151]
  Cavaliere di I Classe dell'Ordine del Leone Bianco (Repubblica Ceca)
«Per il suo coraggio.»
— 7 marzo 2022[152]
  Ronald Reagan Freedom Award (Stati Uniti d'America)
«Per la sua posizione indomita per la libertà e la democrazia.»
— 7 marzo 2022[153]

FilmografiaModifica

CinemaModifica

AttoreModifica

DoppiatoreModifica

TelevisioneModifica

  • In-laws (Svaty, Suoceri, 2008-2013)
  • Servitore del Popolo (Prodotta con il nome russo di Слуга народа (traslitterato: "Sluga Naroda"), in ucraino Слуга народу (traslitterato: "Sluha Narodu"), Servitore del popolo, 2015-2019)
  • Tanci z zirkamy (Ballando con le stelle, 2016)
  • Ja, ty, vin, vona (Io, tu, lui, lei, 2017)

Doppiatori italianiModifica

Discorsi e bibliografiaModifica

I discorsi pronunciati da Zelens'kyi durante l'invasione russa dell'Ucraina sono stati raccolti, tradotti e pubblicati in vari libri dalle case editrici italiane:

Altre opere pubblicate in Italia su Zelens'kyi includono:

NoteModifica

  1. ^ Il cognome di Zelens'kyj si può trovare traslitterato in vari modi: ad esempio Volodymyr Zelenskyi o Zelenskyy dall'ucraino, o Vladimir Zelenskij dal russo. Zelenskyy è l'ortografia usata nel suo passaporto e la sua amministrazione lo usa da maggio 2019.
  2. ^ Ucraina, parlamento indica data insediamento Zelensky: 20 maggio, su askanews, 16 maggio 2019. URL consultato il 21 agosto 2022 (archiviato il 24 febbraio 2022).
  3. ^ Rosalba Castelletti, Ucraina, Zelenskij presidente: "Rilanciare i colloqui di pace nel Donbass", su la Repubblica, 22 aprile 2019. URL consultato il 21 agosto 2022 (archiviato l'11 aprile 2022).
  4. ^ Zelenskij, Vladimir Aleksandrovic, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  5. ^ Russians accuse Ukrainians of genocide as they pave way for potential invasion, in The Daily Telegraph, 19 febbraio 2022. URL consultato il 24 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2022).
  6. ^ Ben Hall, Roman Olearchyk e Max Seddon, Ukraine: why Volodymyr Zelensky is pursuing a disruptive agenda, in Financial Times, 21 ottobre 2019. URL consultato il 20 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2022).
  7. ^ (EN) Frank Ledwidge, Ukraine war: what are Russia's strategic aims and how effectively are they achieving them?, su The Conversation, 3 marzo 2022. URL consultato il 3 marzo 2022 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2022).
  8. ^ (EN) The courage of Ukraine’s unlikely wartime leader, in Financial Times, 15 marzo 2022. URL consultato il 21 agosto 2022 (archiviato il 15 marzo 2022).
  9. ^ (EN) Dave Lawler,Zachary Basu, Ukrainian President Zelensky delivers impassioned address, telling Russia: "You will see our faces, not our backs", su axios.com, 24 febbraio 2022. URL consultato il 25 febbraio 2022 (archiviato il 24 febbraio 2022).
  10. ^ (EN) Philissa Cramer, Zelensky offers insight into family history, igniting debate over Ukrainian Holocaust memory, in Y-net, 23 marzo 2022. URL consultato il 21 agosto 2022 (archiviato il 20 luglio 2022).
  11. ^ (EN) Support for Zelensky, Varkarchuk shows popular demand for new politicians, su KyivPost, 15 luglio 2018. URL consultato il 24 marzo 2019.
  12. ^ In Ucraina ci sono le elezioni presidenziali, su ilpost.it, 31 marzo 2019. URL consultato il 15 novembre 2019.
  13. ^ L'avvocato di Zelens'kyj registra il nuovo partito politico "Servo del popolo", su unian.ua. URL consultato il 16 febbraio 2022.
  14. ^ Ucraina. La metamorfosi di Zelensky, il presidente antieroe che non fa più ridere, su avvenire.it, 2 marzo 2022. URL consultato il 9 aprile 2022.
  15. ^ Ucraina, il presidente Zelensky e l'Italia: il 'filo rosso' con la fallimentare avventura del basket a Cantù e l'oligarca Kolomoisky, su Il Fatto Quotidiano, 22 aprile 2019. URL consultato il 9 aprile 2022.
  16. ^ Il mondo ha appena assistito alla prima campagna presidenziale interamente virtuale, su politico.com. URL consultato il 16 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2019).
  17. ^ Risultati elettorali in ucraina, su cvk.gov.ua. URL consultato il 16 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 23 aprile 2019).
  18. ^ risultati elettorale del 21 aprile, su cvk.gov.ua. URL consultato il 22 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2019).
  19. ^ Elezioni ucraine: l'attore Zelens'kyj vince le presidenziali in modo schiacciante, su bbc.com. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  20. ^ Il primo leader europeo si è congratulato con Zelensky, su eurointegration.com.ua. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  21. ^ Zelensky ha già parlato al telefono con Trump, su pravda.com.ua. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  22. ^ Lettera congiunta del presidente Tusk e del presidente Juncker a Volodymyr Zelensky, presidente eletto dell'Ucraina, su consilium.europa.eu. URL consultato il 17 febbraio 2022.
  23. ^ Il nuovo presidente ucraino ha già sciolto il Parlamento, su ilpost.it, 20 maggio 2019. URL consultato il 30 luglio 2019.,
  24. ^ In Ucraina non c'è più una maggioranza di governo, su Il Post, 17 maggio 2019. URL consultato il 20 maggio 2019.
  25. ^ (EN) Ukraine ruling coalition breaks up in setback for incoming president, in Reuters, 17 maggio 2019. URL consultato il 20 maggio 2019.
  26. ^ (EN) Ukrainian Constitutional Court OKs Parliament's Dissolution, Early Elections, su rferl.org, 20 giugno 2019. URL consultato il 15 novembre 2019.
  27. ^ Zelensky: un Presidente “attore” tra Russia e Ucraina, su ilcaffegeopolitico.org, 27 maggio 2019. URL consultato il 15 novembre 2019.
  28. ^ a b Elezioni in Ucraina, vittoria del partito del Presidente, su europeanaffairs.it, 26 luglio 2019. URL consultato il 30 luglio 2019.
  29. ^ Ucraina, risultati elettorali: stravince Zellensky, Parlamento al Presidente, su ilsussidiario.net, 22 luglio 2019. URL consultato il 30 luglio 2019.
  30. ^ ASN Aircraft accident Boeing 737-8KV (WL) UR-PSR Sabashahr, su Aviation Safety Network, https://aviation-safety.net, 8 gennaio 2020.
  31. ^ Ukrainian airliner crashes near Tehran: Iranian media, su aljazeera.com. URL consultato l'8 gennaio 2020.
  32. ^ (EN) Ukrainian airliner crashes in Iran, killing all aboard, in Reuters, 8 gennaio 2020. URL consultato l'8 gennaio 2020.
  33. ^ (EN) Gareth Davies e Josh White, Iran plane crash: Ukraine refuses to rule out Boeing 737 was shot down by missile near Tehran killing 176, in The Telegraph, 8 gennaio 2020. URL consultato l'8 gennaio 2020.
  34. ^ A causa della catastrofe in Iran, Zelensky ha interrotto il suo viaggio in Oman, su pravda.com.ua. URL consultato il 3 marzo 2022.
  35. ^ "Sto volando!" Zelensky ha lasciato urgentemente l'Oman a causa di un incidente aereo, su incident.obozrevatel.com. URL consultato il 3 marzo 2022.
  36. ^ Zelensky è arrivato dall'Oman quasi un giorno dopo l'incidente aereo, su pravda.com.ua. URL consultato il 3 marzo 2022.
  37. ^ In Oman, Zelensky potrebbe incontrare Surkov, su glavcom.ua. URL consultato il 3 marzo 2022.
  38. ^ Andriy Yermak: Zelensky è tornato dall'Oman il prima possibile, su pravda.com.ua. URL consultato il 3 marzo 2022.
  39. ^ (EN) Under pressure, Iran admits it shot down jetliner by mistake, su AP NEWS, 11 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  40. ^ (EN) UkrInform: Jan. 9 declared day of mourning in Ukraine | KyivPost - Ukraine's Global Voice, su KyivPost, 9 gennaio 2020. URL consultato il 7 maggio 2020.
  41. ^ Olga Shylenko, Ukraine's Zelensky on frontline as Merkel urges Putin to pull back troops, su CTVNews, 8 aprile 2021. URL consultato il 16 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2021).
  42. ^ Zelensky warns Ukraine 'entirely prepared' if Russia attacks, in France 24, 26 novembre 2021. URL consultato il 16 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 16 dicembre 2021).
  43. ^ Zelenskiy says Ukraine uncovers coup plot involving Russians; Kremlin denies role, in Reuters, 26 novembre 2021. URL consultato il 16 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 16 dicembre 2021).
  44. ^ Ukraine's Zelenskiy Says Ready for Russian Escalation, Claims Coup Plot Uncovered, in The Moscow Times, 27 novembre 2021. URL consultato il 16 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2021).
  45. ^ 'Big hype': Zelenskyy urges restraint amid risk of Russian invasion, in Daily Sabah, 20 gennaio 2022. URL consultato il 28 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 27 gennaio 2022).
  46. ^ (RU) Južnaja Osetia priznala nezavisimost' LNR, su lenta.ru, 17 giugno 2014. URL consultato il 24 febbraio 2021.
  47. ^ (RU) Указ Президента Российской Федерации № 71 «О признании Донецкой Народной Республики», su publication.pravo.gov.ru, 21 febbraio 2022. URL consultato il 24 febbraio 2021.
  48. ^ Archived copy, in The Washington Post. URL consultato il 26 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2022).
  49. ^ Archived copy, su Associated Press. URL consultato il 26 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2022).
  50. ^ Zelensky firma la richiesta di adesione all'Ue, ma Bruxelles frena, su rainews.it, 28 febbraio 2022. URL consultato il 1º marzo 2022.
  51. ^ Actor-turned-president Zelensky grows on stage as Ukraine’s war-time leader, in Times of Israel. URL consultato il 27 febbraio 2022.
    «he is now the face of national defiance, winning rave reviews as a war-time leader»
  52. ^ Ukraine's Volodymyr Zelenskyy: From comedian to national hero, in Deutsche Welle. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  53. ^ 3 years ago Zelenskyy was a TV comedian. Now he’s standing up to Putin’s army., in NBC News. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  54. ^ Zelenskyy’s unlikely journey, from comedy to wartime leader, in AP News. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  55. ^ For many Jews, Volodymyr Zelensky is a ‘modern Maccabee’ as he fights Ukraine’s war, in The Times of Israel. URL consultato il 1º marzo 2022.
  56. ^ Ukraine leader Zelenskyy’s wild ride: Jewish comedian to national hero, in The Christian Science Monitor. URL consultato il 1º marzo 2022.
  57. ^ Ukraine president suddenly thrust into hero role, mirrors one of the darkest chapters of the Cold War, in Fortune. URL consultato il 1º marzo 2022.
  58. ^ Zelensky emerges as global hero in Ukraine battle against Russia, in The Hill. URL consultato il 1º marzo 2022.
  59. ^ Ukrainian President Zelenskyy Standing Tall in the Face of Danger, in Der Spiegel. URL consultato il 1º marzo 2022.
  60. ^ 'I need ammunition, not a ride': Zelenskyy is the hero his country needs as Russia invades, in USA Today. URL consultato il 1º marzo 2022.
  61. ^ Volodymyr Zelenskyy reminds us what a Jewish hero looks like, in The Forward. URL consultato il 2 marzo 2022.
  62. ^ (EN) Ukraine's Volodymyr Zelensky: The comedian president who is rising to the moment, in BBC News, 26 febbraio 2022. URL consultato il 2 marzo 2022.
  63. ^ (EN) Volodymyr Zelenskiy stands defiant in face of Russian attack, su the Guardian, 26 febbraio 2022. URL consultato il 2 marzo 2022.
  64. ^ Ukraine president suddenly thrust into hero role, mirrors one of the darkest chapters of the Cold War. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  65. ^ 93% украинцев поддерживают Зеленского, su pravda.com.ua. URL consultato il 2 aprile 2022.
  66. ^ “Showed courage and courage”: Zelensky was awarded the highest state award of the Czech Republic – the Order of the White Lion, su newsreadonline.com. URL consultato il 4 maggio 2022.
  67. ^ (RU) Латвия наградила Зеленского Орденом Виестура — за мужество в защите Украины, su Gorod.lv. URL consultato il 4 maggio 2022.
  68. ^ (PL) KW, Zełenski z najwyższym litewskim odznaczeniem. Nausėda wyróżnił ukraińskiego odpowiednika – Kurier Wileński, su kurierwilenski.lt. URL consultato il 4 maggio 2022.
  69. ^ Instytut Gość Media, Prezydent Ukrainy W. Zełeński odznaczony Nagrodą Orła Jana Karskiego, su gosc.pl, 27 febbraio 2022. URL consultato il 4 maggio 2022.
  70. ^ (EN) Slovakia Awards Zelenskiy Dubcek Prize For 'Freedom and Hope', su RadioFreeEurope/RadioLiberty. URL consultato il 4 maggio 2022.
  71. ^ (EN) Brooke Singman, Zelenskyy wins Ronald Reagan Freedom Award, su Fox News, 7 marzo 2022. URL consultato il 4 maggio 2022.
  72. ^ (EN) Zelenskyy gets John F. Kennedy award for defending democracy, su AP NEWS, 21 aprile 2022. URL consultato il 4 maggio 2022.
  73. ^ Putin attacca in tv il governo ucraino: "Una banda di tossicodipendenti e neonazisti", su la7.it. URL consultato il 3 marzo 2022.
  74. ^ L'Ucraina supporta l'integrità territoriale dell'Azerbaijan, su aa.com.tr. URL consultato il 14 febbraio 2022.
  75. ^ https://www.axios.com/ukraine-zelensky-china-coronavirus-vaccines-e6a45253-1448-43a0-a846-b8d0f448eaa1.html
  76. ^ Zelensky about the war in the Donbas: Though we are ready to agree with the devil
  77. ^ I rivali nelle elezioni ucraine, su bbc.com. URL consultato il 14 febbraio 2022.
  78. ^ Zelensky e il suo "Studio Kvartal-95" si sono esibiti nella zona dell'ATO, su kp.ua. URL consultato il 14 febbraio 2022.
  79. ^ Che aspetto avrebbe una presidenza ucraina di Volodymyr Zelensky, su nationalinterest.org. URL consultato il 14 febbraio 2022.
  80. ^ Zelensky, Poroshenko, Tymoshenko e Hrytsenko hanno parlato di come si muoveranno verso la NATO, su pravda.com.ua. URL consultato il 14 febbraio 2022.
  81. ^ Dall'UE alle armi nucleari: la politica estera di Zelensky, Poroshenko, Tymoshenko e Hrytsenko, su eurointegration.com.ua. URL consultato il 14 febbraio 2022.
  82. ^ Master of improvisation, su ukrainianweek.com. URL consultato il 14 febbraio 2022.
  83. ^ Argomenti utili per i candidati: come interpretano le riforme, su m.tyzhden.ua. URL consultato il 14 febbraio 2022.
  84. ^ Zelensky prevede di attirare investimenti in Ucraina riavviando la magistratura, su pravda.com.ua. URL consultato il 14 febbraio 2022.
  85. ^ (RU) Вопрос Зеленского №1 о пожизненном заключении за коррупцию: мировой опыт, su Слово и Дело. URL consultato il 7 giugno 2022.
  86. ^ Il front runner delle elezioni ucraine parla delle condizioni per il ritorno della Crimea, su uawire.org. URL consultato il 16 febbraio 2022.
  87. ^ Volodymyr Zelenskyy: Per noi è utile dissolvere la Rada, ma penseremo e agiremo secondo la legge, su rbc.ua. URL consultato il 16 febbraio 2022.
  88. ^ La speranza presidenziale parla a sostegno della lingua russa in Ucraina, su tass.com. URL consultato il 16 febbraio 2022.
  89. ^ Zelensky ha ammesso di non poter stringere la mano a Poroshenko, su pravda.com.ua. URL consultato il 16 febbraio 2022.
  90. ^ Il leader del sondaggio ucraino Volodymyr Zelensky vede Putin come un nemico, su thetimes.co.uk. URL consultato il 16 febbraio 2022.
  91. ^ СБУ предотвратила попытку госпереворота
  92. ^ Разумков и рента, или за что Ахметов с Зеленским «воюют»
  93. ^ Разумков уволен
  94. ^ Владимир Зеленский: "1-2 декабря готовится попытка госпереворота в стране"
  95. ^ (RU) Зеленский Владимир, su LIGA. URL consultato il 2 aprile 2019.
  96. ^ Olena Zelenska, la moglie del neo leader ucraino, su corriere.it, 2 maggio 2019. URL consultato il 15 novembre 2019.
  97. ^ (FR) VIDÉO - Ukraine: qui est Volodymyr Zelensky, cet humoriste arrivé en tête du 1er tour de la présidentielle?, in lci.fr, 1º aprile 2019. URL consultato il 17 aprile 2019..
  98. ^ Stampa occidentale: su Tymoshenko Poroshenko e Zelensky, su radiosvoboda.org. URL consultato il 3 marzo 2022.
  99. ^ President Trump and Ukrainian President speak after bilateral meeting – 09/25/2019, su youtube.com. URL consultato il 3 marzo 2022.
  100. ^ Movimento Onestamente: nel 2018, Zelensky ha aumentato la sua fortuna di 6 milioni di UAH, su pravda.com.ua. URL consultato il 3 marzo 2022.
  101. ^ a b Культ личности: Как изменился президент Зеленский
  102. ^ На Украине неожиданно проявился культ личности Зеленского
  103. ^ Президент Зеленский для нас это духовный лидер — Корниенко
  104. ^ Ucraina, parla il braccio destro di Zelenskij: “Così il mio amico ha conquistato Kiev. Ma nessun paragone con Grillo”, su la Repubblica, 22 aprile 2019. URL consultato il 22 maggio 2022.
  105. ^ L'ex comico e presidente Ucraino con le società anonime per la compravendita di film e show tv, su L'Espresso, 3 ottobre 2021.
  106. ^ (EN) Elena Loginova, Pandora Papers Reveal Offshore Holdings of Ukrainian President and his Inner Circle, su Organized Crime and Corruption Reporting Project.
  107. ^ a b (EN) Revealed: ‘anti-oligarch’ Ukrainian president’s offshore connections, su The Guardian, 3 ottobre 2021. URL consultato il 22 maggio 2022.
  108. ^ (EN) Ukraine election: Why comic Zelensky is real threat to Poroshenko, in BBC News, 27 marzo 2019.
  109. ^ (UK) Зеленський планує залучати інвестиції в Україну через перезапуск судової системи, su Ukraïns'ka pravda. URL consultato il 22 maggio 2022.
  110. ^ (EN) Jelena Loginova, Pandora Papers Reveal Offshore Holdings of Ukrainian President and his Inner Circle, su Organized Crime and Corruption Reporting Project. URL consultato il 22 maggio 2022.
  111. ^ (UK) Зеленський і офшорна «скринька Пандори»: як вплинули на Україну Pandora Papers, su Radio Liberty, 5 ottobre 2021.
  112. ^ I Pandora Papers svelano il coinvolgimento di Zelenskyi in una rete di società offshore, possibile destinatario dei milioni dell’oligarca Kolomoyskyi, su uacrisis.org, 13 novembre 2021.
  113. ^ (UK) Зеленський приховав італійський маєток на “курорті російських олігархів” – ЗМІ, su Ukraïns'ka pravda. URL consultato il 28 marzo 2019.
  114. ^ (UK) За схемою Порошенка: як Зеленський ховав фіктивну фірму на Кіпрі, su 24 TV, 15 gennaio 2019.
  115. ^ (UK) Pandora Papers: Компанії Зеленського та соратників могли отримати 40 мільйонів доларів від Коломойського, su Deutsche Welle, 4 ottobre 2021.
  116. ^ (EN) Slidstvo.info found out who tried to disrupt screening of "Offshore 95", su Institute for Mass Information, 14 ottobre 2021.
  117. ^ (UK) ZeДача. Зеленський почав мешкати на державній дачі в Конча-Заспі («СХЕМИ» | №266), su Radio Liberty, 10 luglio 2020.
  118. ^ (UK) ZeДача. Зеленський почав мешкати на державній дачі в Конча-Заспі («СХЕМИ» №266), 9 luglio 2010.
  119. ^ (UK) Mikhail Tkach, «ZeДача»: Зеленський почав мешкати в державній резиденції в Конча-Заспі, яку напередодні відремонтували за держкошт (розслідування), su Radio Liberty, 9 luglio 2020.
  120. ^ (RU) Владимир Зеленский: Нам выгодно распустить Раду, но будем думать и поступать по закону, su RBC Ukraini, 18 aprile 2019.
  121. ^ (UK) Зеленський без зайвих анонсів гайнув в Оман “на зустрічі на найвищому рівні”, su Ukraïns'ka pravda, 5 gennaio 2020.
  122. ^ (UK) Зеленський в Омані. Експерти говорять про кризу комунікації президента, su Radio Liberty, 6 gennaio 2020.
  123. ^ Al posto di una campagna elettorale "classica" ha optato per un tour tra campagna politica e stand-up comedy con i suoi colleghi del Kvartal 95, quindi più che altro gli è stato criticato di aver giocato su tale ambiguità..
  124. ^ (EN) Christopher Miller, Crowdsourcer In Chief: Ukrainian Funnyman Takes Unorthodox Path To Top Of Presidential Pack, su Radio Free Europe, 28 febbraio 2019.
  125. ^ (UK) У Зеленського заявили, що він не обіцяв знизити тарифи, su Yevropeysʹka pravda, 12 giugno 2019.
  126. ^ (EN) Emil Filtenborg e Stefan Weichert, Ukraine mulls giving hero status to alleged war criminals, su Euronews, 4 agosto 2021.
  127. ^ (RU) Ми там не жили: Зеленський розповів, як ставиться до Бандери, su RBC Ukraini, 9 giugno 2019.
  128. ^ (UK) Я поважаю Бандеру, але треба пам'ятати про сьогоднішніх героїв, - Зеленський, su espreso.tv, 18 aprile 2019.
  129. ^ (EN) Hitler's Shadows - Nazi War Criminals, U.S. Intelligence, and the Cold War (PDF), su archives.gov. URL consultato il 22 maggio 2022.
  130. ^ (EN) Texts adopted - Situation in Ukraine - Thursday, 25 February 2010, su europarl.europa.eu. URL consultato il 22 maggio 2022.
  131. ^ Zelensky su Bandera: anche gli ucraini dovrebbero elogiare gli eroi dei giorni nostri, su unian.info. URL consultato il 16 febbraio 2022.
  132. ^ (EN) Israeli lawmakers seethe at Zelensky’s ‘outrageous’ Holocaust comparisons, su The Times of Israel, 20 marzo 2022.
  133. ^ La guerra in Ucraina e i "neonazi bravi" del battaglione Azov, su Micromega, 20 aprile 2022. URL consultato il 22 maggio 2022.
  134. ^ (DE) Yanis Varoufakis, Selenskyj beleidigt griechisches Parlament und macht Putin unverdientes Geschenk, su Der Freitag, 7 aprile 2022.
  135. ^ a b Mara Morini, La parabola autoritaria di Zelensky, il “volto buono” del populismo ucraino, su Domani, 4 marzo 2021.
  136. ^ (EN) Vijai Maheshwari, The comedian and the oligarch, su Politico, 17 aprile 2019.
  137. ^ (EN) Ukraine’s Zelensky under fire over top appointment, su The Times of Israel, 22 maggio 2019.
  138. ^ (EN) Nataliya Leonova, Oksana Lihostova e Ruslan Deynychenko, Journalists See Specter of Censorship in Ukraine's Proposed Media Laws, su Voice of America, 5 febbraio 2020.
  139. ^ (EN) Marc Bennetts Moscow, Volodymyr Zelensky: Journalists accuse Ukrainian president of purge on critics, in The Times, 22 ottobre 2021. URL consultato il 22 maggio 2022.
  140. ^ Mark Tovey, President Zelensky suspends 11 opposition political parties in Ukraine, su The Mail on Sunday, 20 marzo 2022.
  141. ^ Silvio Marconi, Quel silenzio sul Donbass, stretto tra il regime ucraino e quello russo, su Left, 6 agosto 2019.
  142. ^ Anna Zafesova, Il culto di Zelensky, su Il Foglio, 15 settembre 2019.
  143. ^ (EN) Simon Schuster, The Untold Story of the Ukraine Crisis, su Time, 2 febbraio 2022.
  144. ^ (EN) Ukraine: Fugitive Putin ally Medvedchuk arrested - security service, in BBC News, 13 aprile 2022.
  145. ^ (EN) Ukraine's wartime fight includes pushing back on support for Russia at home, su CBC, 29 aprile 2022.
  146. ^ (EN) Victor Jack, Spain arrests Ukrainian blogger accused of ‘high treason’ by Kyiv, su Politico, 5 maggio 2022.
  147. ^ Valentyn Ogirenko, Volodymyr Zelensky: Journalists accuse Ukrainian president of purge on critics, in The Times, 21 ottobre 2021.
  148. ^ Russian military operations: Ukraine President Volodymyr Zelensky creating anti-Putin coalition, in Economic Times, 24 febbraio 2022.
  149. ^ Web Archive
  150. ^ Gorod
  151. ^ (EN) The President awards the Order of Vytautas the Great with the Golden Chain to Volodymyr Zelenskyy, su lrp.lt, 8 marzo 2022. URL consultato il 21 marzo 2022.
  152. ^ Web archive
  153. ^ Fox News

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN9255154260630724480009 · ISNI (EN0000 0005 0072 4452 · LCCN (ENno2019142097 · GND (DE1179997255 · BNF (FRcb18015606d (data) · J9U (ENHE987011289050905171 · WorldCat Identities (ENlccn-no2019142097