Volutidae

famiglia di molluschi gasteropodi della sottoclasse Caenogastropoda
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Volutidae
Voluta musica Linnaeus, 1758 2013 000.JPG
Voluta musica
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Mollusca
Subphylum Conchifera
Classe Gastropoda
Sottoclasse Caenogastropoda
Ordine Neogastropoda
Superfamiglia Volutoidea
Famiglia Volutidae
Rafinesque, 1815
Nomi comuni

Volutidi

Generi

vedi testo

I Volutidi, (Volutidae Rafinesque, 1815) sono una famiglia di molluschi gasteropodi della sottoclasse Caenogastropoda.[1]

DescrizioneModifica

I Volutidi devono il loro nome al genere Voluta che è il genere che è stato pubblicato per primo fra quelli appartenenti alla famiglia, essendo stato pubblicato da Linneo nel 1758. Il nome Voluta deriva a sua volta dal latino voluta, derivato da volutus, il participio passato del verbo volvere che significa volgere, avvolgersi.[2]

I Volutidi sono una famiglia molto numerosa e variegata. Le conchiglie variano notevolmente per forma e dimensione, da esemplari sottili con guglie alte solo pochi millimetri a giganti da 500 mm con guglie infossate e vortici del corpo gonfio. La variabilità è evidente anche nelle caratteristiche morfologiche. Elementi come come la scultura superficiale, le pieghe columellari, la tacca sifonale e il fasciole, possono essere tutte presenti o assenti. Solo poche decine di specie su oltre 500 possiedono un opercolo.[3]

Altre caratteristiche anatomiche della famiglia sono il piede largo, la testa piccola, piatta e larga, i tentacoli piatti e triangolari con occhi, quando presenti, vicino alla base. Il mantello è variabile. In alcune specie può avvolgere il guscio, mentre in altre si estende solo leggermente oltre il diaframma.[3]

I Volutidi sono rachiglossati, con una proboscide introversa, ghiandole salivari preneurali accoppiate, un sistema nervoso concentrato e una grande ghiandola di Leiblein. Il nastro radulare è solitamente uniseriale, ma in alcune specie è triseriale.[3]

Le specie di questa famiglia sono carnivore e predano piccoli animali, inclusi altri molluschi ed echinodermi, ma si cibano anche di specie morte.[3]

I Volutidi sono ovipari. La femmina deposita le uova fecondate in una massa di uova solitamente attaccate a un substrato duro. Gli embrioni si sviluppano a volte per diversi mesi, e completato lo sviluppo fuoriescono strisciando fuori dall'uovo e quindi non esiste uno stadio larvale a nuoto libero.[4]

Le specie sono distribuite in tutti gli oceani del mondo, in particolare nelle acque tropicali e subtropicali. La loro gamma batimetrica va dalle profondità litorali a quelle abissali.[3]

TassonomiaModifica

 
Amoria turneri (Amoriinae)
 
Athleta ficulina (Athletinae)
 
Calliotectum vernicosum (Calliotectinae)
 
Cymbium cymbium (Cymbiinae)
 
Fulgoraria rupestris (Fulgorariinae)
 
Plicoliva zelindae (Plicolivinae)
 
Scaphella junonia (Scaphellinae)
 
Volutilithes torulosus (Volutilithinae)
 
Lyria pattersonia (Volutinae)

La classificazione della famiglia è cambiata a seguito dello studio di Bouchet & Rocroi del 2017, che l'hanno collocata nella superfamiglia Volutoidea.[5] Nella classificazione precedente degli stessi autori del 2005 la famiglia era inserita nella Muricoidea che includeva allora molte famiglie che in seguito sono state separate (ad esempio Cystiscidae, Marginellidae e Volutidae).[6]

La famiglia contiene dieci sottofamiglie e circa 60 generi:[1]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Volutidae, in WoRMS (World Register of Marine Species). URL consultato il 23 settembre 2020.
  2. ^ Volutidae, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  3. ^ a b c d e Weaver & Du PontOp. citata, pag. 1.
  4. ^ Des BeecheyLink citato.
  5. ^ Bouchet et al. (2017)Op. citata, pag. 349.
  6. ^ (EN) Bouchet P., Rocroi J.-P., Classification and nomenclator of gastropod families, in Malacologia, 47(1-2), 2005, pp. 255-256.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Molluschi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di molluschi