Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il limitrofo comune rurale, vedi Wąbrzeźno (comune rurale).
Wąbrzeźno
comune
Wąbrzeźno – Stemma Wąbrzeźno – Bandiera
Wąbrzeźno – Veduta
Localizzazione
StatoPolonia Polonia
VoivodatoPOL województwo kujawsko-pomorskie COA.svg Cuiavia-Pomerania
DistrettoPOL powiat wąbrzeski COA.svg Wąbrzeźno
Amministrazione
SindacoBogdan Zbigniew Koszuta
Territorio
Coordinate53°17′N 18°57′E / 53.283333°N 18.95°E53.283333; 18.95 (Wąbrzeźno)Coordinate: 53°17′N 18°57′E / 53.283333°N 18.95°E53.283333; 18.95 (Wąbrzeźno)
Superficie8,53 km²
Abitanti13 849 (2007)
Densità1 623,56 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale87-200
Prefisso(+48) 56
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Polonia
Wąbrzeźno
Wąbrzeźno
Sito istituzionale

Wąbrzeźno è una città polacca del distretto di Wąbrzeźno nel voivodato della Cuiavia-Pomerania posta a circa 35 km a nord di Toruń.
Ricopre una superficie di 8,53 km² e nel 2007 contava 13.849 abitanti. Ha dato i natali a Walther Nernst, vincitore nel 1920 del Premio Nobel per la chimica per aver scoperto l'Equazione di Nernst.

StoriaModifica

All'inizio del tredicesimo secolo era una rotta commerciale prussiana sviluppata lungo l'istmo tra due grandi laghi, il Friedecksee e lo Schlosssee, in questo punto fu eretto dapprima un muro difensivo e in un secondo tempo un insediamento chiamato Wambrez.

Wambresia viene nominato per la prima volta in un documento prussiano del 1251 (Preussische Regeste) dato alle stampe presso Kulmsee. Il vescovo Heidenreich della Diocesi di Chełmno riceve la Terra di Chełmno e quella di Loebauer dal Papa. Il duca polacco Konrad I di Masovia prende possesso dell'abitato dal vescovo di Chełmno. Questo crea un problema perché i Cavaliere Teutonici detenevano il controllo della Terra di Chełmno, e una disputa si scatenò tra l'alto prelato e i cavalieri. Il Papa dell'epoca, Innocenzo IV, non era interessato a proseguire la diatriba e designò il vescovo quale legittima autorità del luogo. Questo attrito è stata la prima menzione storica dell'insediamento, in quegli anni ancora sotto il nome di Wambrez. Nel 1251 vi fu costruita una ampia chiesa consacrata ai SS. Simone e Giuda. Da ciò deriva il nome con cui si riferivano alla cittadina i Cavalieri Teutonici, Friedeck.

Al principio del quattordicesimo secolo l'allora vescovo di Chełmno, Herman von Prizna, guidò una rivitalizzazione della chiesa e della città. Si protesse l'abitato costruendogli attorno una cinta muraria e ponendo un castello nell'angolo nordoccidentale. Purtroppo non bastò a garantire l'incolumità per sé e le frazioni adiacenti, tutto fu messo a ferro e fuoco dalla Guerra dei tredici anni tra i Cavalieri Teutonici e i polacchi. In seguito tutto fu ricostruito e il castello di Wambresia divenne dimora del vescovo di Chełmno sino al 1773.

Conclusa la Guerra dei tredici anni col Secondo Trattato di Toruń la città divenne parte della Prussia Reale salvo poi venire distrutta una seconda volta, dagli svedesi in questa occasione, durante la seconda guerra Polacco-Svedese.

Il devastante incendio del 1700 fece scempio di un'importante fetta della cittadina. Dopo la prima spartizione della Polonia nel 1772, la città fu annessa al regno prussiano, e tra il 1807 e 1815, parte del Ducato di Varsavia. Nel 1788 fu rinominata Briesen, nome sotto il quale è ancora nota in tedesco. Un secondo violento incendio divorò la gran parte dell'abitato, tanto che si ricorse al locale castello per procurarsi le pietre necessarie alla ricostruzione.

Gli abitanti dell'allora Briesen si guadagnavano da vivere con l'agricoltura e la distillazione di birra. L'industrializzazione li raggiunse a metà del 19simo secolo e fiorì grazie alla sua collocazione geografica e all'accesso alla ferrovia. Giunti al 1900 la città vantava cementifici e centri di ingegneria meccanica e automobilistica, al contempo anche le industrie tradizionali del luogo si modernizzarono perfezionando birrifici e caseifici.

Il 20 gennaio 1920 Briesen fu restituita al neonato stato polacco e rinominata Wąbrzeźno, il nome che mantiene ad oggi e fatta capoluogo del distretto. L'invasione nazista durante la Seconda Guerra Mondiale ne fece possesso tedesco tra il 1939 e il 1945. In quel lasso di tempo quasi 4.000 suoi abitanti, inclusi cittadini delle comunità adiacenti, furono mandati nei campi di concentramento. L'Armata Rossa liberò l'insediamento ma fu una magra consolazione in quanto i Sovietici condussero deportazioni di massa ancora più consistenti di quelle compiute sotto il giogo nazista. Wąbrzeźno perse lo status di capoluogo del distretto nel 1975 salvo riguadagnarlo nel 1999.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN135415077 · GND (DE4286255-3 · WorldCat Identities (EN135415077
  Portale Polonia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Polonia