WWE United States Championship

Titolo di wrestling

Il WWE United States Championship è un titolo di wrestling di proprietà della WWE ed esclusivo del roster di Raw, ed è detenuto da Bobby Lashley dal 2 luglio 2022.

L'attuale campione Bobby Lashley

Fa parte dei titoli di seconda fascia della federazione, e prima di diventare di proprietà della WWE, il titolo veniva difeso nel circuito indipendente della National Wrestling Alliance e, in seguito, nella World Championship Wrestling. È inoltre uno dei titoli più antichi della federazione, essendo stato introdotto nel 1975, seppur acquisito nel 2001 dalla World Wrestling Federation, che lo ha riattivato nel 2003.

StoriaModifica

Il titolo nacque il 1º gennaio 1975 come NWA United States Heavyweight Championship nella National Wrestling Alliance, e in particolare nel territorio della Jim Crockett Promotions, dove era anche abitualmente assegnato e difeso. Il primo campione fu Harley Race, il quale lo detenne fino al 3 luglio 1975, quando lo perse in favore di Johnny Valentine. All'epoca, mentre esisteva un solo e indiscusso NWA World Heavyweight Champion, il consorzio NWA non riteneva che la stessa cosa dovesse essere anche per un eventuale titolo statunitense; questo avvenimento portò molti territori della NWA a proclamare un loro "NWA United States Heavyweight Championship" con rispettivi campioni. Questo stato di cose rimase immutato fino al gennaio del 1981, quando il territorio NWA di base a San Francisco, a quel tempo l'ultimo rimasto a proclamare un proprio campione statunitense, si sciolse, con l'unico titolo che rimase così quello del territorio del Mid-Atlantic, finché nel 1986 Jim Crockett Jr. riuscì a ottenere il controllo dell'NWA World Heavyweight Championship.

Il titolo statunitense divenne il titolo secondario della compagnia e l'unico riconosciuto nei territori NWA come tale. Durante il quarto regno di campione statunitense di Lex Luger, nel novembre del 1988, il magnate Ted Turner acquisì la Jim Crockett Promotions, trasformandola nella World Championship Wrestling e dopo poco tempo decise di separarsi dal consorzio NWA per tentare da solo la scalata al business del wrestling. Come conseguenza di ciò, tutti i titoli NWA in mano a wrestler della WCW vennero dichiarati vacanti, ma la neonata federazione di Atlanta rispose proclamando come propri campioni i lottatori ex-detentori di quei titoli che la NWA aveva dichiarato vacanti: questo valse anche per il titolo statunitense, che divenne quindi esclusiva della WCW e assunse la denominazione di WCW United States Heavwyeight Championship. Luger rese in seguito vacante il titolo statunitense quando vinse il WCW World Heavyweight Championship nel gennaio del 1991. Il titolo ovviamente passò più volte di mano nel corso degli anni, con una storia molto lunga di campioni: alcuni usarono il titolo come rampa di lancio verso più gloriosi lidi (come Goldberg, Scott Steiner e Sting), mentre per altri divenne il giusto tributo a una carriera che andava spegnendosi (come Dusty Rhodes che lo detenne due volte nella fase finale della sua carriera).

Quando la World Wrestling Federation acquistò la WCW in procinto di fallire, il 23 marzo 2001, acquisì anche i diritti sul titolo degli Stati Uniti. L'ultimo campione statunitense nella WCW fu Booker T, il quale portò il titolo nella WWF durante la storyline dell'Invasion. Il titolo venne comunque difeso negli show della WWF nonostante portasse ancora il nome WCW United States Championship (come nel caso del WCW Championship poi rinominato semplicemente World Championship). Esso fu unificato con il WWF Intercontinental Championship da Edge il 18 novembre 2001 a Survivor Series: Edge sconfisse Test, detentore del WWF Intercontinental Championship, conquistando il titolo appena vinto, e il titolo degli Stati Uniti venne ritirato. Nel luglio del 2003, il titolo venne riproposto nella WWE, da Stephanie McMahon col nome WWE United States Championship nel roster di SmackDown!, e venne messo in palio in un torneo vinto da Eddie Guerrero, che sconfisse Chris Benoit nella finale svoltasi il 27 luglio 2003 a Vengeance. Questo non è stato considerato un "nuovo" titolo, ma l'erede del titolo che era nella WCW e prima ancora nella NWA; anche per questo non è considerato un titolo valevole per la Triple Crown. A fine 2004, l'allora campione John Cena personalizzò il titolo cambiandone totalmente l'aspetto, e quando Cena perse il titolo contro Orlando Jordan la cintura tornò ad assumere l'aspetto originale (1º marzo 2005).

Durante la puntata di Raw del 23 giugno 2008, Matt Hardy, detentore del titolo, passò al roster della ECW, portando con sé il titolo e rendendolo un'esclusiva del roster. Il 20 luglio 2008, a The Great American Bash, Shelton Benjamin sconfisse Matt Hardy, conquistando il titolo; ciò determinò il ritorno del titolo nel roster di SmackDown. Nell'aprile del 2009 il titolo passò nuovamente a Raw in seguito al Draft di quell'anno. Durante il Draft del 2011, lo United States Championship passò a SmackDown, poiché il campione Sheamus venne spostato a SmackDown, rendendolo un'esclusiva di tale roster. Il 1º maggio, a Extreme Rules, il titolo ritornò ancora una volta a Raw, poiché il precedente campione Sheamus venne sconfitto da Kofi Kingston. Dal 29 agosto 2011, con la fine della Brand Extension, il titolo venne difeso sia a Raw che a SmackDown. Nel 2015, la WWE introdusse una versione aggiornata del Grand Slam Championship, con lo United States Championship che divenne ufficialmente riconosciuto come uno dei titoli da vincere per ottenere tale onore. A seguito del Draft avvenuto nella puntata di SmackDown del 19 luglio 2016, il titolo divenne un'esclusiva di Raw poiché l'allora campione Rusev venne spostato in questo roster. L'11 aprile 2017, a seguito dello Shake-up, il titolo divenne un'esclusiva di SmackDown poiché il campione Kevin Owens venne spostato in tale roster. Il 16 aprile 2018, a seguito dello Shake-up, il titolo tornò ad essere un'esclusiva di Raw poiché il campione Jinder Mahal venne spostato in tale roster; quella sera, tuttavia, Mahal perse il titolo contro Jeff Hardy. La sera dopo, in seguito, il titolo tornò ad essere un'esclusiva di SmackDown con il passaggio del neo-campione Jeff Hardy in tale roster. Il 22 aprile 2019, per effetto dello Shake-up, il titolo divenne un'esclusiva di Raw dopo che il campione Samoa Joe passò in tale roster.

CinturaModifica

Quando il titolo era chiamato NWA United States Heavyweight Championship il design presentava un'aquila al centro della placca centrale con la bandiera americana in alto e gli Stati Uniti d'America in basso, con la scritta "United States Heavyweight Wrestling Champion". Quando il titolo venne rinominato WCW United States Heavyweight Championship (poi semplicemente WCW United States Championship) il suo design rappresentava un'aquila sullo sfondo e con gli Stati Uniti d'America al centro, rappresentati dalla bandiera omonima, mentre in alto c'era il logo WCW e la scritta "United States Heavyweight Champion". Quando Lance Storm detenne il titolo (dal 18 luglio al 22 settembre 2000) lo rinominò ufficiosamente "WCW Canadian Heavyweight Championship", presentando al centro della cintura la bandiera canadese. La versione del titolo della WCW rimase attiva anche nella WWF durante la storyline dell'Invasion, finò a che non venne ritirata il 18 novembre 2001 a Survivor Series con la vittoria di Edge (detentore del titolo) su Test (detentore del WWF Intercontinental Championship), unificando il titolo degli Stati Uniti con quello intercontinentale. Quando il titolo venne riattivato nel 2003, il design venne completamente cambiato: la placca centrale presenta la bandiera americana con al centro la scritta "United States Champion" a lettere dorate su una placca nera, mentre in alto è presente il logo della WWE su una piccola placca nera. Ad entrambi i lati della cintura, inoltre, sono presenti quattro placche ottagonali dorate: le prime rappresentano un'aquila dorata su sfondo blu (con il logo della WWE sotto di essa) e le seconde la Statua della Libertà dorata su sfondo blu. Dalla fine di novembre del 2004 al 10 marzo del 2005, inoltre, John Cena personalizzò il design della cintura, rendendola di forma rotonda, con la placca centrale con la bandiera degli Stati Uniti roteante con il logo "US (World Life John Cena) Champion", mentre da entrambi i lati vi erano due placche argentate, le prime due con la bandiera degli Stati Uniti e le ultime con una stella; quando Orlando Jordan conquistò il titolo, la cintura tornò al suo design originale. Il 6 luglio 2020 la cintura ha cambiato design per la prima volta dopo diciassette anni: la cintura è ettagonale, presentando sulla placca centrale un'aquila con una stella sul petto nel mezzo, con delle strisce bianche e rosse dietro di essa, mentre in alto, ai lati del logo WWE sono presenti delle stelle, e in basso ad esso è presente la scritta "United States Champion". Ad entrambi i lati della cintura, inoltre, è presente una placca circolare personalizzabile.

Roster in cui il titolo è stato esclusivoModifica

La lista che segue indica le date in cui il titolo è diventato esclusivo di uno dei tre differenti roster.

Colori

Il titolo è passato a Raw

Il titolo è passato a SmackDown

Il titolo è passato alla ECW
Data Note
27 luglio 2003 Il titolo venne riattivato come WWE United States Championship e assegnato al brand di SmackDown!.
23 giugno 2008 Il campione Matt Hardy passò al roster ECW e con lui anche il titolo.
20 luglio 2008 Il titolo ritornò a SmackDown grazie al nuovo campione Shelton Benjamin.
13 aprile 2009 Il campione Montel Vontavious Porter portò il titolo a Raw.
26 aprile 2011 A seguito del Draft supplementare del 2011, il campione Sheamus passò a SmackDown e con lui anche il titolo.
1º maggio 2011 Il titolo ritornò ad essere un'esclusiva di Raw con la vittoria del titolo da parte di Kofi Kingston. Il titolo rimase un'esclusiva di Raw fino alla fine della prima brand extension.
29 agosto 2011 Fine della prima brand extension
Il detentore del WWE United States Championship poteva difendere il titolo sia a Raw che a SmackDown.
19 luglio 2016 Ritorno della brand extension
Il campione Rusev passò a Raw.
11 aprile 2017 Il campione Kevin Owens passò a SmackDown.
16 aprile 2018 Il campione Jinder Mahal passò a Raw.
17 aprile 2018 Il titolo ritornò ad essere un'esclusiva di SmackDown con il passaggio del neo-campione Jeff Hardy in tale roster.
22 aprile 2019 Il campione Samoa Joe passò a Raw.

NomiModifica

Nome Anno
NWA United States Heavyweight Championship (Mid-Atlantic) 1º gennaio 1975 – 27 gennaio 1981
NWA United States Heavyweight Championship (Undisputed) 27 gennaio 1981 – 25 agosto 1991
WCW United States Heavyweight Championship 25 agosto 1991 – 18 marzo 2001
WCW United States Championship 18 marzo 2001 – 18 novembre 2001
WWE United States Championship 27 luglio 2003 – presente

Albo d'oroModifica

Statistiche aggiornate al 1 ottobre 2022.

Simboli Significato
Indica che il regno titolato non è riconosciuto dalla WWE
<1 Indica che il regno titolato è durato meno di un giorno
Legenda
# Indica il numero del regno titolato
Regno Viene indicato il numero del regno del campione
Data La data in cui il titolo è stato vinto; nel caso il titolo è stato vinto in un evento registrato viene indicata anche la data della messa in onda
Località La città in cui il titolo è stato vinto
Evento L'evento dove ha conquistato il titolo
Note Vengono inserite informazioni come cambio di nome del titolo o cambio della cintura, oltre a specificare in quale incontro (diverso da un match singolo) il titolo è stato vinto
Fonti Fonti che ne attestino la veridicità
# Campione Regno Data Giorni Località Evento Note Fonti
National Wrestling Alliance/Jim Crockett Promotions
1 Harley Race 1 1º gennaio 1975 183 Tallahassee, Florida House show [1]
2 Johnny Valentine 1 3 luglio 1975 93 Greensboro, Carolina del Nord House show [2][3]
Vacante 4 ottobre 1975 Reso vacante a causa di un incidente aereo subito da Valentine. [2]
3 Terry Funk 1 9 novembre 1975 18 Greensboro, Carolina del Nord House Show Funk sconfisse Paul Jones nella finale del torneo per la riassegnazione del titolo. [2]
4 Paul Jones 1 27 novembre 1975 107 Greensboro, Carolina del Nord House Show [1]
5 Blackjack Mulligan 1 13 marzo 1976 217 Greensboro, Carolina del Nord House Show [1]
6 Paul Jones 2 16 ottobre 1976 43 Greensboro, Carolina del Nord House Show [1]
Blackjack Mulligan 2 28 novembre 1976 11 Greensboro, Carolina del Nord House Show Regno non riconosciuto dalla WWE. [2]
Paul Jones 3 9 dicembre 1976 6 Winston-Salem, Carolina del Nord House Show Regno non riconosciuto dalla WWE. [2]
7 Blackjack Mulligan 2(3) 15 dicembre 1976 204 Raleigh, Carolina del Nord House Show [1]
8 Bobo Brazil 1 7 luglio 1977 22 Norlfolk, Virginia House Show [1]
9 Ric Flair 1 29 luglio 1977 84 Richmond, Virginia House Show [1]
10 Ricky Steamboat 1 21 ottobre 1977 72 Charleston, Carolina del Sud House Show [1]
11 Blackjack Mulligan 3(4) 1º gennaio 1978 77 Greensboro, Carolina del Nord House Show [1][2]
12 Mr. Wrestling 1 19 marzo 1978 21 Greensboro, Carolina del Nord House Show [1]
13 Ric Flair 2 9 aprile 1978 265 Charlotte, Carolina del Nord House Show [1]
14 Ricky Steamboat 2 30 dicembre 1978 92 Greensboro, Carolina del Nord House Show [1]
15 Ric Flair 3 1º aprile 1979 133 Greensboro, Carolina del Nord House Show [1]
Vacante 12 agosto 1979 Reso vacante quando Flair vinse l'NWA World Tag Team Championship quattro giorni prima. [2]
16 Jimmy Snuka 1 1º settembre 1979 231 Charlotte, Carolina del Nord House Show Snuka sconfisse Ricky Steamboat nella finale del torneo per la riassegnazione del titolo. [2]
17 Ric Flair 4 19 aprile 1980 98 Greensboro, Carolina del Nord House Show [1]
Greg Valentine 1 26 luglio 1980 121 Charlotte, Carolina del Nord House Show Regno non riconosciuto dalla WWE. [2]
Ric Flair 5 24 novembre 1980 64 Greenville, Carolina del Sud House Show Regno non riconosciuto dalla WWE, che però riconosce Flair come un sei volte campione. [1]
18 Roddy Piper 1 27 gennaio 1981 193 Raleigh, Carolina del Nord House Show Il titolo divenne noto come Undisputed NWA United States Heavyweight Championship nel gennaio del 1981, dopo che la NWA San Francisco Office, che riconosceva il suo United States Heavyweight Championship, venne chiusa. [1]
19 Wahoo McDaniel 1 8 agosto 1981 24 Greensboro, Carolina del Nord House Show [1]
Vacante 1º settembre 1981 Reso vacante dopo che McDaniel venne infortunato da Abdullah the Butcher. [4]
20 Sgt. Slaughter 1 4 ottobre 1981 229 Charlotte, Carolina del Nord House Show Slaughter sconfisse Ricky Steamboat nella finale del torneo per la riassegnazione del titolo. [4]
21 Wahoo McDaniel 2 21 maggio 1982 17 Richmond, Virginia House Show [1]
22 Sgt. Slaughter 2 7 giugno 1982 76 Greenville, Carolina del Sud House Show [5]
23 Wahoo McDaniel 3 22 agosto 1982 74 Charlotte, Carolina del Nord House Show [1]
24 Greg Valentine 1(2) 4 novembre 1982 163 Norlfolk, Virginia House Show [1]
25 Roddy Piper 2 16 aprile 1983 14 Greensboro, Carolina del Nord House Show [1]
26 Greg Valentine 2(3) 30 aprile 1983 228 Greensboro, Carolina del Nord House Show Valentine vinse il titolo su decisione arbitrale dopo che Piper venne ferito gravemente all'orecchio sinistro. [1]
27 Dick Slater 1 14 dicembre 1983 129 Shelby, Carolina del Nord House Show [1]
28 Ricky Steamboat 3 21 aprile 1984 64 Greensboro, Carolina del Nord House Show [1]
29 Wahoo McDaniel 4 24 giugno 1984 7 Greensboro, Carolina del Nord House Show [1]
Vacante 1º luglio 1984 Reso vacante dopo che Tully Blanchard interferì nell'incontro titolato tra Wahoo McDaniel e Ricky Steamboat. [2]
30 Wahoo McDaniel 5 7 ottobre 1984 167 Charlotte, Carolina del Nord House Show McDaniel sconfisse Manny Fernandez nella finale del torneo per la riassegnazione del titolo. [2]
31 Magnum T.A. 1 23 marzo 1985 120 Charlotte, NC House Show [6]
32 Tully Blanchard 1 21 luglio 1985 130 Charlotte, Carolina del Nord House Show [7]
33 Magnum T.A. 2 28 novembre 1985 182 Greensboro, Carolina del Nord Starrcade In un "I Quit" Steel Cage match. [8]
Vacante 29 maggio 1986 Reso vacante quando Magnum attaccò il presidente della NWA Bob Geigel. [8]
34 Nikita Koloff 1 17 agosto 1986 328 Charlotte, Carolina del Nord House Show Koloff sconfisse Magnum T.A. nel Best of Seven Series per la riassegnazione del titolo con il punteggio di 4-3. La WWE riconosce questa vittoria come se fosse avvenuta nella finale di un torneo. Il 28 settembre 1986 Koloff sconfisse Wahoo McDaniel, unificando il titolo con l'NWA National Heavyweight Championship, con il ritiro di quest'ultimo. [2][9]
35 Lex Luger 1 11 luglio 1987 138 Greensboro, Carolina del Nord House Show In uno Steel Cage match. [10][11]
36 Dusty Rhodes 1 26 novembre 1987 141 Chicago, Illinois Starrcade In uno Steel Cage match. [12][13]
Vacante 15 aprile 1988 Reso vacante quando Rhodes attaccò il presidente dell'NWA Jim Crockett Jr.. [2]
37 Barry Windham 1 13 maggio 1988 283 Houston, Texas House Show Windham sconfisse Nikita Koloff nella finale del torneo per la riassegnazione del titolo. [14]
National Wrestling Alliance: World Championship Wrestling
38 Lex Luger 2 20 febbraio 1989 76 Chicago, Illinois Chi-Town Rumble [15]
39 Michael Hayes 1 7 maggio 1989 15 Nashville, Tennessee WrestleWar [16]
40 Lex Luger 3 22 maggio 1989 523 Bluefield, Virginia Occidentale House Show In onda su NWA World Wide Wrestling il 10 giugno 1989. [1]
41 Stan Hansen 1 27 ottobre 1990 50 Chicago, Illinois Halloween Havoc [17]
42 Lex Luger 4 16 dicembre 1990 210 Saint Louis, Missouri Starrcade In un Texas Bullrope match. Durante questo regno, il titolo venne rinominato WCW United States Heavyweight Championship. [18]
World Championship Wrestling
Vacante 14 luglio 1991 Baltimora, Maryland The Great American Bash Reso vacante quando Luger vinse il WCW World Heavyweight Championship. [18]
43 Sting 1 25 agosto 1991 86 Atlanta, Georgia House Show Sting sconfisse Steve Austin nella finale del torneo per la riassegnazione del titolo. [19]
44 Rick Rude 1 19 novembre 1991 378 Savannah, Georgia Clash of the Champions XVII [20]
Vacante 1º dicembre 1992 Reso vacante a causa di un infortunio di Rude. [20]
45 Dustin Rhodes 1 11 gennaio 1993 110 Atlanta, Georgia Saturday Night Rhodes sconfisse Ricky Steamboat in un match per decretare il contendente nº1 al titolo ma, quando Rick Rude rese il titolo vacante, Rhodes divenne automaticamente il nuovo campione. In onda il 16 gennaio 1993. [21]
Vacante 29 maggio 1993 Saturday Night Reso vacante dopo un match contro Rick Rude finito in un doppio schienamento. [21]
46 Dustin Rhodes 2 30 agosto 1993 119 Atlanta, Georgia Saturday Night Dustin Rhodes sconfisse Rick Rude in un match per la riassegnazione del titolo. In onda l'11 settembre 1993. [22]
47 Steve Austin 1 27 dicembre 1993 240 Charlotte, Carolina del Nord Starrcade In un 2-out-of-3 Falls match vinto per 2-0. [23][24]
48 Ricky Steamboat 4 24 agosto 1994 25 Cedar Rapids, Iowa Clash of the Champions XVIII [25]
49 Steve Austin 2 18 settembre 1994 <1 Roanoke, Virginia Fall Brawl: War Games Austin vinse il titolo per il forfait di Steamboat a causa di un infortunio alla schiena. [26]
50 Jim Duggan 1 100 Subito dopo la vittoria del titolo da parte di Austin, il Commissioner della WCW Nick Bockwinkel decise che il neo campione avrebbe dovuto difendere il titolo contro uno sfidante misterioso, ovvero Jim Duggan. [27]
51 Big Van Vader 1 27 dicembre 1994 88 Nashville, Tennessee Starrcade [28]
Vacante 25 marzo 1995 Atlanta, Georgia Saturday Night Il titolo venne tolto a Big Van Vader dal Commissioner della WCW Nick Bockwinkel. [2]
52 Sting 2 18 giugno 1995 148 Dayton, Ohio The Great American Bash Sting sconfisse Meng nella finale di un torneo per la riassegnazione del titolo. [29]
53 Kensuke Sasaki 1 13 novembre 1995 44 Tokyo, Giappone House Show Sasaki vinse il titolo durante un evento della New Japan Pro-Wrestling. [30]
54 One Man Gang 1 27 dicembre 1995 33 Nashville, Tennessee Starrcade In un Dark match svoltosi alla fine del pay-per-view. Nonostante il match sia stato fatto ripartire e Sasaki abbia mantenuto il titolo, questo regno non è stato riconosciuto dalla WCW. [31]
55 Konnan 1 29 gennaio 1996 160 Canton, Ohio Main Event [32]
56 Ric Flair 5(6) 7 luglio 1996 56 Daytona Beach, Florida Bash at the Beach [33]
Vacante 25 novembre 1996 Il titolo venne reso vacante dopo che non era stato difeso per trenta giorni a causa di un infortunio di Flair alla spalla. [33]
57 Eddie Guerrero 1 29 dicembre 1996 77 Nashville, Tennessee Starrcade Guerrero sconfisse Diamond Dallas Page nella finale di un torneo per la riassegnazione del titolo. [34]
58 Dean Malenko 1 16 marzo 1997 85 North Charleston, Carolina del Sud Uncensored [35]
59 Jeff Jarrett 1 9 giugno 1997 73 Boston, Massachusetts Nitro [35]
60 Steve McMichael 1 21 agosto 1997 25 Nashville, Tennessee Clash of the Champions XXXV [36]
61 Curt Hennig 1 15 settembre 1997 104 Charlotte, Carolina del Nord Nitro [37]
62 Diamond Dallas Page 1 28 dicembre 1997 112 Washington Starrcade [38]
63 Raven 1 19 aprile 1998 1 Denver, Colorado Spring Stampede In un "Raven's Rules" match. [39]
64 Goldberg 1 20 aprile 1998 77 Colorado Springs, Colorado Nitro In un "Raven's Rules" match. [40]
Vacante 6 luglio 1998 Atlanta, Georgia Saturday Night Reso vacante quando Goldberg vinse il WCW World Heavyweight Championship. [2]
65 Bret Hart 1 20 luglio 1998 21 Salt Lake City, Utah Nitro Bret Hart sconfisse Diamond Dallas Page in un match per la riassegnazione del titolo. [41]
66 Lex Luger 5 10 agosto 1998 1 Rapid City, Dakota del Sud Nitro [42]
67 Bret Hart 2 13 agosto 1998 74 Fargo, Dakota del Nord Thunder [43]
68 Diamond Dallas Page 2 26 ottobre 1998 35 Phoenix, Arizona Nitro [44]
69 Bret Hart 3 30 novembre 1998 70 Chattanooga, Tennessee Nitro In un No Disqualification match. [45]
70 Roddy Piper 3 8 febbraio 1999 13 Buffalo, New York Nitro [46]
71 Scott Hall 1 21 febbraio 1999 25 Oakland, California SuperBrawl IX [47]
Vacante 18 marzo 1999 Lexington, Kentucky Thunder Reso vacante dal presidente della WCW, Ric Flair, per un infortunio di Hall. [47]
72 Scott Steiner 1 11 aprile 1999 85 Tacoma, Washington Spring Stampede Steiner sconfisse Booker T nella finale del torneo per la riassegnazione del titolo. [48]
Vacante 5 luglio 1999 Atlanta, Georgia Nitro Reso vacante dal presidente della WCW, Ric Flair, dopo che erano trascorsi trenta giorni dall'ultima difesa, essendo Steiner infortunato. [48]
73 David Flair 1 5 luglio 1999 35 Atlanta, Georgia Nitro Flair fu premiato con il titolo dal presidente della WCW, nonché suo padre, Ric Flair. [49]
74 Chris Benoit 1 9 agosto 1999 34 Boise, Idaho Nitro [49]
75 Sid Vicious 1 12 settembre 1999 42 Winston-Salem, Carolina del Nord Fall Brawl [50]
76 Goldberg 2 24 ottobre 1999 1 Las Vegas, Nevada Halloween Havoc Goldberg vinse il titolo su decisione arbitrale dopo che Vicious aveva perso molto sangue. [50][51]
77 Bret Hart 4 25 ottobre 1999 14 Phoenix, AZ Nitro [52]
78 Scott Hall 2 8 novembre 1999 41 Indianapolis, Illinois Nitro In un Four-Way Ladder match che includeva anche Goldberg e Sid Vicious. [53]
79 Chris Benoit 2 19 dicembre 1999 1 Washington D.C. Starrcade Benoit ricevette il titolo dallo stesso Scott Hall a causa di un infortunio di quest'ultimo. [53]
80 Jeff Jarrett 2 20 dicembre 1999 27 Baltimora, Maryland Nitro In un Ladder match. [54]
Vacante 16 gennaio 2000 Cincinnati, Ohio Souled Out Reso vacante a causa di un infortunio di Jarrett. [54]
81 Jeff Jarrett 3 17 gennaio 2000 84 Columbus, Ohio Nitro Jarrett riottenne il titolo su decisione del commissioner della WCW Kevin Nash. [55]
Vacante 10 aprile 2000 Denver, CO Nitro Reso vacante da Eric Bischoff e Vince Russo. [56]
82 Scott Steiner 2 16 aprile 2000 84 Chicago, Illinois Spring Stampede Steiner sconfisse Sting nella finale del torneo indetto per la riassegnazione del titolo. [56][57]
Vacante 9 luglio 2000 Daytona Beach, Florida Bash at the Beach Reso vacante dopo che Steiner aveva usato la Steiner Recliner bandita su Mike Awesome. [56][58]
83 Lance Storm 1 18 luglio 2000 66 Auburn Hills, Michigan Nitro Storm sconfisse Mike Awesome nella finale del torneo per la riassegnazione del titolo. Storm rinominò non ufficialmente il titolo WCW Canadian Heavyweight Championship. [59]
84 Terry Funk 2 22 settembre 2000 1 Amarillo, Texas House Show Regno riconosciuto dalla WWE, ma non dalla WCW. [60]
85 Lance Storm 2 23 settembre 2000 36 Lubbock, Texas House Show Regno riconosciuto dalla WWE, ma non dalla WCW. [61]
86 Gen. Rection 1 29 ottobre 2000 15 Las Vegas, Nevada Halloween Havoc In un 2-on-1 Handicap match dove Jim Duggan era in coppia con Storm. [62]
87 Lance Storm 3 13 novembre 2000 13 Londra, Inghilterra Nitro [63]
88 Gen. Rection 2 26 novembre 2000 49 Milwaukee, Wisconsin Mayhem [64]
89 Shane Douglas 1 14 gennaio 2001 22 Indianapolis, Indiana Sin In un First Blood Chain match. [65]
90 Rick Steiner 1 5 febbraio 2001 41 Tupelo, Mississippi Nitro [66]
91 Booker T 1 18 marzo 2001 128 Jacksonville, Florida Greed Il titolo e gli altri riconoscimenti della WCW vennero acquistati dalla World Wrestling Federation il 23 marzo 2001. Il titolo mantenne il nome WCW United States Championship e venne difeso nei programmi della WWF. [67]
World Wrestling Federation
92 Chris Kanyon 1 24 luglio 2001 48 Pittsburgh, Pennsylvania SmackDown! Kanyon ricevette il titolo dallo stesso Booker T, detentore anche del WCW World Heavyweight Championship. In onda il 26 luglio 2001. [68]
93 Tajiri 1 10 settembre 2001 13 San Antonio, Texas Raw [69]
94 Rhyno 1 23 settembre 2001 29 Pittsburgh, Pennsylvania Unforgiven [70]
95 Kurt Angle 1 22 ottobre 2001 21 Kansas City, Missouri Raw [71]
96 Edge 1 12 novembre 2001 6 Boston, Massachusetts Raw [72]
Unificato 18 novembre 2001 Greensboro, Carolina del Nord Survivor Series Unificato con il WWF Intercontinental Championship di Test dopo la vittoria di Edge, e in seguito il WCW United States Championship venne disattivato. [72]
World Wrestling Entertainment
97 Eddie Guerrero 2 27 luglio 2003 84 Denver, Colorado Vengeance Guerrero sconfisse Chris Benoit nella finale del torneo per la riattivazione del titolo con il nome WWE United States Championship, che divenne un'esclusiva di SmackDown!. [73]
98 Big Show 1 19 ottobre 2003 147 Baltimora, Maryland No Mercy [74]
99 John Cena 1 14 marzo 2004 116 New York City, New York WrestleMania XX [75]
Vacante 6 luglio 2004 Winnipeg, Manitoba, Canada SmackDown! Reso vacante dal General Manager Kurt Angle dopo che Cena lo aveva attaccato. In onda l'8 luglio 2004. [76]
100 Booker T 2 27 luglio 2004 68 Cincinnati, Ohio SmackDown! Booker T vinse un 8-Way Elimination match per la riassegnazione del titolo che comprendeva anche Billy Gunn, Charlie Haas, John Cena, Kenzo Suzuki, Luther Reigns, René Duprée e Rob Van Dam. In onda il 29 luglio 2004. [76]
101 John Cena 2 3 ottobre 2004 2 East Rutherford, New Jersey No Mercy Nel Best of Five Series vinto per 3-2. [77]
102 Carlito 1 5 ottobre 2004 42 Boston, Massachusetts SmackDown! In onda il 7 ottobre 2004. [78]
103 John Cena 3 16 novembre 2004 105 Dayton, Ohio SmackDown! In onda il 18 novembre 2004. [79]
104 Orlando Jordan 1 1º marzo 2005 173 Albany, New York SmackDown! In onda il 3 marzo 2005. [80]
105 Chris Benoit 3 21 agosto 2005 58 Washington D.C. SummerSlam [81]
106 Booker T 3 18 ottobre 2005 35 Reno, Nevada SmackDown! In onda il 21 ottobre 2005. [82]
Vacante 22 novembre 2005 Sheffield, Inghilterra SmackDown! Reso vacante dopo che un match tra Booker T e Chris Benoit finì in doppio schienamento. In onda il 25 novembre 2005. [82]
107 Booker T 4 10 gennaio 2006 40 Filadelfia, Pennsylvania SmackDown! Booker T sconfisse Chris Benoit vincendo il Best of Seven Series per la riassegnazione del titolo con il punteggio di 4-3. Gli ultimi tre match vennero disputati da Randy Orton come rappresentante dell'infortunato Booker T. In onda il 13 gennaio 2006. [83]
108 Chris Benoit 4 19 febbraio 2006 42 Baltimora, Maryland No Way Out [84]
109 John "Bradshaw" Layfield 1 2 aprile 2006 51 Rosemont, Illinois WrestleMania 22 [85]
110 Bobby Lashley 1 23 maggio 2006 49 Bakersfield, California SmackDown! In onda il 26 maggio 2006. [86]
111 Finlay 1 11 luglio 2006 49 Minneapolis, Minnesota SmackDown! In onda il 14 luglio 2006. [87]
112 Mr. Kennedy 1 29 agosto 2006 42 Reading, Pennsylvania SmackDown! In un Triple Threat match che comprendeva anche Bobby Lashley. In onda il 1º settembre 2006. [88][89]
113 Chris Benoit 5 10 ottobre 2006 222 Jacksonville, Florida SmackDown! In onda il 13 ottobre 2006. [90][91]
114 MVP 1 20 maggio 2007 343 Saint Louis, Missouri Judgment Day In un 2-out-of-3 Falls match
vinto per 2-0.
[92][93]
115 Matt Hardy 1 27 aprile 2008 84 Baltimora, Maryland Backlash Il 23 giugno 2008 il titolo divenne un'esclusiva del roster ECW. [94][95]
116 Shelton Benjamin 1 20 luglio 2008 240 Uniondale, New York The Great American Bash Il titolo tornò ad essere un'esclusiva di SmackDown. [96][97]
117 MVP 2 17 marzo 2009 76 Corpus Christi, Texas SmackDown In onda il 20 marzo 2009. Il 13 aprile 2009 il titolo divenne un'esclusiva di Raw. [98][99]
118 Kofi Kingston 1 1º giugno 2009 126 Birmingham, Alabama Raw [100][101]
119 The Miz 1 5 ottobre 2009 224 Wilkes-Barre, Pennsyvania Raw [102][103]
120 Bret Hart 5 17 maggio 2010 7 Toronto, Ontario, Canada Raw In un No Disqualification match. [104][105]
Vacante 24 maggio 2010 Toledo, Ohio Raw Reso vacante quando Hart divenne il General Manager di Raw. [104][106]
121 R-Truth 1 24 maggio 2010 21 Toledo, Ohio Raw R-Truth sconfisse The Miz in un match per la riassegnazione del titolo. [106][107]
122 The Miz 2 14 giugno 2010 97 Charlotte, Carolina del Nord Raw In un Fatal 4-Way match che comprendeva anche John Morrison e Zack Ryder. [108][109]
123 Daniel Bryan 1 19 settembre 2010 176 Rosemont, Illinois Night of Champions [110]
124 Sheamus 1 14 marzo 2011 48 St. Louis, Missouri Raw Il 26 aprile 2011 il titolo divenne un'esclusiva di SmackDown. [111]
125 Kofi Kingston 2 1º maggio 2011 49 Tampa, Florida Extreme Rules In un Tables match. Il titolo tornò un'esclusiva di Raw. [112]
126 Dolph Ziggler 1 19 giugno 2011 182 Washington D.C. Capitol Punishment Dal 29 agosto 2011, con la fine della brand extension, il titolo venne difeso sia a Raw che a SmackDown. [113]
127 Zack Ryder 1 18 dicembre 2011 29 Baltimora, Maryland TLC: Tables, Ladders & Chairs [114]
128 Jack Swagger 1 16 gennaio 2012 49 Anaheim, California Raw [115]
129 Santino Marella 1 5 marzo 2012 167 Boston, Massachusetts Raw [116]
130 Antonio Cesaro 1 19 agosto 2012 239 Los Angeles, California SummerSlam [117]
131 Kofi Kingston 3 15 aprile 2013 34 Greenville, Carolina del Sud Raw [118]
132 Dean Ambrose 1 19 maggio 2013 351 St. Louis, Missouri Extreme Rules [119]
133 Sheamus 2 5 maggio 2014 182 Albany, New York Raw In una 20-man Battle Royal. [120]
134 Rusev 1 3 novembre 2014 146 Buffalo, New York Raw Backstage Pass [121]
135 John Cena 4 29 marzo 2015 147 Santa Clara, California WrestleMania 31 [122][123]
136 Seth Rollins 1 23 agosto 2015 28 Brooklyn, New York SummerSlam In un Winner Takes All match con in palio anche il WWE World Heavyweight Championship di Rollins. [124][125]
137 John Cena 5 20 settembre 2015 35 Houston, Texas Night of Champions [126][127]
138 Alberto Del Rio 1 25 ottobre 2015 78 Los Angeles, California Hell in a Cell [128][129]
139 Kalisto 1 11 gennaio 2016 1 New Orleans, Louisiana Raw [130]
140 Alberto Del Rio 2 12 gennaio 2016 12 La Fayette, Louisiana SmackDown In onda il 14 gennaio 2016. [131]
141 Kalisto 2 24 gennaio 2016 119 Orlando, Florida Royal Rumble [132][133]
142 Rusev 2 22 maggio 2016 126 Newark, New Jersey Extreme Rules Il 19 luglio 2016 il titolo divenne un'esclusiva di Raw. [134]
143 Roman Reigns 1 25 settembre 2016 106 Indianapolis, Indiana Clash of Champions [135]
144 Chris Jericho 1 9 gennaio 2017 83 New Orleans, Louisiana Raw In un 2-on-1 Handicap match dove Kevin Owens era in coppia con Jericho. Questi schienò Reigns per vincere il titolo. [136]
145 Kevin Owens 1 2 aprile 2017 28 Orlando, Florida WrestleMania 33 L'11 aprile 2017 il titolo divenne un'esclusiva di SmackDown. [137][138]
146 Chris Jericho 2 30 aprile 2017 2 San Jose, California Payback Con questa vittoria, Jericho passò al roster di SmackDown. [139]
147 Kevin Owens 2 2 maggio 2017 66 Fresno, California SmackDown [140]
148 AJ Styles 1 7 luglio 2017 16 New York City, New York House Show [141]
149 Kevin Owens 3 23 luglio 2017 2 Philadelphia, Pennsylvania Battleground [142]
150 AJ Styles 2 25 luglio 2017 75 Richmond, Virginia SmackDown In un Triple Threat match che comprendeva anche Chris Jericho. [143]
151 Baron Corbin 1 8 ottobre 2017 70 Detroit, Michigan Hell in a Cell In un Triple Threat match che comprendeva anche Tye Dillinger. [144]
152 Dolph Ziggler 2 17 dicembre 2017 9 Boston, Massachusetts Clash of Champions In un Triple Threat match che comprendeva anche Bobby Roode. [145]
Vacante 26 dicembre 2017 Chicago, Illinois SmackDown Reso vacante dal general manager Daniel Bryan dopo che Ziggler lasciò la cintura sul ring nella puntata del 19 dicembre 2017. [146]
153 Bobby Roode 1 16 gennaio 2018 54 Laredo, Texas SmackDown Roode sconfisse Jinder Mahal nella finale del torneo per la riassegnazione del titolo. [147]
154 Randy Orton 1 11 marzo 2018 28 Columbus, Ohio Fastlane [148]
155 Jinder Mahal 1 8 aprile 2018 8 New Orleans, Louisiana WrestleMania 34 In un Fatal 4-Way match che comprendeva anche Bobby Roode e Rusev. Il 16 aprile 2018 il titolo divenne un'esclusiva di Raw. [149][150]
156 Jeff Hardy 1 16 aprile 2018 90 Hartford, Connecticut Raw Il 17 aprile 2018 il titolo tornò un'esclusiva di SmackDown. [150][151]
157 Shinsuke Nakamura 1 15 luglio 2018 156 Pittsburgh, Pennsylvania Extreme Rules [152]
158 Rusev 3 18 dicembre 2018 40 Fresno, California SmackDown In onda il 25 dicembre 2018. [153]
159 Shinsuke Nakamura 2 27 gennaio 2019 2 Phoenix, Arizona Royal Rumble [154]
160 R-Truth 2 29 gennaio 2019 35 Phoenix, Arizona SmackDown [155]
161 Samoa Joe 1 5 marzo 2019 75 Wilkes-Barre, Pennsylvania SmackDown In un Fatal 4-Way match che comprendeva anche Andrade e Rey Mysterio. Il 22 aprile 2019 il titolo divenne un'esclusiva di Raw. [156][157]
162 Rey Mysterio 1 19 maggio 2019 15 Hartford, Connecticut Money in the Bank [158]
163 Samoa Joe 2 3 giugno 2019 20 Austin, Texas Raw Joe ricevette il titolo dallo stesso Mysterio a causa di un infortunio di quest'ultimo alla spalla e dopo lo schienamento controverso avvenuto nel loro incontro a Money in the Bank. [159]
164 Ricochet 1 23 giugno 2019 21 Tacoma, Washington Stomping Grounds [160]
165 AJ Styles 3 14 luglio 2019 134 Philadelphia, Pennsylvania Extreme Rules [161]
166 Rey Mysterio 2 25 novembre 2019 31 Rosemont, Illinois Raw [162]
167 Andrade 1 26 dicembre 2019 151 New York City, New York House Show [163]
168 Apollo Crews 1 25 maggio 2020 97 Orlando, Florida Raw [164]
169 Bobby Lashley 2 30 agosto 2020 175 Orlando, Florida Payback [165]
170 Riddle 1 21 febbraio 2021 49 St. Petersburg, Florida Elimination Chamber In un Triple Threat match che comprendeva anche John Morrison. [166]
171 Sheamus 3 11 aprile 2021 132 Tampa, Florida WrestleMania 37 [167]
172 Damian Priest 1 21 agosto 2021 191 Paradise, Nevada SummerSlam [168]
173 Finn Bálor 1 28 febbraio 2022 49 Columbus, Ohio Raw [169]
174 Theory 1 18 aprile 2022 75 Buffalo, New York Raw [170]
175 Bobby Lashley 3 2 luglio 2022 91 Paradise, Nevada Money in the Bank [171]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z WWE United States Championship official history, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o (EN) NWA/WCW United States Heavyweight Championship history, in Wrestling-Titles.com. URL consultato il 10 aprile 2007.
  3. ^ (EN) Mike Sempervive, Bring The Pain: Detailed history of U.S. Heavyweight Title, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 20 luglio 2003. URL consultato il 27 novembre 2016.
  4. ^ a b Sgt. Slaughter's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 9 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  5. ^ Sgt. Slaughter's second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 9 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  6. ^ Magnum T.A.'s first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  7. ^ Tully Blanchard's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  8. ^ a b Magnum T.A.'s second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  9. ^ 2002 Wrestling Almanac and Book of Facts, Ambler, PA, London Publishing, 2002, p. 120, ISSN 1043-7576 (WC · ACNP).
    «This match was the final bout in a best-of-seven series to fill the vacancy created in May 1986 when Magnum T.A. was stripped of the title for attacking NWA president Bob Geigel.»
  10. ^ Great American Bash 87 results, su thehistoryofwwe.com. URL consultato il 29 agosto 2012.
    «Lex Luger (w/ JJ Dillon) defeated NWA U.S. Champion Nikita Koloff in a steel cage match via knockout with the Torture Rack after hitting him in the back with a steel chair thrown in the ring by Dillon while referee Earl Hebner was knocked out.»
  11. ^ Lex Luger's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  12. ^ Starrcade 1987 results, su Wrestling Supercards and Tournaments. URL consultato il 10 aprile 2007.
    «Dusty Rhodes pinned Lex Luger (16:23) in a "steel cage" match to win the NWA US Title.»
  13. ^ Dusty Rhodes' first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  14. ^ Barry Windham's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  15. ^ Lex Luger's second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  16. ^ Michael Hayes' first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  17. ^ Stan Hansen's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  18. ^ a b Lex Luger's fourth reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  19. ^ Sting's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  20. ^ a b Rick Rude's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  21. ^ a b Dustin Rhodes' first reign, su WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  22. ^ Dustin Rhodes' second reign, su WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  23. ^ Starrcade 1993 results, su Wrestling Supercards and Tournaments. URL consultato il 10 aprile 2007.
    «Steve Austin beat Dustin Rhodes (15:00) in two straight falls to win the WCW US Title.»
  24. ^ Steve Austin's first reign, su WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  25. ^ Ricky Steamboat's fourth reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  26. ^ Steve Austin's second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  27. ^ Jim Duggan's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  28. ^ Vader's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  29. ^ Sting's second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  30. ^ NJPW: WCW World in Japan results, su Strong Style Spirit. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2012).
    «New Japan vs. WCW – WCW U.S. Heavyweight Title: Kensuke Sasaki beat Sting (c) (12:47) with a Northern Light bomb to become the 57th champion.»
  31. ^ One Man Gang's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  32. ^ Konnan's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 22 gennaio 2012).
  33. ^ a b Ric Flair's fifth reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  34. ^ Eddie Guerrero's first reign, su WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  35. ^ a b Dean Malenko's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  36. ^ Steve McMichael's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  37. ^ Curt Hennig's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  38. ^ Diamond Dallas Page's first reign, su WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  39. ^ Raven's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  40. ^ Goldberg's first reign, su WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  41. ^ Bret Hart's first reign, su WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2005).
  42. ^ Lex Luger's fifth reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  43. ^ Bret Hart's second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  44. ^ Diamond Dallas Page's second reign, su WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  45. ^ Bret Hart's third reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  46. ^ Roddy Piper's second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  47. ^ a b Scott Hall's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  48. ^ a b Scott Steiner's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  49. ^ a b David Flair's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  50. ^ a b Sid Vicious' first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  51. ^ Goldberg's second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  52. ^ Bret Hart's fourth reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  53. ^ a b Scott Hall's second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  54. ^ a b Jeff Jarrett's second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007.
  55. ^ Jeff Jarrett's third reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007.
  56. ^ a b c Scott Steiner's second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  57. ^ John Powell, Stampede: Spring back in WCW's step, su Slam! Wrestling, Canadian Online Explorer, 17 aprile 2000. URL consultato il 12 giugno 2009.
  58. ^ John Powell, Booker new champ at the Bash, su Slam! Wrestling, Canadian Online Explorer, 10 luglio 2000. URL consultato il 12 giugno 2009.
  59. ^ Lance Storm's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  60. ^ Terry Funk's second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  61. ^ Lance Storm's second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  62. ^ Gen. Rection's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  63. ^ Lance Storm's third reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2006).
  64. ^ Gen. Rection's second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  65. ^ Shane Douglas' first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  66. ^ Rick Steiner's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  67. ^ Booker T's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  68. ^ Chris Kanyon's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  69. ^ Tajiri's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  70. ^ Rhyno's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  71. ^ Kurt Angle's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  72. ^ a b Edge's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  73. ^ Eddie Guerrero's second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  74. ^ Big Show's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 22 gennaio 2012).
  75. ^ John Cena's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  76. ^ a b Booker T's second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  77. ^ John Cena's second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  78. ^ Carlito's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  79. ^ John Cena's third reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2005).
  80. ^ Orlando Jordan's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007.
  81. ^ WWE SummerSlam 2005 results, su wwe.com, WWE. URL consultato l'8 luglio 2007 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2006).
  82. ^ a b Booker T's third reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  83. ^ Booker T's fourth reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  84. ^ WWE No Way Out 2006 results, su wwe.com, WWE. URL consultato l'8 luglio 2007 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2007).
  85. ^ JBL's first reign, su wwe.com. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  86. ^ Bobby Lashley's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  87. ^ Finlay's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  88. ^ Mr. Kennedy's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  89. ^ Smackdown Results – 9/1/06 – Reading, PA – (NEW U.S. Champion...), su wrestleview.com, Wrestle View, 1º settembre 2006. URL consultato il 7 ottobre 2009.
  90. ^ WWE Friday Night SmackDown! results, 2006, su Wrestling Information Archive. URL consultato l'8 luglio 2007 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2006).
  91. ^ Andy McNamara, Smackdown: Batista is #1, su slam.canoe.ca, SLAM! Wrestling. URL consultato il 7 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2013).
  92. ^ MVP's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 27 maggio 2007 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  93. ^ James Caldwell, Caldwell's Judgment Day Report 5/20: Ongoing "virtual time" coverage of live PPV, su pwtorch.com, PW Torch, 20 maggio 2007. URL consultato il 7 ottobre 2009.
  94. ^ Matt Hardy's first reign, su WWE. URL consultato il 27 aprile 2008 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  95. ^ Wade Keller, Keller's WWE Backlash PPV Report 4/27: Ongoing "virtual time" coverage of live PPV event, su pwtorch.com, PW Torch, 27 aprile 2008. URL consultato il 7 ottobre 2009.
  96. ^ Shelton Benjamin's first reign, su wwe.com, WWE, 20 luglio 2008. URL consultato il 21 luglio 2008 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  97. ^ Wade Keller, Keller's WWE Great American Bash PPV Report 7/20: Ongoing "virtual time" coverage of live PPV, su pwtorch.com, PW Torch, 20 giugno 2008. URL consultato il 7 ottobre 2009.
  98. ^ MVP's second reign, su wwe.com, WWE, 20 marzo 2009. URL consultato il 22 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  99. ^ Mike Tedesco, Smackdown Results – 3/20/09, su wrestleview.com, Wrestle View, 21 marzo 2009. URL consultato il 7 ottobre 2009.
  100. ^ Kofi Kingston's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 1º giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  101. ^ Hunter Golden, Raw Results – 6/1/09, su wrestleview.com, Wrestle View, 2 giugno 2009. URL consultato il 7 ottobre 2009.
  102. ^ The Miz's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 1º giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  103. ^ Hunter Golden, Raw Results – 10/5/09, su wrestleview.com, Wrestle View, 5 ottobre 2009. URL consultato il 6 ottobre 2009.
  104. ^ a b Bret Hart's fifth reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 15 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2010).
  105. ^ Adam Martin, Raw Results – 5/17/10, su wrestleview.com, 17 maggio 2010. URL consultato il 15 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2010).
  106. ^ a b Adam Martin, Raw Results – 5/24/10, su wrestleview.com, 24 maggio 2010. URL consultato il 15 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2010).
  107. ^ R-Truth's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 15 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  108. ^ The Miz's second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 15 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 23 giugno 2010).
  109. ^ Adam Martin, Raw Results – 6/14/10, su wrestleview.com, 14 giugno 2010. URL consultato il 15 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2010).
  110. ^ Daniel Bryan's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 20 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  111. ^ Sheamus' first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 15 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2011).
  112. ^ Kofi Kingston's second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 1º maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  113. ^ Dolph Ziggler's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 20 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  114. ^ Zack Ryder's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 18 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  115. ^ WWE Raw SuperShow results: Laurinaitis snaps!, su wwe.com, WWE. URL consultato il 16 gennaio 2012.
  116. ^ Santino Marella`s first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 19 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2013).
  117. ^ Antonio Cesaro's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 19 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2012).
  118. ^ Alberto Del Rio's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 15 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2013).
  119. ^ Dean Ambrose's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 19 maggio 2013 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2013).
  120. ^ Sheamus' second reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 5 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2014).
  121. ^ Rusev's first reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 3 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2014).
  122. ^ Vaccaro, Robert, John Cena def. United States Champion Rusev, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 marzo 2015.
  123. ^ John Cena's fourth reign, su wwe.com, WWE. URL consultato il 29 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  124. ^ Artus, Matthew, WWE World Heavyweight Champion Seth Rollins def. United States Champion John Cena in a Winner Takes All Match, su wwe.com, WWE. URL consultato il 23 agosto 2015.
  125. ^ Seth Rollins' first reign, su WWE. URL consultato il 24 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2015).
  126. ^ Melok, Bobby, John Cena def. Seth Rollins to win the United States Championship, su wwe.com, WWE. URL consultato il 21 settembre 2015.
  127. ^ John Cena's fifth reign, su WWE. URL consultato il 20 settembre 2015.
  128. ^ Artus, Matthew, Alberto Del Rio def. U.S. Champion John Cena in the U.S. Open Challenge, su wwe.com, WWE. URL consultato il 25 ottobre 2015.
  129. ^ Alberto Del Rio's first reign, su WWE. URL consultato il 25 ottobre 2015.
  130. ^ Kalisto's first reign, su WWE. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  131. ^ Alberto Del Rio's second reign, su WWE. URL consultato il 14 gennaio 2016.
  132. ^ (EN) Michael Burdick, Kalisto def. United States Champion Alberto Del Rio, su wwe.com, WWE, 24 gennaio 2016. URL consultato il 25 gennaio 2016.
  133. ^ Kalisto's second reign, su WWE. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  134. ^ Greg Adkins, Rusev def. United States Champion Kalisto, su wwe.com, WWE. URL consultato il 22 maggio 2016.
  135. ^ James Wortman, Roman Reigns def. United States Champion Rusev, su WWE. URL consultato il 25 settembre 2016.
  136. ^ Anthony Benigno, Jeri-KO def. Roman Reigns to make Chris Jericho the new United States Champion, su WWE. URL consultato il 9 gennaio 2017.
  137. ^ John Clapp, Kevin Owens def. United States Champion Chris Jericho, su WWE. URL consultato il 2 aprile 2017.
  138. ^ (EN) WWE Superstar Shake-up 2017 results: Full roster changes for Raw and SmackDown LIVE, su wwe.com, WWE, 11 aprile 2017. URL consultato l'11 aprile 2017.
  139. ^ James Wortman, Chris Jericho def. United States Champion Kevin Owens, su WWE. URL consultato il 30 aprile 2017.
  140. ^ Ryan Pappolla, Kevin Owens def. Chris Jericho to win United States Championship, su WWE. URL consultato il 2 maggio 2017.
  141. ^ Bobby Melok, AJ Styles wins United States Championship from Kevin Owens at Madison Square Garden Live Event, su wwe. URL consultato l'8 luglio 2017.
  142. ^ Anthony Benigno, Kevin Owens def. AJ Styles to become the new United States Champion, su WWE, 23 luglio 2017. URL consultato il 24 luglio 2017.
  143. ^ Ryan Pappolla, AJ Styles def. Chris Jericho and Kevin Owens in a Triple Threat Match to become the new United States Champion, su WWE. URL consultato il 25 luglio 2017.
  144. ^ Anthony Benigno, Baron Corbin def. AJ Styles and Tye Dillinger to become the new United States Champion, su WWE. URL consultato l'8 ottobre 2017.
  145. ^ Anthony Benigno, Dolph Ziggler def. Baron Corbin and Bobby Roode to become the new United States Champion (Triple Threat Match), in WWE. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  146. ^ Ryan Pappolla, Daniel Bryan made major title-related announcements, su WWE. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  147. ^ Ryan Pappolla, Bobby Roode def. Jinder Mahal in the Finals of the United States Title Tournament to win the United States Championship, su WWE. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  148. ^ Ryan Pappolla, Randy Orton def. Bobby Roode to become the new United States Champion, su WWE. URL consultato l'11 marzo 2018.
  149. ^ Ryan Pappolla, Jinder Mahal def. Randy Orton, Rusev and Bobby Roode to win the United States Championship, su WWE. URL consultato il 9 aprile 2018.
  150. ^ a b WWE.com Staff, WWE Superstar Shake-up 2018 results: Full roster changes for Raw and SmackDown LIVE, su WWE. URL consultato il 17 aprile 2018.
  151. ^ Anthony Benigno, Jeff Hardy def. Jinder Mahal to become the new United States Champion, su WWE. URL consultato il 17 aprile 2018.
  152. ^ Anthony Benigno, Shinsuke Nakamura def. Jeff Hardy to become the new United States Champion; Randy Orton attacked Hardy after the match, su WWE. URL consultato il 16 luglio 2018.
  153. ^ Ryan Pappolla, Rusev def. Shinsuke Nakamura to win the United States Championship, su WWE. URL consultato il 25 dicembre 2018.
  154. ^ James Wortman, Shinsuke Nakamura def. Rusev to become the new United States Champion (Kickoff Match), su WWE. URL consultato il 27 gennaio 2019.
  155. ^ Ryan Pappolla, R-Truth def. Shinsuke Nakamura to win the United States Championship, su WWE. URL consultato il 29 gennaio 2019.
  156. ^ Ryan Pappolla, Samoa Joe def. R-Truth, Rey Mysterio and Andrade to become new United States Champion, su WWE. URL consultato il 5 marzo 2019.
  157. ^ Ryan Satin, Samoa Joe And Cesaro Officially Drafted To Raw, su Prowrestlingsheet.com. URL consultato il 22 aprile 2019.
  158. ^ Anthony Benigno, Rey Mysterio def. Samoa Joe to become the new United States Champion; Samoa Joe delivers vicious post-match assault, su WWE.com. URL consultato il 19 maggio 2019.
  159. ^ Anthony Benigno, Rey Mysterio relinquished the United States Championship to Samoa Joe, su WWE.com. URL consultato il 3 giugno 2019.
  160. ^ Ryan Pappolla, Ricochet def. Samoa Joe to win the United States Championship, su wwe.com. URL consultato il 23 giugno 2019.
  161. ^ Anthony Benigno, AJ Styles def. Ricochet to become the new United States Champion, su WWE. URL consultato il 14 luglio 2019.
  162. ^ Anthony Benigno, Rey Mysterio def. AJ Styles to become the new United States Champion, su WWE. URL consultato il 25 novembre 2019.
  163. ^ WWE.com Staff, Andrade captures U.S. Title by defeating Rey Mysterio at Madison Square Garden, su WWE. URL consultato il 26 dicembre 2019.
  164. ^ Geno Mrosko, Apollo Crews wins the United States championship, su cagesideseats.com. URL consultato il 25 maggio 2020.
  165. ^ Jordan Garretson, Bobby Lashley def. Apollo Crews to become the new United States Champion, su WWE.com. URL consultato il 30 agosto 2020.
  166. ^ Jordan Garretson, Riddle def. Bobby Lashley and John Morrison to become the new United States Champion, su WWE.com. URL consultato il 21 febbraio 2021.
  167. ^ John Clapp, Sheamus def. Riddle to capture the United States Championship, su WWE.com. URL consultato l'11 aprile 2021.
  168. ^ Jeff Laboon, Damian Priest def. Sheamus to win the United States Championship, su WWE.com. URL consultato il 21 agosto 2021.
  169. ^ Connel Rumsey, Finn Balor Wins United States Championship, Damian Priest Turns Heel On Raw, su Wrestletalk.com. URL consultato il 1º marzo 2022.
  170. ^ Geno Mrosko, Theory wins the United States championship, su Cagesideseats.com. URL consultato il 18 aprile 2022.
  171. ^ Greg Miller, Bobby Lashley def. Theory to win the United States Championship, su WWE.com. URL consultato il 2 luglio 2022.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling