Apri il menu principale
Wadi Halfa
città
وادي حلفا
Wadi Halfa – Veduta
Localizzazione
StatoSudan Sudan
Stato (wilāya)Nord
Territorio
Coordinate21°47′N 31°22′E / 21.783333°N 31.366667°E21.783333; 31.366667 (Wadi Halfa)Coordinate: 21°47′N 31°22′E / 21.783333°N 31.366667°E21.783333; 31.366667 (Wadi Halfa)
Altitudine187 m s.l.m.
Abitanti15 725 (2007)
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+3
Cartografia
Mappa di localizzazione: Sudan
Wadi Halfa
Wadi Halfa

Wadi Halfa (in arabo: وادي حلفا) è una città del Sudan del nord, sulle rive del lago Nasser (che in Sudan viene chiamato anche Lago Nubia). La città ha una popolazione di 15.000 abitanti (2005).

StoriaModifica

Anticamente segnava il confine tra l'Alto Egitto e la Nubia; la località conserva numerose testimonianze archeologiche, tra cui una stele attribuita a Cheope; è stata sede di diversi scavi archeologi, soprattutto durante la costruzione della Diga di Assuan.

Altre iscrizioni sono state scoperte con riferimenti a battaglie sostenute dal sovrano Sesostri I per la conquista della Nubia ed una stele menziona un tempio dedicato ad Horus.[1]

Alcune delle iscrizioni risalgono fino alla I dinastia[2] ed al sovrano Djer.[3]

La città moderna fu fondata nel XIX secolo, ed è nota soprattutto per essere stata il quartier generale (tra il 1895 ed il 1898) del Regno Unito durante la guerra contro il ribelle sudanese Muhammad Ahmad, che si era proclamato Mahdi.

La linea ferroviaria fino al fiume Nilo fu usata a partire dal 1897 per esigenze militari; si estende, via Atbara, fino ad al-Ubayyid (chiamata anche El Obeid, dalla pronuncia inglese) ed a sua volta verso il Sudan dell'est e dell'ovest.

Durante la Seconda guerra mondiale, Wadi Halfa fu un avamposto degli Alleati in Africa.

La città odierna presenta diverse industrie, tra cui un allevamento di pesci cinese. Gran parte della città si è trasferita dopo la costruzione della Diga di Assuan.

NoteModifica

  1. ^ Margaret Bunson, Enciclopedia dell'antico Egitto, pag.294
  2. ^ Franco Cimmino, Dizionario delle dinastie faraoniche, pag. 29
  3. ^ Franco Cimmino, Dizionario delle dinastie faraoniche, pag. 35

BibliografiaModifica

  • Margaret Bunson, Enciclopedia dell'Antico Egitto, La Spezia, Fratelli Melita Editori, 1995, ISBN 88-403-7360-8.
  • Alan Gardiner, La civiltà egizia, Einaudi, ISBN 978-88-06-18935-8
  • Franco Cimmino, Dizionario delle dinastie faraoniche, Bompiani, ISBN 88-452-5531-X
  • Alan Gardiner, La civiltà egizia, Einaudi, ISBN 978-88-06-18935-8
  • De Simone, Costanza: 2008: “Wadi Halfa Development and Museum”. Incontro Mediterraneo, n.13, Cairo.
  • De Simone, Costanza: 2009: “Wadi Halfa Museum: A Rescue Mechanism for the Nubian Intangible Heritage”, in: O. Aboukorah, and J. G. Leturcq, Egypt Monde Arab' Pratiques du Patrimonie en Egypt et au Soudan, CEDEJ, Cairo, 401-416.
  • De Simone, Costanza: 2015: Nubia and Nubians: The ‘Museumization’ of a Culture. Saarbrücken, Germania: Lambert Academic Publishing, (305 pp.).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN245864011 · WorldCat Identities (EN245864011
  Portale Antico Egitto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antico Egitto