Apri il menu principale

Walter Piston

compositore e musicista statunitense

BiografiaModifica

Nato nel Maine, ha ascendenti italiani in quanto suo nonno, originario di Genova, aveva il cognome Pistone e lo cambiò in Piston.

Si è segnalato nel corso della sua carriera per la sua produzione di musica da camera per orchestra e anche nella didattica, insegnando ad Harvard dal 1926 al 1960.[1]

Nel 1920 si è sposato con Kathryn Nason (1892-1976), artista deceduta pochi mesi prima di lui. Per alcuni anni, precisamente tra il 1924 ed il 1926, ha vissuto a Parigi, dove ha lavorato e studiato con Nadia Boulanger, Paul Dukas e George Enescu.

Tra i suoi allievi vi furono Elliott Carter, Leonard Bernstein, Leroy Anderson, John Davison, Arthur Berger e Robert Strassburg.[1] [2] [3] [4]

Per diverso tempo ha lavorato a Boston con l'orchestra sinfonica, ma anche scrivendo lavori di balletto come The Incredible Flutist (1938).

Alcune opereModifica

Balletto
  • The Incredible Flutist (1938)
Orchestra
  • Sinfonia No 1 (1937)
  • Sinfonia No 2 (1943)
  • Fugue on a Victory Tune (1944)
  • Variation on a Tune by Eugene Goosens (1944)
  • Sinfonia No 3 (1947)
  • Sinfonia No 4 (1950)
  • Variations on a Theme by Edward Burlingame Hill (1963)
  • Pine Tree Fantasy (1965)
Musica da camera
  • Sonatina for Violin and Harpsichord (1945)
  • Divertimento (1946)
  • Souvenirs (1967)
  • Three Counterpoints (1973)

NoteModifica

  1. ^ a b edt.it
  2. ^ Baker's Biographical Dictionary of Musicians, Centenial Edition, Nicolas Slonimsky, Editore, Schimer, 2001
  3. ^ Composer Geneologies: A Compendium of Composers, Their Teachers and Their Students. Pfitzinger, Scott. Roman & Littlefield, London & New York 2017. Pg. 522 ISBN 9781442272248
  4. ^ Composer Genealogies: A Compendium of Composers - Scott Pfitzinger - Google Libri

BibliografiaModifica

  • Principles of Harmonic Analysis (1933)
  • Harmony (1941)
  • Counterpoint (1947)
  • Orchestration (1955)

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN59274464 · ISNI (EN0000 0001 0906 2126 · SBN IT\ICCU\CFIV\116877 · LCCN (ENn81047594 · GND (DE122386701 · BNF (FRcb13944140f (data) · NDL (ENJA00525185 · WorldCat Identities (ENn81-047594