We Are the Champions

Canzone dei Queen del 1977.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la VHS del 1992, vedi We Are the Champions: Final Live in Japan.
We Are the Champions
ArtistaQueen
Tipo albumSingolo
Pubblicazione7 ottobre 1977
Durata2:57
Album di provenienzaNews of the World
GenerePower ballad
Arena rock
EtichettaEMI (Regno Unito), Elektra (Stati Uniti)
ProduttoreQueen
Registrazione1975 o 1976
Noten.1 (Francia; Nuova Zelanda; Italia; Spagna)
n.2 (Olanda; UK; Svezia)
n.3 (Canada; Irlanda; Norvegia)
n.4 (USA)
n.11(Australia)
n.12 (Austria)
n.13 (Germania)
n.72 (Giappone)
Certificazioni originali
Dischi d'oroFrancia Francia[1]
(vendite: 500 000+)
Dischi di platinoRegno Unito Regno Unito[2]
(vendite: 600 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (3)[3]
(vendite: 3 000 000+)
Certificazioni FIMI (dal 2009)
Dischi di platinoItalia Italia[4]
(vendite: 50 000+)
Queen - cronologia
Singolo precedente
(1977)
Singolo successivo
(1978)

We Are the Champions è un singolo del gruppo musicale britannico Queen, pubblicato il 7 ottobre 1977 come primo estratto dal sesto album in studio News of the World.

DescrizioneModifica

Il brano, scritto da Freddie Mercury, è una delle più celebri canzoni rock di tutti i tempi, e certamente una delle più rappresentative dei Queen, che la usarono come encore finale di moltissimi dei loro concerti. Per la melodia trionfale, e per il testo del ritornello ("Siamo i campioni - siamo i campioni del mondo"), We Are the Champions viene spesso usata come colonna sonora per celebrare vittorie sportive e più in generale di ogni tipo di successo.

Questo brano, in realtà, era stato scritto nel 1975 e doveva essere inserito nel quarto disco della band A Night at the Opera, solo che secondo Mercury andava a esulare come tipo di musicalità dalle altre canzoni, quindi decise di inserirla nell'album "News of the World" del 1977.[senza fonte] Uscì come singolo e fu un successo mondiale.

Nel 2002 la canzone è stata votata come la migliore di sempre in un sondaggio internazionale; votarono oltre 700 000 persone.[5]

Freddie Mercury riguardo alla canzoneModifica

 
Freddie Mercury

«Certamente è una relazione che potrebbe essere, ma stavo pensando al calcio quando l'ho scritto. Volevo una canzone di partecipazione, qualcosa a cui i fan potevano aggrapparsi. Era rivolto alle masse; Pensavo che avremmo visto come l'hanno preso. Ha funzionato a meraviglia. Quando lo abbiamo suonato in un concerto privato a Londra, i fan hanno iniziato a cantare tra i numeri. Certo, l'ho dato più finezza teatrale di un normale canto di calcio. Sai chi sono. Certamente non stavo pensando alla stampa quando l'ho scritta. Di questi tempi non penso mai alla stampa musicale britannica. Doveva davvero offrire ai musicisti lo stesso dei fan. Suppongo che potrebbe anche essere interpretato come la mia versione di " I Did It My Way". Ce l'abbiamo fatta, e certamente non è stato facile. Nessun letto di rose come dice la canzone. E non è ancora facile.»

(Freddie Mercury (1978)[6])

«Devo conquistare la gente, altrimenti non è un concerto di successo. Il mio compito è assicurarmi che le persone si divertano. Fa parte del mio dovere. Ha tutto a che fare con la sensazione di avere il controllo. Quella canzone We Are The Champions è stata ripresa dai fan del calcio perché è una canzone dei vincitori. Non riesco a credere che qualcuno non abbia scritto una nuova canzone per superarla.»

(Freddie Mercury (1985)[7])

Nella cultura di massaModifica

La canzone è usatissima per celebrare i campioni di una manifestazione, specie nello sport. È stata suonata dopo ogni finale del Mondiale di calcio, durante i festeggiamenti della squadra vincitrice, dal 1982 ad oggi. Per alcuni sport, come il rugby, non dovrebbe essere usata, in quanto è presente la frase "No time for losers" ("Non c'è tempo per gli sconfitti") che è considerata di scherno per gli avversari e quindi poco o per niente adatta[senza fonte]. Tuttavia, dal 2003, durante la premiazione della finale della Coppa del Mondo di rugby è suonato tale brano.

FormazioneModifica

Cover e versioni specialiModifica

  • Robbie Williams la cantò con i rimanenti Queen nel 2001, per il film Il destino di un cavaliere.
  • Anastacia cantò un medley di We Will Rock You e We Are the Champions con i rimanenti Queen nel 2003, in occasione di un concerto di beneficenza per la lotta all'AIDS, il "46664 Nelson Mandela AIDS Day Concert" (dal numero assegnato a Mandela durante la sua detenzione in carcere).
  • Mina la cantò nei suoi concerti nel 1978 a Bussola Domani ed è presente nel live Mina live 78 (prima cover del brano registrata su disco).
  • William Hung cantò il brano per il disco Hung for the Holidays (2004).
  • Gavin DeGraw fece la cover in Killer Queen: A Tribute to Queen (2005).
  • I Green Day fecero la cover al Live 8 nel 2005. Nei loro concerti la band rifà spesso questa canzone.
  • Anche nel film Chicken Little (2005), il protagonista canta la canzone dopo la vittoria, ma cambiando le parole (dicendo I Am The Champion invece di We Are the Champions).
  • Crazy Frog ha cantato una cover del brano in occasione dei Mondiali 2006, subito adottata dagli italiani insieme a Seven Nation Army e Siamo una squadra fortissimi per celebrare i Campioni del Mondo.
  • Nel Telefilm Glee il cast ha eseguito una cover del brano nell'episodio della terza stagione "Le nazionali."
  • È stato usato anche a Sarabanda (dal 1997 al 2003) in caso di vittoria di un concorrente (con You Are The Champion al posto di We Are The Champions).
  • Nel film "Sogni mostruosamente proibiti" un arrangiamento del brano viene suonato quando Paolo Coniglio (Paolo Villaggio) batte in una partita a tennis l'avversario, molto somigliante a Bjorn Borg.

TracceModifica

Vinile 7" (1977)
  1. We Are the Champions – 3:00
  2. We Will Rock You – 2:02
CD singolo (1988)
  1. We Are the Champions – 3:02
  2. We Will Rock You – 2:02
  3. Bottomed Girls – 3:23
CD singolo (1992)
  1. We Are the Champions – 3:02
  2. We Will Rock You/We Are the Champions – 5:04

ClassificheModifica

Classifica (1977/78) Posizione
Austrian Singles Chart[8] 12
Dutch Top 40 2
German Singles Chart[8] 13
Irish Singles Chart[9] 3
Norwegian Singles Chart[8] 6
Swedish Singles Chart[8] 14
UK Singles Chart[10] 2
U.S. Billboard Pop Singles[11] 4
Classifica (1993/94) Posizione
Dutch Mega Top 100[8] 27
French Singles Chart[8] 14
Classifica (1998) Posizione
French Singles Chart[8] 10
Classifica (2006) Posizione
U.S. Billboard Hot Digital Songs[11] 61

NoteModifica

  1. ^ (FR) Les Certifications depuis 1973, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 31 agosto 2014. Inserire "Queen" e premere il tasto "OK".
  2. ^ (EN) We Are the Champions, British Phonographic Industry. URL consultato l'8 maggio 2020.
  3. ^ (EN) Queen, We Are the Champions – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 13 maggio 2015.
  4. ^ We Are the Champions (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 4 marzo 2019.
  5. ^ (EN) 'We Are The Champions' voted world's fave song. URL consultato il 28 aprile 2018.
  6. ^ Rosy Horide. "Queen Deserve Rock's Royal Crown? Freddie Mercury and Brian May Hawk their 'News Of The World'". Circus, January 1978. Retrieved from Queenzone, June 15, 2006.
  7. ^ Nick Ferrari. "I Am The Champion. Why Fantastic Freddie Stole Live Aid Show". The Sun, July 19, 1985. Retrieved from queen.musichall.cz, June 15, 2006.
  8. ^ a b c d e f g "We Are the Champions", in various singles charts Lescharts.com (Retrieved July 29, 2008)
  9. ^ Irish Single Chart Irishcharts.ie (Retrieved July 29, 2008)
  10. ^ UK Singles Chart Chartstats.com (Retrieved July 29, 2008)
  11. ^ a b Billboard allmusic.com (Retrieved July 29, 2008)

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàBNF (FRcb14790968w (data)