We Can Be Heroes

film del 2020 scritto e diretto da Robert Rodriguez
We Can Be Heroes
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2020
Durata100 min
Rapporto1,85:1
Generefantascienza, azione, avventura, commedia
RegiaRobert Rodriguez
SceneggiaturaRobert Rodriguez
ProduttoreRacer Rodriguez, Robert Rodriguez
Produttore esecutivoBen Ormand
Casa di produzioneDouble R Productions, Quick Draw Productions, Troublemaker Studios
Distribuzione in italianoNetflix
MusicheRebel Rodriguez
CostumiPeter Daulton
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

We Can Be Heroes è un film del 2020 scritto, prodotto e diretto da Robert Rodriguez.

È una pellicola di supereroi rivolta a un pubblico giovanile, sequel de Le avventure di Sharkboy e Lavagirl in 3-D del 2005.

TramaModifica

Missy Moreno è la figlia di Marcus Moreno, l’ex leader degli Heroics un gruppo di supereroi, ma non possiede nemmeno un superpotere. Suo padre si è ritirato dopo la morte di sua moglie (una donna normale) e ha giurato alla figlia che non sarebbe più tornato in azione. Quando degli invasori alieni rapiscono tutti i supereroi della terra i loro figli vengono portati al sicuro nel quartier generale e li Missy fa la conoscenza dei figli degli altri eroi: Noodles con il potere di allungarsi (figlio di Invisi Girl), A Capella con il potere di estendere la sua voce che si attiva quando canta (figlia di Ms. Vox), Slo-Mo che nonostante sia veloce si muove lentamente perché bloccato nella curvatura spazio-tempo (figlio di Blinding Fast), i gemelli Rewind e Fast Forward con i poteri di andare avanti veloce o veloce indietro di pochi secondi (figli di Crimson Legend e Red Lightning Fury), Facemaker con la capacità di cambiare sia la faccia che le parti del corpo (figlio di Crushing Low), Wild Card il solo ad avere tutti i poteri esistenti ma incapace ad attivarli (figlio di Techno), Guppy con la forza da squalo e il potere di manipolare l'acqua potere opposte della madre (figlia del duo Sharkboy e Lavagirl), Wheels il più intelligente del gruppo che guida una sedia a rotelle tecnologica poiché avendo i muscoli molto forti il corpo non riesce a sostenerlo (figlio di Miracle Guy) e Ojo una bambina che si esprime disegnando, le cui espressioni sono una visualizzazione del futuro.

Con l'avvicinarsi dell'invasione Ms. Granada, capo dell'organizzazione, ordina che i ragazzi non lascino il quartier generale ma Missy non intende starsene con le mani in mano e sostenuta dal resto dei ragazzi organizzano la loro fuga dall'edificio usando al meglio ognuno i loro poteri (Ojo ha infatti previsto un attacco alieno). Una volta fuori Missy li conduce a casa di sua nonna e madre di Marcus, Nina Moreno, un tempo addestratrice di eroi e insegna ai ragazzi ad andare oltre le loro capacità e a lavorare come una squadra. Ma una delle astronavi aliene atterra nei pressi della casa, i ragazzi riescono a scappare, mentre Nina si fa catturare per permettere loro di salvarsi, rubare una delle navette con cui salgono a bordo dell'astronave madre. Lì i ragazzi scoprono che il presidente americano e Ms. Granada sono in realtà alieni che riescono a catturarli e a rinchiuderli in una delle prigioni dell'aeronave. Nina intanto rinchiusa con gli eroi li rimprovera per la loro spavalderia e mancanza di lavoro di squadra. Missy riesce a usare le sue doti di leader, usando le lacrime di tutti fa creare a Guppy una chiave d'acqua e a scappare. Durante la corsa verso la sala centrale per impedire l'attivarsi dell'operazione Avvicendamento, Wild Card si separa dal gruppo insieme a Facemaker, il gruppo raggiunge la sala con l'arma dell'Avvicinamento. Ma vengono traditi da Ojo che oltre a saper parlare si rivela un'aliena e una spia, ma in realtà Missy, l'aveva scoperto (dettaglio notato in uno dei suoi disegni) e chiesto Wild Card di aiutarla affinché il loro piano riuscisse, Facemaker viene catturato fingendosi l'amico che giunge alla sala comandi e da questa strategia il ragazzo acquista fiducia in se stesso cosa che gli ha permesso di sbloccare i suoi poteri e immobilizza Ms. Granada e i suoi uomini. Intanto Ojo che si rivelerà in grado da dar vita ai suoi disegni attacca i ragazzi che riescono ad avere la meglio e a sabotare l'arma, ma con grande sorpresa si rivelerà la prigione dove sono rinchiusi i genitori. Ojo che si rivelerà il capo degli alieni (spiegando che nel loro mondo comandano i bambini) ha organizzato tutto questo per testare Missy e gli altri e l'Avvicinamento in realtà è un rito di passaggio, spiegando che ora lei e i suoi amici non solo meritano di essere eroi, ma avranno anche il compito di proteggere la galassia.

DistribuzioneModifica

Il film è stato distribuito il 25 dicembre 2020 sulla piattaforma Netflix che ha sostituito la distribuzione nelle sale cinematografiche a causa della pandemia di Covid-19.[1][2]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Kylie Hemmert, "We Can Be Heroes First-Look Photos Released for Robert Rodriguez's Superhero Movie", in ComingSoon.net, 12 novembre 2020. URL consultato il 16 agosto 2021.
  2. ^ Emanuele Manco, A Natale su Netflix arriva We can be heroes, in FantasyMagazine, 7 dicembre 2020. URL consultato il 16 agosto 2021.

Collegamenti esterniModifica