Apri il menu principale
Werner Kempf
Bundesarchiv Bild 101I-022-2929-01, Russland, Generäle bei Besprechung (cropped).jpg
Il generale Werner Kempf nell'estate del 1943, prima della battaglia di Kursk
9 marzo 1886 – 6 gennaio 1964 (77 anni)
Nato aKönigsberg
Morto aBad Harzburg
Dati militari
Paese servitoGermania Impero tedesco (sino al 1918)
Germania Repubblica di Weimar (sino al 1933)
Germania Germania nazista
Forza armataKaiserstandarte.svg Deutsches Heer
War Ensign of Germany (1921-1933).svg Reichswehr
War ensign of Germany (1938–1945).svg Wehrmacht
ArmaHeer
CorpoPanzertruppen
Anni di servizio1905 - 1945
GradoGeneral der Panzertruppe
GuerrePrima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
CampagneCampagna di Polonia
Campagna di Francia
BattaglieBattaglia di Kursk
Battaglia di Brody-Dubno
Comandante di6. Panzer-Division
Panzer-Division Kempf
Armeeabteilung Kempf
XXXXVIII. Panzerkorps
voci di militari presenti su Wikipedia

Werner Kempf (Königsberg, 9 marzo 1886Bad Harzburg, 6 gennaio 1964) è stato un generale tedesco.

Indice

BiografiaModifica

Werner Kempf entrò nell'esercito imperiale tedesco il 14 marzo 1905 e prestò servizio nel 149º reggimento di fanteria, raggiungendo nel primo conflitto mondiale il grado di Capitano. Egli prestò dunque servizio nel Reichswehr e nella Wehrmacht. Allo scoppio della Seconda guerra mondiale egli prese parte all'invasione della Polonia comandando la 6. Panzerdivision. Nel 1939 e nel 1940 egli guidò le proprie truppe nella Battaglia di Francia e venne promosso al rango di Generale Luogotenente e gli venne concessa la croce di Cavaliere della Croce di Ferro per il suo ruolo nella campagna.

Dal 5 maggio 1942 fu comandante generale del XXXXVIII Panzerkorp ed era nuovamente in questa posizione il 10 agosto 1942 quando ottenne le fronde di quercia per la sua decorazione di cavaliere. Nel luglio 1943 egli partecipò alla battaglia di Kursk come comandante d'armata sul fronte orientale. Dal maggio al settembre 1944 egli fu comandante della Wehrmacht nel Baltico. Egli venne quindi posto in riserva sino alla propria cattura da parte degli americani nel maggio del 1945 per poi venire rilasciato nel 1947.

OnorificenzeModifica

BibliografiaModifica

  • Berger, Florian (2000). Mit Eichenlaub und Schwertern. Die höchstdekorierten Soldaten des Zweiten Weltkrieges. Wien, Austria: Selbstverlag Florian Berger. ISBN 3-9501307-0-5.
  • Fellgiebel, Walther-Peer (2000). Die Träger des Ritterkreuzes des Eisernen Kreuzes 1939-1945. Friedburg, Germany: Podzun-Pallas. ISBN 3-7909-0284-5.
  • Schaulen, Fritjof (2004). Eichenlaubträger 1940 - 1945 Zeitgeschichte in Farbe II Ihlefeld - Primozic (in German). Selent, Germany: Pour le Mérite. ISBN 3-932381-21-1.
  • Scherzer, Veit (2007). Ritterkreuzträger 1939–1945 Die Inhaber des Ritterkreuzes des Eisernen Kreuzes 1939 von Heer, Luftwaffe, Kriegsmarine, Waffen-SS, Volkssturm sowie mit Deutschland verbündeter Streitkräfte nach den Unterlagen des Bundesarchives (in German). Jena, Germany: Scherzers Militaer-Verlag. ISBN 978-3-938845-17-2.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie