Apri il menu principale

White City Stadium

White City Stadium
The Great Stadium
White City Stadium 1908.jpg
Informazioni
StatoRegno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
UbicazioneWhite City, Londra
Inizio lavori1907
Inaugurazione1908
Chiusura1983
Demolizione1985
Mat. del terrenoErba
GestoreGiochi della IV Olimpiade
Uso e beneficiari
CalcioQPR (1931-1933, 1962-1963)
London Highfield (1933)
White City Rebels (1976-1978)
Capienza
Posti a sedere68000
Mappa di localizzazione

Coordinate: 51°30′49.03″N 0°13′38.64″W / 51.513619°N 0.2274°W51.513619; -0.2274

Il White City Stadium (originariamente The Great Stadium) fu uno stadio britannico. Costruito a Londra in occasione della IV edizione dei Giochi Olimpiadi e della concomitante Esposizione franco-britannica del 1908 in soli dieci mesi, era considerato uno degli edifici tecnologicamente più avanzati dell'epoca. Sebbene fossero previsti 68.000 posti a sedere (di cui 20.000 coperti), si stimava che avrebbe potuto contenere fino a 130.000 persone in piedi.

Inaugurato il 27 aprile 1908 da Re Edoardo VII, ospitò gran parte delle gare dei Giochi della IV Olimpiade (tiro con l'arco, hockey su prato, calcio, lacrosse, ciclismo, lotta, rugby, nuoto, tiro alla fune, ginnastica, pallanuoto, tuffi e atletica leggera). Fu anche utilizzato come circuito finale per la gara di maratona.

Successivamente fu utilizzato per i II Giochi dell'Impero Britannico (1934) e, per alcuni anni, come stadio dai Queens Park Rangers e dai London Highfield.

Nel 1985, venne demolito per fare spazio ai nuovi studi della BBC.

Incontri internazionaliModifica

Partite dei Giochi Olimpici 1908Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Calcio ai Giochi della IV Olimpiade.

Partite di rugby dei Giochi Olimpici 1908Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Rugby a 15 ai Giochi della IV Olimpiade.

Mondiale 1966Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato mondiale di calcio 1966.

NoteModifica

  1. ^ Ritiratasi per motivi finanziari.
  2. ^ Ritiratasi per mancanza di affiliazione alla FIFA.

Altri progettiModifica