Apri il menu principale

Whitehouse (gruppo musicale)

gruppo musicale britannico
Whitehouse
Whitehouse live 2006.jpg
Whitehouse (William Bennett e Philip Best) in un concerto dal vivo al Consumer Electronics Festival di Las Vegas nel 2006
Paese d'origineInghilterra Inghilterra
GenereIndustrial
Power electronics
Periodo di attività musicale1980 – 1985
1990 – in attività
EtichettaCome Organisation, Susan Lawly, Broken Flag
Sito ufficiale

Whitehouse è un duo musicale britannico nato nel 1980 in Inghilterra e spesso citato come fondatore del genere musicale Power electronics, sottogenere del rumorismo e della musica industriale.

Storia del gruppoModifica

Il nome Whitehouse fu scelto dal gruppo per ironizzare sulla promotrice di campagne moralizzatrici britannica Mary Whitehouse, riferendosi contemporaneamente all'omonima rivista pornografica inglese. Il principale artefice del gruppo, William Bennett proveniva dalle precedenti esperienze come chitarrista del gruppo punk rock Essential Logic e dalla band formata nel 1979 assieme a Daniel Miller e J. G. Thirlwell chiamata Come. Nel 2009, Bennett dichiarò al The Wire che la sua principale fonte di ispirazione di quel periodo fu Yōko Ono[1]

Nel 1982, all'età di 14 anni, entrò nel gruppo Philip Best, appena fuggito di casa.

Il gruppo si sciolse nel 1985 a causa del trasferimento fuori Londra di gran parte dei membri del gruppo[2].

Il gruppo riemerse con una serie di album prodotti dal produttore discografico americano Steve Albini, il primo dei quali fu Thank Your Lucky Stars. In questi anni il gruppo era formato principalmente da Bennett, Best e dallo scrittore Peter Sotos che lasciò il gruppo nel 2002. Albini lavorò con il gruppo fino al 1998, anno in cui Bennett decise di gestire anche il ruolo di produttore.

Membri del gruppoModifica

DiscografiaModifica

AlbumModifica

Singoli ed EPModifica

  • "Thank Your Lucky Stars" (1988)
  • "Still Going Strong" (1991)
  • "Just Like a Cunt" (1996)
  • "Cruise (Force the Truth)" (2001)
  • "Wriggle Like a Fucking Eel" (2002)

Live ed altroModifica

  • Cream of the Second Coming (compilation) (1990)
  • Another Crack of the White Whip (compilation) (1991)
  • Tokyo Halogen (live album) (1995)

NoteModifica

  1. ^ William Bennett, "The Inner Sleeve", The Wire 309, November 2009, p. 71.
  2. ^ Susanlawly.freeuk.com

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN315181728 · LCCN (ENno2015019341 · WorldCat Identities (ENno2015-019341