Why Me? Why Not.

album di Liam Gallagher del 2019
Why Me? Why Not.
ArtistaLiam Gallagher
Tipo albumStudio
Pubblicazione20 settembre 2019
Durata39:30
Dischi1
Tracce11
GenereRock alternativo
Rock psichedelico
EtichettaWarner
ProduttoreGreg Kurstin, Andrew Wyatt, Simon Aldred, Adam Noble
Registrazione2018-2019
FormatiCD, LP, download digitale, streaming
Certificazioni
Dischi d'oroRegno Unito Regno Unito[1]
(vendite: 100 000+)
Liam Gallagher - cronologia
Album precedente
(2017)
Album successivo
(2020)
Singoli
  1. Shockwave
    Pubblicato: 6 giugno 2019
  2. One of Us
    Pubblicato: 16 agosto 2019
  3. Now That I've Found You
    Pubblicato: 25 ottobre 2019

Why Me? Why Not. è il secondo album in studio del cantautore britannico Liam Gallagher, pubblicato il 20 settembre 2019 dalla Warner Records.[2]

Genesi e registrazioneModifica

Dopo l'esordio con As You Were (2017), divenuto disco di platino e accolto con favore da critica e fan,[3] Gallagher ha iniziato a lavorare al secondo album già nel 2018, sempre insieme con Greg Kurstin e Andrew Wyatt, già al lavoro con il cantante per il primo album. Le registrazioni sono cominciate nell'aprile 2018 a Los Angeles. Nel disco il figlio di Liam, Gene, suona il bongo nel brano One of Us. A differenza del primo disco, questa volta il cantante figura come co-autore in tutti i brani.

Il titolo del disco deriva dal nome di due dipinti di John Lennon. Il primo, dal nome Why Me?, fu acquistato da Gallagher durante una mostra su Lennon tenutasi a Monaco di Baviera nel 1997, mentre il secondo, dal nome Why Not, fu donato a Liam da Yōko Ono in occasione di una visita al Dakota.[4][5]

PromozioneModifica

Il singolo di lancio del disco, Shockwave, è stato anticipato da una clip di 50 secondi diffusa il 30 maggio 2019, in cui il cantante riproduce il brano da uno stereo.[6] Il brano è stato eseguito per la prima volta dal vivo il 5 giugno alla Round Chapel di Hackney, Londra,[7] e pubblicato il 7 giugno digitalmente e cinque giorni dopo su vinile; il 13 giugno è stato reso disponibile anche il relativo videoclip. È divenuto il singolo di maggiore successo di Liam Gallagher e il vinile più venduto del 2019 nel Regno Unito, oltre che il primo ad aver toccato il vertice di una classifica musicale, raggiungendo la prima posizione in Scozia.[8]

Il 5 giugno è partito da Londra il Why Me? Why Not. Tour, mentre il 27 dello stesso mese è stato reso disponibile il brano The River, accompagnato da un video promozionale. Il 29 giugno il pezzo è stato eseguito da Gallagher sul palco del Glastonbury Festival, con Andrew Wyatt alla chitarra elettrica. Il 5 giugno è stato proiettato in anteprima in alcune sale del Regno Unito il docufilm As It Was,[9] contenente estratti del brano inedito Once, in seguito reso disponibile per lo streaming il successivo 26 luglio.

Il 3 agosto 2019 Liam Gallagher si è esibito alla City Hall di Kingston upon Hull, esibizione che è stata trasmessa da MTV il 27 settembre successivo, come episodio di lancio della nuova edizione di MTV Unplugged. In occasione del concerto ha presentato per la prima volta dal vivo i brani Once, One of Us (pubblicato come secondo singolo il 16 agosto), Now That I've Found You (dedicato alla figlia Molly Moorish), Why Me? Why Not. e Gone.[10] Per gli ultimi brani del concerto sul palco Gallagher è stato accompagnato da Paul "Bonehead" Arthurs.[11] Il disco contenente l'audio dell'esibizione, pubblicato il 12 giugno 2020, è salito subito in vetta alla classifica britannica degli album,[12] diventando il primo MTV Unplugged a comandare la graduatoria dai tempi di MTV Unplugged in New York dei Nirvana.[13]

AccoglienzaModifica

Why Me? Why Not. è stato accolto positivamente dalla critica specializzata: Metacritic ha registrato un voto medio di 74/100 basato su 20 recensioni,[14] che hanno messo in evidenza come l'album rappresenti un'espansione rispetto al sound del precedente disco As You Were. L'album ha esordito al primo posto nella classifica britannica degli album con vendite di 68 000 copie, di cui 17 000 in vinile, che lo rendono l'album in vinile più venduto del 2019 nel Regno Unito.[15] È il decimo album totale di Liam Gallagher, inclusi otto con gli Oasis e due solisti, a raggiungere il primo posto in classifica.[15]

TracceModifica

  1. Shockwave – 3:31 (Liam Gallagher, Greg Kurstin, Andrew Wyatt)
  2. One of Us – 3:25 (Liam Gallagher, Damon McMahon, Andrew Wyatt)
  3. Once – 3:33 (Liam Gallagher, Andrew Wyatt)
  4. Now That I've Found You – 3:20 (Liam Gallagher, Cherry Ghost, Simon Aldred)
  5. Halo – 3:58 (Liam Gallagher, Greg Kurstin, Andrew Wyatt)
  6. Why Me? Why Not. – 3:38 (Liam Gallagher, Simon Aldred)
  7. Be Still – 2:59 (Liam Gallagher, Greg Kurstin, Andrew Wyatt)
  8. Alright Now – 3:47 (Liam Gallagher, Damon McMahon, Andrew Wyatt)
  9. Meadow – 4:05 (Liam Gallagher, Greg Kurstin, Andrew Wyatt)
  10. The River – 3:26 (Liam Gallagher, Andrew Wyatt)
  11. Gone – 3:45 (Liam Gallagher, Michael Tighe, Andrew Wyatt)
Tracce bonus nell'edizione deluxe
  1. Invisible Sun – 3:35 (Liam Gallagher, Andrew Wyatt)
  2. Misunderstood – 4:16 (Liam Gallagher, Simon Aldred)
  3. Glimmer – 3:41 (Liam Gallagher, Michael Tighe, Andrew Wyatt, Constantin Veis)

ClassificheModifica

Classifica (2019) Posizione
massima
Australia[16] 7
Austria[16] 15
Belgio (Fiandre)[16] 8
Belgio (Vallonia)[16] 11
Canada[17] 50
Finlandia[16] 14
Francia[16] 17
Germania[16] 3
Giappone[18] 10
Irlanda[19] 2
Italia[20] 5
Italia (vinili)[21] 3
Norvegia[16] 35
Nuova Zelanda[16] 34
Paesi Bassi[16] 20
Portogallo[16] 19
Regno Unito[22] 1
Regno Unito (download)[23] 1
Regno Unito (physical)[24] 1
Regno Unito (streaming)[25] 3
Regno Unito (vinyl)[26] 1
Scozia[27] 1
Spagna[16] 8
Stati Uniti[17] 50
Stati Uniti (alternative)[17] 17
Stati Uniti (rock)[17] 41
Stati Uniti (tastemaker)[17] 4
Stati Uniti (vinyl)[17] 23
Svezia[16] 55
Svizzera[16] 6
Ungheria[28] 2

NoteModifica

  1. ^ (EN) Why Me? Why Not., su British Phonographic Industry. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  2. ^ (EN) Liam Gallagher Details New Album Why Me? Why Not., su pitchfork.com, Pitchfork, 13 giugno 2019.
  3. ^ (EN) Liam Gallagher fans hail ‘As You Were’ as a ‘modern day classic’, NME, 6 ottobre 2017.
  4. ^ (EN) Why has Liam Gallagher called his new album Why Me. Why Not?, Radio X, 30 giugno 2019.
  5. ^ Intervista alla rivista Q, citata in Esclusivo - Intervista a Liam Gallagher a Q: "Rieccomi. Il mio segreto? Non voglio strafare. Noel? Imbarazzante la sua nuova musica", OasisNotizie, 4 giugno 2019.
  6. ^ (EN) Listen to the first preview of Liam Gallagher’s new single ‘Shockwave’, NME, 30 maggio 2019.
  7. ^ (EN) Watch Liam Gallagher play new song ‘Shockwave’ for first time at London gig, NME, 5 giugno 2019.
  8. ^ (EN) WATCH: Liam Gallagher confirms Why Me? Why Not release date, Radio X, 10 giugno 2019.
  9. ^ Liam Gallagher, esce Shockwave: un singolo anticipa il nuovo album, Il Mattino, 6 giugno 2019.
  10. ^ (EN) Liam Gallagher Setlist at Hull City Hall, Kingston upon Hull, su setlist.fm. URL consultato il 5 agosto 2019.
  11. ^ (EN) Liam Gallagher Stuns Hull City Hall With Biblical MTV Unplugged Set, su mtv.co.uk, MTV. URL consultato il 5 agosto 2019.
  12. ^ (EN) Official Albums Chart Update Top 100, Official Charts, 15 giugno 2020.
  13. ^ (EN) Liam Gallagher’s ‘MTV Unplugged’ album is the first chart-topper in the series since Nirvana, 19 giugno 2020.
  14. ^ (EN) WHY ME? WHY NOT. by Liam Gallagher, su metacritic.com, Metacritic. URL consultato il 9 ottobre 2019.
  15. ^ a b (EN) Helen Ainsley, Liam Gallagher scores second solo Number 1 album, fastest-selling vinyl album of 2019: "Now that's what I call biblical!", su officialcharts.com, Official Charts Company, 27 settembre 2019. URL consultato il 27 settembre 2019.
  16. ^ a b c d e f g h i j k l m n (NL) Liam Gallagher - Why Me? Why Not., su ultratop.be, Ultratop. URL consultato il 27 settembre 2019.
  17. ^ a b c d e f (EN) Liam Gallagher - Chart history, su billboard.com, Billboard. URL consultato il 27 settembre 2019.
  18. ^ (JA) オリコン週間 CDアルバムランキング 2019年09月16日~2019年09月22日, su oricon.co.jp, Oricon. URL consultato il 27 settembre 2019.
  19. ^ (EN) Official Irish Albums Chart Top 50: 27 September 2019 - 03 October 2019, su officialcharts.com, Official Charts Company. URL consultato il 27 settembre 2019.
  20. ^ Classifica settimanale WK 39 (dal 20.09.2019 al 26.09.2019), su fimi.it, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 27 settembre 2019.
  21. ^ Classifica settimanale WK 39 (dal 20.09.2019 al 26.09.2019), su fimi.it, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 27 settembre 2019.
  22. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 27 September 2019 - 03 October 2019, su officialcharts.com, Official Charts Company. URL consultato il 27 settembre 2019.
  23. ^ (EN) Official Albums Downloads Chart Top 100: 27 September 2019 - 03 October 2019, su officialcharts.com, Official Charts Company. URL consultato il 27 settembre 2019.
  24. ^ (EN) Official Physical Albums Chart Top 100: 27 September 2019 - 03 October 2019, su officialcharts.com, Official Charts Company. URL consultato il 27 settembre 2019.
  25. ^ (EN) Official Albums Streaming Chart Top 100: 27 September 2019 - 03 October 2019, su officialcharts.com, Official Charts Company. URL consultato il 27 settembre 2019.
  26. ^ (EN) Official Vinyl Albums Chart Top 40: 27 September 2019 - 03 October 2019, su officialcharts.com, Official Charts Company. URL consultato il 27 settembre 2019.
  27. ^ (EN) Official Scottish Album Chart Top 100: 27 September 2019 - 03 October 2019, su officialcharts.com, Official Charts Company. URL consultato il 27 settembre 2019.
  28. ^ (HU) Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista: 2019. 29. hét, su slagerlistak.hu, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 27 settembre 2019.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock