Apri il menu principale
Wii Mini
console
Wii Mini.png
ProduttoreNintendo
TipoConsole
GenerazioneSettima (Restyling Nintendo Wii)
In venditaCanada 7 dicembre 2012
Europa 22 marzo 2013
Stati Uniti 17 novembre 2013
DismissioneMondo 18 ottobre 2017
PredecessoreNintendo Wii
SuccessoreWii U
Caratteristiche tecniche
Supporto di
memoria
Disco ottico Wii
Dispositivi
di controllo
Wiimote, Nunchuk, Wii Classic Controller, Wii Balance Board, Wii MotionPlus, Wiimote Plus, Wii zapper
Servizi onlineNon supportati

Il Wii Mini è una console per videogiochi, prodotta dall'azienda Nintendo, lanciata sul mercato il 7 dicembre 2012 in Canada, il 22 marzo 2013 in Europa[1] e il 17 novembre 2013 negli USA[2][3], come restyling del Wii. Pur avendo il nome "mini", la console in altezza è leggermente più alta e di lunghezza è la stessa rispetto al Wii. Si tratta dell'ultima console di settima generazione ad essere commercializzata.

Il costo iniziale della console in Canada era di 99$ e i colori disponibili inizialmente erano rosso e nero.[4][5]

La console non è munita del Wi-Fi e pertanto non supporta i servizi online come il Canale Wii Shop, la Nintendo Wi-Fi Connection e la WiiConnect24, nemmeno con l'ausilio dell'adattatore Ethernet-USB disponibile come optional per Wii e Wii U.

È stato inoltre omesso il lettore di schede SD, impedendo di conseguenza l'utilizzo del Canale Foto (che per tale ragione non è preinstallato sulla console), di alcune funzionalità di specifici giochi, e l'utilizzo di software homebrew.

Come il precedente restyling, il Wii Family Edition, non è retrocompatibile con i dischi, i controller, e le memory card del Nintendo GameCube.

NoteModifica

  1. ^ In arrivo il Wii Mini
  2. ^ Wii Mini confirmed for North America release mid-November
  3. ^ Wii mini Official Site
  4. ^ Alessandro Scrugli, Nintendo Wii Mini svelato da Best Buy in Canada, su gadgetblog.it, 27 novembre 2012. URL consultato il 27 novembre 2012.
  5. ^ (EN) Wii Mini Ready to Launch December 7th for $99.99, BestBuy.ca, 27 novembre 2012. URL consultato il 27 novembre 2012.

Voci correlateModifica