Wikipedia:Pagina principale/Rinnovamento 2008/Hill

P social sciences.png
Comunità modifica

Not Italian? - Click here

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Sommario
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
P star.svg
Vetrina modifica
Görz Brücke Isonzo.jpg

Il fronte italiano (in tedesco Italienfront o Gebirgskrieg, "guerra di montagna") comprende l'insieme delle operazioni belliche combattute tra il Regno d'Italia e i suoi Alleati contro le armate di Austria-Ungheria e Germania nel settore delimitato dal confine con la Svizzera e dalle rive settentrionali del Golfo di Venezia parte dei più ampi eventi della prima guerra mondiale. Il conflitto è conosciuto in Italia anche con il nome di "guerra italo-austriaca", o "quarta guerra d'indipendenza".

Dopo aver stipulato un patto di alleanza con le potenze della Triplice intesa e aver abbandonato lo schieramento della Triplice alleanza, l'Italia dichiarò guerra all'Austria-Ungheria il 23 maggio 1915, iniziando le operazioni belliche il giorno dopo: il fronte di contatto tra i due eserciti si snodò nell'Italia nord-orientale, lungo le frontiere alpine e la regione del Carso. Nella prima fase del confronto le forze italiane, guidate dal capo di stato maggiore dell'esercito generale Luigi Cadorna, lanciarono una serie di massicce offensive frontali contro le difese austro-ungariche nella regione del fiume Isonzo, tenute dall'armata del generale Svetozar Borojević von Bojna, mentre operazioni di minor portata prendevano vita sui rilievi alpini e in particolare nella zona delle Dolomiti.

Il conflitto si trasformò ben presto in una sanguinosa guerra di trincea, simile a quella che si stava combattendo sul fronte occidentale: la lunga serie di battaglie sull'Isonzo non portò agli italiani che miseri guadagni territoriali al prezzo di forti perdite tra le truppe, ben presto spossate e demoralizzate dall'andamento delle operazioni. Le forze austro-ungariche si limitarono a difendersi lanciando contrattacchi limitati, fatta eccezione per la massiccia offensiva sull'Altopiano di Asiago nel maggio-giugno 1916, bloccata dagli italiani.

La situazione subì un brusco cambiamento nell'ottobre 1917, quando un'improvvisa offensiva degli austro-tedeschi nella zona di Caporetto portò a uno sfondamento delle difese italiane e a un repentino crollo di tutto il fronte: il Regio Esercito fu costretto a una lunga ritirata fino alle rive del fiume Piave, lasciando in mano al nemico il Friuli e il Veneto settentrionale oltre a centinaia di migliaia di prigionieri. Passate alla guida del generale Armando Diaz e rinforzate da truppe franco-britanniche, le forze italiane riuscirono però a consolidare un nuovo fronte lungo il Piave, bloccando l'offensiva degli Imperi centrali. Dopo aver respinto un nuovo tentativo degli austro-ungarici di forzare la linea del Piave nel giugno 1918, le forze degli Alleati passarono alla controffensiva alla fine dell'ottobre 1918: nel corso della cosiddetta battaglia di Vittorio Veneto le forze austro-ungariche furono messe in rotta, sfaldandosi nel corso della ritirata.

Il 3 novembre l'Impero austro-ungarico chiese e siglò l'armistizio di Villa Giusti che, entrato in vigore il 4 novembre, segnò la conclusione delle ostilità.

Leggi la voce · Tutte le voci in vetrina
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
P question.svg
Lo sapevi che... modifica
Giulio romano, giove, national gallery di londra, forse copia del cupido di michelangelo.jpg

Il Cupido dormiente è una statua marmorea (lunghezza circa 80 cm) di Michelangelo Buonarroti, scolpita verso il 1496 circa e a oggi perduta.

L'opera fu artificiosamente invecchiata e venduta al cardinale Raffaele Riario come reperto archeologico; la truffa fu in seguito scoperta dal religioso che volle conoscere personalmente l'autore, all'epoca non ancora famoso. Il cardinale, colpito dalla bravura di Michelangelo, lo introdusse nell'ambiente artistico romano.

Leggi la voce · Proponi un'altra voce
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
P cal euro.png
Attualità e Notizie modifica

8 agosto

Gilles personne de roberval.jpg
Gilles Personne de Roberval

Nati l'8 agosto...
Gilles Personne de Roberval (1602)
Tokugawa Ietsugu (1709)
Emiliano Zapata (1879)

... e morti
Traiano (117)
Antoine Arnauld (1694)
Guglielmo Pepe (1855)

In questo giorno accadde...
484 – L'usurpatore Leonzio e il suo mentore Illo vengono sconfitti dall'imperatore romano d'Oriente Zenone davanti ad Antiochia e sono costretti ad abbandonare la città.
1381Repubblica di Genova e Repubblica di Venezia firmano la pace di Torino e pongono fine alla guerra di Chioggia.
1786 – Avviene la prima ascensione del Monte Bianco, la vetta più alta d'Europa, ad opera degli alpinisti savoiardi Jacques Balmat e Michel Gabriel Paccard.
1849 – I patrioti italiani Ugo Bassi e Giovanni Livraghi vengono fucilati dagli austriaci a Bologna.
1900David Hilbert, durante un congresso internazionale di matematici a Parigi, presenta i suoi famosi problemi.
1956Disastro di Marcinelle: un incendio, in una miniera di carbone situata a Marcinelle, in Belgio, provoca 262 morti.
2008 – Inizia la guerra tra la Georgia e l'Ossezia del Sud, quest'ultima appoggiata dalla Russia.

Ricorre oggi: la Chiesa cattolica celebra la memoria dei santi Domenico di Guzmán, Altmann di Passavia e Ciriaco di Roma.

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
P archive.svg
Novità

Voci nuove in evidenza:

Barbara Niewiedział · Wild Streets · Apataidae

Voci sostanzialmente modificate in evidenza:

Racecourse Ground · Struzzo · Coryphella

il Wikipediano, notizie dalla comunità

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
P wiki letter w.svg
Oltre Wikipedia

Wikipedia è gestita da Wikimedia, fondazione senza fini di lucro, su cui si basano diversi altri wiki progetti dal contenuto aperto e multilingue:

Wiktionary-logo.svg
Wikizionario
Dizionario e lessico
Wikibooks-logo.svg
Wikibooks
Manuali e libri di testo liberi
Wikisource-logo.svg
Wikisource
Documenti di pubblico dominio
Wikiquote-logo.svg
Wikiquote
Una raccolta di citazioni
Wikispecies-logo.svg
Wikispecies
Catalogo delle specie
Wikinews-logo.svg
Wikinotizie
Fonte di notizie a contenuto aperto
Commons-logo.svg
Commons
Risorse multimediali condivise
Wikiversity-logo.svg
Wikiversità
Risorse e attività didattiche
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
P linguistics.svg
Tutte le lingue

Wikipedia è un'enciclopedia multilingue. Qui di seguito sono elencate le versioni con più di 100.000 voci e le cosiddette "sorelle minori" di it.wiki.

Le 13 maggiori (al 14/02/2007): English (Inglese) (1.637.780+) · Deutsch (Tedesco) (542.383+) · Français (Francese) (444.325+) · Polski (Polacco) (348.290+) · 日本語 (Giapponese) (327.522+) · Nederlands (Olandese) (273.499+) · Italiano (1 627 382) · Português (Portoghese) (240.102+) · Svenska (Svedese) (209.481+) · Español (Spagnolo) (201.735+) · Русский (Russo) (135.471+) · 中文 (Cinese) (111.930+) · Suomi (Finlandese) (100.513+)

Le "sorelle minori": Arpitano · Catalano · Corso · Emiliano e Romagnolo · Friulano · Interlingua · Latino · Ligure · Lombardo · Napoletano · Occitano · Piemontese · Romancio · Sardo · Siciliano · Tarantino · Veneto

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif