Wikipedia:Pagina principale/Rinnovamento 2011/Aushulz 2

l'enciclopedia libera con 1 653 821 voci in italiano
Cos'è Wikipedia · Videoguida · FAQ · Aiuto

Categorie · Indice A–Z

Logo della sezione Vetrina

Vetrina

CoA mil ITA nunziatella.svg

La Scuola Militare Nunziatella di Napoli, fondata il 18 novembre 1787 come Reale Accademia Militare, è uno dei più antichi istituti di formazione militare d'Italia e del mondo. Ha sede a Pizzofalcone nell'antico edificio, costruito nel 1588, già sede del Noviziato dei Gesuiti, che con l'adiacente Chiesa della Santissima Annunziata costituisce un complesso architettonico monumentale della città di Napoli.

Situata a Pizzofalcone, in via Generale Parisi 16, è stata fin dalle origini luogo di elevata formazione militare e civile e ha avuto tra i suoi professori e alunni personalità del calibro di Francesco De Sanctis, Mariano d'Ayala, Carlo Pisacane, Guglielmo Pepe, Enrico Cosenz, un viceré d'Etiopia (Amedeo di Savoia-Aosta) e persino un re d'Italia, Vittorio Emanuele III.

Tra i tanti ex allievi di prestigio figurano alti gradi delle forze armate, tra cui un capo dell'European Union Military Committee, due capi di stato maggiore generale, quattro dell'Esercito, due della Marina, uno dell'Aeronautica, tre comandanti generali della Guardia di finanza (nonché quattro vicecomandanti), due comandanti generali dell'Arma dei carabinieri (nonché quattordici vicecomandanti) e quattro direttori generali dei servizi di informazione. Per quanto riguarda gli ex-allievi civili, sono da ricordare quattro presidenti del consiglio, 18 ministri, 14 senatori e 14 deputati del Regno delle Due Sicilie, del Regno d'Italia, della Repubblica Italiana e dell'Albania, un presidente della Corte Costituzionale, nonché esponenti di assoluto rilievo del mondo culturale, politico e professionale italiano e internazionale, tra cui un candidato al Premio Nobel, un vincitore del prestigioso premio Sonning, assegnato ai più grandi intellettuali europei, uno del Premio Oscar, e uno del Premio internazionale Simòn Bolivàr, attribuito dall'UNESCO.

La bandiera della scuola è decorata da una croce d'oro al merito dell'Arma dei carabinieri e da una medaglia di bronzo al valore dell'Esercito. I suoi ex allievi hanno meritato 38 medaglie d'oro, 490 medaglie d'argento e 414 medaglie di bronzo al valor militare, una medaglia d'oro al valor civile e numerosi altri riconoscimenti al valore. Un totale di 114 di essi sono decorati dell'Ordine militare d'Italia e 67 dell'Ordine al merito della Repubblica italiana. Altri 95 hanno ricevuto decorazioni durante il periodo borbonico. Tre ex allievi sono stati decorati della Legion of merit e tre della Legion d'honneur napoleonica.

Per il ruolo svolto negli ultimi tre secoli "nel settore dell'alta formazione, qual motore accademico, sociale ed economico per l'Italia e per tutti i Paesi del Mediterraneo ad essa legati", il 22 febbraio 2012 è stata dichiarata "Patrimonio storico e culturale dei Paesi del Mediterraneo" da parte dell'Assemblea parlamentare del Mediterraneo. La Scuola è inoltre vincitrice del premio Cypraea per la Scienza (1994) e del premio Mediterraneo Istituzioni assegnato dalla Fondazione Mediterraneo (2012). Alla Nunziatella è infine intitolata una vetta del massiccio del Karakorum.

Leggi la voce · Tutte le voci in vetrina
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Logo della sezione Lo sapevi che...

Lo sapevi che...

Complaint tablet to Ea-Nasir.jpg

La tavoletta di reclamo a Ea-nasir è un'antica tavoletta in argilla risalente alla civiltà babilonese, datata circa al 1750 a.C., scritta in caratteri cuneiformi. Il testo è un reclamo rivolto da un commerciante di nome Nanni a un altro commerciante chiamato Ea-nasir, colpevole di avergli venduto dei lingotti in rame di qualità scadente. La tavoletta venne rinvenuta a Ur dall'archeologo Leonard Woolley e fu acquisita nel 1953 dal British Museum di Londra. Viene scherzosamente definita "la lettera di reclamo più antica al mondo".

Leggi la voce · Proponi un'altra voce
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Logo della sezione Citazione del giorno

Citazione del giorno

È andato perduto qualcosa che prima c'era nel mondo, un certo quale innocente profumo e fascino d'amore, e non so se potrà ritornare.
Hermann Hesse
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Logo della sezione Oltre Wikipedia

Oltre Wikipedia

Wikipedia è gestita da Wikimedia, fondazione senza fini di lucro, su cui si basano diversi altri wiki progetti dal contenuto aperto e multilingue:

Wiktionary-logo.svg
Wikizionario
Dizionario e lessico
Wikibooks-logo.svg
Wikibooks
Manuali e libri di testo liberi scritti ex-novo
Wikisource-logo.svg
Wikisource
Documenti digitalizzati di pubblico dominio già pubblicati
Wikiquote-logo.svg
Wikiquote
Raccolta di citazioni
Wikispecies-logo.svg
Wikispecies
Catalogo delle specie
Wikinews-logo.svg
Wikinotizie
Fonte di notizie a contenuto aperto
Commons-logo.svg
Commons
Risorse multimediali condivise
Wikiversity-logo.svg
Wikiversità
Risorse e attività didattiche
Wikimedia Community Logo.svg
Meta-Wiki
Progetto di coordinamento per le altre wiki
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Logo della sezione Ricorrenze del giorno

Ricorrenze del giorno

MCTGR os 03 Retrato Isabel Catolica 828 gr-2.jpg
Isabella di Castiglia

Nati il 26 novembre...
Luigi Sturzo (1871)
Charles M. Schulz (1922)
Giuliana Minuzzo (1931)

... e morti
Isabella di Castiglia (1504)
Joseph Freiherr von Eichendorff (1857)
Tommy Dorsey (1956)

In questo giorno accadde...
1778 – Il capitano James Cook scopre Maui.
1942 – Il film Casablanca viene proiettato per la prima volta all'Hollywood Theater di New York.
1950 – Truppe della Repubblica Popolare Cinese entrano in Corea del Nord e lanciano un massiccio contrattacco contro le forze della Corea del Sud e degli Stati Uniti d'America.
2003 – Viene effettuato l'ultimo volo del Concorde.

Ricorre oggi: la Chiesa cattolica celebra la memoria dei santi Leonardo da Porto Maurizio, Silvestro Guzzolini, Bellino di Padova, Umile da Bisignano e Siricio.
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Logo della sezione Tutte le lingue

Tutte le lingue

Di seguito sono elencate le 10 versioni maggiori di Wikipedia e una selezione casuale di altre edizioni con un numero minore di voci:

Le 10 maggiori (al 26 novembre 2020): English (inglese) (6.196.697+) · Binisaya (cebuano) (5.361.427+) · Svenska (svedese) (3.521.022+) · Deutsch (tedesco) (2.504.208+) · Français (francese) (2.271.730+) · Nederlands (olandese) (2.040.645+) · Русский (russo) (1.679.050+) · Italiano (1 653 821) · Español (spagnolo) (1.642.895+) · Polski (polacco) (1.440.390+)

Dal mondo di Wikipedia:

Esperanto (esperanto) · Eesti (estone) · Ελληνικά (greco) · Cymraeg (gallese) · Ido (ido) · Walon (vallone) · Tarandíne (tarantino) · Bân-lâm-gú (min nan) · تركمن / Туркмен (turkmeno) · Pangasinan (pangasinan) · Líguru (ligure) · Dzhudezmo (giudesmo o giudeo-spagnolo) · پښتو (pashto) · Reo Tahiti (tahitiano) · Af-Soomaali (somalo) · МагIарул мацI (avaro) · Bamanankan (bambara) · Xitsonga (tsonga) · ᨅᨗᨌᨑ ᨕᨘᨁᨗ (buginese)
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif