Wilhelm Furtwängler

direttore d'orchestra e compositore tedesco
Wilhelm Furtwängler nel ritratto di Emil Orlik (1928)

Wilhelm Furtwängler, nome completo Gustav Heinrich Ernst Martin Wilhelm Furtwängler, /ˈvɪl.hɛlm ˈfʊrt.ˌvɛŋ.lər/, (Schöneberg, 25 gennaio 1886Ebersteinburg, 30 novembre 1954), è stato un direttore d'orchestra e compositore tedesco. È considerato uno dei più importanti direttori del ventesimo secolo, nonché della storia della musica classica occidentale, in particolare grazie alle sue interpretazioni della musica sinfonica tedesca e austriaca che rappresentano ancora un punto di riferimento per musicologi e direttori d'orchestra attuali.

Ha diretto l'Orchestra Filarmonica di Berlino con la quale si è identificato per tutta la vita. Furtwängler sintetizzò la tradizione dell'interpretazione germanica iniziata da Richard Wagner e proseguita dai primi due direttori permanenti dell'Orchestra Filarmonica: Hans von Bülow e Arthur Nikisch.

Il suo approccio alla musica, profondamente influenzato dalle teorie del musicologo ebreo viennese Heinrich Schenker, è stato spesso confrontato e contrapposto allo stile di Arturo Toscanini, il suo rivale per tutta la carriera, che voleva eseguire rigorosamente come è scritto in partitura. Ha avuto una notevole influenza su tutti i direttori d'orchestra del dopoguerra, in particolare sul suo successore, Sergiu Celibidache.

Il ruolo, l'immagine e alcune delle sue scelte controverse nel contesto della Germania nazista gli valsero molte critiche. Tuttavia, non sembra avere avuto particolare simpatia per l'ideologia nazista.

BiografiaModifica

Infanzia e inizi della carrieraModifica

InfanziaModifica

 
Placca commemorativa sulla Nollendorfplatz, à Berlino-Schöneberg dove Furtwängler nacque.
 
Busto di Wilhelm Furtwängler a Baden-Baden

Il padre di Wilhelm, Adolf Furtwängler (cugino del matematico Philipp Furtwängler), era un importante archeologo che diresse gli scavi tedeschi ad Egina, Micene e Olimpia - una stanza porta il suo nome al Museo archeologico di Olimpia - e alcune delle sue opere svolte sulle ceramiche greche antiche sono autorevoli ancora oggi[N 1] Sua madre, Adelheid Furtwängler (cognome da nubile Wendt), il cui padre era stato amico di Johannes Brahms, era una pittrice. Suo zio materno era lo zoologo Anton Dohrn che aveva fondato l'istituto di zoologia di Napoli che oggi porta il suo nome. Wilhelm era il maggiore di quattro figli, i suoi fratelli e le sue sorelle si chiamavano Walter, Märit e Annele. Trascorse la maggior parte della sua infanzia in una località nei pressi di Monaco di Baviera, dove suo padre insegnava all'Università Ludwig Maximilian. Sin dalla tenera età ricevette un'educazione musicale, sviluppando molto presto una predilezione per Ludwig van Beethoven, compositore che lo ha accompagnato artisticamente per tutta la vita. Sebbene la sua fama postuma lo riconosca come direttore d'orchestra, Furtwängler fu anche compositore, ed egli si considerava in primo luogo tale, avendo iniziato la carriera da direttore solo per dirigere le proprie composizioni.

Studiò pianoforte e composizione con Joseph Gabriel Rheinberger e con Max von Schillings. Debuttò a vent'anni nella direzione d'orchestra dirigendo alcuni suoi brani, che, tuttavia, non furono bene accolti. Questo fatto lo portò ad abbandonare la composizione per concentrarsi sulla direzione. Al suo primo concerto diresse la Kaim Orchestra (ora Orchestra Filarmonica di Monaco di Baviera). Successivamente ricoprì incarichi a Monaco di Baviera, Lubecca, Mannheim, Francoforte e Vienna. Divenne anche direttore del Festival di Salisburgo e del Festival di Bayreuth. La sua carriera ebbe un balzo importante quando, nel 1922, fu nominato direttore stabile della Gewandhausorchester di Lipsia, succedendo ad Arthur Nikisch e rimanendo in carica fino al 1928, e direttore dei Berliner Philharmoniker, che diresse fino al 1945.

Furtwängler fece anche un certo numero di apparizioni all'estero: debuttò a Londra nel 1924 e vi continuò a dirigere fino al 1938. Nel 1925 presenziò come ospite della New York Philharmonic Orchestra. Nel 1928 diresse la prima esecuzione assoluta nella Singakademie am Unter den Linden di Berlino di Variationen für Orchester (op. 31) di Arnold Schönberg. Nel 1930 diresse la prima esecuzione nella Alte Philharmonie Saal di Berlino di Konzertmusik per viola e grossa orchestra da camera op. 48 di Paul Hindemith. Nel 1931 diresse la ripresa nel Festspielhaus di Bayreuth di Tristan und Isolde di Richard Wagner. Nel 1933 diresse la ripresa nel Théâtre de l'Opéra di Parigi di Lohengrin di Richard Wagner.

Verso la fine della seconda guerra mondiale Furtwängler si trasferì in Svizzera. Fu durante questo periodo che compose gran parte di quella che è considerata la sua opera più significativa, la Sinfonia n. 2 in mi minore. I lavori della sinfonia iniziarono nel 1944. Venne eseguita per la sua prima nel 1948 dalla Filarmonica di Berlino sotto la direzione di Furtwängler stesso. Furtwängler fece registrare l'esecuzione dalla Deutsche Grammophon; la musica era nella tradizione di Anton Bruckner e Gustav Mahler, composta per una grande orchestra romantica. Un altro importante lavoro è il Sinfonie-Konzert (concerto sinfonico per pianoforte e orchestra), completato nel 1937. Molti temi di questo lavoro sono stati inseriti da Furtwängler anche nell'incompiuta Sinfonia n. 3 in do diesis minore.

Dopo il secondo conflitto mondiale Furtwängler riprese a dirigere e a registrare, divenendo molto popolare in Europa. Morì nel 1954 a Ebersteinburg (oggi quartiere di Baden-Baden), e fu sepolto nel cimitero monumentale di Heidelberg (Bergfriedhof). Nel decimo anniversario della sua morte venne tenuto un concerto alla Royal Albert Hall di Londra, condotto dal suo biografo Hans-Hubert Schönzeler. Furtwängler fu famoso per le sue direzioni di Beethoven, Brahms, Bruckner e Wagner. Tuttavia diresse anche musica moderna, come quella composta da Schoenberg e la prima mondiale del Concerto per pianoforte n. 5 in sol di Prokof'ev (con il compositore al pianoforte) il 31 ottobre 1932.

Significativo fu il rapporto con l'Italia, che gli permise di dirigere nuovamente in pubblico appena terminata la Seconda guerra mondiale: infatti il Teatro alla Scala di Milano mise in scena L'Anello del Nibelungo sotto la sua direzione. L'opera fu ripresa nel 1953 alla RAI [non chiaro]di Roma. Storiche alcune collaborazioni con le orchestre della RAI della capitale e di Torino: il concerto per violino di Brahms con Gioconda De Vito, il quarto concerto per pianoforte di Beethoven con Pietro Scarpini, la terza, quinta e sesta sinfonia di Beethoven e perfino la quinta sinfonia di Čajkovskij con l'orchestra della RAI. Un po' meno riuscita, invece, l'esecuzione dell'Otello di Giuseppe Verdi a Salisburgo, che rappresenta anche il suo unico approccio con il melodramma italiano, riletto in chiave troppo wagneriana.

Nel Teatro alla Scala dirige la ripresa di Il crepuscolo degli dei di Richard Wagner nel 1950, Parsifal di Wagner ed Orfeo ed Euridice di Christoph Willibald Gluck con Fedora Barbieri nel 1951, I maestri cantori di Norimberga di Wagner nel 1952 e un concerto con la Orchestra filarmonica di Berlino nel 1954.

Nel 1953 diresse il Fidelio di Beethoven al Wiener Staatsoper.

Vita privataModifica

Furtwängler è stato sposato due volte. Nel 1923 sposò la danese Zitla Lund. In quel momento aveva altri quattro figli nati fuori dal matrimonio. Dall'unione con Zitla Lund non nacquero figli e la coppia si separò nel 1931. Il divorzio, tuttavia, arrivò solo nel 1943. Nello stesso anno sposò Elisabeth Ackermann, la quale aveva già quattro figli nati dal precedente marito Hans Ackermann, morto durante la seconda guerra mondiale. Da questo matrimonio nacque l'unico figlio riconosciuto, Andreas Furtwängler (nato a Zurigo il giorno 11 novembre 1944).

Furtwängler è il suocero dell'attrice Kathrin Ackermann e il nonno dell'attrice Maria Furtwängler. Sulla lapide della sua tomba nel cimitero di Heidelberg, sulla quale ancora oggi vengono portati fiori, sono incise le parole: "Mi restano la fede, l'amore, la speranza, queste tre. Ma l'amore è più grande fra di loro". Accanto a lui sono sepolte la madre a la sorella, Märit Furtwängler, moglie di Max Scheler.

Il rapporto con il regime nazistaModifica

 
Per la propaganda, Wilhelm Furtwängler dirige un concerto dentro una fabbrica di Berlino nel 1942.

Il rapporto di Furtwängler con il regime nazista è tuttora controverso. Nel 1934, quando gli fu proibita la direzione della prima mondiale dell'opera Mathis der Maler di Paul Hindemith, considerato dal regime un "musicista degenerato", Furtwängler per protesta diede le dimissioni da direttore dell'Opera di Berlino. Nel 1936 sembrava possibile che Furtwängler potesse seguire le orme di Erich Kleiber in esilio quando gli venne offerto il posto di direttore presso la New York Philharmonic Orchestra.

Tuttavia Furtwängler, mediante un comunicato all'Associated Press, fece sapere che riprendeva il suo posto all'Opera di Berlino, e ciò lo fece apparire agli occhi degli americani come un sostenitore del regime. Tuttavia Furtwängler non aderì mai al partito e si rifiutò sempre di fare il saluto nazista.

Furtwängler venne sempre trattato bene dai nazisti, i quali lo consideravano quasi come il "direttore ufficiale del regime". Nel settembre 1944 venne inserito da Joseph Goebbels nella Gottbegnadeten-Liste, un elenco degli artisti considerati fondamentali per la cultura tedesca.

Furtwängler, a sua volta, diresse vari concerti a diretto vantaggio del regime: nel febbraio 1938 diresse la Filarmonica di Berlino in un concerto organizzato per la Gioventù hitleriana, e, nello stesso anno, diresse l'opera I maestri cantori di Norimberga di Richard Wagner per il compleanno di Adolf Hitler. I suoi concerti erano spesso trasmessi alla radio per sollevare il morale delle truppe.

Inoltre diresse concerti a Praga nel maggio e nel novembre del 1940, e ancora nel marzo del 1944 per il quinto anniversario dell'occupazione tedesca. Nel 1942 diresse la nona di Beethoven in occasione del compleanno di Hitler. Dopo la guerra si giustificò dicendo che aveva cercato di proteggere la cultura tedesca.

Nel 1942 diresse Fidelio al Wiener Staatsoper.

Tuttavia è pur vero che Furtwängler, dopo l'avvento del nazismo, non emigrò all'estero come fecero tanti altri nomi della cultura tedesca, ma restò in Germania facendosi nominare vicepresidente della Reichmusikkammer, forse più per incapacità di vivere in un mondo non tedesco che per vera fede politica.

Anche il suo atteggiamento verso gli ebrei resta controverso. Da un lato Furtwängler elogiò musicisti ebrei come Artur Schnabel, e, pare, salvò alcuni ebrei membri della Filarmonica di Berlino dai campi di concentramento; dall'altro sostenne il boicottaggio degli ebrei e fu critico riguardo alla presenza ebraica negli organi di stampa.

Albert Speer dichiarò che, nel dicembre del 1944, Furtwängler gli chiese se la Germania avesse ancora qualche possibilità di vincere la guerra. Speer rispose negativamente e consigliò al direttore d'orchestra di fuggire in Svizzera. Furtwängler diresse il suo ultimo concerto a Vienna il 28 gennaio 1945, eseguendo la seconda sinfonia di Brahms, e poi si trasferì a Zurigo.

 
Francobollo tedesco dedicato a Furtwängler nel 1986.

Dopo il termine del conflitto venne accusato dagli americani di aver sostenuto il regime e di aver fatto propaganda antisemita contro il direttore Victor de Sabata. Furtwängler venne sottoposto ad un processo, al termine del quale, tuttavia, venne ritenuto innocente. Durante il processo dichiarò:

«Sapevo che la Germania era in una situazione terribile; io mi sono sentito responsabile per la musica tedesca, ed è stato mio compito farla sopravvivere a questa situazione, per quanto ho potuto. La preoccupazione per il fatto che la mia musica potesse essere usata dalla propaganda ha dovuto cedere alla preoccupazione più grande di conservare la musica tedesca, di farla ascoltare al popolo tedesco. Questo popolo, compatriota di Beethoven, Mozart e Schubert, doveva ancora vivere sotto il controllo di un regime ossessionato dalla guerra. Nessuno che non abbia vissuto quei giorni può giudicare com'era. Non potevo lasciare la Germania in quello stato di massima infelicità. Andarsene sarebbe stato una fuga vergognosa. Dopo tutto sono un tedesco, qualunque cosa si possa pensare di questo all'estero, e non rimpiango di aver fatto questo per il popolo tedesco.[1]»

Nel 1947 diresse il primo concerto postbellico nella Alte Philharmonie Saal di Berlino.

Nel 1949 Furtwängler accettò la posizione di direttore della Chicago Symphony Orchestra. Tuttavia l'orchestra ritirò l'offerta dopo manifestazioni di disapprovazione da parte di diversi musicisti ebrei, fra i quali Vladimir Horowitz e Artur Rubinstein. Rubinstein scrisse che: "Se Furtwängler fosse stato davvero convinto delle proprie idee democratiche avrebbe potuto lasciare la Germania."[2]

Il violinista Yehudi Menuhin, invece, fu tra le persone della comunità ebraica americana ad avere un'opinione positiva di Furtwängler. Nel 1933 Menuhin rifiutò di suonare sotto la sua direzione, ma, alla fine degli anni quaranta, dopo una ricerca personale sul passato di Furtwängler, suonò con lui.

I nastri dei concerti diretti a Berlino da Wilhelm Furtwängler fra il 1942 ed il 1944, sequestrati dai sovietici al termine della Seconda guerra mondiale e trasportati successivamente a Mosca, sono stati restituiti alla Germania il 15 ottobre 1987 e sono stati pubblicati dalla Deutsche Grammophon in un cofanetto di dieci CD.

Lo stileModifica

 
Igor' Fëdorovič Stravinskij, seduto al piano, insieme a Wilhelm Furtwängler.

Furtwängler aveva una tecnica di conduzione unica. Egli vedeva la musica sinfonica come una creazione della natura: per questo compositori come Beethoven, Brahms, Bruckner e Wagner erano così centrali nel suo repertorio, in quanto li considerava come grandi forze della natura.

Non gradiva l'approccio di Arturo Toscanini al repertorio tedesco, tanto da abbandonare la sala durante un suo concerto, definendo Toscanini un mero "battitore di tempo". Furtwängler dirigeva quasi in uno stato di trance: i suoi gesti sembravano avere poca attinenza al ritmo della musica, mentre i movimenti del suo corpo vennero descritti da alcuni suoi orchestrali come quelli di "un burattino mosso da fili". In un filmato in particolare,[3] ossia l'esecuzione della nona sinfonia di Beethoven il 19 aprile 1942, in occasione del compleanno di Hitler, durante la parte finale della sinfonia Furtwängler accentua di molto questi suoi caratteristici movimenti meccanici, nonostante, o forse a causa dei quali, i musicisti restavano incantati dal suo carisma.

Uomo di pochissime parole, Furtwängler era famoso per la sua profonda incapacità di dare spiegazioni: il suo allievo Sergiu Celibidache ricorda che la frase più esplicativa che riusciva a dire era: "Bisogna solo ascoltare". Carl Brinitzer, della BBC, cercò di intervistarlo e pensò di avere di fronte a sé un imbecille. Una registrazione dal vivo di una prova con un'orchestra di Stoccolma documenta che Furtwängler non spiegava nulla, ma si limitava a mormorii senza significato apparente. Furtwängler fu molto rispettato fra i musicisti. Arturo Toscanini, che considerava Furtwängler la sua completa antitesi, disse una volta ironizzando, quando gli fu chiesto il nome del più grande direttore d'orchestra: "Furtwängler!" ovviamente alludeva al peggiore.

Citazioni e omaggiModifica

Nel 2001 il regista ungherese István Szabó realizzò il film A torto o a ragione, tratto dalla sceneggiatura La torre d'avorio[4] (Taking Sides) del commediografo Ronald Harwood, nel quale narra la controversa vicenda di Wilhelm Furtwängler (interpretato da Stellan Skarsgård) come "direttore d'orchestra ufficiale del regime nazista". Szabó, alla fine del film, "assolve" Furtwängler, anche mostrando un filmato d'epoca nel quale si vede il direttore dirigere un concerto alla presenza, fra gli altri, di Joseph Goebbels. Al termine dell'esecuzione Furtwängler non risponde al saluto nazista della platea e, dopo che Goebbels gli ha stretto la mano per complimentarsi, Furtwängler usa il fazzoletto per fare un gesto nel quale è possibile cogliere l'intenzione di pulirsi la mano che aveva appena stretto. Come si può verificare dal filmato d'epoca[3], in realtà, il pubblico delle autorità tedesche presenti applaudono entusiasticamente il direttore al termine del concerto, ma non salutano col braccio, dunque Furtwängler non rispose al saluto nazista perché nessuno si rivolse a lui in quel modo, neanche Goebbels. Inoltre, sempre dal filmato, si evince un marcato spazio temporale tra il momento della stretta di mano col ministro nazista e l'atto di passare da una mano all'altra il fazzoletto, spazio che il regista del film ha artatamente abbreviato nella sua pellicola.

Dalla stessa sceneggiatura Luca Zingaretti diresse, dal 2012, lo spettacolo teatrale La torre d'avorio, con Luca Zingaretti nella parte del Maggiore Steve Arnold e Massimo De Francovich nella parte di Wilhelm Furtwängler.

Registrazioni degne di notaModifica

Furtwängler lasciò un gran numero di fondamentali incisioni discografiche (leggendaria la nona sinfonia di Beethoven diretta a Bayreuth il 29 luglio 1951 a cui allude il celebre film di Stanley Kubrick, Arancia Meccanica). Di seguito un elenco delle registrazioni degne di particolare nota:

  • Schubert, Sinfonia n.8, «Incompiuta», Wiener Philharmoniker, EMI Dacapo
  • Čajkovskij, sesta sinfonia, esecuzione in studio di registrazione con i Berliner Philharminiker, 1938 (EMI, Naxos).
  • Schubert, nona sinfonia, esecuzione dal vivo con i Berliner Philharmoniker, 1942 (Deutsche Grammophon, Magic Master, Music and Arts, Opus Kura).
  • Beethoven, nona sinfonia, esecuzione dal vivo con i Berliner Philharmoniker, marzo 1942 (Classica d'Oro, Music and Arts, Opus Kura, Tahra).
  • Bruckner, quinta sinfonia, esecuzione dal vivo con i Berliner Philharmoniker, ottobre 1942 (Classica d'Oro, Deutsche Grammophon, Music and Arts).
  • Beethoven, quinta sinfonia, esecuzione dal vivo con i Berliner Philharmoniker, giugno 1943 (Classica d'Oro, Deutsche Grammophon, Enterprise, Music and Arts, Opus Kura, Tahra).
  • Beethoven, settima sinfonia, esecuzione dal vivo con i Berliner Philharmoniker, novembre 1943 (Classica d'Oro, Deutsche Grammophon, Music and Arts, Opus Kura).
  • Bruckner, ottava sinfonia, esecuzione dal vivo con i Wiener Philharmoniker, ottobre 1944 (Deutsche Grammophon, Music and Arts).
  • Bruckner, nona sinfonia, esecuzione dal vivo con i Berliner Philharmoniker, ottobre 1944 (Deutsche Grammophon).
  • Beethoven, terza sinfonia, esecuzione dal vivo con i Wiener Philharmoniker, dicembre 1944 (Music and Arts, Preiser, Tahra).
  • Brahms, seconda sinfonia, esecuzione dal vivo con i Wiener Philharmoniker, gennaio 1945 (Deutsche Grammophon, Music and Arts).
  • Brahms, quarta sinfonia, esecuzione dal vivo con i Berliner Philharmoniker, ottobre 1948 (EMI).
  • Brahms, terza sinfonia, esecuzione dal vivo con i Berliner Philharmoniker, dicembre 1949 (EMI).
  • Beethoven, nona sinfonia, esecuzione dal vivo per la riapertura del Festival di Bayreuth nel 1951 (EMI).
  • Brahms, prima sinfonia, esecuzione dal vivo con la North German Radio Symphony Orchestra, Amburgo, ottobre 1951 (Music and Arts, Tahra).
  • Wagner, Tristano e Isotta, registrazione in studio, luglio 1952 (EMI, Naxos) con Kirsten Flagstad, Philharmonia Orchestra – Grammy Hall of Fame Award 1988
  • Wagner, L'anello del Nibelungo nel 1953 (EMI).
  • Furtwängler, seconda sinfonia, esecuzione dal vivo con i Wiener Philharmoniker, febbraio 1953 (Orfeo).
  • Schumann, quarta sinfonia, esecuzione in studio di registrazione con i Berliner Philharmoniker, maggio 1953 (Deutsche Grammophon).
  • Schubert, Die Zauberharfe, ouverture, esecuzione dal vivo con i Berliner Philharmoniker, settembre 1953 (Deutsche Grammophon).
  • Mozart, Don Giovanni, Cesare Siepi/Lisa Della Casa, regia Paul Czinner 1954 Deutsche Grammophon DVD, esecuzioni dal vivo del 1953 e 1954 al Festival di Salisburgo disponibili in diverse etichette.
  • Beethoven, nona sinfonia, esecuzione dal vivo al Festival di Lucerna del 1954 con la London Philharmonic (Music and Arts, Tahra).

Prime esecuzioni degne di notaModifica

  • Bartók, concerto per pianoforte n. 1 (con Bartók al piano), Francoforte, 1º luglio 1927.
  • Schönberg, variazioni per orchestra op. 31, Berliner Philharmoniker, Berlino, 2 dicembre 1928.
  • Richard Strauss, Vier letzte Lieder (Ultimi quattro lieder) per soprano e orchestra, Kirsten Flagstad (soprano) Philharmonia Orchestra di Londra, 22 maggio 1950.

Composizioni di Wilhelm FurtwänglerModifica

Per orchestraModifica

  • Sinfonia n.1 in si minore.
  • Sinfonia n.2 in mi minore.
  • Sinfonia n.3 in do diesis minore.
  • Ouverture in mi maggiore.
  • Concerto sinfonico per pianoforte e orchestra.

Musica da cameraModifica

  • Quintetto per pianoforte in do maggiore.
  • Sonata per violino n.1 in re minore.
  • Sonata per violino n.2 in re maggiore.

Musica coraleModifica

  • Te Deum per coro e orchestra.

OnorificenzeModifica

In vitaModifica

  Gran croce al merito con placca dell'Ordine al Merito di Germania (Germania)
— Germania, 1952

PostumeModifica

NoteModifica

AnnotazioniModifica

  1. ^ Alla fine della sua carriera, Adolf Furtwängler era considerato in Germania la massima autorità per l'archeologia dell'antica Grecia. La maggior parte dei libri attualmente pubblicati sull'arte dell'antica Grecia in francese, tedesco e inglese citano ancora alcune delle sue opere. Cfr. Karla Höcker, libretto accluso al CD DG Franz Josef Haydn Sinfonia n. 88 427 404-1, pag. 10.

Fonti e riferimentiModifica

  1. ^ John Ardoin, The Furtwängler Record.
  2. ^ Howard Taubman, "Musicians' Ban on Furtwaengler Ends His Chicago Contract for '49". New York Times.
  3. ^ a b   Wilhelm Furtwängler conducts the 9th symphony of Beethoven (finale), su YouTube. URL consultato il 16 febbraio 2017.
  4. ^ Catalogo SBN, su sbn.it. URL consultato il 15 luglio 2015.

BibliografiaModifica

In tedescoModifica

  • (DE) Wilhelm Furtwängler, Gespräche über Musik, Zurigo, Atlantis Verlag, 1948, ISBN non esistente.
  • (DE) Curt Riess, Furtwängler, Musik und Politik, Berna, Scherz, 1953, ISBN non esistente.
  • (DE) Wilhelm Furtwängler, Ton und Wort, Wiesbaden, Brockhaus, 1954, ISBN non esistente.
  • (DE) P. Wackernagel, Wilhelm Furtwängler. Die Programme der Konzerte mit dem Berliner Philharmonischen Orchester, 1922-1954, Wiesbaden, Brockhaus, 1958, ISBN non esistente.
  • (DE) Karla Hocker, Wilhelm Furtwängler, Weg und Wesen, Berlino, Rembrandt Verlag, 1960, ISBN non esistente.
  • (DE) Elisabeth Furtwängler, Über Wilhelm Furtwängler, Wiesbaden, Brockhaus, 1980, ISBN non esistente.
  • (DE) Frank Thiess, Wilhelm Furtwängler Briefe, Wiesbaden, Brockhaus, 1980, ISBN non esistente.
  • (DE) Berndt Wilhelm Wessling, Furtwängler, eine kritische Biographie, Stoccarda, Deutsche Verlag Anstalt, 1985, ISBN non esistente.
  • (DE) Berta Geissmar, Musik im Schatten der Politik, Zurigo, Atlantis Verlag, 1985, ISBN non esistente.
  • (DE) Fred K. Prieberg, Kraftprobe. Wilhelm Furtwängler im Dritten Reich, Wiesbaden, Brockhaus, 1986, ISBN non esistente.
  • (DE) Oliver Blümel, Die zweite und dritte Sinfonie Wilhelm Furtwänglers, Berlino, Tenea, 2003, ISBN 3-936582-70-X.
  • (DE) Herbert Haffner, Furtwängler, Berlino, Parthas, 2003, ISBN 3-932529-45-6.
  • (DE) Eberhard Straub, Die Furtwänglers. Geschichte einer deutschen Familie, Monaco di Baviera, Siedler Verlag, 2007, ISBN 978-3-88680-839-7.
  • (DE) Dietrich Fischer-Dieskau, Jupiter und ich. Begegnungen mit Wilhelm Furtwängler, Berlino, Berlin University Press, 2009, ISBN 978-3-940432-66-7.
  • (DE) Klaus Lang, Celibidache und Furtwängler: der grosse philharmonische Konflikt in der Berliner Nachkriegszeit, Vißner Verlag, 2010, ISBN non esistente.
  • (DE) Klaus Lang, Wilhelm Furtwängler und seine Entnazifizierung, Aachen, Shaker Media, 2012, ISBN non esistente.

In ingleseModifica

  • (EN) D. Gillis, Furtwängler and America, New York, Maryland Books, 1970, ISBN non esistente.
    ristampato nel 1980 dalla Rampart Press di Forestville
  • (EN) Wilhelm Furtwängler e Michael Tanner, Notebooks 1924-1954, Londra, Quartet, 1989, ISBN non esistente.
  • (EN) John Ardoin, The Furtwängler Record, Portland, Amadeus Press, 1990, ISBN 0-931340-69-1.
  • (EN) Hans-Hubert Schönzeler, Furtwängler, Portland, Timber Press, 1990, ISBN 0-7156-2313-3.
  • (EN) F. K. Prieberg, Trial of Stength. Wilhelm Furtwängler and the Third Reich, Londra, Quartet Books, 1991, ISBN non esistente.
  • (EN) Sam H. Shirakawa, The devil’s music master – the controversial life and career of Wilhelm Furtwängler, New York, Oxford University Press, 1992, ISBN 0-19-506508-5.
  • (EN) M. H. Kater, The Twisted Muse: Musicians and Their Music in the Third Reich, Oxford, Oxford University Press, 1997, ISBN non esistente.

In franceseModifica

  • (FR) Wilhelm Furtwängler, Entretiens sur la musique, Parigi, Albin Michel, 1953, ISBN non esistente.
    traduzione francese del tedesco Gespräche über Musik di Jacques-Gabriel Prod'homme e Fred Goldbeck
  • (FR) Wilhelm Furtwängler, Musique et Verbe, traduzione di Jacques Feschotte, Jacqueline Feschotte, Parigi, Albin Michel, 1963, ISBN non esistente.
    traduzione francese del tedesco Ton und Wort; ristampato nel 1979 dalla Pluriel di Parigi con nuova traduzione di J.-G. Prod'homme, Fred Goldbeck, Jacques Feschotte e Bernard Goldschmidt
  • (FR) Elisabeth Furtwängler, Wilhelm Furtwängler, Parigi, Lattès, 1983, ISBN non esistente.
    prima traduzione francese del tedesco Über Wilhelm Furtwängler
  • (FR) Gérard Gefen, Furtwängler – Une biographie par le disque, Parigi, Éditions Belfond, 1986, ISBN 2-7144-1866-X.
  • (FR) Werner Thärichen, Furtwängler ou Karajan, traduzione di Rémy Louis, Arles, Coutaz, 1990, ISBN 2-87712-043-0.
  • (FR) Elisabeth Furtwängler, Pour Wilhelm - suivi d'une correspondance inédite (1941-1954), traduzione di Michel Cresta, prefazione di Daniel Barenboim, Parigi, L'Archipel, 2004, ISBN 2-84187-646-2.
    seconda traduzione francese aggiornata del tedesco Über Wilhelm Furtwängler.
  • (FR) Audrey Roncigli, Le cas Furtwängler – un chef d'orchestre sous le IIIe Reich, prefazione di Jeremy Menuhin, Parigi, Imago, 2009, ISBN 978-2-84952-069-7.
  • (FR) Klaus Lang, Celibidache et Furtwängler, traduzione di Hélène Boisson, Parigi, Buchet/Chastel, 2012, ISBN 978-2-283-02559-8.
    traduzione francese del tedesco Celibidache und Furtwängler.

In italianoModifica

  • Audrey Roncigli, Il caso Furtwängler. Un direttore d'orchestra sotto il Terzo Reich, Varese, Zecchini Editore, 2013, ISBN 978-8-86540-027-2.
    traduzione italiana di Le cas Furtwängler – un chef d'orchestre sous le IIIe Reich.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN74037565 · ISNI (EN0000 0001 2139 6698 · SBN IT\ICCU\RAVV\029848 · Europeana agent/base/51913 · LCCN (ENn50059393 · GND (DE118536931 · BNF (FRcb138942219 (data) · BNE (ESXX853360 (data) · NLA (EN35668199 · BAV ADV11498761 · CERL cnp02033449 · NDL (ENJA00440345 · WorldCat Identities (ENlccn-n50059393