Willem Claesz Heda

pittore olandese

Willem Claesz Heda (Haarlem, 1593~15941680~1682) è stato un pittore olandese.

Biografia

modifica
 
Vanitas, Museo Bredius, L'Aja

Allievo di N. Gillis e forse anche di Floris van Dyck, fu iscritto alla gilda di San Luca di Haarlem nel 1631. Dipinse alcuni ritratti e quadri religiosi, ma è noto soprattutto per le nature morte, consistenti quasi esclusivamente in austere colazioni e pranzi apparecchiati o interrotti. Sin dal 1621 una sua Vanitas, ora al Museo Bredius dell'Aja preannuncia, per la sobrietà competitiva e la sapiente gradazione cromatica, lo stile del pittore durante gli anni trenta. L'arte di Heda, di rara raffinatezza, si fonda sull'armonia tra i grigi (argenteria) e bianchi (tovaglia, bicchieri), fatta risaltare da qualche tocco più colorato, per esempio il giallo di un limone, la cui buccia, avvolta a spirale, introduce un elemento di dinamismo e nel contempo un'allusione simbolica alla fuga del tempo. Così Heda, con la sua predilezione per i toni biondi e argentati, si riallaccia alla corrente monocromista degli anni 1620-1640, che investe anche il paesaggio con Jan van Goyen e Salomon van Ruysdael, la pittura di genere con Codde, Duyster o Palamedesz, la natura morta con un altro grande artista di Haarlem, Pieter Claesz.

Le sue opere sono presenti in molti musei: diverse Nature morte, tra cui quella del 1629 ora al Mauritshuis dell'Aja; quella del 1631 del Gemäldegalerie Alte Meister di Dresda e la contemporanea di Berlino-Dahlem; quelle del 1634 del Museo Boijmans Van Beuningen di Rotterdam e dell'Alte Pinakothek di Monaco di Baviera; quelle del 1637 del Louvre di Parigi e del Museum Mayer van der Bergh di Anversa; quelle del 1638 del Hamburger Kunsthalle di Amburgo e del Musée des beaux-arts di Besançon; quella del 1642 del Rijksmuseum di Amsterdam; quella del 1656 ora a Budapest.

Bibliografia

modifica
  • AA. VV., Dizionario della pittura e dei pittori, diretto da Michel Laclotte con la collaborazione di Jean-Pierre Cuzin; edizione italiana diretta da Enrico Castelnuovo e Bruno Toscano, con la collaborazione di Liliana Barroero e Giovanna Sapori, vol. 1-6, Torino, Einaudi, 1989-1994, ad vocem, SBN IT\ICCU\CFI\0114992.

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN77498796 · ISNI (EN0000 0000 6689 145X · CERL cnp01935233 · Europeana agent/base/150491 · ULAN (EN500018917 · LCCN (ENnr95014294 · GND (DE133257363 · BNF (FRcb149756802 (data)