Apri il menu principale

William Campbell (attore 1923)

attore statunitense

BiografiaModifica

La sua carriera di attore ebbe inizio nel 1950, con una piccola parte nel film di John Garfield, Golfo del Messico. Dopo diversi anni di simili interpretazioni in ruoli minori in numerosi film, tra cui il copilota nel film di William A. Wellman, Prigionieri del cielo (1954), ottenne il suo primo ruolo da protagonista in "Cell 2455 Death Row" (1955), un film sulle carceri a basso costo per la Columbia Pictures, nel quale interpretava un detenuto [del braccio della morte], basato in modo approssimativo sulla vera storia di Caryl Chessman, che proclamò fermamente la sua innocenza e ottenne numerosi rinvii per molti anni fino alla sua esecuzione. La performance sorprendentemente di Campbell ricevette generalmente buoni commenti da parte della critica, ma fece ben poco per il prosieguo della sua carriera. Continuò con i suoi ruoli di supporto agli attori protagonisti, tra cui "Fratelli rivali" (1956), con Elvis Presley, in cui divenne il primo a sincronizzare il labiale di una canzone sullo schermo (effettivamente registrato il 24 agosto 1956 dal Ken Darby Trio) e nel Il nudo e il morto tratto dal romanzo omonimo di Norman Mailer.

Nel 1958, recitò con Paul Birch in Cannonball, una serie televisiva di breve durata sui camionisti. Dopo di ciò, lavorò duramente per più anni in piccole parti in film sempre più di basso livello.

Campbell fece due brevi apparizioni in Perry Mason nel 1959 e nel 1960. Nella sua prima apparizione interpretò il personaggio del titolo e la vittima dell'omicidio Allen Sheridan in The Case of the Artful Dodger, poi interpretò l'assassino e il personaggio del titolo Jim Ferris in The Case of the Ill-Fated Faker.

Nel 1963, Campbell iniziò una breve collaborazione con Roger Corman, nel film I diavoli del gran prix. Il film a tema automobilistico, scritto per lo schermo dal fratello di Campbell, Robert Wright Campbell, fu girato in Irlanda. Dopo che la produzione fu completata, il tecnico del suono del film, Francis Ford Coppola, parlò con Corman chiedendogli il permesso di rimanere in Irlanda con un piccolo gruppo per dirigere un film dell'orrore a basso budget, prodotto da Corman. Coppola promise che sarebbe stato il film più economico in cui Corman fosse mai stato coinvolto. Girato con circa $ 40.000, il film dal titolo Terrore alla 13ª ora (1963), era un thriller horror e violento chiaramente realizzato ad imitazione di Psyco. Campbell vi interpretò la parte di un uomo lunatico che a un certo punto diventa il principale sospettato in una serie di raccapriccianti uccisioni usando come arma un'ascia. Patrick Magee e Luana Anders ricoprivano i ruoli di supporto.

Campbell recitò anche in un altro film horror prodotto da Corman. Girato nel 1963 in Jugoslavia con il titolo Operacija Ticijan, sempre con Magee nel cast, il film non fu mai pubblicato nella sua forma originale. È stato rielaborato, ribattezzato e brevemente mostrato in televisione come "Ritratto in terrore". Anni dopo, vennero girate riprese aggiuntive in California, prima da Jack Hill, poi da Stephanie Rothman, trasformando quello che un tempo era un thriller di spionaggio nella storia di un vampiro che si aggirava per le strade di Venice. Reintolato "Blood Bath", anche se divenne noto anche come "Traccia del Vampiro", il film ebbe una programmazione limitata nel 1966. Un anno prima, nel 1965, Campbell aveva ottenuto un ruolo di supporto come reporter nel classico suspense horror, Piano... piano, dolce Carlotta. In Blood Bath, il personaggio di Campbell era un artista che uccideva le donne e nascondeva i loro corpi nelle sue sculture, ma anche un vampiro che poteva circolare liberamente alla luce del giorno in cerca di vittime. Tuttavia, il vampiro fu interpretato, in modo confuso, da un altro attore che non assomigliava a Campbell. Come "Terrore alla 13ª ora", il film è riuscì a sviluppare un sequel nonostante le sue carenze. Agli inizi degli anni 1990, la rivista "Video Watchdog" dedicò lunghi articoli a tre distinte tematiche descrivendo minuziosamente la complessa storia della produzione di questo film strano ma affascinante.

Campbell ha avuto ruoli da attore ospite nella serie "Star Trek", apparendo prima come il malizioso super-essere Trelane, in un episodio della serie originale chiamato "The Squire of Gothos". Campbell è apparso anche due volte come il Klingon Capitan Koloth. Campbell ha interpretato per la prima volta Koloth nella serie originale di "Star Trek" nell'episodio "The Trouble With Tribbles". Ha ripreso il ruolo nella serie "Star Trek: Deep Space Nine" nell'episodio intitolato "Blood Oath", circa trent'anni dopo.

Filmografia parzialeModifica

Televisione (parziale)Modifica

NoteModifica

  1. ^ Obituary, 1º maggio 2011, Los Angeles Times.
  2. ^ Mike Barnes, 'Star Trek' Favorite William Campbell Dies at 84, 29 aprile 2011, Hollywood Reporter.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica


Controllo di autoritàVIAF (EN17427810 · ISNI (EN0000 0001 1600 9294 · LCCN (ENno98076778 · BNF (FRcb140664204 (data) · WorldCat Identities (ENno98-076778