William Murray, I conte di Dysart

William Murray, I conte di Dysart
William murray earl dysart.jpg
Ritratto del conte di Dysart, di David Paton.
Conte di Dysart
In carica 1643 –
1655
Predecessore Nuova creazione
Successore Elizabeth Murray, II contessa di Dysart
Nascita Dysart, 1600
Morte Edimburgo, 1655
Dinastia Murray
Padre William Murray
Consorte Catharine Bruce

William Murray, I conte di Dysart (Dysart, 1600Edimburgo, 1655) è stato un politico scozzese[1].

BiografiaModifica

Murray era figlio di William Murray, e di sua moglie, Margaret. Lo zio di William, Thomas Murray, prese sotto la sua tutela il nipote e studiò insieme con il principe Carlo, diventando amici intimi.

CarrieraModifica

Nel 1626, Carlo lo nominò uno dei Gentlemen of the Bedchamber. Gli concesse la locazione di Ham House, nei pressi di Richmond, Londra, e avendo comodo accesso ai palazzi di Londra, Hampton Court e Windsor e fu qui che Murray ha stabilito la sua famiglia[1].

Murray aveva una grande influenza su Carlo I, sia come consigliere che nel procurare favori per gli altri. Accompagnò Carlo I in Scozia nel 1641, e dopo aver ottenuto l'accesso a Montrose (che era allora prigioniero nel castello di Edimburgo, per ordine dei Covenanti). Nel 1643 venne nominato Conte di Dysart.

Guerra CivileModifica

Allo scoppio della guerra civile, Murray è stato inviato dal re in Scozia da Montrose e dagli altri amici per procurarsi i loro consigli e aiuto. Nel 1645, Murray era con la regina Enrichetta Maria di Francia a Parigi, incaricato nei negoziati per conto del re con potenze straniere e con il Papa Innocenzo X. Al suo ritorno in Inghilterra, nel febbraio 1646, fu preso come spia che passava attraverso Canterbury, e fu incarcerato nella Torre di Londra, dove rimase fino all'estate, quando è stato rilasciato attraverso l'influenza dei commissari scozzesi a Londra.

Gli fu permesso di andare dal re, poi a Newcastle, sulla garanzia dei suoi connazionali che avrebbe fatto tutto il possibile per indurre il re a cedere alle condizioni del parlamento.

MatrimonioModifica

Sposò, nel giugno 1626, Catharine Bruce (?-1649), figlia del colonnello Norman Bruce. Ebbero quattro figli:

Ultimi anni e morteModifica

Nel 1648, Enrichetta Maria lo mandò in Scozia per promuovere 'l'impegno,' e di convincere i suoi concittadini a ricevere il Principe di Galles, il quale ha voluto prendere parte allo sforzo per la liberazione del re.

Tra coloro che si sono riuniti intorno a Carlo II a L'Aia subito dopo la morte di suo padre, Lord Byron parla di "il vecchio William Murray, impiegato qui per Argyll."

MorteModifica

Morì nel 1655 a Edimburgo.

NoteModifica

  1. ^ a b c Evelyn Pritchard, Ham House and its owners through five centuries 1610–2006, Richmond Local History Society, 2007, ISBN 9781955071727.
  2. ^ Lady Margaret Murray (c.1638–1682), Lady Maynard by Peter Lely, BBC Your Paintings (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).