Apri il menu principale

Wout Poels

ciclista su strada olandese
Wout Poels
Wout Poels 2016.jpg
Wout Poels al Tour of Britain 2016
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 183[1] cm
Peso 65[1] kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Squadra Ineos
Carriera
Squadre di club
2006-2007Fondas
2008P3 Transfer
2009-2013Vacansoleil
2014Omega Pharma
2015-2019Sky
2019-Ineos
Nazionale
2010- Paesi Bassi Paesi Bassi
Statistiche aggiornate al 15 settembre 2019

Wouter "Wout" Poels (Venray, 1º ottobre 1987) è un ciclista su strada olandese che corre per il Team Ineos. Corridore completo[1], professionista dal 2009, ha vinto la Liegi-Bastogne-Liegi 2016.

CarrieraModifica

Originario della provincia del Limburgo, Poels iniziò la carriera nel 2006 con la Fondas-P3 Transfer, squadra Continental divenuta nel 2008 P3 Transfer-Batavus e nel 2009, con annesso salto alla categoria Professional Continental, Vacansoleil. Ottenne il primo successo nel 2008, alla Vuelta Ciclista a León; l'anno dopo trionfò nella quarta tappa del Tour de l'Ain, giungendo secondo nella classifica generale della corsa, e nella quarta frazione del Tour of Britain[1].

Nel 2011 colse due successi, in agosto vinse nella terza tappa del Tour de l'Ain; chiuse comunque terzo in classifica al Tour Méditerranéen, portando a casa anche la maglia bianca di miglior giovane, terzo alla Vuelta a Murcia e quarto al Tour de Pologne. Al Tour de France fu costretto al ritiro, prese quindi parte alla Vuelta a España, vincendo a tavolino la quindicesima tappa, con traguardo sull'Angliru, dopo la squalifica di Juan Josè Cobo e concludendo al sedicesimo posto nella generale.

Nel 2012, sempre in maglia Vacansoleil, Poels si classificò terzo alla Vuelta a Murcia e secondo nella prima tappa della Vuelta al País Vasco; in giugno vinse invece una frazione al Tour de Luxembourg, concludendo secondo nella graduatoria generale e primo in quella per i giovani[1]. L'anno dopo portò a termine il Tour de France al ventottesimo posto, si aggiudicò inoltre una tappa, la terza in carriera, al Tour de l'Ain. Al termine dell'anno, con la chiusura della Vacansoleil, passò al team Omega Pharma-Quickstep.

Nel 2014 vinse la quarta tappa della Vuelta al País Vasco; in stagione partecipò anche al Giro d'Italia e alla Vuelta a España, concludendoli entrambi. Nel 2015 si trasferì tra le file del Team Sky, primo olandese a vestire la maglia della squadra[1]. Con la formazione britannica si aggiudicò la quarta frazione della Tirreno-Adriatico, vestendo per un giorno anche la maglia di leader della corsa.

Comincia bene il 2016 vincendo il prologo, la tappa con arrivo a Xorret del Catì e la classifica finale della Vuelta Valenciana. Dopo essersi imposto in solitaria nella 5ª, vallonata, tappa della Volta Ciclista a Catalunya si piazza 4º a 4" da Alejandro Valverde alla Freccia Vallone. Pochi giorni dopo si impone in solitaria alla Liegi-Bastogne-Liegi: grazie ad una accelerazione sullo strappo finale riesce a precedere Michael Albasini e Alberto Rui Faria da Costa.[2] Successivamente partecipa al Tour de France in veste di gregario di Chris Froome, aiutando il proprio compagno a vincere la corsa soprattutto nelle tappe di montagna. Coglie l'ultimo successo stagionale al Giro di Gran Bretagna, imponendosi con 7" su Rohan Dennis, sull'arrivo in salita di Haytor Dartmoor.

A causa di un infortunio al ginocchio è costretto a saltare molte corse, tra cui la Liegi-Bastogne-Liegi di cui è campione uscente, durante la primavera 2017.[3] Rientra in gara alla Route du Sud, nel mese di giugno, ma non viene convocato per il Tour de France. Dopo aver vinto la settima tappa del Tour de Pologne, che conclude al terzo posto della classifica, prende il via della Vuelta a España, aiutando il compagno Chris Froome a vincere la corsa. Nonostante i compiti di gregariato si mantiene con i primi della classifica, in particolare giunge secondo a 17" da Alberto Contador nella tappa dell'Angliru[4] e conclude la corsa al sesto posto in classifica, ottenendo così la prima top ten in un grande giro.[5]

A inizio 2018 si impone per distacco al termine della seconda tappa della Vuelta a Andalucia, conquista il primato in classifica ma poi lo perde due giorni dopo in favore di Tim Wellens, terminando al secondo posto della classifica generale. Alla Parigi-Nizza vince la quarta tappa a cronometreo e durante la sesta tappa, mentre è secondo in classifica, è costretto a ritirarsi a causa di una caduta nella quale si frattura una clavicola.[6]

PalmarèsModifica

  • 2008 (P3 Transfer-Batavus, una vittoria)
Classifica generale Vuelta Ciclista a León
  • 2010 (Vacansoleil Pro Cycling Team, due vittorie)
4ª tappa Tour de l'Ain (Culoz > Belley)
4ª tappa Tour of Britain (Minehead > Teignmouth)
  • 2011 (Vacansoleil-DCM Pro Cycling Team, due vittorie)
3ª tappa Tour de l'Ain (Nantua > Lélex)
15ª tappa Vuelta a España (Avilés > Alto de l'Angliru)
  • 2012 (Vacansoleil-DCM Pro Cycling Team, una vittoria)
3ª tappa Tour de Luxembourg (Eschweiler > Differdange)
  • 2013 (Vacansoleil-DCM Pro Cycling Team, una vittoria)
4ª tappa Tour de l'Ain (Nantua > Belley)
  • 2014 (Omega Pharma-Quick-Step Cycling Team, una vittoria)
4ª tappa Vuelta al País Vasco (Vitoria-Gasteiz > Eibar/Arrate)
  • 2015 (Team Sky, due vittorie)
4ª tappa Tirreno-Adriatico (Indicatore > Castelraimondo)
5ª tappa Tour of Britain (Prudhoe > Hartside Fell)

Altri successiModifica

  • 2011 (Vacansoleil-DCM Pro Cycling Team)
Classifica giovani Tour Méditerranéen
  • 2012 (Vacansoleil-DCM Pro Cycling Team)
Classifica giovani Tirreno-Adriatico
Classifica giovani Tour de Luxembourg
  • 2013 (Vacansoleil-DCM Pro Cycling Team)
Mijl van Mares
  • 2014 (Omega Pharma-Quick-Step Cycling Team)
1ª tappa Tirreno-Adriatico (Donoratico > San Vincenzo, cronosquadre)
Grote Prijs Paul Borremans
Daags na de Tour
Ridderronde Maastricht
Classifica a punti Volta a la Comunitat Valenciana
Classifica scalatori Volta a la Comunitat Valenciana
RaboRonde Heerlen
Classifica a punti Vuelta a Andalucía
Classifica a punti Critérium du Dauphiné

PiazzamentiModifica

Grandi GiriModifica

2014: 21º
2018: 12º
2011: ritirato (9ª tappa)
2012: ritirato (6ª tappa)
2013: 28º
2015: 44º
2016: 28º
2018: 58º
2019: 26º
2011: 17º
2013: ritirato (14ª tappa)
2014: 38º
2017: 6º
2019: 34º

Classiche monumentoModifica

2012: 76º
2014: 80º
2016: vincitore
2018: 117º
2019: 10º
2009: 120º
2014: ritirato
2015: 12º
2016: ritirato
2017: 38º

Competizioni mondialiModifica

Competizioni europeeModifica

Plumelec 2016 - In linea Elite: 18º

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f (EN) Wout Poels, su Teamsky.com. URL consultato il 26 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2015).
  2. ^ procyclingstats.com, http://www.procyclingstats.com/race/Liege_Bastogne_Liege_2016.
  3. ^ cyclingnews.com, http://www.cyclingnews.com/news/poels-disappointed-to-miss-out-on-chance-to-defend-liege-title/.
  4. ^ Vuelta a Espana: Contador conquers the Angliru, su cyclingnews.com. URL consultato l'11 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 13 novembre 2016).
  5. ^ Chris Froome completes Tour de France - Vuelta a Espana double, su cyclingnews.com. URL consultato l'11 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 17 settembre 2015).
  6. ^ Poels crashes out of Paris-Nice, su cyclingnews.com. URL consultato il 19 marzo 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica