XV Giochi asiatici

XV Giochi asiatici
Qatar Doha 2006
Logo
Periodo dal 1º dicembre
al 15 dicembre
Paesi partecipanti 45
Sport 39
Atleti 9520

Stadio Stadio internazionale Khalifa
Cronologia
Precedente
XIV Giochi asiatici
Successiva
XVI Giochi asiatici
Corea del Sud Pusan Cina Canton
 

I XV Giochi asiatici si disputarono a Doha, Qatar, dal 1º al 15 dicembre 2006.

Discipline sportiveModifica

MedagliereModifica

# Nazione        
1   Cina 165 88 63 316
2   Corea del Sud 58 53 82 193
3   Giappone 50 71 77 198
4   Kazakistan 23 20 42 85
5   Thailandia 13 15 26 54
6   Iran 11 15 22 48
7   Uzbekistan 11 14 15 40
8   India 10 17 26 57
9   Qatar 9 12 11 32
10   Taipei Cinese 9 10 27 46
11   Malaysia 8 17 17 42
12   Singapore 8 7 12 27
13   Arabia Saudita 8 0 6 14
14   Bahrein 7 10 4 21
15   Hong Kong 6 12 10 28
16   Corea del Nord 6 9 16 31
17   Kuwait 6 5 2 13
18   Filippine 4 6 9 19
19   Vietnam 3 13 7 23
20   Emirati Arabi Uniti 3 4 3 10
21   Mongolia 2 5 8 15
22   Indonesia 2 3 15 20
23   Siria 2 1 3 6
24   Tagikistan 2 0 2 4
25   Giordania 1 3 4 8
26   Libano 1 0 2 3
27   Birmania 0 4 7 11
28   Kirghizistan 0 2 6 8
29   Iraq 0 2 1 3
30   Macao 0 1 6 7
31   Pakistan 0 1 3 4
32   Sri Lanka 0 1 2 3
33   Laos 0 1 0 1
  Turkmenistan 0 1 0 1
35   Nepal 0 0 3 3
36   Afghanistan 0 0 1 1
  Bangladesh 0 0 1 1
  Yemen 0 0 1 1
Totale 428 423 542 1393

DopingModifica

Durante i Giochi alcuni atleti sono risultati positivi ai test antidoping e squalificati. In particolare.

  • Than Kyi Kyi, del Myanmar, sollevamento pesi, categoria 48 kg, positività ad un diuretico proibito.[1]
  • Oo Mya Sanda, del Myanmar, argento nel sollevamento pesi, categoria 75 kg, positività al metabolite.[1]
  • Elmira Ramileva, dell'Uzbekistan, sollevamento pesi, categoria 69 kg, positività ad uno steroide anabolizzante.[1]
  • Alexander Urinov, dell'Uzbekistan, sollevamento pesi, categoria 105 kg, positività alla cannabis.[1]
  • Saad Faeaz, dell'Iraq, bodybuilding, squalificato per essere stato trovato in possesso di steroidi per propri bagagli, durante un controllo all'aeroporto internazionale di Doha.[2]
  • Sayed Faisal Husain, del Bahrain, medaglia d'argento nel bodybuilding, categoria 70 kg, positività ad una sostanza proibita.[3]
  • Kim Myong-Hun, della Corea del Sud, medaglia d'argento nel bodybuilding, categoria 90 kg, positività ad una sostanza proibita.[4]

NoteModifica

  1. ^ a b c d Fourth weightlifter has positive doping test at Asian Games, International Herald Tribune, 29 marzo 2009. URL consultato il 2 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2007).
  2. ^ Bodybuilder disqualified after importing banned substances, International Herald Tribune, 29 marzo 2009. URL consultato il 2 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2011).
  3. ^ Bodybuilder Syafrizaldy gets Asiad silver, Thejakartapost.com, 16 maggio 2007. URL consultato il 2 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 7 giugno 2011).
  4. ^ An extra bronze medal for Hong Kong, Hksi.org.hk, 22 maggio 2007. URL consultato il 2 maggio 2011 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2010).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport