Zaida di Siviglia

Principessa di Siviglia e possibile regina di León

Isabella di Siviglia, (in spagnolo Isabel de Sevilla), il cui nome alla nascita sarebbe stato Zaida (1063 circa – 13 settembre 1107), moglie di Alfonso VI, fu regina consorte di León e Castiglia dal 1100 circa al 1107. Secondo alcuni storici fu regina per poco più di un anno (1106-1107)[1].

Zaida di Siviglia

BiografiaModifica

Era una principessa musulmana di nome Zaida, molto probabilmente figlia dell'emiro di Denia[2], Ahmed I e nuora[3] di Muhammad al-Muʿtamid, emiro di Siviglia.

Zaida, in gioventù, sposò il principe Al Mamun, figlio del re di Siviglia Muhammad al-Muʿtamid. Al Mamun divenne emiro di Cordova ma, il 26 marzo 1090, Zaida rimase vedova, in quanto il marito morì alla battaglia del castello di Almodovar.

Nel 1091 il re di León e Castiglia, Alfonso VI, occupò Cordova[4] e, a seguito di questa conquista, Zaida fu ben accolta alla corte del re di León e Castiglia, e, tra quello stesso anno ed il 1093, secondo il Chronicon regum Legionensium[5], Zaida divenne l'amante di Alfonso e, nel settembre 1093, diede finalmente ad Alfonso l'erede maschio, Sancho, che non aveva ancora avuto né dalle mogli né dalle amanti.
Nel 1098, il figlio Sancho fu dichiarato erede al trono.
E, in un anno imprecisato, Zaida rinunciò alla religione islamica per abbracciare il Cristianesimo e si fece battezzare a Burgos con il nome di Isabella.

Prima del maggio 1100, essendo nel frattempo (1098) rimasto vedovo, Alfonso sposò Zaida/Isabella[2][6], molto probabilmente per legittimare il figlio (secondo alcuni storici però vi furono due regine di nome Isabella, la prima sposata nel 1100 circa, di origini sconosciute, e poi Zaida/Isabella, sposata nel 1106[1]).
I fautori della teoria delle due Isabelle sostengono che Zaida/Isabella morì di parto dando alla luce il figlio Sancho (nel 1093 o forse nel 1098) e quindi la Isabella sposata da Alfonso VI nel 1100 circa e morta nel 1107 doveva per forza essere un'altra donna.
Secondo il vescovo di Oviedo, Pelayo, che visse nell'XI secolo, Zaida/Isabella e la regina Isabella furono persone diverse, perché menzionando i familiari del re Alfonso scrive di una regina Isabella e di un'amante Zaida/Isabella, mentre gli storici moderni tendono ad identificarle in un'unica persona prima amante e poi moglie e regina; al più accettano di parlare di due regine dallo stesso nome.
Comunque, da un documento di Oviedo, datato 19 marzo 1106, risulta che la regina era Isabella, la madre dell'erede al trono Sancho.[4]

Divenuta così regina, Zaida/Isabella non solo conservó tutti i suoi costumi ma li diffuse ed introdusse alla corte castigliana influssi culturali dell'Andalusia islamica. Lo storico e arabista González Palencia scrive nella sua Historia de la España Musulmana che la corte di Alfonso VI, sposato con Zaida (sic), sembrava una corte musulmana.

Zaida/Isabella morì molto probabilmente di parto il 13 settembre del 1107, ma non si hanno notizie sul sesso e sul nome del bambino. Fu sepolta nella cappella di san Mancho nel monastero dei Santi Facondo e Primitivo di Sahagún, dove il re Alfonso si era fatto preparare un sepolcro e dove fu raggiunta, l'anno dopo, da suo figlio Sancho, l'unico figlio maschio di Alfonso e, nel 1109, dal suo amato re Alfonso.
Sepolta a Sahagún, Spagna, le iscrizioni in latino originali dicono: «Qui giace H.R. la Regina Isabella, moglie di Alfonso, Re di Castiglia, figlia (nuora) di Aben-abeth re di Siviglia, precedentemente chiamata Zayda» (H.R. Regina Elisabeth, uxor regis Adefonsi, filia Benabet Regis Sevillae, quae prius Zayda, fuit vocata).

Nella letteraturaModifica

Sulla regina Zaida/Isabella fu scritto un bel poema in lingua castigliana contemporaneo e simile al poema epico Cantar de Mio Cid, il cui titolo è El Cantar de la Mora Zaida ed è contenuto in un libro intitolato Leyendas Épicas Españolas, dove la protagonista viene descritta come una principessa gentile e di grande bellezza, molto virtuosa e coraggiosa, e che si innamora del re di Castiglia, il guerriero Alfonso VI il Valoroso.

FigliModifica

Zaida/Isabella ed Alfonso ebbero tre figli:

NoteModifica

  1. ^ a b Qualche storico sostiene che le mogli di Alfonso VI di nome Isabella, fossero due, una di origini sconosciute, sposata nel 1100 circa, e Isabella/Zaida, sposata nel marzo 1106, in quanto a León, nel Pantheon reale (mausoleo) della collegiata di San Isidoro, esistevano due tombe dedicate alla regina Isabella.
  2. ^ a b (DE) Alfonso VI genealogie mittelalter Archiviato il 29 settembre 2007 in Internet Archive.
  3. ^ (EN) Prima Taifa di Siviglia
  4. ^ a b c (EN) Dinastie reali di Castiglia
  5. ^ Il Chronicon regum Legionensium è la storia dei re di León, dall'inizio del regno di Bermudo II (982), sino alla morte di Alfonso VI (1109), scritta verso il 1120, dal vescovo e storico, Pelagio da Oviedo, detto il favolista per le molte invenzioni.
  6. ^ (EN) Dinastie reali di Navarra-genealogy
  7. ^ La Cronaca Burgense è composta da annali scritti, in latino, nel corso del XIII secolo e ritrovati, dopo secoli, nella cattedrale di Burgos (da cui il nome); furono compilati nella regione della Rioja e sono inerenti alla storia della Castiglia e della Navarra, dalla nascita di Gesù Cristo alla Battaglia di Las Navas de Tolosa, del 1212.

BibliografiaModifica

  • Rafael Altamira, Il califfato occidentale, in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1999, pp. 477–515

Voci correlateModifica