Zaira (Voltaire)

tragedia scritta da Voltaire

Zaïre è una tragedia in cinque atti di Voltaire, scritta in alessandrino nel 1732 e rappresentata alla Comédie-Française il 13 agosto 1732.

TramaModifica

L'azione si svolge a Gerusalemme tra i secoli XIV e XV. Zaira, nata cristiana, ma cresciuta nell'Islam, è amata dal sultano Orosmane. Nerestan è responsabile della raccolta del riscatto per la liberazione dei cristiani. Il sultano rilascia un centinaio di cavalieri, ma si rifiuta di liberare Zaira. Il vecchio re Lusignano, liberato a sua volta, riconosce in Zaira e Nerestan i suoi figli che credeva morti. Orosmane, ingannato da una lettera ambigua, pugnala Zaira che crede infedele. Accorgendosi del suo errore, si uccide sul corpo della sua amante.

Alcuni storici della letteratura considerano questo pezzo come un libero adattamento di Otello da parte di Voltaire. Il pezzo evoca gli stessi temi: vale a dire, la gelosia e la tolleranza. Si può notare, tuttavia, che se la tragedia di Shakespeare si concentra sui personaggi di Otello e Iago, sottolineando la gelosia, Voltaire, dà più importanza a Desdemona (Zaira) e a suo padre, sottolineando così il tema della tolleranza e della relatività delle religioni, quest'ultimo uno dei preferiti dell'autore francese.

La pièce ottenne, sin dall'inizio, un grande successo e rimarrà nel repertorio della Comédie-Française fino al 1936[1]. Ha ispirato a Felice Romani il libretto di Zaira, opera di Vincenzo Bellini.

Primi interpretiModifica

NoteModifica

  1. ^ René Pomeau et Jean Ehrard, Littérature française: De Fénelon à Voltaire, Atthaud 1989, p. 163

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro